11°

Oltretorrente

Un tranquillo sabato di spaccio

Un tranquillo sabato di spaccio
Ricevi gratis le news
20

Via Imbriani: parla il barista che era stato minacciato con il coltello: vuole vendere il bar.

Viale Vittoria: parlano i pusher, sempre più sfrontati e sicuri della loro impunità.

Ilaria Ferrari

L’acquisto del bar è datato primo gennaio e già ora, dopo 2 mesi scarsi, l’ha messo in vendita. «In via Imbriani non si può stare».

Roberto Ferrari, 64 anni, è il barista che nel tardo pomeriggio di venerdì ha cercato di sedare una lite tra un 28enne tunisino e un’italiana 40enne e, in cambio, si è trovato minacciato insieme a moglie e figlio (che lavorano con lui nel locale) a suon di lama di coltello.

Cos’è successo quella sera?

Intorno alle sei io ero dietro al bancone e in strada ho visto una bimba che scappava e questa coppia litigare fino ad arrivare alle mani. Sono intervenuto per proteggere la donna, una mia cliente oltretutto, e il 28enne ha impugnato un coltellaccio e ci ha minacciato. Abbiamo chiamato il 113 e l’uomo è sparito. Però è tornato poco dopo: di nuovo il coltello, di nuovo le minacce. Ho chiamato ancora la polizia e questa volta lo straniero è stato rintracciato e caricato dalla Volante.

Se l’è cavata con una denuncia a piede libero però.

Esatto. E’ una vergogna: alle 20 era già ancora qui davanti, in bicicletta e con lo stesso coltello. Ho chiamato un’altra volta la polizia e non l’hanno trovato. Alle 20,30 stessa scena: ancora in bici, ancora in via Imbriani. Adesso chiudo alle 19, dopo la situazione è invivibile, peggio che di giorno.

Com’è via Imbriani nel tardo pomeriggio?

Terra di nessuno, sembra il Bronx. Ci sono dei brutti giri, io stesso ho visto diversi episodi di spaccio e credo siano avvenuti anche dentro il mio locale.

Come si è comportato?

Ho chiamato tantissime volte polizia, carabinieri, vigili urbani. Ho chiesto che venissero a fare dei controlli proprio dentro al mio bar perché io non voglio certa gente ma non posso cacciarli fuori da solo.

Le forze dell’ordine sono intervenute?

Mai. Anzi, una volta sono arrivati i vigili ma per tutt’altro motivo: farmi una multa da 275 euro perché il mio cartello “vietato fumare” non era a norma. Per i controlli richiesti non ho mai visto nessuno.

La strada però è pattugliata?

Si vede qualche macchina di carabinieri o polizia municipale la mattina alle 10 o a metà pomeriggio. Un giro con l’auto di servizio e via. Non si fermano, non chiedono documenti. Ma a cosa serve così mi domando.

Alle 10 di mattina cosa vogliono trovare?

E’ dopo le 20 che la situazione è drammatica.

Quindi lei ha messo in vendita il bar.

Certo, io da qui vado via. O lo vendo o chiudo, in questa strada non si può restare, non si può lavorare col terrore. Già il 13 dicembre, quando ancora facevo affiancamento alla precedente proprietà, c’era stata una rapina: avevano distrutto tutto e a me avevano rotto tutti i denti.

Non avete trovato altre soluzioni?

Noi negozianti della strada ci stiamo mettendo d’accordo per una raccolta firme da inviare a prefetto, questore e sindaco ma non abbiamo molte speranze che la situazione possa cambiare.

E il pusher offre la «novità» della casa

Il nostro errore è stato rispondere al «ciao». E’ bastato infatti ricambiare il saluto (vuoi per ingenuità o una semplice abitudine all’educazione), perché ci venisse offerta della droga. Strana droga oltretutto, che ha tutta l'ari di una nuova frontiera dello sballo: marijuana bagnata di metadone.

L'«offerta» è arrivata in viale Vittoria, a poche decine di metri dal Bingo, in un sabato sera qualunque. Siamo in due: due donne, e camminiamo l’una al fianco dell’altra. Il via vai di biciclette non può non essere notato. Sono ciclisti, in gran parte di colore ma tra i quali spicca un giovane dalla pelle bianchissima (lo conosceremo poco più tardi, forse è un russo), che percorrono lo stesso lembo di marciapiede ininterrottamente.

