20°

36°

protesta

Via D'Azeglio si risveglia nel degrado

Via D'Azeglio si risveglia nel degrado
Ricevi gratis le news
19

Accade il sabato mattina dopo la movida del venerdì. Passeggi per via D'Azeglio, dalle due torri all'Ospedale Vecchio, tra belle vetrine e a un certo punto l'aria diventa irrespirabile: segni di pipì della notte prima ovunque. E pensare che c'è persino una multa di 450 euro per chi la fa fuori «dal vaso». E i commercianti sono costretti a pulire.

Mara Varoli

Dalla sera alla mattina, via D'Azeglio cambia faccia. Nessuna polemica contro la movida, anzi è il segnale di un risveglio che mette allegria, per cui, pur con tanto rispetto per i residenti, plauso a chi sta dietro al bancone e riesce a coinvolgere tanti giovani, per mostrare che finalmente la città torna a vivere. La tirata d'orecchie stavolta è per chi la «baracca» la fa: maschi e femmine, forse anche stranieri, che hanno una cattiva abitudine: quella di fare la pipì per strada.

Il venerdì sera

Ore 23,15 di venerdì sera: il taxi per raggiungere piazzale Santa Croce attraversa l'Oltretorrente nella sua strada più caratteristica, che tanto piace ai turisti. L'Annunciata, l'Ospedale Vecchio fino alle torri dei Paolotti. E' già sul ponte di Mezzo si intravede la movida: ben venga una via D'Azeglio finalmente animata, piena di ragazzi. Un ritrovo per universitari e non, più italiani che extracomunitari. Una via talmente popolata a quell'ora che la macchina fatica a passare e si deve fermare, proprio mentre incrocia una volante, nel suo giro di routine. E meno male, un controllo in più non fa mai male, soprattutto se c'è chi alla movida alza un po' troppo il gomito. Ben venga anche la compagnia e ben venga questo viavai, che dopo il letargo invernale dà un po' di luce ai baristi della zona. Ma la brutta sorpresa arriva il giorno dopo: una bella mattina di primavera.

Il sabato mattina

E' sabato, all'Annunciata c'è il mercato bio e l'idea di fare due passi diventa ancora più stimolante. Tanto più che se uno ha bisogno di un orlo per i pantaloni, di un nastro per le tende dove le trovi più a Parma queste botteghe? In Oltretorrente, chiaramente, ancora ricamato da sartorie, mercerie, vetrine artigianali e con firme.

Ore 10: breve sosta allo storico negozio di fiori che guarda verso piazzale Santa Croce e poi via, si passa davanti alla biblioteca delle due torri e ci si incammina verso quella meraviglia architettonica che è l'Ospedale Vecchio. Ma molto prima, ancora prima di vicolo Santa Maria, ci si stupisce che i marciapiedi che servono l'ingresso di alcuni negozi siano bagnati, non per la pioggia ma perché i commercianti vanno di spazzettone. Pochi secondi e si capisce tutto: l'odore è forte, sempre più nauseante, nemmeno favorito da un caldo torrido. E quando sarà estate? Il fetore della notte prima è talmente fastidioso che per sopravvivere bisogna trattenere il respiro: si accelera il passo e in apnea si supera l'Ospedale Vecchio. Solo nei pressi della vecchia ex Standa si ritorna a passeggiare, ma l'entusiasmo con cui è iniziata la giornata è già sparito.

I commercianti

Fa male vedere l'Oltretorrente soffrire, fa male trovarlo così sporco, così maltrattato, così degradato: «Purtroppo, capita spesso di dover lavare il marciapiede alla mattina - conferma Massimo Fava del «Free Sport» -. Quando inizia la bella stagione comincia anche il bordello, ma non c'è nessun rispetto della città. Non c'entrano gli extracomunitari: il malcostume di pisciare per strada è di uomini e donne. E' un brutto segno: un segno di degrado sociale. E non mi risulta che vengano date multe».

Servono multe salate

E pensare che per chi la fa fuori «dal vaso» ci sono sanzioni salatissime. Già il 15 luglio dell'anno scorso sulla «Gazzetta» annunciando il regolamento di polizia urbana avevamo pubblicato che in merito all'articolo 19 è vietato «Compiere atti o esporre cose, in luogo pubblico o ad uso pubblico, contrari alla nettezza o al pubblico decoro o che possano recare molestia, disgusto, raccapriccio o incomodo alle persone, o essere causa di pericoli o inconvenienti, nonché soddisfare esigenze corporali fuori dai luoghi a ciò destinati». E oggi che quel regolamento è legge, basta consultare il sito del Comune nella ricerca atti delle delibere di giunta per sapere che la diffida va da 25 a 500 euro, ma la vera sanzione è di ben 450 euro, per «Chiunque soddisfa le esigenze fisiologiche fuori dai luoghi deputati o compie atti di pulizia personale od esibisce parti intime del corpo in luoghi pubblici o aperti al pubblico». E quindi anche per chi piscia per strada. Qualche sanzione è già arrivata, in particolare nella zona che va da via Garibaldi alla Piazza. Chissà se presto le multe «pioveranno» anche in via D'Azeglio?

Intanto dal Comune fanno sapere che presto verranno migliorati i servizi igienici pubblici, dal punto di vista dell'accessibilità e del presidio, anche se il vero problema è a monte: ma a chi verrebbe in mente, per usare le parole della municipale, di soddisfare le esigenze fisiologiche sotto i portici dell'Ospedale Vecchio? «A me non verrebbe mai in mente - interviene Elvis Bonardi, titolare del «Papino» -: è una questione di educazione. E non c'entra niente il bianco o il nero. Sta di fatto che la mia commessa mi ha detto che ha dovuto pulire il marciapiede perché c'era molto sporco: e non solo pipì. Forse si potrebbero mettere dei bagni chimici, ma soprattutto speriamo che si inizi davvero a dare le multe a chi non ha rispetto per la città e per gli altri». L'ultima parola a un negoziante che in via D'Azeglio c'è da quarant'anni: «Tutte le mattine dobbiamo lavare il marciapiede - conclude Gian Franco Anghinetti de «La Scarpa» - e in vicolo Santa Maria non si respira. Il problema è molto grande, ma nessuno lo vuole risolvere: vengono multate solamente le macchine in divieto di sosta. Ma ormai è tardi per fare qualcosa: la situazione è scappata di mano. Alla notte qui fanno di tutto: uomini che fanno la pipì contro le vetrine e donne che la fanno in piedi. E di giorno non c'è più nessuno che passeggia in via D'Azeglio. E noi commercianti finiamo al macello. Ma io dico: che divertimento c'è quando procuri così tanto danno agli altri?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Viola

    30 Maggio @ 12.16

    Al di là del degrado al quale con capacità di chi amministra si potrebbe rimediare, quello che proprio non capisco è che pur essendoci la crisi, un tasso di disoccupazione altissima giovanile, scorrono però tutti sti soldi. Qualcosa non mi torna o non la contano giusta.

    Rispondi

  • Fede

    30 Maggio @ 05.43

    È da quattro anni che Parma affonda nel degrado.....

    Rispondi

  • Indiana

    29 Maggio @ 21.15

    Indiana

    Ma l'importante è scandalizzarsi e multare quei poveri cani che fanno pipì perché a differenza della specie umana loro non possono farla nei bagni dei bar dove bevono! Perché sti bevitori non espletano nei bar dove acquistano il bere? E i bagni pubblici non esistono più?

    Rispondi

  • salamandra

    29 Maggio @ 16.57

    Se per caso la notizia fosse stata che i vigili avevano dato delle multe a chi sporcava ovviamente buona parte dei commenti sarebbero del tenore "eh sì e intanto chi vende droga non li tocca nessuno etc. etc."

    Rispondi

  • Michele

    29 Maggio @ 13.19

    mandra_sala@libero.it

    Ma come.... il sindaco scrive una letterina alla GdP dove dice che va tutto bene.... gli xbitanti di via dazeglio "percepiscono" degrado, ma nella realtà il degrado non esiste. Anche il piccolo sfregio alla vecchia auto del sindaco è solo percepito.... non è reale.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

AMICHEVOLE

Stasera il Parma affronta l'Empoli al Tardini

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti