Lutto

Addio a Ada Bernini, una colonna di Berceto

Il ricordo del sindaco Lucchi: «Una vita piena di dolore e coraggio»

Addio a Ada Bernini, una colonna di Berceto
Ricevi gratis le news
0
 

E' morta ieri Ada Bernini, nota e amata commerciante di Berceto. Aveva 72 anni. Era la sorella di Livio, storico collaboratore della «Gazzetta» scomparso nel 1985. I funerali si svolgeranno domani alle 15 in Duomo, con partenza dall'ospedale di Borgo val di Taro alle 14.20, verso il cimitero locale. Stasera sarà recitato il rosario alle 20 nel Duomo di Berceto. Ada lascia il figlio Paolo con Daria e Sophie, la sorella Rosanna con Armando e la nipote Arianna con Andrea. Pubblichiamo di seguito un accorato ricordo del sindaco di Berceto.

E' morta Ada Bernini. Una perdita amara. Ritornano alla mente i tanti ricordi vissuti avendo frequentato come scolaro la sua cartoleria e successivamente la sua edicola/paninoteca. Ci conoscevamo da una vita e ogni giorno ci vedevamo. Negli ultimi mesi però non capitava più. Mesi di sofferenza, apprensione, ospedale e cure e poi la sua morte che procura tristezza a tutto il paese e ai tanti villeggianti che la conoscevano.

Non mi era mai capitato, per la morte di altri miei concittadini. Ma con Ada, appresa la notizia, ho sentito impellente il desiderio di recitare un «Eterno riposo», al Santuario della Madonna delle Grazie.

Ada era devota alla nostra Madonna e sono convinto, da credente, che le abbia sempre dato la forza di «sopravvivere» a disgrazie che difficilmente si abbattono su un’unica famiglia, su un’unica persona come è successo a Ada.

I suoi genitori, a distanza di poco tempo l’uno dall’altro, sono morti quando lei era una ragazzina e da subito ha dovuto diventare mamma dei suoi due fratelli e della sorellina Rosanna.

Ada, come detto, la conoscevo perché aveva continuato, in piazza San Moderanno, l’attività dei genitori che avevano una cartoleria, e io da scolaro andavo a comprare pennini, quaderni, righelli. Aveva il materiale scolastico più moderno, rispetto ad altre cartolerie di Berceto. La cartoleria, seguendo le esigenze del paese negli anni del benessere, si è col tempo trasformata anche in profumeria e perfino in rivendita di giocattoli. La mia generazione (1955) a Berceto è stata la prima che poteva giocare con giocattoli fabbricati e in vendita, non costruiti in casa.

La Piazza, in quegli anni, era il cuore del paese con Franco e l’Ida che avevano il bar San Moderanno aperto dalle 4 del mattino, Tanzi con tutta la sua mercanzia elettrica e soprattutto l’Elvira Brusini con il suo negozio di alimentari e le famose pesche che ancora popolano le menti dei golosi.

Sono anche diventato amico di un fratello di Ada, Paolino (detto Linetto). Inizialmente per motivi politici, essendo lui iscritto al Psi come me, giovane attivista e poi segretario di sezione. Linetto era simpaticissimo e in compagnia con lui, anche se molto più adulto di me, si stava bene. Avevamo perfino organizzato una gita in Jugoslavia nel 1972. Linetto un giorno ha smesso di fare l'autista della Tep per diventare autotrasportatore. Nell’ottobre 1985 un incidente mortale se l'è portato via per sempre, lasciando l'intero paese immerso nel dolore.

Ada, da quel giorno, aveva smesso di sorridere. Aveva perso un fratello, dopo i genitori, ma in definitiva, contemporaneamente, anche un figlio visto che era lei la mamma di tutti i suoi fratelli.

La mia attività politica di Berceto e la sua attività di corrispondente della Gazzetta mi hanno portato a frequentare, diventandone molto amico, l’altro fratello di Ada: Livio.

Con il suo aiuto e l’amministrazione Bettoni, per diversi anni, riuscimmo a far diventare Berceto il centro del mondo con la frequentazione di tanti giornalisti e reti televisive. Il tutto era culminato, come apoteosi, l’11 settembre 1988 con il gemellaggio con i Lakota (Sioux).

Terminava, invece, con una tremenda disgrazia il 22 luglio 1996, la vita di Livio Bernini.

Sono stato vicino a tutti i familiari di Livio, che era un grande amico, tranne che ad Ada. Avevo un malsano pudore e con lei non ho mai parlato di Livio. Quando la vedevo fuori dal suo nuovo locale edicola/paninoteca, ed era raro, mi sembrava di percepire, più che sul suo volto, sulle sue spalle, tutti questi macigni, quei dolori che una vita ingrata le aveva riservato. Anche in questi mesi pensavo spesso ad Ada. Non chiedevo notizie. Non l’andavo a trovare. Volevo dimenticare lei per dimenticare i suoi dolori. Le sue spade nel cuore.

Quando sai che una persona ha sofferto così tanto come Ada ti senti impotente, non ritieni opportuno parlare, perché non ci sono parole che possano dare consolazione. Preferisci farti scusare da lei con la scusa del carattere estroverso. Lei ti vuole bene e tu resti in silenzio, pensando che tuo fratello Piero, i suoi amici e amiche, hanno potuto strappare ad Ada un sorriso nelle festicciole che organizzavano.

Voglio ricordarla con questo sorriso che non ho visto.

Voglio, a nome di tutti i miei concittadini, essere vicino al figlio Paolo, alla nuora, all’adorata nipotina Sophie, alla sorella Rosanna e al marito Armando con la loro figlia Arianna.

Un abbraccio forte al nipote Rocco, figlio di Livio Bernini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'impressionante eruzione del vulcano in time-lapse

Filippine

L'impressionante eruzione del vulcano in time-lapse

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

3commenti

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

7commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

3commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

5commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

INSERTO

Speciale Sposi: guida al giorno del «sì»

ITALIA/MONDO

BANGKOK

Mistero in Thailandia: ucciso un italiano, si cercano l'ex moglie e il suo amante

MILANO

Tassista abusivo violenta due giovani passeggere

SPORT

tennis

Australian Open: Berdych travolge Fognini, azzurri tutti fuori. Federer ai quarti

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

GIOCATTOLI

I mitici mattoncini Lego compiono 60 anni Video

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova