15°

Calcio

Joss, da San Secondo alla Juve

Joss, da San Secondo alla Juve
1

Joss è arrivato a Parma dal Senegal da solo. Una famiglia di connazionali, i Didiba, lo ha adottato. Preso dal Perugia, è stato notato dalla Juventus che lo ha acquistato pochi giorni fa. E adesso...

Vittorio Rotolo

La storia di Joss, 18 anni appena compiuti, almeno nelle sue fasi iniziali è comune a quella di tanti giovani che arrivano in Italia da soli e con la speranza di trovare qui il futuro che, nei rispettivi paesi d’origine, è stato loro negato. A causa della miseria o della guerra. Ma la storia di questo ragazzo camerunense, a differenza di tante altre, si è trasformata ben presto in una favola. Nella migliore delle favole. Grazie alla sensibilità di Jean Claude e Caterina Didiba, una coppia residente a San Secondo, perfetto esempio di amore ed integrazione, che lo ha accolto nella propria casa. E grazie anche al calcio. Joss, centrocampista duttile che può giocare pure in difesa, piedi buoni e fisico imponente, lunedì ha firmato un contratto con la Juventus, che lo ha prelevato in prestito fino a giugno (ma con diritto di riscatto) dal Perugia. Una trattativa-lampo, concretizzatasi nelle ultime ore di mercato. «Abbiamo saputo dell’interesse da parte del club bianconero per Joss solo lo scorso week end – racconta papà Jean Claude -: a comunicarcelo è stato mio cugino Renè Pascal, agente Fifa che cura gli interessi di nostro figlio. Evidentemente, in questi mesi, gli osservatori della Juventus lo avranno tenuto d’occhio, Joss, che con la maglia del Perugia ha disputato il campionato Primavera, collezionando anche tre presenze con la prima squadra, in serie B. Lunedì è così volato all’Ata Hotel di Milano per siglare l’accordo: non ha avuto nemmeno il tempo di preparare i bagagli ed era talmente emozionato, quando ci siamo sentiti, da non riuscire nemmeno a parlare...». Reazione emotiva comprensibile, alla luce di un vissuto personale scandito, come il più coinvolgente dei romanzi, da mille peripezie capaci di dipingere di sentimento la scena.

«Era la fine del 2013 quando lo incontrai per la prima volta» racconta Jean Claude, mediatore culturale che vive da 20 anni in Italia e presidente della Consulta dei Popoli del Comune di Parma. «Joss vagava con aria smarrita nei pressi di un centro commerciale, a San Secondo: chiedeva qualche spicciolo per mangiare. Mi colpirono i suoi occhi e la sua intelligenza: parlava benissimo il francese, ma non mi disse molto rispetto a cosa facesse qui, a come era arrivato. Intuii subito che era da solo e non aveva un posto dove dormire. Tornai a casa, ma quella notte faticai a prendere sonno. E così pure le successive». Una settimana dopo, il secondo incontro. «Mi spiegò che proveniva da Douala, proprio come me – prosegue Didiba -: chiamai subito mia moglie e le dissi che avremmo dovuto fare qualcosa per lui. Con il Comune di San Secondo e l’assistente sociale, avviammo così le procedure per l’affidamento. Nel frattempo Joss venne accolto in un centro di accoglienza per minori non accompagnati, ma non ci rimase a lungo: avendo noi rinunciato a tutti i benefici previsti, in questi casi, dalla legge e ottenuto il consenso della madre naturale del ragazzo, che vive in Camerun e con la quale siamo sempre in contatto, si risolse tutto in tempi brevi». È qui che comincia la «seconda vita» di Joss. Ama il calcio, il ragazzo. Come i suoi quattro «nuovi» fratelli, a cominciare dal maggiore, Frank, che dopo aver militato nell’Inter e nel Parma gioca adesso a Modena. «Aveva una gran voglia di dimostrare il proprio valore – ricorda Jean Claude – ma misi con lui subito le cose in chiaro: prima la scuola, poi il pallone. Soddisfatto del suo rendimento (Joss frequenta tuttora un istituto ad indirizzo linguistico, ndr), bussai alle porte del Parma, dove tuttavia non fu possibile sostenere un provino. Mi rivolsi allora al Perugia, con cui ero in contatto: dirigenti e staff tecnico rimasero impressionati dalle sue qualità. Lasciarlo andare per la mia famiglia non fu semplice perché Joss è un ragazzo dolce e volenteroso. Sia a Parma che in Umbria, si è fatto volere subito bene da tutti». In questo anno e mezzo, Joss ha continuato a dividersi fra i banchi di scuola ed il rettangolo verde, senza mai risparmiarsi. Espletate le procedure burocratiche, prima del compimento della maggiore età, ha finalmente assunto pure il cognome della famiglia che lo ha adottato: Didiba. Ed oggi, Joss, può dire di aver coronato il suo sogno. «La chiamata della Juventus, ancorché inaspettata, è il giusto premio ai tanti sacrifici che ha fatto – conclude papà Jean Claude -: sono sicuro che anche nella Primavera bianconera saprà farsi valere...». E San Secondo tiferà per lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Papa Moctar

    09 Marzo @ 14.11

    Bravi carissimi Jean Claude e Caterina non solo ad accoglierlo ma anche a rendere in modo più visivo un talento nascosto. Tall Papa

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Piazzale Dalla Chiesa assediata dal degrado

Emergenza

Piazzale Dalla Chiesa assediata dal degrado

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

Fede

Viaggio nel cattolicesimo, la mappa delle diocesi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Calcio

Parma, che bel poker

INTERVISTA

Fresu: «Il mio festival jazz a km 0»

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Corniglio

Lupo morto avvelenato

SORBOLO

Verde pubblico, gestione a costo zero

Ultim'ora

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

LEGA PRO

Il Parma sbanca Gubbio 4-1. Recuperati 2 punti al Venezia

In gol Calaiò, Nocciolini e Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino. Crociati terzi a 8 punti

1commento

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

21commenti

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

SOCIETA'

la peppa

Tartine fiorite

centro giovani

"Noi che....": così si raccontano i giovani di Parma Il video

1commento

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017