11°

17°

Maltrattamenti

Villa Alba, tre operatrici tornano in libertà

Villa Alba, tre operatrici tornano in libertà
Ricevi gratis le news
5

Villa Alba: tre operatrici arrestate tornano in libertà. Il Tribunale del riesame sostituisce i domiciliari con l'obbligo di firma

Georgia Azzali

Ventidue giorni passati tra le mura di casa. Lontane dalla struttura per anziani, chiusa dopo il blitz della polizia. Ma da ieri le tre donne di Villa Alba, accusate di maltrattamenti, sono (quasi) libere: niente più domiciliari per Maria Teresa Neri, la sorella Caterina e la madre Concetta Elia. Il Riesame di Bologna, a cui aveva fatto ricorso la difesa, ha infatti sostituito la misura degli arresti con quella della presentazione alla polizia giudiziaria. Insomma, ogni giorno tutte e tre dovranno andare in questura o in caserma per firmare.

Per ora si conosce solo il dispositivo: poche righe in cui viene messa nera su bianco la decisione del tribunale, presieduto da Alberto Albiani. «Diventa difficile ipotizzare le motivazioni: bisognerà aspettare un po' di giorni prima che vengano depositate - sottolinea il difensore, Filippo L'Insalata -. Comunque, il fatto che ora sostanzialmente siano libere è un passo avanti. Durante l'udienza ho tentato di far capire come le frasi intercettate siano state interpretate in un certo modo perché completamente decontestualizzate, ma ho anche espresso molte riserve sulla qualificazione del reato di maltrattamenti».

Cade, dunque, il divieto di oltrepassare la soglia di casa, ma è molto probabile che il quadro indiziario abbia retto, visto che è comunque rimasta in piedi una minima restrizione. I giudici potrebbero infatti aver ritenuto quasi ormai del tutto scemate le esigenze cautelari. E determinante potrebbe essere stata la decisione da parte di Maria Teresa Neri di sciogliere la società Villa Alba, di cui era rappresentante legale, e in cui figurava anche il compagno, non coinvolto nell'inchiesta. Dopo la chiusura della casa famiglia, con il trasferimento degli anziani altrove, e - soprattutto - dopo quest'ultima mossa, non ci sarebbero più concrete possibilità per le due sorelle e la madre di reiterare i reati.

Solo ipotesi, per ora. Ma proprio la scelta di cancellare la società nei giorni successi agli arresti potrebbe aver fatto la differenza. Se, invece, nelle motivazioni ci fosse un attacco all'impostazione accusatoria o una diversa qualificazione dei reati, a quel punto la procura potrebbe valutare un ricorso in Cassazione. Ma, al di là del provvedimento del Riesame, le tre donne restano indagate per maltrattamenti, e Caterina Neri anche per furto, visto il vizietto di portare a casa dall'ospedale, dove frequentava un corso per operatrice sanitaria, garze, cerotti e traversine.

Lei e la sorella avevano parlato durante l'interrogatorio di garanzia. Maria Teresa, la numero uno della società, aveva risposto alle domande del giudice; Caterina aveva letto una serie di dichiarazioni spontanee. Tutte e due sulla stessa linea: nessuna ammissione e il tentativo di spiegare. A volte, in modo «avventuroso». Come quando, davanti alle parole di quell'anziana intercettata che dice, in dialetto, «che sciaf...», Maria Teresa Neri replica: «Molti ospiti, appena li toccavi, li sfioravi, anche per lavarli, si lamentavano».

Insulti, umiliazioni, dileggi. E percosse. E' questo il quadro ricostruito dagli investigatori, coordinati dal pm Fabrizio Pensa. Ma gli anziani sarebbero stati anche imbottiti di farmaci per far sì che stessero più calmi. Un modo per fiaccare il corpo e lo spirito di quegli ospiti che forse a volte era difficile mantenere tranquilli. «Io ho dato farmaci sempre rispettando le prescrizioni mediche. Gli anziani non erano imbambolati, tanto è vero che quando è arrivata la polizia, verso le 6,30, erano tutti svegli», aveva replicato Maria Teresa Neri al giudice.

Durante la perquisizione nella struttura erano spuntati anche diversi rotoli di adesivo. Banali nastri per imballaggio, se non fosse che tutto quello scotch potrebbe far pensare, per gli inquirenti, ai rumori registrati durante le intercettazioni ambientali. Quella sorta di scricchiolio che si sente quando un nastro viene srotolato. Perché, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, alcuni pazienti sarebbero stati a volte legati con quelle strisce di adesivo. «Lo scotch non era usato per legare gli ospiti - aveva spiegato Caterina Neri al giudice - ma per fissare bene i pannoloni che indossavano».

Parole finite nel fascicolo dell'inchiesta. Che ancora non è chiusa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • SimonaV

    03 Marzo @ 12.52

    Ormai non mi stupisco più di niente...........

    Rispondi

  • Daniela

    03 Marzo @ 11.42

    allucinante..altro non si può dire. Non so...per restare in galera di cosa si deve essere accusati??? di genocidio?

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    03 Marzo @ 08.04

    la rivolta di atlante

    ORAMAI IN QUESTA NAZIONE RIDICOLA BISOGNA AFFIDARSI ALLA GIUSTIZIA DIVINA ... PIÙ E' NAUSEANTE IL REATO PIÙ E' LEGGERA LA LEGGE E LE SUE PENE.

    Rispondi

  • allucinante

    03 Marzo @ 07.11

    E si...... mi sembra logico.....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il CineFilo per domenica 22 ottobre - La battaglia dei sessi - Nico 1988 - It - Blade runner 2049 -

IL CINEFILO

It, il nuovo Blade Runner, La battaglia dei sessi: i film della settimana

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va