19°

33°

EDITORIALE

Non si stava meglio quando si stava peggio

Non si stava meglio quando si stava peggio
Ricevi gratis le news
3

Sapete di quanto è cresciuto il pil pro capite, insomma la ricchezza individuale, dalla fine della Guerra Fredda a oggi? Cioè negli ultimi venticinque anni? È cresciuto quasi quanto nei venticinquemila anni precedenti. Non è un errore di stampa: venticinquemila.
Il dato è contenuto in un saggio pubblicato la scorsa settimana nel Regno Unito: «Progress. Ten Reasons to Look Forward to the Future». L'ha scritto Johan Norberg, uno studioso svedese ex anarchico, ora liberale e convinto sostenitore della tesi secondo la quale il progresso è, appunto, progresso, e non regresso, foriero di declino o di catastrofi come molti credono, o temono. La convinzione di Norberg è molto più controcorrente di quanto si possa pensare: solo il 5 per cento degli inglesi (e il 6 per cento degli americani) dice di credere che il progresso, così come lo intendiamo noi occidentali, sia un andare verso un miglioramento.
Crisi economica, mancata crescita, macchine che toglieranno sempre più posti di lavoro, welfare destinato a collassare, inquinamento, rifiuti, terrorismo: siamo tutti convinti che il nostro modello sia destinato a implodere. O addirittura a esplodere. Norberg la pensa diversamente e forse esagera con un linguaggio quasi provocatorio, come quando scrive «nel tempo in cui avrete finito il primo capitolo, duemila persone al mondo usciranno dalla povertà». Però il dato che cita sulla crescita del pil pro capite negli ultimi cinque lustri è reale, così come sono reali altri fatti. Sempre dalla fine della Guerra Fredda, la povertà estrema è scesa dal 37 al 9,6 per cento. La middle class americana, tanto per parlare di una categoria di persone considerate oggi fra le più colpite, lamenta il proprio declino e minaccia rivoluzioni, ma dal 1970 a oggi il suo reddito è cresciuto del 30 per cento. E l'instabilità politica, le guerre eccetera? Tutto vero. Però venticinque anni fa solo metà del mondo era governato da democrazie, oggi due terzi.
Il miglioramento delle condizioni di vita non riguarda poi solo l'economia o la politica. Di pari passo vanno tutta una serie di altre cose, dalle condizioni igienico-sanitarie all'alimentazione. Per non parlare della medicina. Ai bei tempi che tanti rimpiangono, si moriva per malattie che oggi si curano con una semplice pastiglia. In un'intervista a Mario Calabresi, il professor Umberto Veronesi raccontava che un giorno, bambino, era in compagnia della madre e incontrarono una donna che disse: «Mi era nato un altro bambino, ma per fortuna il Signore me l'ha portato via perché non avremmo saputo come fare a mantenerlo». La mortalità infantile è rimasta altissima dalla comparsa dell'uomo sulla Terra fino a un'epoca che molti di noi contemporanei hanno fatto in tempo a vivere. E sempre Veronesi ricordava che quando ha cominciato a fare il medico si diagnosticava un tumore palpando con le mani: oggi lo vedi allo stato iniziale grazie a tecnologie formidabili e più della metà dei malati di cancro riesce a guarire, o almeno a sopravvivere a lungo.
La decrescita felice? Tornare a quando ci si alzava alle cinque del mattino per lavorare nei campi? È una prospettiva che può avere un suo fascino. Ma i bei tempi dell'albero degli zoccoli erano anche i tempi in cui la morte di un bambino, come ricordava Veronesi, era una buona notizia.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • jeffroy

    13 Settembre @ 08.23

    il solito fumo negli occhi per farci credere che oggi è tutto meraviglioso solo perché "siamo una delle prime democrazie mondiali" come disse formigli, ...

    Rispondi

  • falco

    12 Settembre @ 11.03

    ...infatti fino anche da 15mila anni fa il mondo è sempre stato gestito allo stesso modo. Ovvero come le bestie, dove il più forte sopravvive al più debole. E mica ci siamo evoluti, no no. Anche se ci consideriamo l'essere maggiormente intelligente, viene dimostrato il contrario. perchè in migliaia di anni non siamo ancora riusciti a costruire un mondo dove non ci sia il più potente, il più forte, il più ricco. in un mondo come questo dove ci sono pochi ricchi e troppi poveri la storia si ripete di continuo. l'unica soluzione che ovviamente non viene mai citata (apposta) è sempre quella dell'uguaglianza delle risorse, delle opportunità e delle ricchezze! Questa è l'unica soluzione e dopo 15mila anni è proprio ora che tutti quanti nel mondo lo capiscano!

    Rispondi

  • sabcarrera

    12 Settembre @ 09.35

    La decrescita felice non vuol dire tornare indietro. Vuol dire che il cittadino puó tenere il paese in ordine facendo scelte sociali che non onerano la comunita, possiamo vivere senza costruire strade o edifici inutilizzato. Non dobbiamo essere schiavi di pensieri di economisti che propongono il PIL come l'unica ragione di essere di un paese.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Il "volo" di Tom Cruise per Mission Impossible 6

HOLLYWOOD

Tom Cruise si è rotto una caviglia sul set di "Mission Impossible 6" Video

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

Tragedia

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

1commento

tg parma

Charlie Alfa, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

1commento

BUSSETO

Auto fuori strada a Roncole: paura per una bimba di 4 mesi

La piccola non è grave

CONCORSO

Miss Italia, Bedonia incorona Asia. Secondo posto per Miss Parma Foto

Eletta la quinta delle 11 ragazze che andranno alle prefinali di Jesolo

CALCIO

Parma, domani amichevole con l'Empoli: Gagliolo, Dezi e Insigne osservati speciali Video

Il TgParma fa il punto sulla preparazione della squadra

SALSO

In nove giorni due visite dei ladri

NOCETO

Incendio vicino ai binari: vigili del fuoco al lavoro fino alle 5 di questa mattina

Disagi sulla ferrovia Fidenza-Fornovo. Le foto dei nostri lettori

Medesano

Cade dalla finestra e resta sospesa nel vuoto: paura per una donna a Ramiola

Sul posto il 118 e i vigili del fuoco

PARMA

L'«altro» Ferragosto all'insegna della solidarietà

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

3commenti

Traversetolo

Croce azzurra, volontari cercansi

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

2commenti

Lutto

Addio a Giovanni Mori, il medico filosofo

Appello

«Parma aiuti la Sierra Leone»

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

MIGRANTI

L'Austria invia i militari al Brennero, ira dell'Italia

1commento

SPORT

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

NELLA NOTTE

Fiamme sulla Torre del Mangia: paura a Siena Video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti