21°

36°

IL CASO

Lancio della molotov, tre denunciati

Lancio della molotov, tre denunciati
Ricevi gratis le news
1

Tre giovani sono stati denunciati per il lancio della molotov contro i pusher di via Venezia: sono due reggiani e un parmigiano. La Digos esclude il movente politico.

Roberto Longoni

Hanno la faccia e la fedina pulita i tre giovani denunciati dalla Digos per il lancio della bottiglia incendiaria all'incrocio tra via Venezia e via Naviglio Alto. Nessun precedente, nessuna affiliazione politica (almeno a livello ufficiale): per ora, si escludono perfino simpatie sospette. Gli inquirenti al momento negano in modo categorico il movente politico. I tre nemmeno sarebbero del quartiere più volte sceso per strada per chiedere aiuto contro il perenne assedio degli spacciatori. Anzi, due di loro neanche sono di Parma: R.M. e G.D., per la mezzanotte di fuoco sarebbero venuti da oltre l'Enza.

Uno dei reggiani ha 26 anni, l'altro ne ha 24, così come S.M., l'unico parmigiano del terzetto. Il loro anonimato è durato ben poco per gli investigatori della questura. Poche ore di indagini serrate, e il terzetto è stato individuato dalla Digos, con i nomi che finivano sul registro degli indagati per costruzione di armi e danneggiamento.

I curricula dei giovani e le questioni topografiche affievoliscono, ma non escludono del tutto l'ipotesi del raid razzista. Ipotesi che in un primo tempo sembrava la più credibile, soprattutto per una strana coincidenza: sempre nella notte tra sabato e domenica, verso le 3, è stata data alle fiamme forse con un grosso petardo la cassetta della posta dell'onlus «Svoltare», al civico 6 di borgo Onorato. Il palazzo ospita richiedenti asilo e persone in difficoltà. Accanto ai resti carbonizzati della cassetta della posta sarebbero state trovate anche tracce di benzina. Tra i due episodi (sui quali indagano la Digos della questura e i carabinieri) sembra che non ci siano collegamenti.

Che quella di via Venezia sia comunque stata una spedizione punitiva l'ammetterebbero anche gli indagati. I giovani avrebbero raccontato di un litigio, sempre in quella zona, un paio di giorni prima, con alcuni spacciatori di colore. Se non c'è stata la rissa, poco c'è mancato: lo scontro si sarebbe chiuso con un minaccioso «arrivederci». Può bastare per lanciare una molotov? La versione è difficile da verificare, anche perché i pusher coinvolti nella vicenda si sono ben guardati dal farsi trovare dalle pattuglie della Squadra volante intervenute l'altra notte. Erano a distanza di sicurezza dal tratto di marciapiedi sul quale è stata scagliata la bottiglia incendiaria (tanto che ai denunciati non è contestato il reato di tentata strage). Hanno osservato un po' le fiamme e poi si sono allontanati in sella alle loro bici (si fa per dire, loro, visto che sono sempre rubate): più che preoccupati, infastiditi dalla necessità di traslocare la vetrina dello spaccio di qualche isolato.

E' stato più facile per loro scivolare nell'ombra. I tre, invece, hanno lasciato troppe tracce dietro di sé per sperare di farla franca. Altri, oltre ai pusher, erano per strada in quei frangenti. Innanzitutto il titolare del bar Laguna, all'angolo di via Naviglio Alto, impegnato a pulire il pavimento prima della chiusura del locale. L'uomo ha raccontato di aver visto la fiammata per terra, a pochi metri dal bar. «Lo scoppio è stato sul marciapiedi, ma la fiammata si è allungata su tutta la sede stradale verso la vicina filiale della Banca di Lodi - ha spiegato -. Tuttavia non ha colpito nessuno».

Il commerciante ha subito telefonato al 113. Intanto, un altro testimone avrebbe fatto in tempo a prendere i numeri di targa dell'utilitaria grigia con tre persone a bordo dalla quale sarebbe stata lanciata la bottiglia incendiaria. Le telecamere della zona avrebbero poi fornito altri dettagli fondamentali per la caccia all'uomo.

Forse (le indagini proseguono nel riserbo più assoluto, e non ci sono ricostruzioni certe) l'utilitaria sarebbe stata trovata prima ancora dei suoi occupanti. A bordo, anche una mazza da baseball. Visto che di spedizione punitiva pare che si sia trattato e che l'obiettivo (solo da sfiorare) erano i pusher sorge un altro sospetto. Che quell'avvertimento incendiario fosse legato a una vendita non proprio «corretta»? Potrebbe essere una pista, se gli indagati fossero segnalati come assuntori di stupefacenti. Invece, nemmeno a questa schiera appartengono. La macchia nera lasciata dalle fiamme sul marciapiedi di via Venezia ricorda un'ombra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Berta

    24 Maggio @ 13.34

    Le telecamere italiane (o chi le controlla?? Dubbio legittimo...) sembrano razziste al contrario. Individuano e scatta la denuncia IMMEDIATA solo per gli italiani, gli aventi passaporto estero non li smuove nessuno. Ah, i miei commenti sono tristemente ironici, potete anche pubblicarli ogni tanto....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

tg parma

Charlie Alpha, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta Pasimafi: negata la libertà a Fanelli Video

Le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Tragedia

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

1commento

POLESINE

Cavallo sprofonda nel fango: salvato dai vigili del fuoco Video

CONCORSO

Miss Italia, Bedonia incorona Asia. Secondo posto per Miss Parma Foto

Eletta la quinta delle 11 ragazze che andranno alle prefinali di Jesolo

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

1commento

FONTANELLATO

L'incendio di Sanguinaro visto dal cielo: video

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

3commenti

SALSO

In nove giorni due visite dei ladri

BUSSETO

Auto fuori strada a Roncole: paura per una bimba di 4 mesi

La piccola non è grave

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

PARMA

L'«altro» Ferragosto all'insegna della solidarietà

CALCIO

Parma, domani amichevole con l'Empoli: Gagliolo, Dezi e Insigne osservati speciali Video

Il TgParma fa il punto sulla preparazione della squadra

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

3commenti

Traversetolo

Croce azzurra, volontari cercansi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ATTENTATO

Tra i feriti e i soccorritori sulla Rambla a Barcellona

Bassa reggiana

Violenta brutalmente un minorenne: arrestato 21enne richiedente asilo

2commenti

SPORT

FORMULA 1

Alonso (McLaren): "Senza un progetto vincente lascio"

YOUTUBE

Totti passa la palla a un tifoso... da una barca all'altra

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

1commento

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti