17°

32°

sentenza

Il Tribunale: "Pge poteva riscuotere le multe"

Arrivate le prime sentenza d'appello. Nuovi Consumatori annuncia ricorso in Cassazione

Il Tribunale: "Pge poteva riscuotere le multe"
Ricevi gratis le news
3

"ParmaGestione Entrate poteva riscuotere le multe": lo ha stabilito il Tribunale di Parma, ribaltando le decisioni dei Giudici di pace che in questi mesi avevano dato ragione agli automobilisti. Ad annunciarlo sono stati, questa mattina, sia - soddisfatto -l'assessore Marco Ferretti, sia il presidente del Movimento Nuovi Consumatori Filippo Greci, che ha annunicato il ricorso in Cassazione. 

La posizione del Comune

"In data 23 maggio 2016 il Tribunale di Parma ha pronunciato le prime 12 sentenze di appello con le quali ha riconosciuto che Parma Gestione Entrate era ed è sempre stata pienamente legittimata alla riscossione delle entrate del Comune di Parma.

In tal modo, il Magistrato ha confermato la piena legittimità delle ingiunzioni originariamente annullate in primo grado dai Giudici di Pace. Il Tribunale, in particolare, ha fatto rilevare che l’interpretazione data dalle sentenze appellate “viola macroscopicamente” il principio generale “di civiltà giuridica” di non retroattività della norma emanata successivamente.

In sostanza, il Tribunale ha ritenuto che le norme richiamate dai giudici di pace non potessero essere applicate a Parma Gestione Entrate in quanto entrate in vigore successivamente alla sua costituzione ed all’affidamento del servizio di riscossione.

Questa è sempre stata la tesi sostenuta da Parma Gestione Entrate e dal Comune di Parma. Ora confermata dalla Magistratura".

La posizione di Movimento Nuovi Consumatori

"Con riferimento alla sentenza in allegato siamo a comunicare quanto segue.
A differenza del sindaco Pizzarotti che comunica con ritardo le proprie vicende giudiziarie, comunichiamo che nella data di ieri il Giudice del Tribunale di Parma, d.ssa A.Ioffredi ha ribaltato le sentenze emesse dai GDP di Parma in ordine alla vicenda di Parma Gestione Entrate.
E’ di fatto una sentenza che solleva molte perplessita’ e dubbi in fatto ed in diritto e non tiene conto di tutti gli aspetti, anche le indagini penali, che stanno interessando la predetta societa’ e che sono tutt’altro che chiuse.
Aspetti ben noti all’associazione, ma che per rispetto del segreto istruttorio e per il lavoro duro e complesso portato avanti dalla Procura di Parma, non divulgheremo, anche se, umanamente, e’ molto arduo trattenersi dal farlo.
Sorprende anche il fatto che le unanimi sentenze vittoriose ottenute avanti tutti i Giudici di Pace di Parma, siano state disattese.
Vi e’ da chiedersi se codesti giudici onorari, tutti quanti avvocati peraltro, abbiano la preparazione e la professionalita’ per attendere al loro ruolo, giacche’ o peccano di mala fede oppure si appalesano ignoranti.
Ed allora dovrebbero essere rimossi dal loro ruolo immediatamente, poiche’ non in grado di amministrare Giustizia.
Trentasei pagine di sentenza emessa dai GDP nelle prime pronunce, a fronte di sette pagine di sentenza del Giudice Togato , sembrerebbero, tuttavia, smentire il poco impegno e l’ignoranza dell’ufficio dei GDP di Parma.
Sorprende anche, ma non meraviglia affatto la rapidita’ con la quale la d.ssa Ioffredi ha deciso una causa molto complessa, come dalla stessa ammesso in sentenza: in meno di sei mesi , infatti, il ricorso depositato da PGE e’ stato deciso.
Cio’ a differenza di altri magistrati del locale Tribunale, i quali, vista la mole di lavoro pendente e la complessita’ della causa, hanno rinviato le cause d’appello promosse da PGE e dal Comune di Parma al 2017 ed al 2018 per la decisione finale
L’eccezionalita’ della rapidita’ con cui e’ stata emessa la sentenza si apprezza solo se si pensa ai ritardi che si accumulano per ottenere una pronuncia, ritardi dovuti all’enormita’ del contenzioso civile pendente ed alla scarsita’ di uomini e mezzi di cui puo’ disporre il nostrano Palazzo di Giustizia: ci basta citare una altra causa, in altro ambito, iniziata dall’associazione nel 2012, rinviata al 2019 e che non vedra’ la sentenza prima del 2020.
Non ci soffermeremo, poi, sul merito della sentenza emessa, giacche’ le sentenze si impugnano, non si commentano.
Ma preannunciamo di aver avuto mandato dai nostri associati, per ricorrere immediatamente in Cassazione; associati i quali hanno ben compreso che ormai non si tratta piu’ di una questione di semplice diritto, ma di ben altro; associati che ringraziamo poiche’ hanno compreso ed apprezzato l’enorme sforzo profuso dai legali della nostra associazione.
Associati che troveranno Giustizia lontano da Parma, con le inevitabili implicazioni consequenziali."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    24 Maggio @ 21.41

    le multe non piacciono a nessuno ma se si sbagli si deve pagare.

    Rispondi

  • Massimiliano

    24 Maggio @ 13.32

    Questa è una sentenza "non sentenza", pare più l'essenza di un qualcosa di politico studiato ad hoc.... Anche a me stupisce la celerità della sentenza... Io personalmente per una causa di lavoro, prima di averla vinta, ho dovuto aspettare ben TRE ANNI..... Qui SEI MESI SONO STATI SUFFICIENTI PER DARE AMPIAMENTE RAGIONE a PGE....... È un brutto colpo per il Movimento Nuovi Consumatori, che si è battuto alacremente e gratuitamente.......

    Rispondi

    • Oberto

      24 Maggio @ 21.40

      io devo ancora conoscere qualcuno che lavora gratuitamente...

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti