12°

ALLARME

Crollano le donazioni di sangue nel Parmense

Crollano le donazioni di sangue nel Parmense
Ricevi gratis le news
4
 

Crolla nel parmense la donazione di sangue e il sistema della raccolta riesce ormai a coprire a filo il solo fabbisogno provinciale, rendendo difficile l’invio di sacche alle regioni bisognose.

Nei primi sette mesi del 2016 sono state 15.253 le donazioni, a fronte delle 15.492 dello stesso periodo del 2015.

Un calo continuo, se confrontato con i primi sette mesi del 2010, quando le donazioni toccavano quota 17.000.

«Siamo vicini all’emergenza, per il calo progressivo di donatori iniziato nel 2010. Da allora si è perso il 18, 5 per cento delle donazioni, quasi una su cinque – spiega Alessandro Formentini, direttore del Centro trasfusionale provinciale, presso l’Azienda ospedaliero universitaria di Parma – In parallelo però sono calati anche gli utilizzi, grazie al miglioramento delle tecniche terapeutiche e, purtroppo, per il fatto che con la crisi imperante la gente si cura di meno».

«La nostra fortuna è avere associazioni del dono che rispondono bene e hanno consentito di non arrivare mai davvero a condizioni di emergenza» sottolinea il direttore.

Se il sistema di raccolta continua a garantire l’autosufficienza provinciale, il parmense inizia a non inviare più alle regioni bisognose tutte le sacche previste dalle convenzioni siglate: lo scorso anno ne sono mancate 70; nel luglio 2016 siamo già a quota 50.

La crisi delle donazioni quest’anno si evidenzia soprattutto in città, dove si è passati dalle 4.680 dei primi 7 mesi del 2015 alle attuali 4.423.

Un calo significativo se confrontato con le 4.075 donazioni del 2010. Nello stesso periodo in provincia si registrano per il 2016 10.830 donazioni, 18 in più rispetto alle 10.812 del 2015. Ma nel 2010 la provincia esprimeva ben 12.896 donazioni.

Questo calo viene imputato anche alla riorganizzazione della raccolta avvenuta nel 2014 (si persero in pochi mesi circa 600 donazioni), che aveva condotto alla chiusura di 15 piccoli centri di raccolta, soprattutto nelle zone montane, mentre rimanevano aperte le sedi associative.

Una decisione assunta dall’Avis provinciale, dopo l’emanazione delle linee guida nazionali e regionali volte all’adeguamento strutturale dei punti di raccolta comunali, con conseguente riduzione dei costi legati al mantenimento.

Oggi, a due anni di distanza, ci sono zone montane nelle quali la raccolta si è praticamente interrotta, come la Val Parma, dove hanno chiuso Monchio, Lagrimone, Tizzano, Palanzano e Neviano. Nella Val Ceno si dona solo a Varsi, essendo stati chiusi i centri di Bardi, Pellegrino, Bore e Varano. Nella Val Taro sono stati chiusi Tornolo e Compiano e la raccolta si svolge a Bedonia e Borgotaro. In Val Baganza hanno chiuso Calestano e Terenzo, ma si può donare a Felino o Sala Baganza. Nella Bassa parmense invece hanno chiuso Polesine e Pieve Ottoville.

La riorganizzazione ha originato una mozione dei sindaci della provincia, che poco più di un anno fa hanno sottoscritto un documento, nel quale appoggiavano la richiesta delle sezioni Avis locali di mantenere aperti i punti di raccolta, che non ha mai ricevuto risposta.

Insieme alla riorganizzazione dei punti di raccolta, nel parmense è stata introdotta un’ulteriore novità, il metodo della prenotazione della donazione, che per ora rimane comunque facoltativa.

In questo tempo di polemiche e incertezze torna alla ribalta anche la storica rivalità tra Avis e Adas, che condusse al mantenimento del punto di raccolta presso il Centro trasfusionale dell’ospedale Maggiore, nonostante fosse stato creato nel 2009 a San Pancrazio quello che doveva essere l’unico punto prelievi della città, legato ad una sola delle associazioni del dono locale, l’Avis.

Le cifre

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gigi

    25 Agosto @ 22.54

    Io direi un bravo a chi ha avuto l'idea fallimentare di chiudere tanti centri di raccolta senza ascoltare la gente. Come SEMPRE in Italia le cose che funzionano vengono distrutte da incapaci raccomandati. Per quanto riguarda le campagne, nelle province la cosa si tramandata di generazione in generazione, l'Avis è una famiglia, è congregazione, ma....poi subentra il discorso di prima...che disastro. ..

    Rispondi

  • Bastet

    25 Agosto @ 22.49

    Chiudono i centri ...ma poi non si dovrebbero lamentare!...non tutti possono prendere l'auto (ammesso che sia in loro possesso)...Non tutti possono contare su qualcuno che riesca ad accompagnarli (la gente lavora....se doni tu sei in permesso...ma se accompagni no!e non sempre è possibile).I servizi nelle e alle comunità montane non vanno levati!Ma semmai aggiunti!

    Rispondi

  • Enzo

    25 Agosto @ 13.44

    Quando avis e Adas la pianteranno di farsi la guerra tornerò a donare. Per ora non torno.

    Rispondi

  • Pasquale

    25 Agosto @ 13.41

    Si dovrebbe (ma magari gia' lo fanno) fare campagne a tappeto nelle scuole. A me e molti miei compagni avevano reclutato cosi' alle superiori (Ulivi). Poi qualcuno si perde per strada, ma credo che sia una strada da battere.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

bullismo

polizia

Giovanissimi e violenti: denunciati due bulli 19enni

Una delle vittime massacrata per aver raccolto un rifiuto a terra

tg parma

Fra la gente di Colorno, tutti al lavoro contro il fango Video

solidarietà

Lentigione, i volontari parmigiani al lavoro per liberare le case dal fango Foto

alluvione

Rischio nuova piena: evacuazione totale di Lentigione Foto

Due intossicati a causa di un generatore elettrico

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Montagna

Corniglio, «class action» contro Enel?

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

grosseto

Abusa della figlia di 5 anni, arrestato

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260