-1°

polemica rovente

Multe: 5 domande a Noè

Multe: 5 domande a Noè
Ricevi gratis le news
30

La polemica sulle multe in Municipio a tre esponenti della maggioranza. Ecco le domande che, secondo noi, attendono una risposta dal comandante della Polizia municipale, per poi poter chiudere questa discussione.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Uccio

    07 Maggio @ 18.36

    Vercingetorige mi dispiace x te ma io non sono un grilluccio nel senso che intendi tu. Io sono un elettore pentito, anzi, pentitissimo, di aver votato in passato tutto il votavile, come fate voi. Non sono iscritto a nessun partito o movimento ma, con la corruzione dilagante e l'associazione a delinquere che contamina i partiti che votavo io (e che votate ancora, voi), mi sono veramente stufato di essere rappresentato da ladri e puttanieri (se va bene) con intrecci che portano sino a mafia capitale e oltre. Questi ragazzi del M5S, potranno anche essere degli utopisti ma penso che sia meglio, a volte, essere un po' meno esperti e competenti (almeno all'inizio ma, vedo che anche a Roma, in 3 anni hanno imparato molto più di gente che è lì da decenni) ma essere molto di più onesti e trasparenti. Il tempo potrebbe anche rovinarli perché l'occasione fa l'uomo ladro ma, il fatto che facciano 2 soli mandati, mi conforta. Un monito: non sono specchi x aumentarsi di numero, sono proprio tanti!

    Rispondi

    • Vercingetorige

      07 Maggio @ 19.44

      Uccio , le invettive che scagli contro la "Gazzetta di Parma" , con l' assurda pretesa di insegnare a direzione e redazione cosa devono scrivere , e come e dove lo devono scrivere , sono velleitarie e per niente trasparenti . Come vedi ottieni solo di farti rispondere per le rime. La "Gazzetta" , come tutti i giornali , ha la sua linea editoriale. Che non sia mai stato un giornale anarcocomunista rivoluzionario lo sappiamo bene. Se non ti piace non leggerla , ma non pretendere di dettarle gli articoli ! La tua disaffezione per la politica è condivisa dalla maggior parte degli Italiani , e per questo aumentano i voti di protesta al "Movimento 5 Stelle" e credo che aumenteranno ancora. Quando andranno al mulino , vedremo se s' infarinano. Qualche falla cominciano ad averla anche loro , sebbene siano solo all' inizio.

      Rispondi

    • Filippo

      07 Maggio @ 19.34

      In Italia il fenomeno corruzione è certamente molto grave: secondo la "Rivista di Politica Economica" (per inciso: non le statistiche della Paci, ma nel settore una delle più antiche ed autorevoli a livello internazionale) in Italia incide per circa 23 miliardi di euro. Il problema va sicuramente affrontato con molta più incisività di quanto sia stato fatto finora. Secondo la stessa fonte però, nel nostro paese l'incompetenza produce danni per 67 miliardi: quasi tre volte tanto. Ovviamente il discorso è generale e non si può riferire specificatamente ai grillini, data l'esiguità delle realtà da questi finora amministrate. Però agli strenui difensori dei dilettanti allo sbaraglio (che probabilmente in vita loro non hanno mai letto più di un tweet o un post, ma si ritengono molto smart, andando in giro a ritirare premi autoreferenziali), per fare un semplice esempio pratico vorrei ricordare che la decisione di cancellare le agevolazioni del quoziente Parma, rimodulandole in modo fantasio

      Rispondi

      • Filippo

        07 Maggio @ 21.12

        ...so per favorire le classi meno abbienti a svantaggio del ceto medio, ha prodotto una perdita secca alle casse comunali di circa il 10% (dati ufficiali dell'ultimo bilancio, non quelli mistificatori sul calo demografico della vicesindaco). E la lista di esempi ben più gravi di incompetenza negli ultimi tre anni, con bandi scaduti per la gestione degli impianti sportivi, l'illuminazione pubblica o la raccolta rifiuti, prorogati con trattative private sicuramente non vantaggiose né trasparenti per i cittadini, potrebbe continuare a lungo. Quindi se ne deve necessariamente dedurre che, a differenza di quanto successo nella nostra città, a tutti i livelli sia preferibile eleggere persone competenti, non semplicemente oneste. Citando a memoria, Sandro Pertini usava dire che fa più danni un cretino integerrimo di un politico capace, che purtroppo magari fa anche fraudolentemente i suoi interessi: io ne ero già convinto, ma gli studi scientifici lo confermano.

        Rispondi

      • Davide

        07 Maggio @ 20.09

        Quindi? alla fine che fai metti sullo stesso piano la corruzione e l'incompetenza? ma qui per dare contro ai 5 stelle stiamo giustificando la corruzione come male intrinseco al governo ma che produce meno danni dell'incompetenza...ditelo però anche ai Vostri figli, ai ragazzi e chi si affaccia al mondo del lavoro che la pensate così....

        Rispondi

        • Filippo

          07 Maggio @ 21.19

          Sai leggere o guardi solo le figure? Non le metto sullo stesso piano: cito degli studi che dicono che la seconda fa concretamente più danni della prima. Ed il problema, è che in Italia spesso si sommano. Dopodiché, se all'incompetenza devo aggiungere la disonestà intellettuale, l'arroganza e la spocchia che abbiamo visto a Parma, beh, allora ti dico che preferirei avere un politico capace che amministra con competenza, rischiando che si faccia anche i suoi interessi privati.

          Rispondi

        • Stefania

          07 Maggio @ 22.07

          A parte il fatto che nella maggior parte dei casi è proprio la corruzione che genera incompetenza, mi riporta gentilmente il link di almeno uno di questi fantomatici studi i cui non riesco a trovare alcuna traccia ?? Grazie.

          Rispondi

        • Filippo

          07 Maggio @ 23.03

          Non ho trovato l'articolo della rivista che ho citato, però facendo delle ricerche ne ho trovato un altro, meno autorevole, che però spiega bene quello che penso: http://www.aldogiannuli.it/perche-onesta-in-politica-serve-a-poco/

          Rispondi

        • Filippo

          07 Maggio @ 22.47

          Posso condividere, ma non è necessariamente vero; anche l'errata teoria populista che riempie le bocche pentastellate che l'uomo della strada sia sicuramente meglio di un pubblico amministratore di professione, può fare grossi danni: metta un informatico a caso ad emettere ordinanze facilmente contestabili e ci saranno sprechi di tempo e denaro da parte sia dei cittadini che della pubblica amministrazione. A volte inoltre, uno appare onesto unicamente perché non ha mai avuto occasione per essere tentato: guardi cosa è successo a chi urlava in piazza contro Roma ladrona... Purtroppo l'articolo che ho citato esattamente (perché mi ero annotato le cifre che ho riportato), essendo passati diversi mesi, on line non lo ritrovo più, ma era sulla rivista che ho menzionato: se si rivolge alla casa editrice, sicuramente glielo procura.

          Rispondi

        • Stefania

          08 Maggio @ 09.38

          E' necessariamente vero però che la corruzione, così come il nepotismo generano clientelismo e di conseguenza emerge poi anche l'incapacità di persone messe a comandare posti chiave. A Roma e a Parma la corruzione da parte di pubblici amministratori di professione ha generato un debito assurdo, debito di cui poi noi cittadini siamo chiamati a risponderne. Per ora gli unici studi disponibili e attendibili, affermano che la corruzione in Italia vale oltre 60 miliardi di euro (fonte Corte dei Conti) e che da sola l'Italia produce il 50% della corruzione dell'intera Unione Europea (fonte rapporto Ufficio Europeo per la lotta antifrode), il tutto grazie all'indefesso lavoro dei nostri pluripremiati politici di professione.

          Rispondi

        • Filippo

          08 Maggio @ 14.08

          La maggior parte dei nostri politici di professione, purtroppo, è ben lontano dall'esserne all'altezza. Manca un'alta scuola di amministrazione pubblica, come esiste in Francia e a cui, piaccia o meno, riuscivano parzialmente a supplire quelle di partito. Il problema è tutto qui, ma non lo si risolve pensando che un informatico onesto (tanto quanto un professorone come Monti) sia la soluzione: le tematiche da affrontare quotidianamente sono ben più ardue di quello che vuol far credere il populismo di qualsiasi colore e la tanto decantata onestà a volte è semplicemente mancanza d'occasioni per farsi corrompere.

          Rispondi

        • Davide

          07 Maggio @ 21.57

          Allora avevo letto bene tu preferisci un politico un po' corrotto (si faccia i suoi interessi privati) che un politico incompetente, spocchioso e arrogante e io che ho scritto? Sarai uno del PD sicur....

          Rispondi

        • Filippo

          07 Maggio @ 22.23

          A parte il fatto che hai scritto che metterei sullo stesso piano corruzione e incompetenza (rileggiti, così forse ti capisci), tu invece non sei altro che il grillino medio: chi non è allineato alla "teoria dell'onestà" e' un PD. Beh, mi dispiace deluderti: io, se non si può avere l'optimum, cerco di ragionare sul minimo danno, anziché inseguire il meglio, che quasi sempre è incompatibile col bene.

          Rispondi

    • Filippo

      07 Maggio @ 19.15

      In Italia, probabilmente hai ragione. A Parma, che li ha visti all'opera, credo di no, ma vedremo fra meno di un anno: se vincono, appendo i commenti al chiodo...!

      Rispondi

  • Asterix

    07 Maggio @ 18.27

    Molto bene in questo modo si capiranno come sono andate le cose

    Rispondi

  • Vercingetorige

    07 Maggio @ 15.47

    E se le dimissioni le desse Noè ?

    Rispondi

  • Paolo

    07 Maggio @ 15.07

    paolo.regg@email.it

    Vediamo un po’ la situazione da una diversa angolazione. I Consiglieri, Assessori, Sindaco, ecc. lavorano in centro a Parma (e più centro di così!) e quindi “giustamente” hanno diritto a facilitazioni, come il parcheggio in prossimità del loro ufficio (il Palazzo Comunale) ed anche l’arrivarvi, vista al selva di vari acronimi limitanti l’accesso automobilistico ai cittadini. Per non tacere che lo spazio loro riservato è del Comune, come dire pubblico, di tutti: non dovrebbero dare l’esempio? In centro vi sono vari uffici, negozi ed attività in cui vi lavorano persone non necessariamente residenti nella zona, che però devono raggiungere. Il motto è ora andateci in bicicletta, come se fosse la panacea a tutti i problemi circolatori, oppure che usino i filobus e autobus: giusto. Ma se è un lavoro per i Consiglieri, Assessori, Sindaco, ecc. è pure un lavoro per gli impiegati nelle attività del centro, per cui i casi sono due: o anche i dipendenti privati hanno la possibilità di arrivare e parcheggiare in prossimità del luogo di lavoro; oppure i Consiglieri, Assessori, Sindaco, ecc. vanno alla loro scrivania in bicicletta o autobus in modo esclusivo, non occasionale come quando vogliono mostrare la loro democrazia. È ovvio che non è possibile concedere a tutti i lavoratori privati una concessione come quella ai politici; diventa così altrettanto ovvio che i politici devono fare come i cittadini normali. Anzi loro devono essere più normali degli altri, in modo da capire l’effetto delle loro decisioni. A proposito il primo ministri di una nazione scandinava essendo pendolare va al suo ufficio usando treno e poi bicicletta e viaggia da solo (si pensi a quando si muove il nostro omologo!). Ma lo fa sempre come metodo normale e non soltanto per farsi vedere.

    Rispondi

  • Immanuel

    07 Maggio @ 13.49

    L'argomento ha scarsa rilevanza da un punto di vista "quantitativo" ... ma in un comune 5 stelle e da un punto di vista morale la rilevanza è notevole ! Mi dispiace per i grillini ma fa bene la gazza a insistere.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5