-2°

Allarme

Tep, i viaggi della paura di autisti e controllori

Tep, i viaggi della paura di autisti e controllori
Ricevi gratis le news
25

Autisti e controllori Tep sempre più vittime di aggressioni: ecco le iniziative messe in campo per tentare di arginare questo fenomeno in crescita

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Parma

    15 Febbraio @ 20.30

    Basterebbe semplicemente mettere più controllori.

    Rispondi

  • filippo

    15 Febbraio @ 19.14

    tempo fa avevo scritto...la soluzione è semplice, SI ENTRA SOLO DAVANTI E COL BIGLIETTO, con tanto di tornelli....senza biglietto NON SI ENTRA...e tante critiche, sulla puntualità.la velocità dei bus ect..peccato che passato un periodo di rodaggio ci sarebbero più biglietti venduti, meno passeggeri e quindi meno fermate, meno persone che salgono sul bus ecr....in tutti i paesi civili funziona cosi, persino a Istanbul, qui evidentemente bisogna tutelare certe "risorse" che usano salire senza biglietto e aggredire eventualmente il controllore accusandolo di razzismo alla prima multa

    Rispondi

    • StefanoC

      16 Febbraio @ 11.01

      E finalmente sulle linee che passano dal Montanara finalmente si avrebbe il raddoppio dei biglietti timbrati quando salgono gli sciami di stranieri con 3-4 pargoli per volta e passeggino formato suv, che non chioudono manco per idea, e occupano metà bus senza nemmeno pagare.

      Rispondi

  • Gigio

    15 Febbraio @ 17.15

    itaGlia terra dei cachi, e parma sempre più sua degna rappresentante. Basta andare all'estero per capire che il sistema di trasporto pubblico da noi fa schifo sotto tutti i punti di vista, e le colpe come sempre sono divise al 50% tra utenti e azienda.

    Rispondi

  • Oberto

    15 Febbraio @ 14.13

    mi pare sia stato perso il senso dell'articolo, perché può eventualmente essere vero che a livello di gentilezza dei dipendenti TEP siamo calati rispetto a 10 anni fa, ma questo è un altro discorso. Secondo me si deve parlare del fatto che c'è gente che non timbra e se vengono controllati ne va a loro ( e sarà un caso ma in genere non sono parmigiani del sasso).

    Rispondi

  • Vercingetorige

    15 Febbraio @ 11.58

    IL PROBLEMA DELL' ORDINE E DELLA SICUREZZA , SIA DEL PERSONALE CHE DEI PASSEGGERI , A BORDO DEI MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICO , STA , IN EFFETTI , RISCHIANDO DI DIVENTARE SERIO. Capita sempre più spesso , specialmente al sabato pomeriggio , che salgano "baby gangs" di teppistelli , E TEPPISTELLE , che schiamazzano , si "stravaccano" sui sedili lasciando in piedi anziani malfermi sulle gambe , ostruiscono le porte ostacolando la salita e la discesa dei passeggeri . E guai a protestare ! Vi coprono di insulti , quando va bene. Di questo passo rischiamo di trovarci come su certi autobus di linee periferiche di Roma,di Napoli,di Palermo, dove spesso si incontrano giovinastri che fumano a bordo (altro che le "cicche" per terra ! ) . Sinceramente , la bacchetta magica per risolvere il problema io non ce l' ho, e non so se qualcuno ce l' abbia. L' ho già detto (guadagnandomi anche qualche censura ) che i Servizi Sociali dovrebbero cercare di individuare gli ambienti da cui costoro provengono , per poi vedere se si può fare qualcosa in quel contesto . Ci vorrebbe più sorveglianza a bordo dei mezzi . I teppistelli ( e le teppistelle) andrebbero identificati con nome , cognome e indirizzo , poi convocati in Questura , coi loro genitori , se minorenni , e diffidati. ORMAI META' PASSEGGERI VIAGGIA SENZA BIGLIETTO , E NON SONO SOLO EXTRACOMUNITARI . Alla TEP sta bene ! Hanno licenziato tutti i bigliettai , hanno tolto il lavoro a centinaia di persone , perché si credevano furbi , e , adesso , si arrangino ! I "tornelli" non servono , perché si trovano alle porte di salita , ma , ormai , tutti salgono e scendono dove vogliono, e poi gli autisti , anche se hanno la macchinetta di fianco , non guardano chi timbra o non timbra.E' ANCHE DILAGATA L' ABITUDINE DI SALIRE SUI MEZZI COI PASSEGGINI , OCCUPANDO LO SPAZIO RISERVATO AI DISABILI IN CARROZZINA ,che per fortuna, non ci sono mai , ma, se qualcuno dovesse salire ,non potrebbe. Capita , a volte ,che ne salgano anche due o tre , e la gente non sa più come muoversi. ED , INFINE , LA GUIDA DEGLI AUTISTI . Sembra che non capiscano la differenza tra guidare la propria automobile e guidare un mezzo pubblico pieno di gente anche in piedi , spesso anziani e malfermi. Sterzate , frenate , accelerate. Bisogna attaccarsi disperatamente con due mani per stare in piedi ! Fra poco la TEP farà un concorso per l' assunzione di decine di autisti. Ci sarà il solito arrembaggio di gente in cerca di stipendio il ventisette. Ma preparateli !

    Rispondi

    • Daniela

      15 Febbraio @ 16.54

      @vercingetorige: d'accordo su molto di quanto ha scritto. ma salire sui mezzi con i passeggini, non è una moda. E' una necessità di chi ha un bimbo piccolo e di sicuro non se lo può mettere in tasca.Lo spazio è riservati ai disabili E ai passeggini.

      Rispondi

      • Vercingetorige

        15 Febbraio @ 18.17

        DAVVERO ? E perché , fino a pochi anni fa , non si vedeva mai una mamma parmigiana pretendere di salire su un' autobus/filobus con un passeggino aperto ? E' andata perduta la consapevolezza del disagio che si provoca agli altri ? Non si vedevano neanche mamme parmigiane con bambini piccoli in tasca. Se ne vedevano invece tante spingere i loro passeggini a piedi . o , sugli autobus , tenere i bambini in braccio o per mano. Lo spazio che occupano è riservato ai disabili in carrozzina , tant' è vero che è dotato di cintura di sicurezza (per il passeggino ? ) e di pulsantiera per la manovra della piattaforma per la carrozzina, non del passeggino .

        Rispondi

        • Daniela

          16 Febbraio @ 12.20

          Ritiene sicuro andare in autobus in piedi tenendo in braccio un bimbo piccolo? così se per caso c'è una frenata brusca facciamo il lancio del neonato? I passeggini si possono frenare e hanno cinture di sicurezza per i bambini. Sempre meglio che allo sbaraglio. Magari è aumentata la consapevolezza del rischio di tenere un bimbo in braccio in un mezzo in movimento, che dice? o rimpiange i bei tempi quando si vedevano in macchina mamme e papà che anzichè mettere il bimbo nel seggiolino apposito lo tenevano in braccio...comportamento pericolosissimo, si guardi qualche filmato con i manichini per la simulazione degli impatti da incidente...vedrà come il manichino del bambino viene proiettato in avanti.

          Rispondi

        • Bastet

          16 Febbraio @ 09.32

          falso! i posti sono anche per i passeggini! e ci mancherebbe che una mamma debba ritrovarsi con la spesa ,spingendo un passeggino....e perché no,magari tenere anche un ombrello! così vercinge può salire in autobus tranquillo! robe dell'altro mondo! (un tempo si vedevano meno mamme,perchè le mamme,potevano non lavorare).

          Rispondi

      • Cat

        15 Febbraio @ 18.03

        Certo Daniela giusto oggi .... prendo la linea 6 a Fornovo taro arrivo al capolinea (fronte stazione ) 5 minuti prima colgo l'occasione di accendermi una sigaretta sotto la pensilina passeggiando dal retro del bus al muso dello stesso mi cade lo sguardo sull'autista lo vedo seduto sul suo comodo sedile intento (PENSO) ad sfogliarsi internet sul proprio cell comunque il cell lo aveva senza penso FUMANDOSI LA SUA BELLA SIGARETTA SEDUTO IN VETTURA ......ma non e tutto partiti da Fornovo dopo poco sale il primo passeggino ad Ozzano se non erro il secondo e salito alle porte di parma tutti aperti ovviamente ma non erano ancora sufficcenti perche il terzo e salito in ghiaia BHE L'AUTISTA AVESSE DETTO A!!!!!!!!! dico soltanto una cosa , se un giorno succede un incidente mi auguro di NO e il vostro bimbo lo ritrovate attaccato al parabrezza non vi lamentate dopo.........saluto

        Rispondi

        • Daniela

          16 Febbraio @ 12.23

          La regola che se c'è già un passeggino aperto un secondo non può salire perchè non c'è lo spazio apposito va rispettata sicuramente, e deve farla rispettare l'autista!! se è per quello che ci sono genitori che viaggiano in macchina beati e tranquilli con i bambini senza cinture, liberi di muoversi nell'abitacolo della macchina o che si tengono in braccio il neonato anzichè metterlo nella culla agganciata alle cinture...questi sono genitori IDIOTI E INCOSCIENTI. Ma, ripeto, lo spazio è per disabili con carrozzine E passeggini.

          Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260