12°

Omicidio

"Ma Elisa merita un'altra foto": la riflessione di Chiara Cacciani

Elisa Pavarani

Elisa Pavarani

Ricevi gratis le news
7

La riflessioni di Chiara Cacciani su quella foto (presa da Facebook e pubblicata da tutti i media) che ritrae Elisa e Luigi sorridenti

Chiara Cacciani

Non siamo stati i primi, ma anche noi abbiamo scelto quella foto che ha fatto il giro delle redazioni: un uomo e una donna sorridenti e insieme. Quella foto che conteneva il (non) senso della tragedia e che – in questo senso – era di per se stessa cronaca.

La cronaca che è il pane quotidiano dei giornalisti, certo. Ma a qualche giorno di distanza si può provare a fare un passo in più: andare oltre il dovere di cronaca e condividere con i lettori una riflessione che riguarda il nostro mestiere ma in fondo potrebbe essere collettiva.

L'hanno vista tutti quella foto che ritrae Elisa Pavarani e Luigi Colla e ci racconta di un momento apparentemente sereno. E' diventata di dominio e di "patrimonio" pubblico per essere stata postata su Facebook. Quel social network che cristallizza di giorno in giorno il nostro presente ma anche – a volte – ciò che non siamo: che non siamo più o - nel peggiore dei casi, e penso a tanti episodi di cyberbullismo, ad esempio – quello che non siamo mai stati.

Elisa Pavarani non la era più, quella che era stata in quella foto: non era più serena accanto a quell'uomo, aveva scelto altri sorrisi – i suoi, semplicemente – per descriversi. Quella immagine che ha fatto il giro d'Italia e del web per raccontare l'ennesimo femmincidio l'aveva pubblicata lui, Luigi Colla, a inizio settembre, quando ormai Elisa aveva scelto un'altra strada. Una forzatura, quella foto data in pasto al mondo, dove oggi stride l'ormai famosa risposta al commento di un amico che – tratto in inganno dal possibile significato - chiedeva al 42enne se avessero fatto pace: "Non ancora". Non ancora...

Quella foto che Elisa non aveva scelto ma subìto, e difficilmente aveva gradito. Fa testo la sua, di bacheca Facebook: una carrellata di sorrisi illuminati da due occhi azzurro mare; sorrisi solo suoi, in cui Colla mai compare.

E' per quello che da quella foto dovremmo fare un passo indietro: per dire che chi ha deciso della vita di Elisa non debba avere – ultimo spregio – la possibilità di deciderne anche il ricordo da morta. Il web è padre e patrigno: porta tanta conoscenza ma anche troppa memoria. Penso a Elisa, e penso a una famiglia che fra una settimana, un anno, 10 o 50 troverà sempre e beffardamente quella foto a raccontare di una donna uccisa perché non amava più. O perché si era accorta essere amata non d'amore ma di possesso. Si merita un'altra foto e un altro racconto, Elisa.

Elisa che nonostante tutto ha concesso al suo futuro assassino il maledetto, maledettissimo incontro chiarificatore. Quello che frega tutte, ce lo dicono centinaia di femminicidi. Millenni di sensi di colpa e di inutili, pericolosissime vergogne che inchiodano una ragazza, una donna ad andare con fiducia, senza "armi", di fronte al proprio assassino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    15 Settembre @ 21.46

    Trovo molto bello e giusto quel che scrive a proposito della foto della povera Elisa. Mi permetto di aggiungere una riflessione: io sono anche stanco di leggere articoli che descrivono gli assassini come persone miti e taciturne o che non erano mai state violente prima d'ora, dando involontariamente il messaggio che siano persone normali che hanno sbagliato. Così come le dichiarazioni di pentimento o che sono sconvolti, tramite i loro avvocati. Di questi assassini vigliacchi, bisognerebbe solo divulgare foto e generalità, senza dare loro ulteriore spazio o notorietà: non meritano nessuna, neppure inconscia, commiserazione.

    Rispondi

    • Filippo

      16 Settembre @ 09.05

      filippo.cabassa.1970@gmail.com

      La cosa che spaventa di più è proprio che una persona descritta da tutti "mite e taciturna" si possa di colpo trasformare in assassino. Il mostro spesso lo trovi dove meno te lo aspetti, purtroppo.

      Rispondi

  • Bastet

    15 Settembre @ 14.01

    Elisa meritava di vedere l'avanzata delle rughe sul proprio volto!!!!Meritava di diventare madre e nonna!Meritava tante cose Elisa!!!...e quoto Chiara Cacciani!Merita altre foto!...L'essere lercio che ha fatto questo,merita il carcere a vita come tutti gli esseri come lui!

    Rispondi

  • Massimiliano

    15 Settembre @ 13.38

    Elisa si, meritava un'altra foto, ma ancor di più meritava di VIVERE, di vivere una vita intera, mentre, invece è stata ammazzata come un animale da quella bestia che diceva di amarla. Meritava un'altra foto, forse, sicuramente meritava la vita...... Non si può dare colpe ai giornalisti, loro fanno il loro lavoro, hanno il diritto/dovere di documentare, chi legge invece ha il dovere di guardare oltre alla foto..... Pensiero un po' contorto il mio, ma chi vuol capire....

    Rispondi

  • Berta

    15 Settembre @ 09.28

    Mi sembra un insulto pubblicare foto di Elisa accanto al suo assassino. Lo stesso discorso vale per tutte le vittime di mostri criminali, naturalmente. Ma voi giornalisti continuate pure, fregandovene della sofferenza delle famiglie delle vittime.

    Rispondi

    • 15 Settembre @ 11.16

      E' esattamente la tesi sostenuta, con maggior garbo,dall'articolo di Chiara Cacciani.

      Rispondi

  • Valerio

    15 Settembre @ 08.18

    raq.cantiere.hera@gmail.com

    piu' che una foto differente, meritava senz'altro di vivere.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

1commento

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Montagna

Corniglio, «class action» contro Enel?

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

IL CASO

La svolta: Ryanair riconosce i sindacati

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260