11°

OMICIDIO MAZZA

La nuova vita di Katharina, il vino e..il matrimonio

La nuova vita di Katharina, il vino e..il matrimonio
Ricevi gratis le news
5

Trent'anni dopo l'omicidio di Carlo Mazza e tre anni dopo essere tornata definitivamente in libertà, ecco la nuova vita di Katharina Miroslawa a Vienna. L'ex ballerina, condannata a 21 anni e mezzo, parla alla «Gazzetta»: «Lavoro, ho trovato l'amore e voglio risposarmi». Questa e altre rivelazioni: leggi l'intervista.

Georgia Azzali

Tre anni dopo la libertà. Trenta dall'inizio. Da quei due spari nella notte a Carlo Mazza. Da quando Katharina Miroslawa diventa la dark lady. L'amante che si trasforma nella regista dell'omicidio per mettere le mani sul bottino. Ci vogliono sei processi tormentati per chiudere il cerchio: colpevole. Per una condanna definitiva che però non ha mai fatto indietreggiare l'ex ballerina di un millimetro, anche dopo aver pagato il suo debito: 12 anni di galera e uno in affidamento ai servizi sociali. «Io non mi sento pregiudicata, perché so di non aver fatto nulla, di essere stata condannata senza prove. Ma non scrivete più nulla, altrimenti dicono: "Sempre la Miroslawa...", dice al telefono da Vienna, dove vive dall'estate del 2013, dopo aver lasciato Venezia, la città in cui ha scontato gran parte della pena. Si schermisce, ma la sensazione è che la rabbia si stia diluendo. Che sia rimasto il grumo duro dell'amarezza, però il tono è pacato. C'è qualcosa che la fa stare bene, nonostante tutto. Lo intuisci dalla voglia che ha di parlare di futuro, da quelle risatine che interrompono il flusso delle parole. «Pensavo di essere diventata "immune", di voler vivere da sola per il resto della mia vita. Non che volessi farmi suora, nonostante il mio percorso di fede, ma ho incontrato una persona con cui sto benissimo. Un vero compagno di vita. Sì, mi risposo, ma la data non è ancora stata fissata. E poi, chissà, magari andremo a stare in un posto lontano dall'Europa, dove si possa vivere tranquilli, senza il bisogno di ostentare».

A 54 anni, è decisa a rimettersi la fede al dito. E lo farà in chiesa. Perché con Witold Kielbasinski, da cui ha divorziato nel marzo 2014, era sposata solo civilmente. «Ci tengo: voglio essere fedele ai miei principi. L'abito bianco? Non esageriamo. Cercherò di essere sobria ed elegante. Credo di avere buon gusto».

Intanto, in sottofondo si sente la voce del compagno. Origini svedesi, qualche anno più di lei, è il responsabile vendite per una grande fetta di paesi europei di un'azienda viennese del settore informatico. L'identikit del nuovo uomo di Katharina. Niente nome, per ora. «E' bello, divertente, simpatico e sensibile. Parla anche un po' l'italiano - racconta -. L'ho conosciuto qui a Vienna, più o meno un anno dopo essere arrivata. Ha insistito anche solo per avere il mio numero, perché proprio non ne volevo sapere».

E il passato? La sua storia con Mazza, la gelosia esasperata di Witold, il delitto, i processi, la latitanza, la condanna, il carcere: è il film della storia della Miroslawa. Le ombre con cui anche il nuovo compagno deve fare i conti. «Lui sa tutto e fin dall'inizio ha creduto in me. Ha letto anche il libro («Peccato», il volume che Katharina ha scritto con Rody Mirri, ndr) e più volte l'ho visto piangere. Soffre per me, mi spinge a chiedere la revisione del processo, ma lui ha una visione idealizzata della giustizia».

Quella che lei ha sepolto definitivamente nel '93, quando la Cassazione l'ha condannata a 21 anni e mezzo. Poi, quei tentativi falliti (e piuttosto lacunosi, per la verità) di far riaprire il processo. Certo, potrebbe riprovare a chiedere la revisione. Ma a distanza di trent'anni dall'omicidio, tutto si fa inevitabilmente più complicato. Trovare i testimoni, ricomporre i pezzi di un mosaico oscurato dal tempo, è un'impresa difficilissima. Anche la confessione di Witold, che si era autoaccusato dell'omicidio tredici anni dopo scagionando del tutto la moglie, è già stata considerata ininfluente dai giudici e comunque arrivata fuori tempo massimo. E la Miroslawa sa tutto questo. Il passato ha cancellato le illusioni. «Io so di essere innocente. E chi mi conosce bene sa che lo sono. A chi devo rendere conto? - dice -. Quella sentenza è un'ingiustizia e vorrei fosse riscritto un finale diverso. Dovrei mettermi alla ricerca dei testimoni, ma da quando sono tornata libera ho dovuto pensare a me stessa, ricostruire la mia vita. Poi, parliamoci chiaro, per preparare una buona richiesta di revisione ci vogliono tanti soldi, perché serve un ottimo avvocato. E io non li ho. Non è più come negli anni '90, quando ero latitante, ed ero riuscita a trovarli, a farmi aiutare».

Lucida. Realista. Ha imparato dalle sconfitte brucianti, Katharina. Le stesse che però le hanno insegnato anche a rimanere in sella. A guardare avanti, nonostante tutto. Un nuovo eventuale processo non è più un'ossessione, come lo era negli anni alla Giudecca e appena uscita dal carcere. E' un'idea che non ha accantonato, ma ora prima di tutto vengono gli affetti e il lavoro. Continua a fare la traduttrice per un'azienda informatica di Vienna, ma ormai il suo nuovo orizzonte è un altro: agente di commercio nel settore vinicolo. «Ho cominciato da tempo a promuovere vini italiani, soprattutto prodotti di nicchia, ricercati, di case meno conosciute, ma che qui possono avere più mercato. E sto per diventare completamente autonoma - spiega -. Lavoro con ristoranti, negozi, privati. Ho già fatto diverse presentazioni, e devo dire che è un lavoro interessante. Vorrei anche ampliare la gamma dei prodotti alimentari, portare anche il Prosciutto e i salumi emiliani, che qui non sono molto diffusi».

E' ripartita da zero. E ha riallacciato i fili degli affetti. Quello con il figlio Niki, che ha 36 anni e vive ad Amburgo, non si è mai interrotto, ma la libertà le ha dato modo di scoprire un uomo coraggioso, che ha saputo cavarsela da solo. «E' grande, ha una bambina di 9 anni, e io sono già nonna. Ormai non ha più tanto bisogno di me, ma siamo rimasti in contatto anche nei tempi più bui». E quell'altra figlia che sarebbe nata durante la latitanza? «Una delle favole messe in giro in quel periodo. Mi sarebbe anche piaciuto, ma non esiste».

Gli anni della fuga. In giro per allontanarsi dalla condanna. Che ha scontato. Ma non potrà mai accettare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    19 Agosto @ 10.05

    Secondo me, Katharina non ce l’ha ancora raccontata giusta sulla morte di Carlo Mazza. Ormai la vicenda giudiziaria è definitivamente chiusa, ma , a me, i dubbi restano. Credo che il movente più probabile del delitto fosse l’assicurazione sulla vita per un miliardo di lire, stipulata da Mazza a favore di Katharina, e che non è mai stata riscossa, perché non può beneficiare di un’assicurazione sulla vita chi abbia ucciso l’assicurato. L’assicurazione sulla vita è una delle “garanzie” che gli usurai chiedono ai loro debitori. Come a dire : “Guarda che , se non paghi , riscuotiamo la tua assicurazione sulla vita”. Diversi parmigiani, a quel tempo, si rivolgevano ad usurai di Modena, da dove Katharina proveniva. Poi, gli assassini di Carlo Mazza, mi pare fossero in tre. Nessuno dei tre era mai stato a Parma, nessuno dei tre parlava una parola di italiano. Ebbene, questi tre sarebbero arrivati a Parma nel cuore di una notte infernale, durante la quale cadde mezzo metro di neve, e sarebbero andati dritti filati in via Turchi, ad uccidere Mazza, quando anche molti parmigiani non sanno dove sia via Turchi. Ormai la vicenda giudiziaria è definitivamente chiusa, ma, forse, Katharina non ha ancora rinunciato del tutto al sogno di una revisione del processo, perché , se fosse assolta, potrebbe chiedere di incassare quell’ assicurazione. Un miliardo di lire, che, con rivalutazione ed interessi, diventerebbero diversi milioni di euro.

    Rispondi

  • Massimiliano

    19 Agosto @ 01.36

    @rivolta di atlante, ma almeno sai quel che dici??? Sai di che parli? Informati prima.....

    Rispondi

  • Massimiliano

    18 Agosto @ 14.08

    Comunque, dopo aver scontato la pena, penso che una persona non debba essere identificata per il reato commesso, ma per nome e cognome. "OMICIDIO MAZZA" marchierà a vita questa donna che è stata punita per il reato che (forse) per la giustizia italiana ha commesso. Sarebbe meglio chiamarla Katharina Miroslava, non credete?

    Rispondi

  • Massimiliano

    18 Agosto @ 12.00

    Quanti ricordi di ragazzino......

    Rispondi

  • la rivolta di atlante

    18 Agosto @ 06.10

    la rivolta di atlante

    SE IL MARITO SGARRA SA COSA GLI ASPETTA ......... AUGURI.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS