15°

fontanellatese

Fassa: dall'arresto cardiaco alla panchina

Fassa: dall'arresto cardiaco alla panchina
0

Due anni fa mentre si allenava ebbe un arresto cardiaco in campo. Ora è stato nominato allenatore della stessa Fontanellatese al posto del dimissionario Peraddi, amico e maestro che allora gli salvò la vita.

Marco Bernardini

La sua è una storia di vita, più unica che rara, da portare come esempio a tutte quelle persone che non si arrendono mai e continuano a lottare fino in fondo.

Ogni volta che parli con Denis Fassa, nominato da poche ore allenatore della Fontanellatese nel girone A di Prima Categoria, al posto del dimissionario Peraddi, ti brillano gli occhi e la mente non può non tornare a quella drammatica sera del 24 gennaio 2014: all’apparenza un normale allenamento, l’ultimo a due giorni dall’attesissimo derby col Fontanellato, poi improvvisamente il centrocampista, dai trascorsi tra le fila di Fidenza, San Secondo, Fontevivo, Fidentina e Busseto, si accascia al suolo, vittima di un arresto cardiaco. Viene soccorso dall’allenatore Peraddi e dal preparatore dei portieri Ziliotti, i suoi angeli custodi, sotto lo sguardo sconvolto dei compagni in lacrime e trasportato d’urgenza all’ospedale dove, tenuto in coma farmacologico, si risveglierà solamente la domenica mattina ancora ignaro di quello che gli era successo.

«Una delle prime frasi che dissi rivolgendomi ai medici - racconta adesso lo stesso Fassa - fu: voi siete matti, ora mi cambio e vado a giocare il derby».

Ma ben presto, nonostante la tempra da duro combattente, capì, complice anche un defibrillatore interno impiantato nel cuore, che doveva appendere le scarpette al chiodo.

Ma pur di non abbandonare il campo e la sua più grande passione, decise d’intraprendere subito la carriera di allenatore nella Juniores Regionale della Fontanellatese, con cui vinse il torneo di Medesano, ricoprendo in prima squadra il ruolo di vice dello stesso Peraddi dopo aver ottenuto nel dicembre scorso il patentino Uefa B a Piacenza.

Adesso la favola, che in realtà si chiama incredibile forza di volontà, si arricchisce di un nuovo capitolo, il più bello, portandolo a sostituire in panchina, ironia della sorte, proprio colui che gli salvò la vita.

«Se potessi scriverei un libro su questa storia - sospira il neo tecnico della Fontanellatese, classe ‘88 - ma sono molto contento di prendere in mano la squadra e portare avanti il lavoro compiuto in questi tre anni dal mio maestro, dentro e fuori dal terreno di gioco. Per me Peraddi è come un padre e so che ha fatto un passo indietro solo per dare la scossa all’ambiente: non posso che ringraziarlo e mi sembrava logico fossi io a proseguire quanto costruito assieme».

Come si sente nella nuova veste?

«Non sarà facile perché molti sono stati miei compagni, ci frequentiamo anche fuori dal campo e dovrò prendere le distanze giuste nei momenti giusti. Bisogna cercare di metterci il massimo dell’impegno e della grinta onorando ciò che abbiamo fatto nelle ultime stagioni. Serviranno fame, entusiasmo e voglia di giocare a pallone senza aver paura di nessuno».

Quale insegnamento le ha portato la sua esperienza?

«Nella vita non bisogna mai mollare, se ci si adagia è finita: il segreto è porsi sempre nuovi obiettivi, sfide, traguardi e non lasciarsi condizionare dai limiti».

Quanto è cambiato da quel 24 gennaio 2014?

«Sicuramente sono una persona più razionale che ha imparato ad apprezzare di più i piccoli gesti quotidiani, se prima avevo già grinta da vendere, ora ho il diavolo dentro di me. Ho dovuto azzerare la mia vita passata, la sto ricostruendo nel migliore dei modi».

Si sarebbe immaginato un futuro da allenatore?

«Non ci avevo mai pensato prima, non sapevo se sarei stato in grado di gestire un gruppo di 23-24 giocatori. Poi, quando cominciai con la Juniores, vedevo che mi seguivano, erano coinvolti dalle mie idee e dal mio modo d’insegnare calcio. Da persona carismatica e schietta sono riuscito ad instaurare un bellissimo rapporto umano coi miei ragazzi».

Quanto le manca il calcio giocato?

«Ho ancora adesso dei momenti di sconforto, a volte mi viene il magone perché vorrei scendere in campo a dare una mano ai miei compagni. L’importante è riuscire a trasmettere questa grinta a tutta la squadra».

Ha qualche sogno nel cassetto?

«L’obiettivo è quello di salvarsi il più in fretta possibile, senza passare dai play-out e se dovessimo farcela si salverebbe la squadra di Peraddi, non la mia. Spero di mettere in pratica i concetti appresi nel corso della carriera e trovare la mia strada. Poi, da tifosissimo dello Spezia, punto un domani ad allenare al “Picco”».

Chi vorrebbe ringraziare?

«Non smetterò mai di ringraziare Peraddi, Ziliotti ed i miei compagni, che mi sono sempre stati vicino. Se sono rimasto al mondo lo devo a loro, poi una menzione speciale la merita la Fontanellatese, in particolare i dirigenti della società Pecchioni e Brianti che mi hanno dato la possibilità d’iniziare una seconda vita rimanendo nel mondo del calcio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa