10°

18°

Denuncia

«Mia figlia costretta a mangiare fuori dalla scuola»

«Mia figlia costretta a mangiare fuori dalla scuola»
35

«Sono un genitore del quartiere San Leonardo che ha ritirato la propria figlia dal servizio mensa perché arrivava a casa affamata e nervosa a fronte di un costo non da poco per il servizio. Intendiamoci, sarei disponibile a pagare anche qualcosa in più purché mangiasse bene, con piatti semplici ma invitanti ma così non è». Inizia così lo sfogo di una mamma che si lamenta della qualità dei pasti che vengono serviti all'interno della scuola frequentata da sua figlia. Ma la denuncia non si ferma a questo.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    10 Maggio @ 20.02

    mha! mi sembra una situazione strana, gli altri genitori lamentano i medesimi problemi ? Le mie figlie quando si lamentano della mensa è perché le spingono a mangiare tutti i tipi di verdure e il pesce al venerdì, ma questi non saranno piatti invitanti per i bambini, ma sono quello che bisogna sforzarli a mangiare ( o è meglio l'hamburger , le pizzette, et. etc.)

    Rispondi

  • immaginamiro

    10 Maggio @ 17.20

    Abito nel quartiere descritto dalla mamma che ha scritto la lettera e molto probabilmente (anzi sicuramente) le mie 2 figlie hanno frequentato la stessa scuola della figlia della signora. Con la prima, ormai 7 anni fa, ho combattuto per avere la mensa. La scuola infatti, non avendo allora lezioni pomeridiane non prevedeva il servizio mensa ed io, lavorando non avevo modo di gestire mia figlia. Purtroppo non raccolsi abbastanza adesioni da parte di altri genitori (la scuola si era resa disponibile a fornire il servizio a patto che vi fossero almeno 15 adesioni). Tutto diverso con la seconda figlia, nel frattempo infatti la scuola ha fatto una fantastica offerta formativa con lezione dal lunedì al venerdì e sabato a casa, servizio di compiti pomeridiani e servizio mensa tutta la settimana. Mia figlia è una buona forchetta e non si è mai lamentata del cibo, però quand’era in seconda mi ha chiesto (intorno a marzo/aprile) di non andare più a mensa poichè PREFERIVA mangiare un panino con le amiche nel parchetto davanti a scuola. Lo stesso parchetto descritto nella lettera come covo di spacciatori che si nascondono dietro le siepi alle 13,30 per trovare clienti tra i ragazzini delle medie??? Non credo proprio, forse la signora si riferisce ad un altro parco e altra via. A parte che di siepi non ce n'è (è circondato da condomini, con negozi davanti) è dotato di panche e tavoloni che sembrano messi lì apposta per ospitare picnic. Non conosco la signora ma credo che il suo sia solo un desiderio di notorietà tirando fuori problemi che riguardano solo Lei. E mi stupisco dell sig. Pellacini che evidentemente non conosce le situazioni. E mi stupisco della Gazzetta che ha trovato spazio mezza pagina per una cosa che poteva restare tra le "Lettere al Direttore"

    Rispondi

  • Lillo

    10 Maggio @ 16.53

    Chiunque abbia bambini a scuola da anni avrà notato che i costi sono aumentati e il cibo che viene fornito, sarà forse in piena linea con normative e tabelle nutrizionali, ma è sicuramente molto meno buono che in passato. Indipendentemente dalle abitudini del bambino. E per quanto riguarda la frutta..di solito è talmente acerba o dura (soprattutto quella biologica) che non viene certo voglia di mangiarla. E parla una madre di una famiglia che, passatemi il termine, mangia anche il tavolo quando ha fame! Per quel che conta esprimo un parere fortemente negativo sulla attuale condizione delle mense scolastiche. Francamente capisco coloro che appena possono ritirano i figli dalla mensa.

    Rispondi

  • Massimiliano

    10 Maggio @ 16.15

    Alex, infatti a quanto detto dalla Gazzetta c'è un'indagine dei NAS in corso. Comunque, concordo con la mamma che ha scritto..... Cibo scadente, a volte immangiabile. (e non venitemi a fare la filippica che c'è chi non ne ha ecc ecc ok? ) tanto che, mio figlio spesso (e meno male che fa solo due rientri pomeridiani) quando "pranza" a scuola arriva sempre affamato....... Poi le maestre son preoccupate perché non mangia...... Bimbo, sanissimo, mangia bene e di tutto..... Tranne che a scuola, dove si spendono quasi SEI EURO E PER BEVANDA TI SERVONO L'ACQUA DEL RUBINETTO!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • immaginamiro

    10 Maggio @ 15.00

    Abito nel quartiere descritto dalla mamma che ha scritto la lettera e molto probabilmente (anzi sicuramente) le mie 2 figlie hanno frequentato la stessa scuola della figlia della signora. Con la prima, ormai 7 anni fa, ho combattuto per avere la mensa. La scuola infatti, non avendo allora lezioni pomeridiane non prevedeva il servizio mensa ed io, lavorando non avevo modo di gestire mia figlia. Purtroppo non raccolsi abbastanza adesioni da parte di altri genitori (la scuola si era resa disponibile a fornire il servizio a patto che vi fossero almeno 15 adesioni). Tutto diverso con la seconda figlia, nel frattempo infatti la scuola ha fatto una fantastica offerta formativa con lezione dal lunedì al venerdì e sabato a casa, servizio di compiti pomeridiani e servizio mensa tutta la settimana. Mia figlia è una buona forchetta e non si è mai lamentata del cibo, però quand’era in seconda mi ha chiesto (intorno a marzo/aprile) di non andare più a mensa poichè PREFERIVA mangiare un panino con le amiche nel parchetto davanti a scuola. Lo stesso parchetto descritto nella lettera come covo di spacciatori che si nascondono dietro le siepi alle 13,30 per trovare clienti tra i ragazzini delle medie??? Non credo proprio, forse la signora si riferisce ad un altro parco e altra via. A parte che di siepi non ce n'è (è circondato da condomini, con negozi davanti) è dotato di panche e tavoloni che sembrano messi lì apposta per ospitare picnic. Non conosco la signora ma credo che il suo sia solo un desiderio di notorietà tirando fuori problemi che riguardano solo Lei. E mi stupisco dell sig. Pellacini che evidentemente non conosce le situazioni. E mi stupisco della Gazzetta che ha trovato spazio mezza pagina per una cosa che poteva restare tra le "Lettere al Direttore"

    Rispondi

    • 10 Maggio @ 19.14

      REDAZIONE - E noi ci stupiamo di lei che dà lezioni a tutti ma non ha neppure il coraggio di firmarle

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Universitari, fidanzati, mamme... Le parodie di "Occidentali's Karma"

SOCIAL NETWORK

Universitari, fidanzati, mamme... Le parodie di "Occidentali's Karma" Foto

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Operaio "infedele": usa copia delle chiavi per tornare in farmacia a rubare

langhirano

Operaio "infedele": usa copia delle chiavi per tornare in farmacia a rubare

tg parma

Amministrative 2017, il centrodestra sceglie Laura Cavandoli Video

Sondaggio

"Il Parma andrà in B? Avete fiducia?": prevale il pessimismo, "no" al 63%

Parma Calcio

D'Aversa: "Ognuno di noi deve migliorare se stesso, ne gioverà la squadra" Video

Incidente

Cordoglio per Valeriu Voina, il muratore che scolpiva il ghiaccio

Droga

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

16commenti

PONTETARO

Chiave clonata: i ladri «svuotano» l'auto

1commento

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno i controlli dal 27 al 31 marzo

carabinieri

"Adescato" e rapinato in stazione: due arresti

2commenti

Bogolese

Furti, bloccati tre incappucciati

2commenti

Borgotaro

L'ultimo saluto a Danilo

viabilità

Afflusso alle fiere e due incidenti: lunghe code al casello e verso Baganzola

foto dei lettori

Se un arcobaleno abbraccia un castello Foto

Crisi

Copador, lunedì sciopero di due ore e presidio

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

1commento

FIERE

A MecSpe le novità tecnologiche made in Parma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Siamo uomini o robot?

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

vasto

Uccise l'uomo che investì la moglie: condannato a 30 anni

1commento

londra

Attacco a Londra: ecco chi è il killer Foto

SOCIETA'

IL CASO

Mandano alla madre la tessera sanitaria della figlia scomparsa

3commenti

Medicina

La maggior parte dei tumori è dovuta al caso

SPORT

f1

Australia: nelle libere Hamilton vola, Raikkonen quarto

LIBRO DI GARANZINI

Emozioni del calcio di una volta

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery