Calcio

Joss, da San Secondo alla Juve

Joss, da San Secondo alla Juve
1

Joss è arrivato a Parma dal Senegal da solo. Una famiglia di connazionali, i Didiba, lo ha adottato. Preso dal Perugia, è stato notato dalla Juventus che lo ha acquistato pochi giorni fa. E adesso...

Vittorio Rotolo

La storia di Joss, 18 anni appena compiuti, almeno nelle sue fasi iniziali è comune a quella di tanti giovani che arrivano in Italia da soli e con la speranza di trovare qui il futuro che, nei rispettivi paesi d’origine, è stato loro negato. A causa della miseria o della guerra. Ma la storia di questo ragazzo camerunense, a differenza di tante altre, si è trasformata ben presto in una favola. Nella migliore delle favole. Grazie alla sensibilità di Jean Claude e Caterina Didiba, una coppia residente a San Secondo, perfetto esempio di amore ed integrazione, che lo ha accolto nella propria casa. E grazie anche al calcio. Joss, centrocampista duttile che può giocare pure in difesa, piedi buoni e fisico imponente, lunedì ha firmato un contratto con la Juventus, che lo ha prelevato in prestito fino a giugno (ma con diritto di riscatto) dal Perugia. Una trattativa-lampo, concretizzatasi nelle ultime ore di mercato. «Abbiamo saputo dell’interesse da parte del club bianconero per Joss solo lo scorso week end – racconta papà Jean Claude -: a comunicarcelo è stato mio cugino Renè Pascal, agente Fifa che cura gli interessi di nostro figlio. Evidentemente, in questi mesi, gli osservatori della Juventus lo avranno tenuto d’occhio, Joss, che con la maglia del Perugia ha disputato il campionato Primavera, collezionando anche tre presenze con la prima squadra, in serie B. Lunedì è così volato all’Ata Hotel di Milano per siglare l’accordo: non ha avuto nemmeno il tempo di preparare i bagagli ed era talmente emozionato, quando ci siamo sentiti, da non riuscire nemmeno a parlare...». Reazione emotiva comprensibile, alla luce di un vissuto personale scandito, come il più coinvolgente dei romanzi, da mille peripezie capaci di dipingere di sentimento la scena.

«Era la fine del 2013 quando lo incontrai per la prima volta» racconta Jean Claude, mediatore culturale che vive da 20 anni in Italia e presidente della Consulta dei Popoli del Comune di Parma. «Joss vagava con aria smarrita nei pressi di un centro commerciale, a San Secondo: chiedeva qualche spicciolo per mangiare. Mi colpirono i suoi occhi e la sua intelligenza: parlava benissimo il francese, ma non mi disse molto rispetto a cosa facesse qui, a come era arrivato. Intuii subito che era da solo e non aveva un posto dove dormire. Tornai a casa, ma quella notte faticai a prendere sonno. E così pure le successive». Una settimana dopo, il secondo incontro. «Mi spiegò che proveniva da Douala, proprio come me – prosegue Didiba -: chiamai subito mia moglie e le dissi che avremmo dovuto fare qualcosa per lui. Con il Comune di San Secondo e l’assistente sociale, avviammo così le procedure per l’affidamento. Nel frattempo Joss venne accolto in un centro di accoglienza per minori non accompagnati, ma non ci rimase a lungo: avendo noi rinunciato a tutti i benefici previsti, in questi casi, dalla legge e ottenuto il consenso della madre naturale del ragazzo, che vive in Camerun e con la quale siamo sempre in contatto, si risolse tutto in tempi brevi». È qui che comincia la «seconda vita» di Joss. Ama il calcio, il ragazzo. Come i suoi quattro «nuovi» fratelli, a cominciare dal maggiore, Frank, che dopo aver militato nell’Inter e nel Parma gioca adesso a Modena. «Aveva una gran voglia di dimostrare il proprio valore – ricorda Jean Claude – ma misi con lui subito le cose in chiaro: prima la scuola, poi il pallone. Soddisfatto del suo rendimento (Joss frequenta tuttora un istituto ad indirizzo linguistico, ndr), bussai alle porte del Parma, dove tuttavia non fu possibile sostenere un provino. Mi rivolsi allora al Perugia, con cui ero in contatto: dirigenti e staff tecnico rimasero impressionati dalle sue qualità. Lasciarlo andare per la mia famiglia non fu semplice perché Joss è un ragazzo dolce e volenteroso. Sia a Parma che in Umbria, si è fatto volere subito bene da tutti». In questo anno e mezzo, Joss ha continuato a dividersi fra i banchi di scuola ed il rettangolo verde, senza mai risparmiarsi. Espletate le procedure burocratiche, prima del compimento della maggiore età, ha finalmente assunto pure il cognome della famiglia che lo ha adottato: Didiba. Ed oggi, Joss, può dire di aver coronato il suo sogno. «La chiamata della Juventus, ancorché inaspettata, è il giusto premio ai tanti sacrifici che ha fatto – conclude papà Jean Claude -: sono sicuro che anche nella Primavera bianconera saprà farsi valere...». E San Secondo tiferà per lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Papa Moctar

    09 Marzo @ 14.11

    Bravi carissimi Jean Claude e Caterina non solo ad accoglierlo ma anche a rendere in modo più visivo un talento nascosto. Tall Papa

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti