13°

26°

CRIMINALITA'

Viale dei Mille, prende a calci lo scippatore

Viale dei Mille, prende a calci lo scippatore
27

Un pusher di viale dei Mille che s'è voluto improvvisare scippatore ha trovato pane per i propri denti. La vittima lo ha messo in fuga prendendolo a calci.

Roberto Longoni

La preda doveva essere facile: di quelle che con un soffio le metti a tacere. Una donna di gracile aspetto, sorpresa a camminare sola nell'ombra della sera, lungo un viale dei Mille più bazzicato da spacciatori (e consumatori di droghe varie) che da tranquilli cittadini. Teoria, nient'altro che teoria: il pusher non ha tenuto conto del fattore umano. Pardon, femminino. Non solo non è riuscito a strappare la borsetta dalle mani della vittima, ma ha anche rimediato una spruzzata di peperoncino in faccia che l'ha trasformato in una specie di impepata di cozze e un calcio negli zebedei che ha rischiato di cambiargli per sempre il timbro vocale. Anche lei ha riportato danni: un ceffone in testa così forte da costringerla a farsi visitare al Pronto soccorso e a prendere antinfiammatori per una ventina di giorni. «Ma non sono stata lì a prenderle - sorride la combattiva quarantenne -. Non dobbiamo farci schiacciare dalla paura». La paura è quella, e ne abbiamo parlato più volte, di chi vive o passa quotidianamente per viale Vittoria o per una di quelle strade considerate mercato dello sballo. Spesso, gli spacciatori si fanno gli affari loro, limitandosi a cercare i contatti con i clienti e a evitare quelli con le forze dell'ordine. Ma - oltre al fatto che tali presenze in strada non sono proprio delle più rassicuranti - può capitare che ci siano incontri ravvicinati tutt'altro che graditi. Come quello subito da una quarantunenne impiegata che una settimana fa è stata circondata, insultata e minacciata da quattro pusher africani. Il motivo? Uno smartphone allungato davanti a sé, per leggere un messaggio: qualcuno di fronte aveva creduto di essere finito al centro dell'obiettivo. Quando si ha la «coda di paglia». In quel caso, gli spacciatori cercarono di strappare di mano il cellulare alla passante. In questo, il pusher solitario ha puntato alla borsetta. Niente di più facile che a fargli cambiare specialità (passando dalla vendita di droga allo scippo) sia stata l'occasione, ossia la vista della donna sola per strada. Oppure, un momento di stanca negli affari. Strano, perché il mercato appare quanto mai florido, a prova di crisi: per di più, erano le 23 di sabato, uno dei momenti di «punta» per i patiti dello sballo. Fatto sta che quel «giovane di colore, alto e magro», arrivato alle spalle della donna, ha appoggiato la bici a un muro. «Un attimo dopo - racconta la vittima, che chiameremo Sara, con un nome di fantasia - mi è stato addosso». Nonostante lo strattone, la borsetta è rimasta tra le mani della legittima proprietaria. «A quel punto, mi ha assestato uno sberlone in testa. Ma io sono rimasta in piedi». Per reagire. Fatto un passo indietro, Sara ha pescato dalla borsetta che l'altro le voleva portar via lo spray al peperoncino. «Lo porto con me da sei anni - racconta lei -. L'ho puntato al volto di quel giovane e ho dato una bella spruzzata. Lui è rimasto accecato. Subito dopo, d'istinto, mi è partito un bel calcione». Mirato dove? «Ai “gioiellini” dello scippatore». Forte? «Quel calcio, l'ho sferrato con tutta l'adrenalina che avevo in corpo, tanto per intendersi». L'altro, a questo punto, ha capito che era la sua serata no. Rischiare di rimetterci i «gioiellini», andando a caccia dei tesori racchiusi dalle borsette delle signore indifese... Meglio spacciare, avrà pensato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la rivolta di atlante

    24 Marzo @ 00.38

    la rivolta di atlante

    QUELLO CHE E' CERTO CHE LA TRIBU' DEI TRINARICIUTI NON SI ESTINGUE MAI ..... FORSE SE PER INTERVENTO DIVINO QUALCUNO DI QUESTI DOVESSI SBATTERE IL NASO SULLA REALTA' VIOLENTA CHE AVVOLGE PARMA , DICO FORSE , CAPIREBBE ......

    Rispondi

  • RENZ

    23 Marzo @ 19.47

    R E N Z

    Anche certi operatori finanziari e venditori di utenze elettriche si trasformano in "scippatori", e neanche tanto improvvisati.

    Rispondi

    • Medioman

      24 Marzo @ 01.48

      La lista sarebbe lunga, ma almeno gli possiamo concedere l'attenuante della "buona fede": non sempre il venditore è pienamente consapevole del bidone che ti sta rifilando. E, comunque, ti concede la scelta se accettare o no. Chi ti aggredisce, non ha attenuanti.

      Rispondi

  • dottor carie

    23 Marzo @ 17.37

    che degrado...poi ce la prendiamo con gli svuota carceri

    Rispondi

  • ombretta

    23 Marzo @ 14.30

    Complimenti!!! Ci vuole davvero tanto coraggio e tanto sangue freddo!!!! Tutta la mia ammirazione per la coraggiosa signora!!!!

    Rispondi

  • filippo

    23 Marzo @ 13.30

    confermo quanto detto da un altro lettore. ..oltretorrente molti si sentono protetti dai reati grazie ai pusher...non vi dico la parte politica ma si intuisce

    Rispondi

    • Filippo

      23 Marzo @ 14.55

      filippo.cabassa.1970@gmail.com

      Probabilmente chi difende questi spacciatori (o che si sente protetto dalla loro presenza) è anche un loro affezionato cliente

      Rispondi

Mostra altri commenti

Il video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Virginia Raggi balla tra la folla

Youtube

Virginia Raggi balla tra la folla Video

Le ritrovate

L'INDISCRETO

Gossip, la Top 5: le "ritrovate"

Cagnotto, matrimonio da favola

Gossip Sportivo

Cagnotto, matrimonio da favola

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La Gazzetta lancia una sottoscrizione con Cariparma

TERREMOTO

La sottoscrizione della Gazzetta con Cariparma

2commenti

Lealtrenotizie

In Duomo il battesimo del Principe Carlo Enrico

borbone parma

In Duomo il battesimo del Principe Carlo Enrico Le foto

C'era anche il re d'Olanda, uno dei padrini

10commenti

polemica

Pizzarotti: "Parma non è ordinata? Provate Piacenza o Reggio..."

35commenti

Passo di Fugicchia

Escursionista colta da malore in quota

Raggiunta dal Soccorso Alpino e trasportata in ospedale in elicottero

incidente

Schianto tra auto e scooter: un ferito a Varsi

QUATTRO CASTELLA

Agricoltore investe col trattore e uccide il figlio di 8 anni

La disgrazia in un fondo nel reggiano. Indagano i carabinieri

1commento

Lega Pro

Evacuo fa gioire il Parma

I gialloblù tornano ad allenarsi domani

4commenti

stessa posa, stesso luogo

Oggi come ieri: sorrisi e nostalgia Gallery Inviateci le vostre foto

1commento

Bufale e sogni

Un giorno inseguendo il fantasma di Angelina Jolie

INCIDENTE

Via Reggio, motociclista ferito

Scuola

Riccò, alla materna il 62% di stranieri

7commenti

auto storiche

Parma-Poggio: una passione senza tempo Foto

VIOLENZA

Salva la barista pestata da un cliente. Ma si becca una denuncia

La titolare del «Laguna»: «Il mio compagno mi ha difesa. Quell'uomo mi aveva colpito con un portacenere»

22commenti

lega pro

Battuto l'Albinoleffe 1-0! Il Parma è quarto Foto Video

Decisiva la rete di Evacuo al 46'. Apolloni: "Serviva più ritmo". Risultati e classifica

3commenti

LUNEDI'

Sicurezza, bellezza, immigrazione, terrorismo, convegno al Wopa

angelina a parma?

Col coccodrillo di Bogolese o a salutare con Dino: la Jolie e l'ironia-avvistamenti Foto

E spuntano anche i fotomontaggi

teatro

Busseto punta sulla leggerezza

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Ma la torta fritta non è blasfema

1commento

EDITORIALE

L'Italia che dice no «perché siamo incapaci»

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

Svizzera

Il Canton Ticino "respinge" i frontalieri italiani

TERREMOTO

Amatrice, gatto salvato dopo 32 giorni

SOCIETA'

festa

San Ruffino: è festa per Giulia, campionessa della porta accanto Foto

Spagna

Cartello dal barbiere: "Ammessi uomini e cani. Non le donne". E' polemica

SPORT

Basket

Show Olimpia, Supercoppa biancorossa

400 metri ostacoli

Folorunso, un nuovo acuto: vittoria e primato personale

MOTORI

ANTEPRIMA

Opel, la Karl
diventa Rocks

IL TEST

Kia cee'd,
che sorpresa
il tre cilindri