A volte fanno semplicemente inversione a U, altre volte girano in tondo percorrendo le vie trasversali. Bastano cinque minuti per attirare la loro attenzione. C’è un gruppetto di tre ciclisti, due maghrebini e il giovane di carnagione chiara, fermo vicino al muro.

Gli passiamo di fianco e riceviamo un ciao. E ciao rispondiamo anche noi. «Vuoi roba?», è la domanda subito successiva.

Volendo capire come funziona, rispondiamo di sì. E subito comincia la baruffa: i tre iniziano a litigarsi il cliente in un italiano fortemente accentato. «Quanto vuoi?», «No gliela do io».

«Io ho la migliore – assicura quello che pare un russo –marijuana bagnata di metadone». Quest’ultimo è un oppioide sintetico, usato in medicina per ridurre l’assuefazione nella terapia sostitutiva della dipendenza da stupefacenti, e scopriamo che l’abbinamento con la marijuana è conosciuto col nome di «amnèsia» e diffuso soprattutto al sud (almeno fino agli anni scorsi, ora evidentemente è arrivato anche da noi).

Continuiamo a stare al gioco e uno dei maghrebini, a dispetto degli altri, prende mano la situazione, si attacca al cellulare e ci dice «aspetta qui. Cinque minuti».

Poi parte in sella alla sua bici e sparisce lungo una trasversale. A questo punto meglio non sapere come andrà a finire: una volta compreso come funziona decidiamo di andarcene.

I pusher in bicicletta sono furbi: non tengono mai addosso la «roba», il loro metodo è prendere prima contatti per poi concludere l’affare a distanza di pochi minuti.

Così, se mai dovessero venire fermati dalle forze dell’ordine, risulterebbero puliti, nessuna prova a loro carico per dimostrare la loro attività salvo sorprenderli in flagranza durante lo scambio. Sono spudorati, tranquilli, non esitano a rivolgere la parola ai passanti, parmigiani o meno, soprattutto se giovani.

Offrono droga con la facilità con la quale si chiederebbe l’ora a uno sconosciuto. Viale Vittoria è loro territorio la sera: sono ben più i ciclisti «al lavoro» delle persone a passeggio, forse proprio perché ormai tutti sanno chi la frequenta dopo una certa ora. E preferiscono cambiare strada. I.F.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Massimiliano

    01 Marzo @ 07.12

    Caro barista, che ci vuole fare, per i "vopi" è meglio far cassetto per un cartello "non a norma", piuttosto che cimentarsi nell'inseguimento e (poco) probabile arresto di un cavallino sputa palline. Lei con la sua bella multina ha contribuito a rimpinguare le casse comunali che ne hanno tanto bisogno, visti anche gli esiti favorevoli dei ricorsi contro i velox promossi dal Movimento Nuovi Consumatori ( ma questa è un'altra storia). Per quanto riguarda i Carabinieri o la Polizia, per le prossime volte, si segni numero di targa delle vetture e l'orario preciso del loro passaggio, trovi un qualche testimone disposto a collaborare ( ricordiamoci che Parma è una città omertosa e vigliacca) e ad avvalorare la le sue parole e FACCIA UN BELL'ESPOSTO AL PREFETTO E QUESTORE. Raccontando che, pur in presenza di numerosi spacciatori e pur avendo chiamato più volte le pattuglie pur passando, non provvedevano a identificare e controllare i loschi figuri presenti. Saluti. Massimiliano.

    Rispondi

  • Biffo

    29 Febbraio @ 15.50

    Sono fiducioso nell'intervento prossimo venturo della PM, dotata di agenti eroici, armati di tutto punto, cavalieri senza macchia e senza paura, capaci di disperdere i pushers, al loro solo apparire. "Par fevore, petente e libretto, sennò la porto al Kommandantur!"

    Rispondi

  • filippo

    29 Febbraio @ 13.43

    centinaia di spacciatori stranieri in bicicletta...cosa fanno per il paese? pagano le tasse? e dire che la redazione mi aveva redarguito per avere chiesto l'espulsione degli spacciatori delinquenti... mi sa che forse dire il giusto dà fastidio alle alte sfere del potere.....o forse tutti questi ciclisti della notte sono considerati i NUOVI NIBALI?

    Rispondi

    • inside

      29 Febbraio @ 19.46

      caro filippo questa redazione dovrebbe vergognarsi che sputano nel piatto dove mangiano perché la gazzetta i beneamati extra non la comprano! in africa è diverso li fanno sparire guarda cosa è successo giorni fa, anno la sfrontatezza di richiamarci noi lettori , il nome giusto io l'avrei ma non voglio incorrere in sanzioni perché noi l'avvocato lo paghiamo

      Rispondi

      • 29 Febbraio @ 20.47

        REDAZIONE - Caro anonimo e vigliacco lettore, l'unica cosa di cui possiamo vergognarci è quella di ospitare qualche razzista che non ha neppure il coraggio di firmarsi eppure pretende di darci lezioni, oltre a scrivere un mare di sciocchezze. Quanto allo sputare dove si mangia, l'unico a farlo sei proprio tu, che dovresti invece ringraziare questo sito per quante volte ti ha ospitato anche quando forse i tuoi commenti non lo meritavano, come in questo caso. Quindi comincia a parlare più serenamente e a imparare l'educazione e il rispetto: dopo di che qui sopra potrai continuare a dire la tua come hai sempre fatto liberamente. In caso contrario, abbiamo un cestino con tanto spazio.

        Rispondi

    • 29 Febbraio @ 15.43

      REDAZIONE - Dubito che abbiamo "redarguito" un lettore per una richiesta del genere: sicuro che sia andata esattamente così?

      Rispondi

      • filippo

        29 Febbraio @ 19.42

        Si ricordo di essere stato cestinato per avere chiesto l'espulsione di tutti quelli che delinquono...ma va bene così a parma va tutto bene, la delinquenza non esiste e l'unico problema è il razzismo....

        Rispondi

        • 29 Febbraio @ 20.43

          REDAZIONE - Ribadisco: secondo me non è andata esattamente così. Di commenti come quello che racconta lei ne abbiamo pubblicati a tonnellate, quindi magari c'era qualcosina di particolare nei contenuti o nei toni. Del resto la sua imprecisione è documentata dalla seconda riga "ma va bene così a parma va tutto bene, la delinquenza non esiste e l'unico problema è il razzismo....": peccato che il suo commento sia invece proprio in fondo a un articolo che (come altri mille) documenta che "a parma non va tutto bene e la delinquenza esiste ed è in aumento". Che non esclude anche un po' di razzismo in certi lettori... Facciamo così: si limiti alle sue opinioni, e non venga a sentenziare sul nostro lavoro se prima non si documenta abbastanza. Grazie

          Rispondi

  • Gio

    29 Febbraio @ 12.40

    Giorgio R.

    E dire che alcuni già dieci anni fa' quando è cominciato il degrado a Parma dicevano che certe cose sono sempre accadute a Parma e davano la colpa ai giornali che enfatizzano le cose. Una volta ERANO ECCEZIONI ORA ACCADONO OGNI GIORNO !! V E R G O G N A S C H I F O !!!! ALLORA TOGLIAMO I GUIDICI E MAGISTRATI, PREFETTI E QUESTORI PAGATI DA NOI PER COSA ? PIU' AUMENTA L'OFFERTA DELLA DROGA PIU' AUMENTA IL CONSUMO E NON IL CONTRARIO. PER ESEMPIO DA QUANDO SI E' LEGALIZZATO IL VIDEO POCKER E GIOCHI D'AZZARDO TANTISSIMA GENTE E' IN CURA PERCHé SI è AMMALATA DI GIOCO E PERDE SOLDI E A VOLTE TUTTO....!!!!! LA CULTURA DEL LAVORO HA FATTO SPAZIO ALLA CULTURA DELLA CAMORRA, DELLA MAFIA E 'NDRANGHETA. PARMA ERA E DICO ERA UNA BELLA CITTA' ...

    Rispondi

  • Ilaria

    29 Febbraio @ 12.09

    Come cantava De Gregori Viva l'Italia!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS