Legambiente

Parma inquinata, cosa fare?

Parma inquinata, cosa fare?
Ricevi gratis le news
29

Dal dossier di Legambiente Parma risulta la città più inquinata in regione nel 2015. Un'emergenza smog che continua anche a gennaio e che, come spiega Manrico Guerra, fa male a cuore e a polmoni: «Gli ambulatori dei medici sono pieni». Quali saranno gli interventi previsti dal sindaco Pizzarotti? Quali sono le regole da seguire e quando tornerà a piovere?

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    31 Gennaio @ 00.55

    la rivolta di atlante

    DEMOLIZIONE DI UN PAIO DI MONTAGNE APPENNINICHE E RESPIRA TUTTA LA PADANIA..... ORAMAI È UNA UNICA CITTÀ.

    Rispondi

  • Filippo

    30 Gennaio @ 21.03

    Dedicato a chi crede che lo stop alle auto sia risolutivo, senza tener conto di chi non può fare a meno di muoversi per lavorare: "Anche a Torino i trasporti causano il 35% della concentrazione media annua delle polveri sottili (Pm 2.5)." Corriere della Sera, 27/12/2015. Il resto, secondo voi da dove viene, dalle flatulenze bovine? "In genere i veicoli con motore diesel emettono una quantità maggiore di particolato fine rispetto ai veicoli con motore a benzina. Questo è dovuto alla maggiore viscosità del carburante che non permette un'ottimale miscelazione con l'ossigeno e favorisce quindi la formazione di prodotti intermedi allo stato liquido o solido. Altrettanto certo è il legame fra la cilindrata del veicolo e la quantità del particolato prodotto: più potente è il veicolo e maggiore è la quantità di particolato prodotto. L'incrocio di queste due osservazione fa si che i mezzi commerciali pesanti siano i maggiormente inquinanti assieme agli autobus, seguiti dai commerciali leggeri e dalle automobili." Legambiente Padova.

    Rispondi

    • Danyel

      31 Gennaio @ 12.01

      come ha scritto gia' qualcuno: per auto, camion(tir specialmente) ed autobus diesel, passare subito al green diesel:https://www.google.it/?gws_rd=ssl#q=green+diesel+caratteristiche . tra l'altro, si potrebbe ottenere del diesel ecologico anche dalle barbabietole da zucchero, bisognerebbe che partisse la sperimentazione SUBITO nel zuccherificio Eridania di S.Quirico, magari cosi' si da una mano anche agli agricoltori...

      Rispondi

    • Filippo

      31 Gennaio @ 07.43

      Se consideriamo poi che la stragrande maggioranza dei impianti di riscaldamento centralizzati nelle città va a gasolio (come le auto diesel), traete voi le considerazioni. "Considerando l’entità delle emissioni connesse alla combustione domestica della legna, che nel periodo invernale possono costituire oltre il 60% delle emissioni primarie complessive di polveri sottili (inventari delle emissioni Inemar delle regioni dell’area padana), non vi è dubbio che appare necessario definire azioni speciche per limitarne l’impatto sulla qualità dell’aria." Franco Zinoni, Direttore Tecnico Arpa Emilia Romagna, su Ecoscienza n.1, 2015. Come vedete, "autorevoli fonti" non sempre dicono quel che qualcuno vuol far passare come Verità assoluta. In pianura padana, fermare le auto private potrebbe non risolvere in maniera consistente il problema.

      Rispondi

      • Nicola Martini

        31 Gennaio @ 12.43

        Sig. Bertozzi quanto indicato nei suoi post credo sia condivisibile. Agire sul trasporto su gomma (merci e passeggeri) è una delle strade da intraprendere in quanto parte significativa degli inquinanti (non solo le PM) è prodotta da questo comparto. Incidere anche su altri trasporti come quello aereo riducendo all'osso le tratte sotto i 500 km non guasterebbe dato che viene bruciato cherosene. Come da lei rilevato poi la conversione dei sistemi di riscaldamento a gasolio è un'altra delle soluzioni praticabili. Non c'è poi da tralasciare il comparto della produzione d'energia, anch'esso sul banco degli imputati a causa degli impianti ad olio combustibile. In Italia puntare sulle rinnovabili non guasterebbe. Ad es. il geotermico sarebbe da implementare (in Toscana impianti concepiti 100 anni fa producono il 26% ca. dell'energia regionale). Se si vuole combattere l'inquinamento serve una visione d'insieme. Una politica trasporti più attenta è uno dei tasselli fondamentali. Cordialmente.

        Rispondi

        • Filippo

          31 Gennaio @ 17.39

          Ricambio le cordialità: è sempre un piacere avere a che fare non solo con una persona competente come lei, come dimostra ogni volta che parla di trasporti, ma anche obiettiva nell'analizzare problemi e soluzioni. Invece spesso ci si trova a confrontarsi con talebani di una o dell'altra sponda, che parlano per partito preso, senza capire conseguenze e ricadute di determinate prese di posizione.

          Rispondi

        • Nicola Martini

          01 Febbraio @ 13.37

          Sig. Bertozzi, la ringrazio. Concordo pienamente sul fatto che sia necessario un confronto su basi razionali. Quando si iniziano a trattare questioni rilevanti a livello ideologico si rischia di fare grossi danni. Negli anni vi sono stati molteplici esempi di argomenti importanti trattati con metodologie che ricordano più il tifo da stadio che altro. Un es. su tutti il ciclo dei rifiuti. Pur sapendo di andare accanto ad un argomento delicato, da anni considero (un male) necessario l'inceneritore, in quanto nelle realtà medie il concetto rifiuti 0 (obiettivo da perseguire beninteso) è ben distante dall'essere realizzato, in quanto è difficile ridurre l'indifferenziato sotto il 20%. Per un decennio è stato irresponsabile smaltire il pattume secondo il modello Napoli, portandolo a casa d'altri pertanto. L'alternativa all'incenerimento è il conferimento in discarica, cosa ancor peggiore in una zona ricca d'acqua come la nostra. Per l'aria si può far molto, se si inquina l'acqua è finita.

          Rispondi

  • Remo

    30 Gennaio @ 20.18

    non posso che quotare...(approvare;-)

    Rispondi

  • Nicola Martini

    30 Gennaio @ 20.00

    Il problema di fondo è la mancanza di una politica seria in ambito trasporti che garantisca un'alternativa adeguata all'auto. Se si guarda ai modelli esteri avanzati (es. Germania, Francia o Giappone) si noterà come anche nelle realtà medie (città al di sopra dei 100.000 ab.) i trasporti su ferro siano effettivamente incentivati. Le costanti sono generalmente: una fermata dell'Alta Velocità in linea (spesso stazione principale dei servizi a lunga percorrenza), svariate stazioni sulla rete storica nel perimetro urbano in cui sono operativi servizi regionali, suburbani e metropolitani ed infine una rete urbana ben strutturata di tipo metrotranviario o tranviario (alle volte con le caratteristiche del Tram-treno per l'operatività suburbana sulle linee ferroviarie tradizionali). Si possono citare molte città con modelli simili, più o meno sviluppati. In Francia si può fare l'esempio di Besancon, in Germania Freiburg im Breisgau, in Giappone gli esempi si sprecano (Toyama, Echizen, Shunan, Toyoashi ecc.). In Emilia, purtroppo, si guarda ancora ad una linea AV pesantemente sottoutilizzata in quanto si è puntato su un modello disfunzionale che prevede una stazione a Reggio che dovrebbe servire un bacino d'utenza improbabile da Modena a Piacenza (10.000 km quadrati per 2.000.000 di residenti). In nessuna realtà normale si sarebbero lasciate città di 100/200.000 ab. sulla linea AV sguarnite di fermata in linea con la pretesa che si servano di una stazione a oltre 35 km di distanza. L'AV va caricata seriamente con i convogli a lunga percorrenza in modo da rendere le reti storiche (a seguito dei dovuti adeguamenti) delle ferrovie a vocazione regionale per le tratte suburbane e metropolitane come capita all'estero. Neanche da dire che puntare come è capitato ad esempio in Francia e Germania sulla creazione di reti metrotranviarie e tranviarie anche in città di 120.000 ab. sarebbe l'abc ma basta vedere cosa è capitato a Parma. Anziché riportare nei ranghi il progetto di un sistema a guida vincolata di trasporto di massa che era divenuto sovradimensionato negli anni ad un livello normale (rete metrotranviaria perlopiù di superficie) si è pensato di restituire i fondi come se nulla fosse, nonostante le linee di bus sull'asse nord-sud carichino quotidianamente ca. 30.000 passeggeri. Per il trasporto merci basta far l'esempio della Pontremolese che attende di essere raddoppiata da quasi 40 anni. A modesto parere di chi scrive basterebbe gestire la questione con raziocinio.

    Rispondi

  • fortunato

    30 Gennaio @ 18.27

    VOGLIAMO RESPIRARE ARIA PULITA, le parole non servono, ci vogliono i fatti.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS