-1°

AZZARDO

Parma, mille euro a testa giocati alle slot machine

Parma, mille euro a testa giocati alle slot machine
20

Mediamente ogni parmigiano gioca mille euro l'anno alle slot machine. Il dato emerge dall'Agenzia dei Monopoli. Tante anche le dipendenze. Scopri tutti i dati e leggi le considerazioni della direttrice del Sert.

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Gweb+ è gratis il 1° mese poi in offerta 1,49€/settimana oppure 6€/mese

Info e Costi

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola. Al termine del mese di prova potrai continuare ad accedere agli articoli Gweb+con una spesa davvero minima: solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) se scegli come modalità di pagamento PayPal oppure solo 1,49 euro a settimana Iva inclusa (invece di €1,99) se scegli MobilePay (addebito su cellulare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • bruno

    15 Settembre @ 22.22

    Crepet: “Ludopatia? Altro che epidemia nazionale…” “Mi sembra che sia passato un po’ di moda parlare di ludopatia ed è anche un bene, perché ne abbiamo sentite di tutti i colori. Persone che contavano milioni di ludopatici, di una epidemia nazionale. Io ho fatto ricerca, sono uno psichiatra, è complicato sapere quanti sono perché è difficile definire una persona che dipende dal gioco. Se devo contare un fenomeno devo prima definirlo. L’unica possibilità è quella di riferirsi al numero di persone che si rivolgono ai servizi. Il risultato? 12mila ludopatici. Questa è la realtà” così il Dott. Paolo Crepet (psichiatra, scrittore e sociologo) intervenendo al convegno “Gioco legale: parliamone a carte scoperte” presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Brescia. Io mi sono chiesto il perché sia stata fatta tutta questa pressione sulle slot e ho sentito puzza di bruciato… Ci sono state persone che anche facendo figure poco nobili hanno avuto il coraggio di parlare a sproposito, tirando in ballo milioni di dipendenti dal gioco. Il problema è che non c’è una valutazione su quello che viene fatto da queste comunità terapeutiche generiche che dovrebbero occuparsi di tali persone, quindi il dubbio che mi sorge è semplice, possibile che tutto questo gran movimento sia stato fatto per giustificare appositi finanziamenti? La ludopatia? Non è una patologia” “Non c’è dietro una patologia di ordine sanitario, anche se la parola (ludopatia,ndr) lo lascerebbe pensare. L’unico effetto delle ludopatia è un effetto economico, perché eventualmente corrodo il mio patrimonio personale. Non c’è nulla di patologico”. Lo psichiatra ha quindi ricordato, ancora una volta che “una ricerca scientifica sul territorio nazionale, tramite i Sert, su quanti cittadini si rivolgono ai centri per chiedere aiuto rovinati dal gioco non c’è. La ludopatia è uno spauracchio: non credo si possa continuare ad andare avanti dicendo cose generiche pur di metter alcol sul fuoco su questo tema. Dentro questo problema c’è un problema di carattere economico e psichiatrico. Non capisco come mai si mantenga una certa indeterminatezza e non si intervenga una volta per tutte a chiarire i dati sul numero di giocatori. Forse questa situazione di incertezza fa comodo. Devono essere individuati i centri che possono curare il Gap e prevedere un modus operandi valido per tutti da seguire”.

    Rispondi

  • bruno

    14 Settembre @ 22.12

    Matteo Iori, presidente dell'Associazione 'Centro Sociale Papa Giovanni XXIII', a tutto campo sul tema del gioco responsabile. “Sembrerà paradossale detto da me, ma forse sul tema del gioco responsabile c'è fin troppa attenzione”. Lo afferma Matteo Iori, presidente dell’Associazione 'Centro Sociale Papa Giovanni XXIII', che ricorda: “Alcuni anni fa nessuno parlava del gioco d’azzardo; ricordo le facce stupite e i sorrisetti durante il mio primo convegno pubblico che organizzai nel 2000 su questo tema. Oggi invece siamo passati quasi dalla parte opposta: sembra che il gioco d'azzardo sia uno dei temi più pericolosi della nostra società e moltissimi politici e molte associazioni che fino a ieri non si curavano affatto del problema si 'stracciano le vesti' scandalizzati dal gioco d'azzardo. Il fatto che si sia alzata così tanto l’attenzione sul gioco d’azzardo non mi dispiace certo, ma ammetto che certe volte mi sembra piuttosto opportunistica; un esempio per tutti: fa riflettere ricordare l’onorevole Viviana Beccalossi che nel 2009 votava con tutto il PdL una pessima legge che liberalizzò tanti giochi d’azzardo particolarmente aggressivi e rivederla oggi come assessore della Lombardia ai convegni con la spilletta con scritto 'Azzardo Bastardo'. «Apparentemente con le vlt si perde meno – spiega Iori – ma non è così. Calcolando il rapporto tra macchinette e perdite, si scopre infatti che in ogni slot si sono persi 15.980 euro, mentre le perdite di ogni singola vlt salgono a 50.899 euro. Le perdite medie delle vlt sono molto più alte». Di qui le preoccupazioni del presidente Conagga: «Come saranno le nuove macchinette che, secondo la Legge di Stabilità, dovranno sostituire il 70% delle slot ora presenti in Italia? Il rischio è che saranno macchine molto più aggressive di quelle attuali, proprio perché più simili alle vlt». Non solo. Secondo Iori, un altro elemento di preoccupazione è il fatto che le nuove slot – nel caso in cui recepiranno le stesse direttive delle vlt – potrebbero trovare collocazione solo in sale giochi o in spazi riservati: «Quest’ultimo aspetto ha come risvolto positivo il fatto che le slot potrebbero essere tolte da quei bar che non hanno spazi dedicati. Ma si corre il rischio di sale da gioco in cui ci saranno solo giocatori abbandonati a se stessi, alimentando un fenomeno che diventerà invisibile, soprattutto se calerà la tensione sociale. Per questo credo che sia necessario aprire una riflessione il prima possibile: già nel 2017

    Rispondi

  • bruno

    14 Settembre @ 22.07

    Chi è più pericolososa la AWP o slot dei bar a 1 euro o i terminali VLT delle 4900 sale sparse in tutta ITALIA che accettano banconote fino a 500 euro e a rischio riciclaggio..... La media di perdita oraria per ogni giocatore sulle slot da bar è quindi di 60 euro. Al netto delle somme restituite. Mentre sulle vlt, installate nelle sale i giocatori arrivano a perdere anche 1500 euro. http://www.vita.it/it/article/2016/05/25/i-numeri-e-la-mappa-dellazzardo-in-italia/139538/ Quanto si perde mediamente su una slot da bar? Su una slot da bar (le cosiddette awp) il costo massimo di una partita è di 1 euro, mentre la vincita massima è di 100 e la durata minima di una giocata, stabilita per legge, è di 4 secondi, il che significa che mediamente ogni ora verranno introdotti 240euro, con un’erogazione in piccole vincite che mediamente dovrebbe essere di 180 euro: al netto quindi la perdita è di 60 euro ammesso che quelli precedenti non vengano riscossi e immediatamente rigiocati. E su una vlt da sala giochi? Qui le cose cambiano. Secondo i parametri di legge, qui il costo massimo di una partita è di 10 euro con una vincita massima di 5000, vincita alla quale bisogna però aggiungere il jackpot di sala da 100mila euro e un jackpot nazionale da 500mila con un tempo di partita che non è definito dalle norme. Chi ha studiato gli apparecchi sul mercato ritiene però che la partita duri mediamente 2 secondi con una media oraria di denaro introdotto nella macchina che va da 800euro a 18mila euro. In particolare, la UIF sottolinea di aver ricevuto “numerose segnalazioni riguardanti le forme di gioco su rete fisica risultano in aumento le segnalazioni di anomalie collegate all’utilizzo degli apparecchi Video Lottery Terminal (VLT). La maggior parte delle segnalazioni riguardano la presenza presso il medesimo gestore di vincitori ricorrenti: la frequenza delle vincite in capo agli stessi soggetti potrebbe sottendere un mercato occulto di tickets vincenti, nell’ambito del quale i riciclatori acquisterebbero i titoli dagli effettivi vincitori, in contropartita di un corrispettivo maggiorato. Altri casi riguardano il possibile utilizzo distorto delle apparecchiature VLT che consentono, dopo l’inserimento di banconote, l’erogazione di tickets di vincita anche in assenza di un’effettiva giocata, agevolando in tal modo condotte di riciclaggio di fondi di dubbia provenienza”.

    Rispondi

  • bruno

    14 Settembre @ 22.02

    Alcuni dati significativi contenuti nell’Year Book Rischi da Giocare • Lo studio campionario IPSAD®2013-2014 su stili di vita e comportamenti a rischio rileva che in Italia quasi 17 milioni di 15-64enni (equivalente ad una prevalenza del 42,9%) ha giocato d’azzardo almeno una volta e di questi oltre 5,5 milioni sono giovani adulti di 15-34 anni (pari al 42,7%). • Il test CPGI – Canadian Problem Gambling Index (Ferris & Wynne, 2001a; b), adattato e validato in Italia (Colasante et al., 2013), evidenzia che poco meno del 15% dei giocatori 15-64enni ha un comportamento di gioco definibile “a basso rischio”, il 4% è “a rischio moderato” e l’1,6% “problematico”, mostrando una percentuale superiore tra i giocatori di genere maschile (6% contro 4% delle donne). • Lo studio campionario ESPAD®Italia che si inserisce nel progetto europeo ESPAD – European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs e realizzato dall’Istituto di Fisiologia Clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IFC-CNR) fin dal 1999 su un campione rappresentativo di studenti delle scuole secondarie di secondo grado, pubbliche e parificate, presenti sul territorio nazionale, coinvolgendo gli studenti dai 15 ai 19 anni realizzato nel 2015, ha evidenziato che poco meno della metà degli studenti di 15-19 anni (48,5%, pari a circa 1,2 milioni studenti) ha giocato d’azzardo almeno una volta nella vita e che il 41,7% (poco più di 1 milione) l’ha fatto nell’anno antecedente la rilevazione. • I Monopoli di Stato dicono che alle Slot sono stati persi 6.230 milioni di euro e alle VLT 2.779 milioni di euro; dividendo queste somme per il numero di apparecchi in Italia (380.000 slot e 50.000 VLT), vediamo che i soldi persi dai giocatori in una singola slot sono stati 16.394 euro, mentre i soldi persi in ogni Videolottery sono pari a 55.580 euro. • Nel solo 2014 in Italia sono stati venduti 1.902.937.618 tagliandi di Gratta e Vinci, pari a 60,3 biglietti per ogni secondo di ogni giorno e di ogni notte dell’anno, corrispondenti ad un totale di 5,2 milioni di Gratta e Vinci venduti in Italia ogni giorno.

    Rispondi

  • bruno

    14 Settembre @ 22.00

    Ciò fa delle VLT delle macchine molto più pericolose e ve la prendete con slot bar a 1 euro. Slot machine e videolottery hanno anche altre differenze particolarmente importanti, come il Costo Orario Medio di partecipazione al gioco (COM): la cifra che viene mediamente persa in un’ora di gioco alle slot o alle VLT. Il COM è dato dal prezzo della partita per il numero delle partite giocabili in un’ora, a cui va sottratta la percentuale che torna al giocatore in vincite. È vero che il payout delle VLT è ben più alto di quello delle slot (85% contro 74% nel 2015) ma a uguale durata della partita (mediamente 6 secondi) corrisponde un costo molto più alto per giocare: nelle slot si gioca 1 euro, mentre nelle VLT si giocano mediamente 5 euro (si può giocare fino a 10 euro a partita). Ciò fa delle VLT delle macchine molto più pericolose. Di seguito qualche dato che aiuti a comprendere meglio: considerando la quantità di denaro perso dai giocatori nel 2014 (soldi inseriti negli apparecchi meno soldi restituiti in payout) i Monopoli di Stato ci dicono che alle Slot sono stati persi 6.230 milioni di euro e alle VLT 2.779 milioni di euro; dividendo queste somme per il numero di apparecchi in Italia che per i Monopoli sono 380.000 slot e 50.000 VLT, vediamo che i soldi definitivamente persi dai giocatori in una singola slot sono stati 16.394 euro, mentre i soldi persi in ogni Videolottery sono pari a 55.580 euro. Considerando che ad una slot si spende 1 euro per una partita che dura mediamente 6 secondi e che ha un payout del 70%, e che una VLT nella quale il costo medio di una partita è di 5 euro per una durata di secondi analoga ed un payout del 85%, nelle slot è sensato stimare una perdita media che si aggira sui 150 euro all’ora sui €600 inseriti nella macchina, mentre nelle VLT è sensato ipotizzare una perdita media di €450 per un’ora di gioco sui €3.000 introdotti.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Patti Smith - A Hard Rain's Gonna Fall - Bob Dylan Nobelprize in literature 10 dec 2016

emozione

La Smith al Nobel (per Dylan) si ferma e riprende a cantare Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

lega pro

Parma-Teramo 0-1 Diretta

Calcio

Reggiana-Parma: c'è chi non si è fatto sfuggire il biglietto...

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Gazzareporter

Nebbia, le foto di un lettore: "Benvenuti a Eia"

inserto

L'Oroscopo 2017 domani con la Gazzetta di Parma

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Parma

“La Bassa di Zavattini” e la sfida degli anolini: le foto di "Mangia come scrivi"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quel che manca per fare un governo

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

governo

Gentiloni ha accettato l'incarico: è lui il presidente del Consiglio designato

fisco

Imu e Tasi: entro venerdì il saldo Come si calcola

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Sport USA

Anche Gallinari nella notte magica dei big

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti