21°

31°

Licenziamento

Ospedale, «cacciata» assenteista

Ospedale, «cacciata» assenteista
Ricevi gratis le news
31

Una donna, dipendente dell'Ospedale Maggiore, si fa curare in orario di servizio: «cacciata». Un'ausiliaria ultracinquantenne si assentava senza permesso dal posto di lavoro per sottoporsi a trattamenti fisiatrici: è stata licenziata senza preavviso.

Davide Barilli

Si assentava dal posto di lavoro per sottoporsi a trattamenti fisiatrici. Dipendente dell'Ospedale Maggiore si fa curare in orario di servizio: «cacciata» ausiliaria.

Non molto tempo fa Matteo Renzi aveva annunciato una stretta sugli statali fannulloni, dichiarando che sarebbero stati licenziati nel giro di 48 ore. L’Ausl di Parma sembra averlo preso alla lettera.

Il servizio sanitario parmigiano ha infatti «cacciato» in tronco una sua dipendente, colta in flagrante mentre si assentava dal lavoro senza timbrare il cartellino di uscita. La donna, un'ausiliaria ultracinquantenne, è stata licenziata senza preavviso con una decisione presa dall'organo competente sui procedimenti disciplinari dopo che la commissione ha accertato il comportamento proibito reiterato dell'ausiliaria.

Assenteista

Ma andiamo con ordine. Tutto comincia alcuni mesi fa. Esattamente lo scorso autunno. Siamo a settembre-ottobre quando la donna - operatrice tecnico assistenziale in un reparto dell'ospedale Maggiore - stando a quanto emersa dall'indagine dell'ufficio procedimenti disciplinari dell'azienda ospedaliera universitaria, inizia a fare la furba. Durante l'orario di lavoro, infatti, sarebbe uscita dalla struttura per andare a sottoporsi a sedute di fisioterapia. Massaggi terapeutici, non estetici. Niente di male. Se non fosse che la normativa non consente di lasciare il proprio lavoro senza permesso o autorizzazioni. E, a quanto pare, l'ausiliaria non le aveva.

Le uscite non autorizzate, tra settembre e ottobre, sarebbero state una ventina.

La scoperta era avvenuta grazie alla verifica del cartellino di servizio che aveva consentito di accertare come la dipendente abbandonasse il posto di lavoro per andare a farsi curare.

Vista la gravità del comportamento l'ufficio dei procedimenti disciplinari ha deciso di infliggere la sanzione più grave, quella del licenziamento.

Sospesa la caposala

Ora per l'ausiliaria si apre la possibilità di impugnare il licenziamento davanti al giudice del lavoro, sede in cui cercare di far valere le proprie ragioni.

Ma oltre all'ausiliaria, anche la caposala - ritenuta per certi aspetti complice della dipendente assenteista - è andata nelle grane. Per lei, infatti, è stata decisa la misura della sospensione dal lavoro per cinque mesi. La sua colpa? Non aver sanzionato o quanto meno informato chi di dovere del comportamento reiterato tenuto dall'ausiliaria. Non è escluso che, con la segnalazione alla procura della Repubblica, la vicenda possa avere anche conseguenze penali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • inside

    29 Febbraio @ 19.36

    mi sembra giusto non tanto perché si assentava , il motivo di questo comportamento è sinonimo che il suo lavoro non gli piaceva quindi molto probabilmente lo eseguiva con noncuranza.

    Rispondi

  • Nàno

    29 Febbraio @ 17.56

    Spero solo che sia la prima di una lunga serie.......perche' di dipendenti pubblici "furbetti" ce ne sono ancora, purtroppo........che si stia invertendo la rotta? Beh, non mi faccio troppe illusioni ma intanto continuate cosi!

    Rispondi

  • MrBarnaby

    29 Febbraio @ 11.34

    @la camola ma per favore! Quando mai uno che ne ha diritto non va in malattia? Non scarichiamo le cause sul personale carente, il non pesare sui colleghi e cantieri edili vari. Quindi molto meglio fare i furbetti, risultare in servizio (e qui si che pesi sui colleghi) ed essere altrove.

    Rispondi

  • la camola

    28 Febbraio @ 21.30

    Vedremo l'epilogo, la dipendente sicuramente se non è andata come suo diritto in malattia, chiedetevi il perchè ? visti gli organici striminziti del personale probabilmente si è comportata così per non pesare sui colleghi di lavoro !!, ha solo commesso un errore di formalità, esistono i permessi e nel suo caso retribuiti, ma la sostanza è che non voleva far pesare giorni di malattia su alcuno!! Invece di fare tutto questo inutile caos intorno ad una dipendente ammalata, i dirigenti aziendali spieghino IL PERCHE' DENTRO L'OSPEDALE VI E' UN CANTIERE EDILE DALL'INIZIO DEGLI ANNI 90 E NON TERMINANO MAI I LAVORI ?? Quanti lavori inutili sono stati fatti ?? e quanti locali lasciati a marcire ( vedi ex scuola infermieri ?). Si leggano almeno lo statuto dei lavoratori e si informino, prima di gettare un dipendente nella melma !!!

    Rispondi

    • The Jolly Joker

      29 Febbraio @ 12.52

      ragionamento del tutto sbagliato, perchè se risulti in servizio ma di fatto assente, lì sì che gravi sul tuo collega, facendolo lavorare anche al posto tuo! piuttosto, invece, che c'entra il cantiere?? non è che parlare di un problema ne annulla un altro!! Ribadisco: fare una qualsiasi cosa in orario lavorativo che sia differente dal lavoro per il quale hai timbrato e vieni pagato, si chiama TRUFFA AI DANNI DELLO STATO... e poco importa se durante l'orario di lavoro vai a fare terapie mediche o la spesa al supermercato, il danno è sempre quello. Anzi, rattrista il fatto che la dipendente avrebbe potuto prendere i giorni di malattia che le sarebbero spettati per legge, invece no, molto più semplice evitare i giorni di malattia (che fino a 5gg consecutivi sono decurtati economicamente) ma anzi continuare a percepire stipendio pieno pur non lavorando (quindi ha guadagnato su due fronti, sull'incasso e sulla mancata decurtazione)... ora non può che piangere sul latte versato.

      Rispondi

  • MrBarnaby

    28 Febbraio @ 20.41

    @federicot forse non hai capito il comportamento dell'ausiliaria licenziata: arrivava al lavoro, timbrava e poi andava a farsi curare. Quindi nel lasso di tempo che era intenta a sottoporsi alle cure fisiatriche risultava essere al lavoro. Vogliamo difendere ancora questi comportamenti?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Lutto

Morto Maurizio Carra

Teatro

E' morta l'attrice Tania Rochetta

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti