15°

29°

NOCETO

Rifiuti tossici? Sequestrata una cava

Rifiuti tossici? Sequestrata una cava
Ricevi gratis le news
8

La gola in fiamme, un odore acre, la polvere e la paura dei residenti. Partendo dalle segnalazioni dei cittadini, il Nucleo investigativo della Forestale di Parma ha messo i sigilli alla cava «Ghiaie di mezzo» di Noceto, a ridosso del Parco regionale fluviale del Taro. Leggi i particolari dell'indagine che ha coinvolto 40 agenti (sono state effettuate 15 perquisizioni) e le reazioni del sindaco.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    16 Gennaio @ 21.17

    ma prima di metter i sigilli e chiudere un posto di lavoro per poi pubblicare la notizia... hanno trovato qualcosa ??

    Rispondi

    • Roberto

      17 Gennaio @ 08.24

      di certo gli odori nauseabondi, da anni, che non derivano sicuramente dai campi....

      Rispondi

  • Nicola Martini

    16 Gennaio @ 19.30

    Sig.ra Stefania (commento 16/01, h 8.17) le rispondo qui per ragioni di spazio. Come ben sa tutti i rifiuti possono essere smaltiti sia secondo quanto previsto dalle normative che illecitamente. Nel secondo caso si attiverà l'A.G competente per sanzionare chi ha operato illegalmente. In questa circostanza mi pare si sia mossa la D.d.a. di Bologna. Per quanto riguarda le ceneri da smaltire in discarica in quanto rifiuto speciale mi risulta che esse siano il 3% ca. di quanto incenerito. Le scorie invece possono essere utilizzate nei cementifici per la produzione di clinker. Tale pratica può risultare sconsigliata per le ragioni da lei segnalate ma per ora risulta accettata. Non escludo che in futuro le Norme mutino e che tutto il residuo debba essere conferito in discarica. Il problema di fondo, però, è che in qualche modo i rifiuti debbono essere smaltiti. Il concetto "rifiuti 0", per quanto sarebbe auspicabile perseguirlo, purtroppo non è ancora qualcosa di fattibile. Nelle realtà medie (per quanto ci si sforzi) difficilmente il residuo riesce a scendere sotto il 20%. Per oltre un decennio a Parma abbiamo fatto a meno dell'inceneritore spegnendolo anzitempo. Il risultato è stato di aver smaltito i rifiuti secondo il modello Napoli, ovvero portandoli a casa d'altri (impianti di tutta la Regione). Un atteggiamento simile era ed è inaccettabile, in quanto un territorio che produce rifiuti deve farsi carico anche dello smaltimento. Personalmente considero l'inceneritore un male minore in quanto i rifiuti debbono essere smaltiti in qualche modo. L'alternativa sarebbe quella di costruire delle discariche, le quali sono impianti tutt'altro che salubri. Si può chiedere ai cugini reggiani che abitano vicino all'impianto di Poiatica ad esempio. Un impianto, per quanto costruito a regola d'arte, anche se per rifiuti trattati, produrrà sempre emissioni di gas e di percolati. Le discariche in Pianura Padana, luogo ricchissimo d'acqua, a modesto avviso di chi scrive sono da evitare come la morte. Non possiamo infatti permetterci di rischiare di inquinare: falde, fiumi o terreni che stanno alla base della nostra economia e delle produzioni tipiche. Alla fin fine, ritengo che sia più facile agire riducendo l'inquinamento atmosferico adottando politiche virtuose, basta solo volerlo. Una volta inquinata l'acqua riuscire a bonificare non credo sia poi così facile. Mi sbaglierò. Cordialmente.

    Rispondi

  • Aieie

    15 Gennaio @ 16.52

    Altro che far la guerra al forno....

    Rispondi

    • Stefania

      15 Gennaio @ 19.46

      E le ceneri del forno dove vengono smaltite ?

      Rispondi

      • Nicola Martini

        15 Gennaio @ 20.04

        Sig.ra Stefania, le ceneri del forno, se non ricordo male, dovrebbero essere smaltite per una minima parte (quella più inquinante) in discariche apposite e per il resto utilizzate nel comparto edile come inerte da mischiare al cemento oppure per la produzione di laterizi.

        Rispondi

        • Stefania

          16 Gennaio @ 08.17

          E allora come mai in quella discarica abusiva sono state trovate anche le ceneri degli inceneritori ?? Avete idea di quanto costa smaltire scorie e polveri in una discarica speciale ? Rimane circa il 20% di quanto cmbusto. Inoltre la forte presenza di sali e metalli pesanti sconsiglia l'uso dei residui bruciati per la produzione di materiali edili.

          Rispondi

        • Aieie

          16 Gennaio @ 16.07

          Per questo è fondamentale avere la possibilità di gestire i rifiuti attraverso soggetti rintracciabili, monitorabili e con rilevanza pubblica. Mentre si fà la guerra fondamentalista ad Iren per il forno di Ugozzolo, non ci sa nulla di una (una?) cava in riva al Taro dove finisce di tutto. Altro che studi, calcoli, filosofie, questo è un pezzo di Gomorra in casa nostra. La vera emergenza ambientale.

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Magiafuoco/2

monchio

Se in Appennino arriva Mangiafuoco Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Rischio attentati: barriere e new jersey a feste e mercati

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

11commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti