INCHIESTA CHIUSA

Scandalo del latte contaminato, 29 indagati

Scandalo del latte contaminato, 29 indagati
Ricevi gratis le news
3

Latte per il Parmigiano con aflatossina superiore al limite di legge o annacquato. E certificazioni taroccate per far sì che tutto sembrasse in regola. Lo scandalo scoppiò nella primavera 2014, quando l'operazione del Nas di Parma, coordinata dal pm Fabrizio Pensa, portò all'arresto di quattro persone. A un anno e mezzo di distanza, l'inchiesta è stata chiusa. E in 29 - tra ex dipendenti del Centro agroalimentare «Bizzozero», imprenditori agricoli e allevatori - rischiano di finire a processo. Molti i reati contestati. E per 11 anche l'associazione a delinquere.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Domenico

    03 Febbraio @ 11.09

    Quello che fa rabbia...., non sono le azioni di questi "furbetti" che giocano con la salute di tutti noi e non solo, ma anche dei loro figli, ....ma di quelli che devono mettere le regole chiare e precise. Tanto non succederà niente, tra qualche settimana tutto passerà. Niente colpevoli, niente di niente. La maggior parte dei sistemi di controllo che vengono utilizzati e commercializzati sul campo agroalimentari sono obsoleti, antichi, non rilevano le problematiche che il mercato presenta ed è vergognoso che in un paese come l'Italia Leader delle prelibatezze possa non esserci un controllo serio sulle materie prime, che non possa esserci un sistema che controlli i metodi utilizzati per le analisi sulle materie prime, lo trovo veramente scandaloso. Se oggi abbiamo tutte queste malattie (tumori, cancro allergie ed altro) tutto questo è dovuto ha ciò che mangiamo e a ciò che il nostro corpo assimila. Molte Aziende si riempiono la bocca con la parola qualità, ma il concetto è ben lontano.

    Rispondi

  • Vercingetorige

    01 Febbraio @ 11.34

    IO SONO UN AMANTE DEL PARMIGIANO-REGGIANO FIN DA BAMBINO . Ad ogni pasto mangio una scheggia di grana come "dessert" . Mi diceva la mia mamma : " Dalla tavola non t' alzar mai , se la tua bocca non sa di formaj" . Devo però ammettere di essere molto deluso dal parmigiano-reggiano di oggi . Purtroppo credo che siamo lontani dalla qualità che ne faceva una delizia gastronomica. QUALI SONO LE "SPECIFICHE" TUTTORA RISPETTATE DEL VECCHIO PARMIGIANO-REGGIANO ? La zona di produzione tipica sono le Province di Parma, Reggio Emilia , Modena , Bologna a sinistra del Reno e Mantova a destra dl Po. La produzione era stagionale. Iniziava a San Giuseppe ( 19 marzo) , e finiva ai "Morti" ( 2 novembre) . Il grana che si produceva tra novembre e marzo non poteva essere marchiato come "parmigiano-reggiano" . Era il "vernengo", che , pure , era buono ed aveva i suoi estimatori . Oggi la stagionalità è scomparsa . Si marchia tutto . Todos caballeros ! Le mucche , di razza rossa reggiana , o alpine , dovevano magiare erba fresca al pascolo . Il latte che producevano d' inverno , quando , in mancanza di erba fresca , mangiavano fieno nella stalla , serviva per il "vernengo" , non marchiato . Oggi vedete mucche al pascolo ? Sono giganteschi bestioni , allevate "in batteria" in stalle industriali . Le vecchie mucche "nostrane" facevano una quindicina di litri di latte al giorno . Oggi ci sono mostri da quaranta - cinquanta litri . Fan fatica a camminare ! A momenti non stanno neanche in piedi ! Oltre all' erba fresca le bestie non dovevano mangiare nient' altro . Proibitissimo qualunque "mangime" , "integratore alimentare" o "farmaco". Se un animale , ammalato , aveva bisogno di cure , finché assumeva medicinali ,il suo latte doveva essere scartato .Il formaggio doveva avere una stagionatura naturale , senza l' aggiunta di nessun "conservante".Lasciamo stare la questione del burro , squisito sottoprodotto della produzione del "grana" ,che è uno scandalo ! COS' E' RIMASTO , OGGI , DI TUTTO QUESTO ? POSSIAMO DIRE "NIENTE" ? Il Consorzio combatte strenuamente a difesa del marchio , ma se, dietro al marchio , non c' è la sostanza......Diminuiscono la produzione per tenere alto il prezzo , ma la massaia , che fa la spesa coi soldi contati, ed usa il grana per metterlo sulla pasta , o per cucinare , compra quello che costa meno. Adesso l' Unione Europea ha autorizzato l' uso del latte in polvere per fare i formaggi .Rispondiamo indignati : "I nostri casari non lo faranno ! ". Sicuri ?

    Rispondi

  • la camola

    01 Febbraio @ 07.08

    ED I CONSUMATORI SI ARRANGINO !!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Jurassic world

CINEMA

In missione per salvare i dinosauri: ecco il nuovo Jurassic World Video

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox

PARMA

Autovelox e autodetector: ecco dove sono

1commento

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

1commento

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

protagonista

Colorno, il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

Ieri mattina la storia a lieto fine nella frazione di Copermio

1commento

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

bassa

Reggia devastata dall'acqua: studenti Alma e volontari al lavoro Video

Sospesa l'attività didattica della scuola di cucina italiana

solidarietà

"Chi vuole ospitare sfollati di Lentigione?": Sorbolo e Mezzani aprono uno sportello

Tre giorni per ripristinare l'argine dell'Enza. Boretto: revocato l'ordine di evacuazione di Santa Croce

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

colorno

Approfittano del caos dovuto alla piena per svaligiare due case Video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

7commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

5commenti

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita la Rugby Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle