ABUSO D'UFFICIO

Nomine al Regio, indagati il sindaco e la Ferraris

Nomine al Regio, indagati il sindaco e la Ferraris
Ricevi gratis le news
66

Svolta nell'inchiesta sul caso Teatro Regio. Il sindaco, l'assessora alla Cultura Laura Ferraris e gli altri tre membri del consiglio d'amministrazione che, nel gennaio 2015, nominarono Anna Maria Meo alla guida del teatro e Barbara Minghetti consulente per lo sviluppo e i progetti speciali sono indagati per abuso d'ufficio. Al centro dell'indagine la procedura che ha portato alla scelta.

Georgia Azzali

Polemiche di fuoco, quando arrivò il doppio «battesimo»: nel gennaio 2015 Anna Maria Meo fu nominata direttore generale del Regio e Barbara Minghetti consulente per lo sviluppo e i progetti speciali. Poi, lo scorso autunno, l'apertura di un'inchiesta su quegli incarichi, coordinata dal pm Giuseppe Amara. E ora si scopre che il sindaco, presidente della Fondazione Teatro Regio, l'assessora alla Cultura Laura Ferraris, anche lei nel board, e gli altri tre membri del consiglio d'amministrazione (Giuseppe Albenzio, Silvio Grimaldeschi e Marco Alberto Valenti) che decretarono le nomine sono iscritti nel registro degli indagati per abuso d'ufficio. Pizzarotti guida la Fondazione, ne è il legale rappresentante, ma presiede anche il cda, di cui fanno tuttora parte Grimaldeschi e Valenti, oltre alla Ferraris. Albenzio, invece, si è dimesso poco meno di un mese dopo le nomine, ma con una giustificazione ufficiale che nulla ha a che vedere con quegli incarichi: «Come risulta anche dal verbale - aveva commentato allora Albenzio alla Gazzetta - ho spiegato al cda di aver accettato l'incarico per dare un contributo, in virtù delle mie specifiche competenze, nella fase di cambiamento della governance e della modifica dello Statuto della Fondazione Teatro Regio. Il mio percorso è concluso».

Ma come si arriva alla scelta di Anna Maria Meo e contemporaneamente all'incarico per la Minghetti? Bisogna fare un passo indietro, ai mesi tra l'estate del 2014 e l'inizio del 2015. L'amministratore esecutivo Carlo Fontana e il direttore artistico Paolo Arcà si dimettono a luglio, ma portano avanti l'attività fino al 31 dicembre. A settembre si apre il «bando per la ricognizione esplorativa» per l'incarico di direttore generale, che si chiude il 4 ottobre: 30 le domande arrivate. La valutazione spetta a a una commissione di tre esperti: Cristiano Chiarot, sovrintendente della Fenice di Venezia, Antonello Zangrandi, ordinario di Economia delle aziende pubbliche dell'Università di Parma, e Alberto Nodolini, per oltre trent'anni direttore artistico della Galassia di Vogue Italia.

Ancora prima che la commissione finisca di lavorare, il clima comincia ad arroventarsi: il senatore del Pd, Giorgio Pagliari, denuncia pubblicamente «interferenze» dell'assessora alla Cultura. E poco dopo sarà sempre l'esponente dem ad andare in procura per segnalare il caso. Comincia il botta e risposta politico, ma intanto la commissione seleziona una rosa di sette nomi da sottoporre al consiglio d'amministrazione: Carmelo Di Gennaro, Angela Spocci, Giuseppe Morassi, Emanuele Masi, Marco Tutino, Alessandro Borchini e Angelo Curtolo. Il 19 gennaio, però, la Fondazione Teatro Regio, seguendo le deliberazioni del cda, fa sapere ai candidati che la «ricognizione esplorativa» si è chiusa senza esito. E una settimana dopo, il cda nomina la Meo, fino a quel momento direttrice organizzativa e amministrativa del Teatro Del Carretto di Lucca, e allo stesso tempo dà l'incarico di consulente alla Minghetti, alla guida del Teatro Sociale di Como e presidente dell'Associazione lirica concertistica italiana.

Ma perché la rosa dei sette (tra cui alcuni con ottimi requisiti) viene totalmente scartata dal cda e la scelta ricade sulla Meo, che non figurava tra i candidati? E poi, come si spiega l'incarico contestuale alla Minghetti, che peraltro i rumors davano come la papabile nuova direttrice? Insomma, perché fare un bando e poi mettere in atto tutt'altra scelta, di fatto chiamando direttamente la Meo? Sono queste le domande al centro dell'inchiesta. Lo scorso dicembre Pizzarotti precisò che si trattava di «una manifestazione d'interesse» non di un bando per la selezione, ma gli inquirenti non sembrano sulla stessa lunghezza d'onda. Ci sarebbero grosse anomalie in quella procedura, tanto da ipotizzare il reato di abuso d'ufficio, previsto per chi «procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto». Dalla procura non trapelano dettagli sull'inchiesta, tuttavia certo è che l'intero cda in carica allora, a partire dal sindaco, è finito sul registro degli indagati. Ma il sindaco commenta: «Sono tranquillo perché è un atto dovuto, che rispetto pienamente. Era già emerso ci fossero indagini in corso in ragione degli esposti del senatore Pd Pagliari. Sarà utile per chiarire la vicenda, con la procura consueto atteggiamento collaborativo. Il mio impegno continua senza esitazione».

L'indagine, portata avanti dalla Finanza, è a uno stadio avanzato. E ora si passerà alla seconda fase: è probabile che vengano sentite alcune persone informate sui fatti ma anche gli stessi indagati. Che, a quel punto, dovranno presentarsi con tanto di avvocato al seguito.

Potranno tentare di spiegare qual è stato l'iter che ha portato a quelle nomine. L'avviso di conclusione dell'inchiesta dovrebbe arrivare nei prossimi mesi. E da quel momento gli indagati - il cui numero potrebbe anche cambiare - avranno 20 giorni di tempo per presentare atti, memorie o decidere di farsi interrogare. Solo dopo, il pm sceglierà se chiedere il rinvio a giudizio oppure archiviare il caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • LaoTzu

    13 Maggio @ 17.14

    Dal Curriculum Vitae dell'assessore della Cultura del Comune di Parma, Laura Maria Ferraris: - Project Leader, Studio di fattibilità e linee strategiche approntamento Programma Volontari, Biblioteca Civico 17, Mortara, Pavia - Project Leader, Sviluppo tecnologia RFID presso Biblioteca Civica Villa Amoretti, Torino - Content Editor, progetto editoriale “I comuni di Italia”, NdR Servizi Redazionali, Torino - Responsabile ICT (Information & Communication Services, per i comuni mortali) e progetti socio culturali Processo informatizzazione servizi. Creazione area gioco e lettura. Nati per leggere. Servizio sostegno migranti e famiglie in difficoltà. Gestione ricerche socio sanitarie. Studio pediatrico dott.ssa Liatti, Torino - Export Consultant Consulente per avvio attività di export Middle East e Far East, Cioccolato Stroppiana, Torino - Project Manager (parola grossa) Corsi di Guida Sicura, Road Show, Incentives,Test Drive, Referente Volkswagen Mobility; Guida Sicura Volkswagen - Guida Sportiva Seat Ciriotti S.rl. Verona - Collaboratore sviluppo attività Dierre; Partner Store; Formazione personale, Revelli Porte S.r.l., Torino E con queste credenziali uno fa l’assessore alla cultura?! Boh...

    Rispondi

  • Knockout

    13 Maggio @ 16.20

    A Torino per un caso analogo, se non peggiore, non si è mossa foglia. La commissione per la scelta del nuovo direttore del Museo arti Orientali aveva fatto una graduatoria, ma Fassino non nominò il primo bensì il terzo classificato. Denuncia pubblica della cons. Appendino, ora candidata sindaco m5s, ma in procura, dove certamente la notizia criminis era arrivata tramite giornali, nulla. La cons. M5s non fece denuncia formale, credo. Chissà perché ? Tanto sapeva che sarebbe stata archiviata subito. L 'inerzia della procura fatto grave, che testimonia il doppiopesismo della banda Anm. I 5s imparino a non avere fiducia nella magistratura e non leghino il destino loro e di tanti altri alle decisioni interlocutorie delle toghe.

    Rispondi

  • Michele

    12 Maggio @ 21.39

    mandra_sala@libero.it

    Quindi.... @Uccio può chiamare Renzi Fonzie. .... e io non posso chiamare pizzarotti pizzarotto ? Tanti dicono che io sono un troll. .... e io non posso dirlo degli altri ? Per la GdP online di Balestrazzi uno non vale uno ?

    Rispondi

    • 13 Maggio @ 06.56

      REDAZIONE - Alla GdP online tu puoi dire solo due cose: 1) grazie per la pazienza e 2) cercate ancora di sopportarmi. Io invece te ne dico solo una: non sono pagato per sopportare te, quindi scegli con che toni proseguire il nostro dialogo, vedi di non rendere ridicolo uno che ha il record dei commenti pubblicati e di non tirare la corda. Il cestino aspetta solo un bulimico arrogante come te (Gabriele Balestrazzi: nome vero e non nickname)

      Rispondi

  • Michele

    12 Maggio @ 19.25

    mandra_sala@libero.it

    @uccio ? Racconta le stesse fantasie !!!! Gli stessi MANTRA !!! A cui non crede nemmeno Bosi. Caro uccio.... il debito è stato CANCELLATO dal tribunale. Non sanato. Pizzarotti doveva ritrattarlo e NON lo ha fatto. La raccolta differenziata.... un FALLIMENTO EPOCALE !!!! Il resto è merito di Vignali, oppure aria fritta. Una giunta vuota a ZERO risultati attivi. Ma di risultati PASSIVI ne han portati tanti..... MA TANTI !!!!

    Rispondi

  • Uccio

    12 Maggio @ 15.00

    Consiglio il sindaco di stare tranquillo e, se ha la coscienza pulita, come credo, non ha nulla da temere. I suoi detrattori ci stanno sguazzando dicendo anche menzogne enormi, come quella che non ha fatto niente per la città; fatti alla mano (nero su bianco con tanto di scaletta cronologica sul sito del comune, non slogan....vedi amianto tolto da tutte le scuole, raccolta differenziata, aumento del turismo più che in tutte le città emiliane, prima città virtuosa di medie dimensioni, 5ª città italiana Smart, impegno personale nel conseguimento del riconoscimento come città Unesco, ecc...). Essere indagato per la denuncia di un senatore PD di Parma, è un atto dovuto, nel senso che in caso di denuncia, i Magistrati devono per forza indagare. In un futuro prossimo potrebbe essere possibile anche che siano indagati numerosi esponenti nazionali del M5S perché denunciati da Fonzie per diffamazione, per cui....essere indagati per denunce fatte da codesti esponenti di un partito alimentato anche, ma non solo, da cene da 1000 € pagate da Buzzi e company, diventa quasi una onorificenza.

    Rispondi

    • Filippo

      12 Maggio @ 20.01

      Ecco uno che crede alle favole...

      Rispondi

    • Vercingetorige

      12 Maggio @ 18.57

      MOLTI NEMICI , MOLTO ONORE !

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

2commenti

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Fidenza

Elena Novaresi: una carriera partita da «Amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video

emergenza

Colorno, arriva la piena. "Via dai piani bassi delle case". Piazza allagata Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

incidente

17enne investito sulla tangenziale a Sanguigna: è in Rianimazione

ospedale

Arresto cardiaco durante l’ora di ginnastica: 15enne salvato al Maggiore

1commento

maltempo

Emergenza elettricità: tante frazioni isolate nel parmense

1commento

ferrovia

Enza esondato: chiuse le linee Parma-Brescia e Parma-Suzzara

1commento

PIENA

Enza, a Casaltone il peggio è passato. "Ma restate lontano dagli argini" Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

4commenti

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

17commenti

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

TRASPORTI

Tep, revocato lo sciopero del 14 dicembre

AVEVA 46 ANNI

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

austria

Esplosione impianto di gas: interrotto il flusso tra Russia e Italia. Calenda: "Oggi stato d'emergenza"

sudafrica

Rissa in carcere, ferito Pistorius

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

4commenti

Sport USA

NBA, altro infortunio per Gallinari

SOCIETA'

fidenza

Coduro, 25 mici a rischio sfratto

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole