15°

29°

VIGATTO

Abitanti coraggiosi attaccano i ladri con urla e bastoni

Abitanti coraggiosi attaccano i ladri con urla e bastoni
Ricevi gratis le news
4

 

Hanno urlato dalle finestre, sono scesi in strada armati di bastoni, hanno chiamato il 113. E' successo a Vigatto, nella serata di lunedì, in via Mutti: gli abitanti di una strada contro i ladri. La banda è riuscita a fuggire su una Ford con il bottino, ma in via Martinella ha incrociato una macchina della polizia. Gli agenti, che avevano ricevuto una generica segnalazione di una vettura grigia si sono insospettiti e li hanno inseguiti. Con il fiato sul collo, i malviventi hanno abbandonato l'auto e sono scappati nei campi. Dietro, gli agenti: ma inutilmente. I tre ladri si sono dileguati nel buio. Dentro alla Ford, i poliziotti hanno trovato attrezzi da scasso e il bottino di altri furti. Nessuna traccia invece del bottino di Vigatto.

Un altro furto nella zona sud est della città. Dopo i colpi dei giorni scorsi a Porporano e al Botteghino, continua l'emergenza. Almeno però i ladri hanno dovuto rinunciare a parte del bottino. L'altra sera, come è raccontato nelle testimonianze riportate sotto, i malviventi hanno preso di mira un'altra villetta dove hanno anche aperto la cassaforte. I vicini però si sono accorti di quanto stava accadendo e hanno allertato il 113. Una pattuglia della volanti è così accorsa verso Vigatto e in via Martinella ha incrociato una Ford grigia che viaggiava in direzione opposta. Era proprio la vettura dei ladri. La pattuglia ha invertito il senso di marcia e inseguito la Ford che dopo qualche centinaio di metri è stata abbandonata dagli occupanti. I tre a bordo sono fuggiti nei campi e i poliziotti hanno perquisito la macchina dove è stato trovato un piccolo tesoro. Il cui valore è ora da comprendere.

Sulla Ford, rubata a Correggio lo scorso dicembre durante un furto in un appartamento, i poliziotti i hanno trovato diversi grossi cacciavite e piedi di porco, guanti di gomme e un flessibile per tagliare il metallo. Ma anche ventotto orologi di gran marca e sedici penne marchiate Aurora e Montblanc. Si tratta, evidentemente, del bottino di qualche furto messo a segno dal terzetto nelle ultime ore e che i ladri in fuga hanno dovuto abbandonare. Mentre i gioielli predati a Vigatto pochi istanti prima non sono stati trovati. Ora sono in corso accertamenti da parte degli investigatori per risalire ai proprietari degli orologi. Tra questi Rolex, Panerai, Vacheron Costantin, Jaeger-LeCoultre: oggetti che, se originali e in buone condizioni, possono valere migliaia di euro ciascuno. «Questa è la riprova di come si possano ottenere risultati importati grazie alla collaborazione dei cittadini - ha commentato il dirigente della squadra mobile - Cosimo Romano. - Grazie alla tempestiva e precisa segnalazione dei testimoni del furto gli agenti hanno potuto agire in maniera efficace recuperando parte del bottino». E dimostrando che talvolta anche i ladri perdono.

r.c.

I vicini in strada: «Delinquenti». «Andate via»

Margherita Portelli

Non è bastata una decina di condomini urlanti alle finestre e sui balconi. I ladri – indifferenti del baccano del vicinato, che nel frattempo aveva allertato le forze dell’ordine – hanno continuato a ripulire l’appartamento senza scomporsi, penetrando la cassaforte e sfruttando fino all’ultimo quella manciata di minuti che – probabilmente sapevano – li separava dall’arrivo degli agenti.

Ore 19.30 di un lunedì qualsiasi, campagna. A Vigatto, paesino di periferia a due passi dalla città, c’è chi guarda la televisione e chi è ai fornelli. I residenti di via Pieretto Mutti, una stradina nel cuore della frazione, si stanno preparando per la cena quando iniziano a sentire dei rumori strani. Sono come dei picchiettii molto forti, continui. Istintivamente molti di loro si portano sul balcone. Uno sguardo, due parole con i dirimpettai ed è subito tutto chiaro: dei malviventi sono in azione nell’appartamento (vuoto, chi abita lì deve ancora rincasare) al secondo piano di una piccola palazzina. I vicini per prima cosa chiamano il 113, poi d’istinto iniziano ad urlare: «Cosa fate?», «Andate via!», «Delinquenti». Ma nulla distrae i ladri dalla loro missione e il picchiettio continua, incessante.

Evidentemente sanno bene che qualche minuto di libertà permetterà loro di concludere quello che hanno iniziato: stanno tentando di aprire la cassaforte. Non si fanno spaventare, i balordi, nemmeno quando uno dei vicini, esasperato dalla loro faccia tosta, con coraggio sale le scale e raggiunge il pianerottolo della casa sotto attacco: inizia a suonare il campanello e a battere i pugni sulla porta, nel tentativo di farli smettere, di spaventarli, di restituire loro parte del terrore che stanno seminando nel palazzo. Niente.

Passa qualche minuto e il rumore cessa: intanto altri vicini sono scesi, posizionandosi nel parchetto a fianco del palazzo, intuendo (a ragione) che di lì a poco i balordi si sarebbero calati dalla grondaia per scappare. È esattamente quello che fanno: tre corpi agili in un attimo scendono come gatti, scivolando dal muro del condominio e muovendosi in fretta nel buio. Sono veloci: i vicini, che nel frattempo si erano «armati» come potevano, una spranga e un bastone, tentano di affrontarli e gli rifilano qualche «mazzata», ma i ladri sgusciano via in un’automobile parcheggiata a pochi passi. Tutto nel giro di una decina di minuti: tutto così concitato e spaventoso da far pensare a un film d’azione. Pochi minuti e il proprietario di casa, avvisato di quello che sta accadendo, fa ritorno: l’appartamento è completamente sottosopra e i ladri sono riusciti anche a impossessarsi del contenuto della cassaforte, i gioielli. Sono andati a colpo sicuro, insomma. Sapevano dove cercare, avevano calcolato il tempo a loro disposizione e probabilmente avevano anche messo in conto le prevedibili complicanze: un intero vicinato che non rimane immobile e muto di fronte a tanta sfacciataggine.

L’auto utilizzata per il colpo, un’utilitaria scura, verrà ritrovata poco dopo in strada Martinella, la via che da Vigatto porta verso la città. Un’altra notte di ordinaria follia a sud delle tangenziali, insomma, quando erano passate poco più di dodici ore dai primi colpi che avevano terrorizzato domenica notte la zona di Porporano e strada Felice da Mareto. Ora la paura, comprensibile, è tanta. E prendere sonno in queste sere sarà più difficile del solito. Le forze dell’ordine hanno assicurato che batteranno a tappeto la zona in queste ore.

CRONACA NERA: ormai non si salva nessun quartiere. Leggi il bollettino quotidiano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • inside

    29 Febbraio @ 14.15

    non sono sfacciati tanto sanno che quelli di sinistra li tireranno fuori il giorno dopo

    Rispondi

  • Dario

    11 Febbraio @ 13.41

    Ma possibile che tutti i ladri inseguiti dalla Polizia si dileguano sempre attraverso i campi ??? Ma dotare le pattuglie di un rilevatore notturno così gli Agenti possono inseguirli vedendoli ed arrestarli ????

    Rispondi

    • Marco

      15 Febbraio @ 17.45

      Rilevatore notturno? Perché invece non chiamiamo l'esercito o i Navy SEALS per agguantare 2 topi di appartamento? In Italia siamo oramai alle comiche...Vedo che siamo sempre piú bravi a complicare ció che sarebbe semplice e a rendere convoluto ció che in realtá sarebbe lineare...basterebbe permettere alle forze dell'ordine di utilizzare quello che giá hanno in dotazione. Piantiamola di lamentarci della criminalità e di scatenare i soliti psico-drammi all'italiana. La realtà é che la situazione attuale é solo colpa nostra e dei nostri politici, dei buonisti, di chi continua a giustificare questi "poveri" criminali anche quando giustificazione non esiste, di chi non li punisce, di chi si scatena contro le forze dell'ordine appena muovono un dito. Proviamo prima a cambiare mentalità, poi a cambiare politici, poi forse cambierà la situazione. Ora zitti e muti, questa situazione la abbiamo causata noi stessi.

      Rispondi

  • filippo

    11 Febbraio @ 13.40

    occhio che i comitati antirazzisti vi denunciano...non si devono disturbare le bande dell'est al lavoro

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Rischio attentati: barriere e new jersey a feste e mercati

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

11commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti