20°

Noceto

«Quei ladri potevano ucciderci»

«Quei ladri potevano ucciderci»
Ricevi gratis le news
5

Tre ladri slavi scoperti aggrediscono i titolari della ditta Folchini di Noceto: il racconto

Mariagrazia Manghi

Tre banditi a volto scoperto, uomini pronti a tutto, armati di un’accetta, un manganello, un coltello e un cacciavite hanno cercato di far razzia al magazzino edile Folchini, nella zona artigianale di Noceto. I malviventi hanno aggredito i titolari, hanno preso a manganellate in testa uno di loro, che è finito all'ospedale, ma non è in gravi condizioni. Le vittime non si sono scoraggiate, hanno reagito e hanno affrontato i ladri. Il loro coraggio ha avuto partita vinta: alla fine i banditi hanno abbandonato il bottino e sono scappati in macchina a tutta velocità. Nella fuga, hanno cercato di investire una delle loro vittime. «Eravamo in ufficio e stavamo programmando il lavoro per il giorno seguente – racconta il titolare che al momento era con il figlio, la sorella e il cognato – quando abbiamo sentito dei rumori che provenivano dal vano scale che conduce alle abitazioni al piano superiore. Ci siamo affacciati e i tre erano già in strada con la nostra cassaforte» (Il titolare dell'azienda racconta quei terribili momenti - VIDEO). I malviventi, che erano riusciti a salire al piano superiore, dopo aver svuotato qualche cassetto e rovistato negli armadi hanno trovato l’armadio blindato, lo hanno smurato e trascinato fino alla macchina che aspettava nei pressi, una Opel scura familiare. «Il baule era aperto ma li abbiamo affrontati – continua il titolare – noi tre eravamo a mani nude, loro invece erano armati e ci minacciavano con le armi e urlando che ci avrebbero uccisi». La lotta è durata qualche minuto, che è sembrato infinito. «Gridavano di allontanarci. Erano disposti a ucciderci per assicurarsi la cassaforte di cui non conoscevano il contenuto – continua il figlio, che è stato una colonna portante della Rugby Noceto – abbiamo affrontato gente cattiva, decisa a fare del male. Potevano immaginare di trovarci al lavoro a quell’ora, ma non hanno desistito. Se ci avessero incontrato sulle scale ci avrebbero fatti fuori».

Tre contro tre, la zona artigianale è stata teatro di un vero e proprio combattimento. Per farsi strada i banditi urlavano e facevano volteggiare il manganello e i coltelli. Il titolare è stato colpito alla testa e, più tardi, al Pronto soccorso è stato medicato con otto punti di sutura. Ha 15 giorni di prognosi. Il figlio ha schivato di poco un fendente alla pancia. «Non ci sono riusciti, hanno dovuto lasciare la cassaforte – dice il titolare ancora scosso, ma orgoglioso di non aver ceduto alla violenza – in quel momento non ho pensato e non ho provato paura, ero determinato. Loro urlavano in italiano con accento dell’est. Ci intimavano di allontanarci. Ma siamo stai più determinati. Nell’andarsene hanno anche cercato di investire mio cognato con la macchina». L’azienda era già stata stata nel mirino dai malviventi qualche mese fa. Qualcuno si era avvicinato e aveva cercato di entrare, ma prontamente era stato avvistato e messo in fuga. «Allora siamo arrivati prima che entrassero, questa volta abbiamo dovuto sostenere un vero e proprio corpo a corpo – dicono le vittime – mai avremmo pensato di dover affrontare tanta violenza, lucida e spietata. Un’esperienza che non sarà facile dimenticare». Sul posto è arrivata nel giro di pochi minuti una pattuglia dei carabinieri. È scattata una denuncia per aggressione a mano armata.

Il titolare dell'azienda racconta quei terribili momenti (VIDEO)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    30 Dicembre @ 19.15

    brundofrancesco@libero.it

    " È scattata una denuncia per aggressione a mano armata " la denuncia chi la presa i ladri o i derubati? una domanda che mi faccio, oggi difendersi è considerato reato. Ecco le risorse della Boldrini.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    30 Dicembre @ 11.09

    PURTROPPO , VISTA QUESTA NOTIZIA ED ALTRE CHE TROVIAMO NEL "SITO", C' E' IL RISCHIO CHE VENGA A CADERE IL PATTO SOCIALE TRA CITTADINI E STATO , per cui i Cittadini rinunciano a farsi giustizia da soli e delegano allo Stato questa funzione. SE LO STATO VIEN MENO AL SUO IMPEGNO , IL PATTO CADE , e si rischia che i Cittadini si riprendano la facoltà di farsi giustizia con le proprie mani ! Polizia , Carabinieri , Magistratura devono capire che ogni giorno cresce il dubbio che riescano a tutelare l' Ordine , la Legalità , la Sicurezza , ed , allora , non resterebbe che la "legge di Lynch" .

    Rispondi

    • stefano

      30 Dicembre @ 12.27

      Non succederà mai, lo stato è quello che diminuisce sempre le pene per i delinquenti e che colpevolizza le forze dell'ordine quando fanno il loro dovere, lo stato che stipendia i diretti dipendenti con centinaia di migliaia di euro e che se ne sbatte della gente comune. Tanto loro mica ci vivono in mezzo alla gente comune.....

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIA EMILIA EST

Maxi inchiesta anti-evasione, sequestrate le quote societarie di «Arte&Gusto»

VIANINO

Furto all'alba nel supermercato

Vandalismo

Strage di gomme in borgo Gazzola

RUGBY

Minozzi e Giammarioli, «gemelli» azzurri

COMUNE

Carte d'identità elettroniche, il trasporto per anziani e disabili

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Oltretorrente

«Ci riprendiamo il nostro quartiere: yoga in strada e biciclettate»

Appennino

Transumanza, lezione tra i monti per gli studenti del Bocchialini

FONTANELLATO

Riapre il box della torta fritta

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro