12°

22°

Summit

Alta velocità: obiettivo collegamenti

Alta velocità: obiettivo collegamenti
23

Allo studio un progetto per collegare la stazione dell'Alta velocità a Fidenza, Salso e Parma: ieri un meeting tra i sindaci Massari, Fritelli e Pizzarotti e il sindaco di Reggio Emilia Vecchi dove si è ragionato di «area vasta».

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    19 Febbraio @ 18.56

    Forse sarebbe più onesto e sensato che, a Salsomaggiore, sindaco ed assessore di riferimento, progettassero e realizzassero il ripristino delle strade e dei marciapiedi, ridotti a paesaggi lunari, tra crepe, buche e rigonfiamenti vari; altro che collegamenti con Fidenza e Parma!

    Rispondi

  • Nicola Martini

    18 Febbraio @ 20.35

    La politica, anziché cercare di risolvere gli errori posti in essere una ventina d'anni fa, si rivela miope come al solito. Il modello AV creato in Italia, inspiegabilmente, è ispirato a quello francese che si basa su alti spunti di velocità e stazioni distanti ca. 80 km. Tale modello, però, risulta adeguato per una struttura demografica sparsa come quella d'Oltralpe dove nella Francia centrale si trovano città di 80-150.000 ab. ogni 70 km, pertanto per avere un bacino d'utenza ottimale di 300/400.000 ab. si deve considerare un raggio d'azione di almeno 40 km dalla fermata. Chi ha trasposto il sistema francese in Italia, però, non s'è neppure accorto che in Francia dove la presenza antropica è elevata le fermate AV sono ravvicinate tra loro. E' il caso della Lgv Mèditerranèe dove a soli 20 km dalla stazione di Marsiglia St. Charles è stata aperta ad inizio anni 2000 anche la stazione di Aix-en-Provence TGV in uso all'omonima città di 145.000 ab., la quale trasporta 3.000.000 di passeggeri l'anno, alla faccia di chi asserisce, ormai da anni, che stazioni del Tav ravvicinate non possono coesistere. Se si studiasse i sistemi esteri, ci si renderebbe conto che in realtà ad elevata presenza antropica come l'Emilia è fuori dal mondo lasciare città di 100/200.000 ab. presenti sulla linea sfornite della propria fermata, con la pretesa che si servano di una stazione ad oltre 35 km di distanza. Dire che la Mediopadana serve un bacino d'utenza da Modena a Piacenza di 2 mln di residenti in 10.000 km quadrati non ha senso. In Germania le stazioni AV sono ravvicinate anche in città ben più piccole di Parma. Nel tratto Karlsruhe-Freiburg AV in parte già costruito vi sono le fermate in due cittadine di 60.000 ab ad una media di 45 km l'una dall'altra. A dire il vero Baden-Baden è a soli 32 km da Karlsruhe. Sulla Koln-Frankfurt linea AV completata la media delle stazioni è di ogni 45 km, con le fermate di Montabaur e Limburg (a servizio di cittadine di poche migliaia d'abitanti e di bacini d'utenza di 300/400.000 ab. ca.) distanti solo 20 km, le quali producono traffici di tutto rispetto (Limburg 800.000 pax/anno). In Giappone, Paese che ha inventato l'Alta Velocità come l'intendiamo oggi, ha stazioni ogni 30 km in media e su una linea simile alla nostra Milano-Roma AV, anche per presenza antropica, ha 17 fermate intermedie, anche in città piccole. In Emilia si dovrebbero costruire stazioni in linea in tutti i Capoluoghi sulla linea veloce, anzichè perseverare nell'errore.

    Rispondi

    • RENZ

      19 Febbraio @ 09.35

      R E N Z

      Grazie degli argomenti, ci si arriva anche intuitivamente: una sola fermata intermedia fra MILANO e BOLOGNA è DEMENZIALE! (e per di più in mezzo ai campi di melgone, senza collegamenti, anche mal segnalata) E poi hanno il CORAGGIO di pubblicizzare la AV come "Metropoloitana d'Italia"... ma la metropolitana ha tante stazioni.

      Rispondi

      • Nicola Martini

        19 Febbraio @ 14.13

        Di nulla. Ha ragione, al di là delle questioni tecniche anche intuitivamente ci si rende conto che l'impostazione data è delle peggiori. Da noi si dovrebbe puntare su un sistema nipponico che si basa su: stazioni frequenti, alti spunti in velocità, ottimizzazione delle fasi di fermata e ripartenza nonché diversificazione dei servizi. La Sanyo Shinkansen citata nel precedente post trasporta oltre 60.000.000 di passeggeri all'anno con un impostazione simile e di conseguenza l'AV è fruibile a città anche contigue fra loro, come dovrebbe essere da noi. In Italia il sistema è pesantemente sottoutilizzato proprio a causa di come è stata concepita l'AV ed i danni sono evidenti. Purtroppo da noi il buonsenso è qualcosa di raro, a mio modo di vedere. Possiamo ricordare Moretti quando disse che non sapeva se i treni alla Mediopadana avrebbero svolto fermata (notizia ancora rintracciabile in rete). Se il modo di pensare di chi amministra la cosa pubblica è questo temo non si sia messi bene.

        Rispondi

  • Vercingetorige

    18 Febbraio @ 20.10

    MAH , SIGNORI MIEI , come andranno a finire queste cose probabilmente io non lo vedrò , perché morirò prima , comunque , nel progetto originale del Politecnico di Milano , la fermata TAV "mediopadana" era prevista a Parma , non a Reggio Emilia . Abbiamo discusso per anni se farla a Baganzola , alle FIere , o a Chiozzola . Mentre noi facevamo questo tira e molla , è arrivato uno con le idee chiare che se l' è presa. Mezza città è stata sbudellata per anni dai cantieri per l' interconnessione , attraverso la quale ci avevano promesso che alcuni treni TAV sarebbero venuti a fermare a Parma , invece , adesso è inutilizzata ed inutilizzabile . Può servire solo per qualche eventuale straordinaria esigenza di servizio . L' ennesima cattedrale nel deserto , come gli Ospedali e le Carceri costruiti e mai aperti . Come diceva Totò : "E io pago ! ". Peraltro , "Italo" non ha fatto una linea di pullman di collegamento con la "mediopadana" ? ( "Italobus" o qualcosa del genere ) . La bretella autostradale tra l' Autostrada della Cisa e quella del Brennero non la vogliono . L' adeguamento della Ferrovia Pontremolese probabilmente richiederà qualche decennio , e , della nuova linea tra Parma e Verona , ne parleremo ( ne parlerete.....) , forse , il prossimo secolo. L' Aeroporto sta esalando gli ultimi respiri . I soldi dell' Unione Parmense degli Industriali stanno per finire , Ryanair fra poco se ne andrà . Dicono che anche "Cibus" sarà a Parma l' ultima volta quest' anno , poi andrà a Milano. Cosa volete che vi dica ? Per quelli , come me , cresciuti nel mito della "Piccola Capitale".......E' patetico che ci sia qualcuno che ci crede ancora.............

    Rispondi

    • Giovanni

      19 Febbraio @ 16.34

      @Vercingetorige Non sarei così pessimista. Certo, di fregate Parma ne ha prese parecchie e non solo a causa di Bologna ma anche della sua classe dirigente (politica soprattutto). Innanzitutto la Tibre: parte. Chissà quando sarà finita, è vero, ma intanto parte il primo lotto. E la Tibre è in assoluto la cosa più importante. Più di qualsiasi altra cosa. Si perchè si tira dietro il potenziamento dell'interporto e poi tutto il resto a ruota. Fiera: è in attivo, sana e solida. Cibus non ce la porta via nessuno. Non so da dove venga questa voce. Anzi il quartiere fieristico prevede anch'esso un potenziamento. Poi bisogna cercare di lanciare l'aeroporto, questo si che è ancora in alto mare. Ma ce la faremo. Sicuramente un areoporto non solo passeggeri ma soprattutto commerciale. Integrato con ferrovia e Tibre. Poi non potrà non esserci una fermata tav in linea di fronte alla fiera. Non solo, ma Parma sarà talmente nevralgica che occorrerà un collegamento diretto fra linea TAV ed interporto.

      Rispondi

    • RENZ

      19 Febbraio @ 09.42

      R E N Z

      La storia della "interconnessione" è veramente ORWELLIANA! Ci hanno detto per anni, mentre la facevano, che la interconnessione avrebbe portato non tutti, qualche treno AV nella stazione di PR, ; appena finita l'interconnessione, ci hanno detto se eravamo MATTI... e che lo sanno tutti, che la interconnessione assolutamente non serve a un kaiser...

      Rispondi

  • Remo

    18 Febbraio @ 15.43

    sarebbe bene che il sindaco Pizzarotti si facesse dare quei 10 treni Av con fermata a Parma promessi quando i "valorosi e prodi" ci presero l'interconnessione portando il medio-centro padano a Reggio(sic)...altro che portare " clienti" noi a chi ci ha buggerato!(ed adesso, dopo l'uscita A1 "Terre matildiche", parlano già di un'altra uscita nel reggiano x la "Mediopadana"... mentre da noi l'uscita x le Fiere di Parma ce la sognamo!

    Rispondi

  • Enzo

    18 Febbraio @ 13.26

    visto che a reggio non la usa nessuno, vengono a elemosinare passeggeri da noi, i poveri prodiani... e i sindaci coinvolti sono tutti prodiani, tranne pizzarottino che però non ha capito che lo stanno fregando e sta al gioco pensando di stare facendo un affare

    Rispondi

    • Maurizio

      18 Febbraio @ 22.18

      Sei proprio sicuro che non la usi nessuno la medipadana? evidentemente tu non l'hai mai usata e tu sei uno come sono uno sono io, io però ci sono andato varie volte a reggio e non mi è sembrato di essere particolarmente solo

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Corteo in centro: Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo sono nati gli anticorpi della civiltà"

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il 25 aprile festeggiato a Fidenza (Guarda le foto)

1commento

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio Video

anteprima gazzetta

Anziana rapinata e aggredita all'uscita del cinema Astra Video

1commento

gaffe e polemiche

La "Pilotta dei lettori": da parcheggio (involontario) a campo da calcio

5commenti

pilotta

Planet Funk e Fast Animals and Slow Kids Chi c'era

FOTOGRAFIA

Bonassera e il "Brozzi" a Fotografia Europea 

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

BRESCELLO

Trasporta cavalli senza patente né permessi: maxi-multa per 25enne

Salso

Bruciata l'auto di un salsese

Aveva 81 anni

Se n'è andato Franco Ferretti, re del packaging

Bassa

Castle Street Food: una giornata ricca di eventi a Fontanellato Foto

Autostrade

A1: code a tratti tra Parma e Fidenza per traffico intenso

EVENTI

Concerti, bancarelle e street food: l'agenda del 25 aprile

tV parma

'Il cuoco perfetto": stasera iniziano le sfide dirette Video

Calcio

Figuraccia Parma, ko con il Sudtirol: pioggia di fischi Foto D'Aversa: "Così la B è difficile" Video

Davanti al Tardini, il ds Faggiano incontra i tifosi La foto -   Il commento di Pacciani: "Partita sconcertante" Video - Il Pordenone raggiunge il Parma. La squadra esce senza "salutare" la curva, poi torna indietro

11commenti

LA BACHECA

20 annunci per chi cerca lavoro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

E' morta la quercia più vecchia: aveva 600 anni

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"