-0°

12°

EDITORIALE

Non si stava meglio quando si stava peggio

Ricevi gratis le news
3

Sapete di quanto è cresciuto il pil pro capite, insomma la ricchezza individuale, dalla fine della Guerra Fredda a oggi? Cioè negli ultimi venticinque anni? È cresciuto quasi quanto nei venticinquemila anni precedenti. Non è un errore di stampa: venticinquemila.
Il dato è contenuto in un saggio pubblicato la scorsa settimana nel Regno Unito: «Progress. Ten Reasons to Look Forward to the Future». L'ha scritto Johan Norberg, uno studioso svedese ex anarchico, ora liberale e convinto sostenitore della tesi secondo la quale il progresso è, appunto, progresso, e non regresso, foriero di declino o di catastrofi come molti credono, o temono. La convinzione di Norberg è molto più controcorrente di quanto si possa pensare: solo il 5 per cento degli inglesi (e il 6 per cento degli americani) dice di credere che il progresso, così come lo intendiamo noi occidentali, sia un andare verso un miglioramento.
Crisi economica, mancata crescita, macchine che toglieranno sempre più posti di lavoro, welfare destinato a collassare, inquinamento, rifiuti, terrorismo: siamo tutti convinti che il nostro modello sia destinato a implodere. O addirittura a esplodere. Norberg la pensa diversamente e forse esagera con un linguaggio quasi provocatorio, come quando scrive «nel tempo in cui avrete finito il primo capitolo, duemila persone al mondo usciranno dalla povertà». Però il dato che cita sulla crescita del pil pro capite negli ultimi cinque lustri è reale, così come sono reali altri fatti. Sempre dalla fine della Guerra Fredda, la povertà estrema è scesa dal 37 al 9,6 per cento. La middle class americana, tanto per parlare di una categoria di persone considerate oggi fra le più colpite, lamenta il proprio declino e minaccia rivoluzioni, ma dal 1970 a oggi il suo reddito è cresciuto del 30 per cento. E l'instabilità politica, le guerre eccetera? Tutto vero. Però venticinque anni fa solo metà del mondo era governato da democrazie, oggi due terzi.
Il miglioramento delle condizioni di vita non riguarda poi solo l'economia o la politica. Di pari passo vanno tutta una serie di altre cose, dalle condizioni igienico-sanitarie all'alimentazione. Per non parlare della medicina. Ai bei tempi che tanti rimpiangono, si moriva per malattie che oggi si curano con una semplice pastiglia. In un'intervista a Mario Calabresi, il professor Umberto Veronesi raccontava che un giorno, bambino, era in compagnia della madre e incontrarono una donna che disse: «Mi era nato un altro bambino, ma per fortuna il Signore me l'ha portato via perché non avremmo saputo come fare a mantenerlo». La mortalità infantile è rimasta altissima dalla comparsa dell'uomo sulla Terra fino a un'epoca che molti di noi contemporanei hanno fatto in tempo a vivere. E sempre Veronesi ricordava che quando ha cominciato a fare il medico si diagnosticava un tumore palpando con le mani: oggi lo vedi allo stato iniziale grazie a tecnologie formidabili e più della metà dei malati di cancro riesce a guarire, o almeno a sopravvivere a lungo.
La decrescita felice? Tornare a quando ci si alzava alle cinque del mattino per lavorare nei campi? È una prospettiva che può avere un suo fascino. Ma i bei tempi dell'albero degli zoccoli erano anche i tempi in cui la morte di un bambino, come ricordava Veronesi, era una buona notizia.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • jeffroy

    13 Settembre @ 08.23

    il solito fumo negli occhi per farci credere che oggi è tutto meraviglioso solo perché "siamo una delle prime democrazie mondiali" come disse formigli, ...

    Rispondi

  • falco

    12 Settembre @ 11.03

    ...infatti fino anche da 15mila anni fa il mondo è sempre stato gestito allo stesso modo. Ovvero come le bestie, dove il più forte sopravvive al più debole. E mica ci siamo evoluti, no no. Anche se ci consideriamo l'essere maggiormente intelligente, viene dimostrato il contrario. perchè in migliaia di anni non siamo ancora riusciti a costruire un mondo dove non ci sia il più potente, il più forte, il più ricco. in un mondo come questo dove ci sono pochi ricchi e troppi poveri la storia si ripete di continuo. l'unica soluzione che ovviamente non viene mai citata (apposta) è sempre quella dell'uguaglianza delle risorse, delle opportunità e delle ricchezze! Questa è l'unica soluzione e dopo 15mila anni è proprio ora che tutti quanti nel mondo lo capiscano!

    Rispondi

  • sabcarrera

    12 Settembre @ 09.35

    La decrescita felice non vuol dire tornare indietro. Vuol dire che il cittadino puó tenere il paese in ordine facendo scelte sociali che non onerano la comunita, possiamo vivere senza costruire strade o edifici inutilizzato. Non dobbiamo essere schiavi di pensieri di economisti che propongono il PIL come l'unica ragione di essere di un paese.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La musica non c'è in 23 versioni - I Masa

musica

"La musica non c'è" nelle 23 versioni dei Masa Video

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Nigeriano arrestato per detenzione materiale pedopornografico

(foto d'archivio)

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

Criminalità

Borseggi, la paura viaggia sull'autobus

4commenti

FIDENZA

Voleva suicidarsi con una bombola di gas in auto: i carabinieri arrivano in tempo

IL CASO

Omicidio di Michelle, l'ex fidanzato «totalmente capace di intendere e volere»

2commenti

WEEKEND

Bancarelle, musica e benedizioni degli animali: l'agenda della domenica

VIABILITA' E BUROCRAZIA

Strade pronte, ma restano chiuse

2commenti

LA STORIA

Aurora, 18enne con disabilità: «Nessun sogno è precluso»

TORRILE

Fine dell'incubo per i vicini del piromane

SALUTE

Un test del sangue per otto tipi di tumore

Ko a Cremona

Anno nuovo, Parma vecchio

2commenti

Animali

«Delon sbaglia: non si uccide il proprio cane»

2commenti

PARMA

Oltretorrente: cori gospel in strada per contrastare lo spaccio Video

Iniziativa di "Oltretutto Oltretorrente" con il coro gospel Zoe Peculiar

10commenti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

9commenti

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

PARMA

Scontro fra due auto in via Venezia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

INCIDENTI

Auto finisce contro un muro, morto 35enne nel Reggiano

SPORT

SCI

Schnarf, il podio che non t'aspetti

SERIE B

Cremonese-Parma 1-0: gli highlights della partita Video

SOCIETA'

Turismo

Venezia, 1.100 euro di conto per 4 bistecche e una frittura di pesce

1commento

LA PEPPA

La ricetta della domenica - Quiche di carciofi

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"