22°

Il caso

«Danni da movida», Comune in tribunale

«Danni da movida», Comune in tribunale
27

Diciassette residenti di via D'Azeglio fanno causa: «Stress, disagi e il prezzo delle case crollato». Tutti i particolari

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angelo

    04 Febbraio @ 16.06

    Ho letto sul quotidiano cartaceo le dichiarazioni del sig. Cantoni (confesercenti) e del sig.Franchini (ascom) Dichiarazioni assolutamente di parte e piene di se e di ma e quindi solo marketing, si parla addirittura di Far west. illazioni gratuite e basate sul nulla. Spieghino questi due signori come mai in strada Bixio tanto per rimanere ne''Oltretorrente dove da almeno cinque anni non c'è la movida non ci sono spacciatori,la strada è transitabile e le famiglie possono dormire di notte? Se le attività sono presidi di civiltà mi sembra che questa affermazione non riguardi Strada DAzeglio.

    Rispondi

    • giuseppe

      04 Febbraio @ 18.26

      Parole sante, Angelo, parole sante! Ma quando c'è di mezzo...il portafoglio (dei baristi)...Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.

      Rispondi

  • Francesco

    04 Febbraio @ 15.34

    brundofrancesco@libero.it

    Il posto giusto per la movida è sotto il ponte sul Taro, li non disturba nessuno, si può fare....

    Rispondi

  • leoprimo

    04 Febbraio @ 14.57

    Purtroppo non c'è peggior cieco di chi non vuole vedere e peggior sordo di chi si rifiuta di udire: il problema sta nella mancanza assoluta, da parte di tutte le forze dell'ordine ( Signor Prefetto Ascolti!!) di interventi mirati al controllo di chi frequenta la movida. Fatto salvo gli interventi a beneficio delle dissestate casse comunali, nessun organo preposto muove un dito, ovviamente usando buon senso, per tutelare i residenti e regolamentare il fenomeno. Il deprezzamento del valore degli immobili, oltre che per la crisi edilizia, lo si voglia ammettere o meno, non è dovuto al frastuono dei giovani, alla musica o ad un calcio balilla, ma solo, lo ribadisco, alla mancata presenza di forze dell'ordine che anziché prodursi un contravvenzioni, è alla rigida interpretazione delle norme, dovrebbe essere formata a gestire le problematiche. Purtroppo nessuna giunta, negli anni ha saputo porre paletti alle movida parmigiana: via Farini e via D'Azeglio, ci si è concentrati a " far cassa" in barba al buon senso e alla buona gestione della cosa pubblica pensando di risolvere i problemi con il pugno di sabbia: duri con i deboli, pecore con i forti. Chi commette reati, chi infrange la legge, chi disturba per il gusto di farlo, i bulli, vanno perseguiti ma accanirsi perchè "ce l'abbiamo su " con il mondo intero è penoso. Ci sono zone della città tranquille in apparenza ma invivibili per la quantità di delinquenti che vi soggiornano: spaccio, aggressioni, furti e sporcizia sono alla luce del sole ma nessuno interviene ne tantomeno si sogna di denunciare il Comune. I giovani, sono tali con le loro mancanze e contraddizioni, sono figli di una società, quella di oggi, diversa dalla precedente; si fa presto a dimenticare le sassate fra i goliardi e gli autonomi di allora durante il '68 al Parco Ducale, un episodio che i vecchi ricordano dolorosamente dall'una e dall'altra parte convinti ancora oggi, gli uni e gli altri, di aver avuto ragione. I giovani sono così, vanno educati ma "chi è senza peccato scagli la prima pietra" abbia il coraggio di dire, rapportandosi ai tempi ", io ero diverso ": se ciò accade, probabilmente, ha dimenticato, e dimenticarsi il passato equivale a non conoscerlo e questo è grave, perchè significa che non si è riusciti a far tesoro della storia che tanto ha da insegnare.

    Rispondi

    • giuseppe

      04 Febbraio @ 18.23

      @ Sig. Leoprimo: Non ha mica per caso un bar in zona movida? Mi pare leggermente...di parte!

      Rispondi

      • leoprimo

        04 Febbraio @ 19.32

        No, però barattare la confusione della movida con la malavita non è un grande affare anche perché se gli organi preposti faticano a tenere a bada dei giovani immaginiamo cosa accadrebbe per dei delinquenti abituali. San Leonardo, zona via Trento e via Venezia sono un monito che si può vedere ogni sera e ogni nott ebasta farci un giro.

        Rispondi

        • Maurizio

          04 Febbraio @ 21.59

          All'interno della movida veramente è fiorente lo spaccio ed è lo stesso motivo per cui non si riesce a regolare la movida, movida che già di per se è regolamentata, la movida non si regola perchè è oggettivamente impossibile scovare, multare, reprimere i comportamenti degli incivili, puoi andare in borghese ma prima che stani uno ne hai addosso 10, per questo si spaccia bene nella movida, paradossalmente c'è più tranquillità a spacciare piuttosto che farlo in una via quasi deserta

          Rispondi

        • giuseppe

          05 Febbraio @ 09.34

          Hai pienamente ragione, Maurizio! E, non a caso, in mezzo a quella mandria senza regole, agiva indisturbato il famoso "spacciatore della movida"! Sono le folle dei giovani che amano lo sballo ad attirare gli spacciatori! Chi, malgrado i danni accertati, ancora difende la "movida", è in palese malafede oppure ha...interessi di bottega! So soltanto una cosa: prima che prendesse piede questa moda sciocca, Strada D'Azeglio (e dintorni) era una meravigliosa oasi di serena convivenza civile! Ed è inutile tirar fuori Via Trento, Via Palermo ecc. (nei pressi della stazione), basta guardare alla serena tranquillità della vicina Via Bixio, dove la "movida" è stata DEBELLATA da diversi anni.

          Rispondi

  • Paul

    04 Febbraio @ 14.48

    Almeno se il comune ci avesse provato ma ha sempre detto che era una " percezione"..........

    Rispondi

  • marco

    04 Febbraio @ 12.35

    il prezzo delle case è crollato...si si bau!!! provare per credere...

    Rispondi

    • Betti

      04 Febbraio @ 22.52

      confermo. appartamenti invenduti da anni causa movida

      Rispondi

    • Midel

      04 Febbraio @ 16.23

      HAI CASA DA VENDERE IN ZONA????????

      Rispondi

      • Angelo

        04 Febbraio @ 19.21

        sig. midel, Io le posso vendere casa in Strada D'Azeglio.prezzo di mercato centro.Non mi interessa l'aumento di valore dato dalla movida quindi farà un affare lasci recapito telefonico

        Rispondi

        • Midel

          04 Febbraio @ 23.54

          Stavo scherzando eh.... Già ci abito e so il bel valore che ora ha il mio appartamento....

          Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Parma 360»:uno speciale sul festival

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Uccide la moglie malata e si suicida: il dramma di Felegara Foto Video

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

2commenti

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

elezioni 2017

Salvini domani a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

omicidio

Delitto Habassi, chiuse le indagini: "C'è stata premeditazione"

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

6commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

3commenti

tribunale

Abusi nelle assunzioni a Stt, tutti prosciolti tranne Costa

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

11commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Mondo

Debbie devasta l'Australia Video

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

SOCIETA'

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon