10°

17°

L'EX CAPO DEI VIGILI

Green money, Jacobazzi rinviato a giudizio

Green money, Jacobazzi rinviato a giudizio
Ricevi gratis le news
8

Dovrà affrontare il processo, Giovanni Maria Jacobazzi. L'ex comandante della polizia municipale, coinvolto nell'inchiesta «Green money», è stato rinviato a giudizio. Vari i reati contestati, tra cui la truffa e la corruzione. Ma incombe il rischio prescrizione.

Corruzione, tentata concussione, peculato d'uso, ma anche abuso d'ufficio e truffa ai danni del Comune. Si presenterà a processo con tutti i capi d'imputazione contestati, Giovanni Maria Jacobazzi, coinvolto nell'inchiesta «Green money». L'ex comandante della polizia municipale è stato rinviato a giudizio, come chiesto dai pm Lucia Russo e Giuseppe Amara: il dibattimento prenderà il via il 16 maggio. Il Comune si è costituito parte civile. Ma alcune imputazioni sono già prescritte. E altre sono a rischio nel prossimo anno, visto che non è detto si riesca ad arrivare a una sentenza definitiva entro il 2017.

Le accuse? Una lunga serie. A partire dalla truffa ai danni del Comune, perché tra il marzo e il dicembre 2010 l'allora capo dei vigili avrebbe dichiarato di essere in servizio a Parma mentre in realtà si trovava a Milano. E l'avrebbe fatto per 107 giorni su 299, oltre il 35%. Ma per gli in inquirenti Jacobazzi sarebbe anche intervenuto il 23 novembre 2010 a favore del Caffè Garibaldi, in Piazza, facendo rientrare in sede i due vigili che quel giorno stavano contestando le violazioni amministrative di occupazione del suolo pubblico e quelle relative alla Cosap: in totale, 2.510 euro di multa. Per quanto riguarda l'accusa di corruzione, Jacobazzi è imputato di aver ricevuto alcune centinaia di euro da Giuseppe Romeo Lupacchini, investigatore privato di Monza, in cambio di alcune informazioni su precedenti e visure camerali relative ai clienti del detective.

C'è poi il capitolo multe. Non quelle che cancellò, su richiesta di amici, politici e uomini delle istituzioni, come dichiarò lui stesso subito dopo essere tornato in libertà, ma sue ammende. Sono dodici i verbali, compresi tra l'ottobre 2008 e il novembre 2009, che Jacobazzi avrebbe annullato personalmente o fatto annullare, ma il reato d'abuso d'ufficio è già prescritto.

Da parte sua, Jacobazzi - arrestato nel giugno 2011 e rimasto per 40 giorni dietro le sbarre - ha sempre respinto le accuse. E ieri l'ha ripetuto in aula, nell'interrogatorio davanti al giudice. Che, prima delle parole dell'ex comandante dei vigili, aveva respinto tutte le eccezioni presentate. In particolare, la difesa aveva chiesto l'inutilizzabilità di alcune intercettazioni e aveva sollevato un problema di incompetenza territoriale per il reato di corruzione.

Ha deciso, invece, di chiudere i suoi conti, Lupacchini, accusato di concorso in corruzione con Jacobazzi. L'investigatore aveva concordato con i pm un patteggiamento a 5 mesi e 10 giorni (pena sospesa). E il giudice ha dato il via libera.

G. Az.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angelina

    11 Febbraio @ 17.52

    Fatemi capire: se nelle procure l'organico è poco (cosa per Parma non vera visto che l'organico dei magistrati è al completo da anni!) l'imputato deve andarci di mezzo? Si organizzassero! Fino ad oggi, mi sembra, non c'è stato alcun processo. Quindi non ho capito cosa c'entri l'avvocato con la prescrizione. Quello che è chiaro e che la procura di Parma ha aspettato 5 anni prima di chiedere il giudizio di Jacobazzi. Tutto il resto è gossip giornalistico. Anzi, se non sbaglio il pm dal monte aveva pure qualche "piccolo" conflitto d'interessi im questa indagine.

    Rispondi

    • 11 Febbraio @ 18.23

      REDAZIONE - Non si capisce bene a cosa alluda il suo "gossip", quindi diventa difficile risponderle, se una risposta cercava

      Rispondi

  • Giovanni Maria Jacobazzi

    10 Febbraio @ 16.19

    Gentile direttore, uso questo spazio nella speranza di fare chiarezza su questa vicenda. Con i Suoi lettori e con qualche Suo collaboratore. Dunque, venni iscritto, a febbraio 2010, nel registro degli indagati della Procura di Parma; reato inizialmente ipotizzato, corruzione (per la cronaca, il fascicolo Green Money è del 2009). Nel luglio 2015 (dopo 5 anni!), come meticolosamente riportato dalla Sua giornalista, mi è stato notificato l'avviso di conclusione indagini. Nel frattempo sono stato arrestato (la mitologica retata di San Giovanni 2011) e rimesso in libertà. Ieri (capita nel 99,9% dei casi) il Gup ha disposto il mio rinvio a giudizio. Quasi impossibile, per motivi facilmente immaginabili, che il giudice dell'udienza preliminare disponga il non luogo a procedere per fatti reato di tale risonanza mediatica. Orbene: i reati che mi contestano si prescrivono in sette anni e mezzo. Quindi, visto che secondo gli inquirenti avrei commesso tali condotte criminose nel biennio 2008-10, l'anno prossimo saranno quasi tutte prescritte. Ricordo che la prescrizione è una norma di diritto sostanziale, non un benefit per l'imputato. Detto ciò, sono certo che verrò assolto al termine del processo che inizierà a maggio. Se la prescrizione dovesse intervenire prima (spero di no in quanto voglio una assoluzione nel merito per queste accuse infamanti), dipenderà solo dal fatto che la Procura in questi anni ha tenuto fermo il fascicolo Green Money. Non credo, infatti, ci sia qualcuno che arrivi a pensare che la responsabilità di ciò sia dell'indagato! Che, in questa fase dell'indagine, non ha potere alcuno, essendo il pubblico ministero dominus assoluto. Se la Procura era certa del quadro probatorio, nel 2011 poteva tranquillamente chiedere per me il giudizio immediato. Il codice lo prevede per i soggetti detenuti e quando la prova è evidente. Oggi saremmo già ad una sentenza definitiva. Cordialmente, Giovanni Maria Jacobazzi

    Rispondi

  • Oberto

    10 Febbraio @ 11.40

    ha ragione, MICHELE, con Pizzarotti non c'è più la bella gestione di una volta.

    Rispondi

  • gigiprimo

    10 Febbraio @ 08.56

    vignolipierluigi@alice.it

    Cioè? anni di investigazioni, calunnie (?), voci e alla fine tutto va in prescrizione! rimangono le voci, le calunnie (forse) e quelle inutili spese per investigare!? e l'imputato che fine ha fatto? come campa? e chi lo ha indagato dov'è e come campa? il paese dei quaquaraquà!

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    10 Febbraio @ 08.04

    la rivolta di atlante

    MA DAI .... LA PRESCRIZIONE !! UTILE MEZZO A DISPOSIZIONE DEI MIGLIORI AMMINISTRATORI PUBBLICI CHE PER IL ROTTO DELLA CUFFIA EVITANO IL GIUDIZIO MENTRE IL BENZINAIO ARMATO DI CORAGGIO E DI INIZIATIVA -- E ALTRI CASI SIMILI -- VENGONO SORPASSATI CRONOLOGICAMENTE NEL GIUDIZIO , PERCHE' CIO'..???? RISPONDETEVI DA SOLI ORAMAI DI DENUNCE POLITICHE SU UN USO ADDOMESTICATO DELLA GIUSTIZIA CI HA PORTATO AD ESSERE UN PAESE DELLE COMMEDIE .... TRAGICHE.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

1commento

Molestie sessuali: 30 donne accusano il regista James Toback

Il regista James Toback

Dopo Weinstein

Molestie sessuali: 30 donne accusano il regista James Toback

Notiziepiùlette

Ultime notizie

accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

Autovelox mobile

CONTROLLI

Autovelox, la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

23commenti

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

storia

Inaugurato il monumento ai Paracadutisti della Folgore

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto a un passo dall'obiettivo quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

SERIE A

Bonucci espulso con lo "zampino" del Var: è il primo cartellino rosso con la videoassistenza

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL SALONE

Non solo Suv: Tokyo rilancia le sportive