17°

32°

Calcio

Joss, da San Secondo alla Juve

Joss, da San Secondo alla Juve
Ricevi gratis le news
1

Joss è arrivato a Parma dal Senegal da solo. Una famiglia di connazionali, i Didiba, lo ha adottato. Preso dal Perugia, è stato notato dalla Juventus che lo ha acquistato pochi giorni fa. E adesso...

Vittorio Rotolo

La storia di Joss, 18 anni appena compiuti, almeno nelle sue fasi iniziali è comune a quella di tanti giovani che arrivano in Italia da soli e con la speranza di trovare qui il futuro che, nei rispettivi paesi d’origine, è stato loro negato. A causa della miseria o della guerra. Ma la storia di questo ragazzo camerunense, a differenza di tante altre, si è trasformata ben presto in una favola. Nella migliore delle favole. Grazie alla sensibilità di Jean Claude e Caterina Didiba, una coppia residente a San Secondo, perfetto esempio di amore ed integrazione, che lo ha accolto nella propria casa. E grazie anche al calcio. Joss, centrocampista duttile che può giocare pure in difesa, piedi buoni e fisico imponente, lunedì ha firmato un contratto con la Juventus, che lo ha prelevato in prestito fino a giugno (ma con diritto di riscatto) dal Perugia. Una trattativa-lampo, concretizzatasi nelle ultime ore di mercato. «Abbiamo saputo dell’interesse da parte del club bianconero per Joss solo lo scorso week end – racconta papà Jean Claude -: a comunicarcelo è stato mio cugino Renè Pascal, agente Fifa che cura gli interessi di nostro figlio. Evidentemente, in questi mesi, gli osservatori della Juventus lo avranno tenuto d’occhio, Joss, che con la maglia del Perugia ha disputato il campionato Primavera, collezionando anche tre presenze con la prima squadra, in serie B. Lunedì è così volato all’Ata Hotel di Milano per siglare l’accordo: non ha avuto nemmeno il tempo di preparare i bagagli ed era talmente emozionato, quando ci siamo sentiti, da non riuscire nemmeno a parlare...». Reazione emotiva comprensibile, alla luce di un vissuto personale scandito, come il più coinvolgente dei romanzi, da mille peripezie capaci di dipingere di sentimento la scena.

«Era la fine del 2013 quando lo incontrai per la prima volta» racconta Jean Claude, mediatore culturale che vive da 20 anni in Italia e presidente della Consulta dei Popoli del Comune di Parma. «Joss vagava con aria smarrita nei pressi di un centro commerciale, a San Secondo: chiedeva qualche spicciolo per mangiare. Mi colpirono i suoi occhi e la sua intelligenza: parlava benissimo il francese, ma non mi disse molto rispetto a cosa facesse qui, a come era arrivato. Intuii subito che era da solo e non aveva un posto dove dormire. Tornai a casa, ma quella notte faticai a prendere sonno. E così pure le successive». Una settimana dopo, il secondo incontro. «Mi spiegò che proveniva da Douala, proprio come me – prosegue Didiba -: chiamai subito mia moglie e le dissi che avremmo dovuto fare qualcosa per lui. Con il Comune di San Secondo e l’assistente sociale, avviammo così le procedure per l’affidamento. Nel frattempo Joss venne accolto in un centro di accoglienza per minori non accompagnati, ma non ci rimase a lungo: avendo noi rinunciato a tutti i benefici previsti, in questi casi, dalla legge e ottenuto il consenso della madre naturale del ragazzo, che vive in Camerun e con la quale siamo sempre in contatto, si risolse tutto in tempi brevi». È qui che comincia la «seconda vita» di Joss. Ama il calcio, il ragazzo. Come i suoi quattro «nuovi» fratelli, a cominciare dal maggiore, Frank, che dopo aver militato nell’Inter e nel Parma gioca adesso a Modena. «Aveva una gran voglia di dimostrare il proprio valore – ricorda Jean Claude – ma misi con lui subito le cose in chiaro: prima la scuola, poi il pallone. Soddisfatto del suo rendimento (Joss frequenta tuttora un istituto ad indirizzo linguistico, ndr), bussai alle porte del Parma, dove tuttavia non fu possibile sostenere un provino. Mi rivolsi allora al Perugia, con cui ero in contatto: dirigenti e staff tecnico rimasero impressionati dalle sue qualità. Lasciarlo andare per la mia famiglia non fu semplice perché Joss è un ragazzo dolce e volenteroso. Sia a Parma che in Umbria, si è fatto volere subito bene da tutti». In questo anno e mezzo, Joss ha continuato a dividersi fra i banchi di scuola ed il rettangolo verde, senza mai risparmiarsi. Espletate le procedure burocratiche, prima del compimento della maggiore età, ha finalmente assunto pure il cognome della famiglia che lo ha adottato: Didiba. Ed oggi, Joss, può dire di aver coronato il suo sogno. «La chiamata della Juventus, ancorché inaspettata, è il giusto premio ai tanti sacrifici che ha fatto – conclude papà Jean Claude -: sono sicuro che anche nella Primavera bianconera saprà farsi valere...». E San Secondo tiferà per lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Papa Moctar

    09 Marzo @ 14.11

    Bravi carissimi Jean Claude e Caterina non solo ad accoglierlo ma anche a rendere in modo più visivo un talento nascosto. Tall Papa

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Le parole del giovane parmigiano

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

di Mara Varoli

1commento

Lealtrenotizie

Il garante: "Carcere a Parma, 2 suicidi in 3 mesi"

allarme

Il garante: "Carcere di Parma, 2 suicidi in 3 mesi"

La relazione

Per la perizia Turco non si voleva suicidare

Il caso Turco

«Il suicidio? Impossibile prevederlo»

montechiarugolo

Pronti a colpire, arrivano i carabinieri: ladri in fuga nei campi

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

nuovi acquisti

Dezi: "Per me è importante avere la fiducia del Parma" Video

cantiere

Al via in agosto la riqualificazione di piazza della Pace

IL CASO

Colorno, «portoghesi» del bagno in piscina. Ora le denunce

IL PERSONAGGIO

Torrechiara, Alberto Angela «gira» nel castello

Lutto

La morte di Igino Lemoigne, una vita nelle assicurazioni

L'intervista

Insinna: «Vi racconto la verità sui fuori-onda»

Fidenza

Roslyn, campionessa di nuoto a 74 anni

BORGOTARO

La medicina del Santa Maria, tutti i dati del 2016

seconda amichevole

Calaiò inarrestabile, 5 gol; tripletta Iacoponi: Parma-Settaurense 12-0

via Anselmi

Fiamme in una palazzina: grave una 60enne - Video: dentro l'appartamento distrutto

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Monte Argentario

La comandante dei vigili spara al figlio 17enne ucidendolo e poi si toglie la vita

profitti

Samsung, utili record: sorpasso con Apple alle porte

SPORT

il tormentone

Oggi Cassano si svincola dal Verona. Ma è vero addio al calcio?

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

SOCIETA'

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

gazzareporter

Quando l'imbianchino non c'è... il gatto balla Video

MOTORI

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita