10°

Ludopatie

Gioco d'azzardo: a Parma 96 in cura

Gioco d'azzardo: a Parma 96 in cura
15

La dipendenza da gioco d’azzardo è un problema che riguarda soltanto chi ne è affetto, oppure danneggia anche le famiglie dei giocatori? Questa la domanda al centro del seminario «Sono affari di famiglia: azzardo e relazioni familiari» organizzato dall’Ausl di Parma. I dati riguardanti il fenomeno sono allarmanti e in continuo aumento: a Parma e provincia i Servizi dell’Ausl hanno seguito 96 persone nel 2015 di cui 38 nuovi utenti.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • bruno

    23 Aprile @ 13.18

    PER BERTA E REDAZIONE Le macchinette sono legali e garantite dallo stato e che dire dei 65 mila punti vendita grattini e lotterie istantanee, per che le macchinette sono la fobia di politici e demagoghi e i grattini e i vari 10 e lotto o win for life ( o il superenalotto con raddopio della giocata ) NO? Il gioco come tutte le esagerazioni, alcol in testa e tabacco pure , può causare dipendenza, certo ma TUTTI I GIOCHI e tutte le esagerazioni, anche il cibo o la shopping mania fa male al portafoglio eppure i centri commerciali sono pieni e le merendine vanno a go go. Ci vuole come in tutte le cose un metro e una misura, visto che faticate a capire la differenza fra una macchinetta a 1 euro di giocata e le giocate maxi alle VLT o terminali videolottery nelle apposite sale dedicate oppure le grattate a 20 euro, prima di sparare sempre contro le macchinette informatevi cosa dicono i dati di seguito riportati. UNA INDAGINE RECENTE AFFERMA: Tra i giochi d'azzardo che riscuotono maggior successo in testa si collocano i 'gratta e vinci' (71%), in diminuzione rispetto al 2012 quando a preferirli era il 77%. "Attualmente sono ben 60 le tipologie, diversificate per prezzo e tipo di vincita, disponibili nei posti più comuni e frequentati anche dai ragazzi, come i bar, gli autogrill, i supermercati o i distributori automatici installati presso i centri commerciali - spiega Molinaro -. In ordine di preferenza seguono poi lescommesse sportive (49%), il bingo e la tombola (33%) e il totocalcio (28%). Non mancano coloro che giocano acarte (24%) e al video poker o slot (14%). Circa tre quarti dei giovani - continua Molinaro ha speso non più di 10 euro nel mese antecedente lo svolgimento dello studio, il 18% ha speso tra gli 11 e i 50 euro e l'8% oltre 50 euro". -------------------------------------------------------------- In Italia i pazienti affetti da disturbo da gioco d’azzardo in trattamento sono 12.376. Il dato è aggiornato al giugno scorso ed è stato per la prima volta fornito dal ministero della Salute. Sino ad ora erano note (alcune) cifre a livello regionale. I giocatori presi in carico (con patologia certificata) sono quindi molti di meno di quelli (ma qui si tratta di stime) considerati “problematici” che in Italia sarebbero circa 800mila.

    Rispondi

  • Berta

    23 Aprile @ 10.38

    Non ho usato parolacce, mi pare. Quindi non si può scrivere un'informazione obiettiva e perfettamente riscontrabile come il fatto che la legalizzazione del gioco d'azzardo (Sale Bingo e slot) è NATA dal governo PD con D'Alema presidente e che le società ad esso collegate, altra informazione oggettiva, fanno a capo a ex-politici legati allo stesso PD? Siete messi ben imbavagliati in Italia se rischiate una querela per dire che il re è nudo...

    Rispondi

    • 23 Aprile @ 10.53

      REDAZIONE - Nessun bavaglio, come vede. Dipende dai termini che si usano e come si usano

      Rispondi

  • Berta

    23 Aprile @ 09.41

    @Bruno. Il fatto che le slot siano presenti nei bar dove tra un bicchierino e l'altro molti 'giovani-anziani' e meno giovani consumano la loro solitudine ti sembra un caso? Chi riempiva anni fa a Parma le ricevitorie del lotto lasciandoci anche 1/3 della pensione, i bambini? Sono loro le principali vittime, i 'giovani anziani', che poi si indebitano con banche e soprattutto le finanziarie. Altri squali sempre pronti ad adescare le loro vittime per mettere le mani sulle pensioni. E le famiglie poi raccolgono i cocci. Sarebbe interessante verificare quante 'cessioni del quinto' sono dovute alla ludopatia. Altra inchiesta-indagine che non si farà mai... Perché non pubblicate i miei commenti?

    Rispondi

    • 23 Aprile @ 10.01

      REDAZIONE - Se i commenti sono corretti come questo vengono pubblicati come decine di migliaia di commenti di tutti i tipi e di tutte le opinioni. Se non sono pubblicati è perchè contengono frasi offensive o diffamatorie a rischio querela

      Rispondi

  • bruno

    22 Aprile @ 21.40

    Nel 2014 il 63% degli italiani con più di 11 anni di età (pari a 34 milioni e 319 mila persone) ha consumato almeno una bevanda alcolica, con una prevalenza maggiore tra i maschi (76,6%) rispetto alle femmine (50,2%). Continua ad aumentare il consumo di alcol occasionale e al di fuori dei pasti “binge drinking” (25,8% nel 2013; 26,9% nel 2014). I dati Istat, presentati nell’annuale Relazione sugli interventi realizzati in materia di alcol e problemi correlati, forniscono un quadro di base per capire l’importanza e la necessità di azioni di prevenzione alcologica incentrate, in particolare, sul monitoraggio dei comportamenti di consumo a rischio (spesso causa di incidenti e violenze). Proprio per monitorare il consumo a rischio nella popolazione italiana, l’Osservatorio nazionale alcol dell’Istituto Superiore di Sanità, tenendo conto anche delle indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), della Società italiana di alcologia (Sia), e dei nuovi Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti (Larn) ha costruito un indicatore di sintesi, coerente e aggiornato, L’indicatore esprime adeguatamente la combinazione dei due principali comportamenti a rischio: il consumo abituale, quotidiano eccedentario, e il binge drinking. La prevalenza dei consumatori a rischio, elaborata attraverso l’indicatore di sintesi, è stata nel 2014 del 22,7% per gli uomini e dell’8,2% per le donne (età superiore a 11 anni) , l’analisi per classi di età mostra che le fasce di popolazione più a rischio, per entrambi i generi, sono quella dei 16-17enni e quella degli uomini così detti “giovani anziani”, cioè i 65-74enni.

    Rispondi

  • Berta

    22 Aprile @ 12.03

    Un problema per le famiglie? Ma che domanda è??? Le macchinette in TUTTI i bar e in TUTTE le tabaccherie sono un vero e proprio cancro, altro che problema! E senza contare le sale gioco o scommesse che proliferano in tutti i quartieri della città. E di questo flagello sociale dobbiamo ringraziare il governo D'Alema, non dimentichiamolo. Soldi allo stato e alla mafia (una ridondanza...) sulla pelle dei cittadini mentalmente più deboli e delle loro famiglie DISPERATE!

    Rispondi

    • bruno

      22 Aprile @ 13.40

      ?

      Rispondi

    • bruno

      22 Aprile @ 13.39

      PRESIDENTE. Ne ha facolta`. DE BIASI (PD). Signor Presidente, ci sono diversi disegni di legge su questo tema che trovo fondamentale. Non ho alcuna riserva sull’abolizione della pubblicita` del gioco d’azzardo in televisione, sapendo pero` che dovremo parlare anche della pubblicita` online, perche´ gli ultimi morti sono per gioco d’azzardo sul web. Pregherei pero` i colleghi di non dare i numeri a casaccio, perche` altrimenti ingeneriamo anche delle idee stravaganti. Non e` vero, infatti, che per le cure per la dipendenza da gioco d’azzardo si spendono cinque miliardi: magari fosse cosı`! Nella legge di stabilita` dell’anno scorso sono stati stanziati 50 milioni e neanche tutti i Servizi contro le dipendenze (Serd) messi insieme arrivano a 200 o a 300 milioni. Nella delega fiscale del Governo erano presenti 200 milioni di contributo, siamo oggi a 50 milioni. Non e` vero che ci sono tre o quattro milioni di persone che sono in cura, non e` vero neanche che ce ne sono due: magari fossero

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Duc, si lavora per riaprirlo

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

CALCIO

Parma, i conti tornano

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

Donatori

Elezioni Avis: Giancarlo Izzi «in pole»

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

RUGBY

Zebre, altro mesto rinvio

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti Foto Video

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

4commenti

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

anteprima gazzetta

Ranieri esonerato: "Pro e contro", tra sport e costume

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

11commenti

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Troppo sport fa male al desiderio

1commento

svezia

Sesso in pausa pranzo: proposta choc in un comune artico

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia