21°

Legionella, l'esperto: «Si può guarire in due settimane»

Legionella, l'esperto: «Si può guarire in due settimane»
Ricevi gratis le news
1

Sintomi, habitat, cure, casi, procedure: il professor Angelo Gianni Casalini, capo dell'unità operativa di Pneumologia del Maggiore, spiega come affrontare il focolaio del morbo del legionario.

Chiara Pozzati

Colpisce più uomini che donne, soprattutto le persone anziane. Ma in generale chi soffre di patologie croniche pregresse (come la broncopneumopatia cronica ostruttiva, il diabete, i tumori) e anche i fumatori. C’è di buono che non si trasmette da persona a persona e che, nella maggior parte dei casi e con la terapia antibiotica, si arriva alla completa guarigione in due settimane.
Il morbo del legionario è una polmonite, ecco perché abbiamo chiesto all’esperto Angelo Gianni Casalini, al timone dell’unità operativa di Pneumologia ed endoscopia toracica dell'ospedale Maggiore, un focus sulla misteriosa epidemia deflagrata nel quartiere Montebello. La difficoltà è quella diagnostica, non lo nasconde Casalini che ammette: «Non ci sono veri e propri “sintomi-spia” peculiari, purtroppo sono i medesimi di una qualsiasi infezione delle vie aree». Quelli di una banalissima influenza, insomma.
È ampio il ventaglio delle prime avvisaglie: «Febbre, tosse, cefalea, dolori muscolari, in alcuni casi dissenteria e stati di confusione mentale – riavvolge il filo l’esperto –. Quale campanello d’allarme? Il contatto con alcuni contesti che sono l’habitat naturale del batterio della legionella. Ad esempio le vasche idromassaggio, i contenitori per l’acqua calda». Perché, e su questo Casalini è perentorio, «non si tratta di un’infezione che si trasmette da persona a persona, ma inalando il batterio o venendo a contatto con acqua contaminata». La «casa» dove prolifica questo batterio, presente in natura, è l’acqua calda a una temperatura compresa tra i venti e i quarantacinque gradi.
Il focolaio di Parma in termini medici viene definito «epidemia comunitaria e si tratta di episodi che sono più frequenti nel periodo estivo e autunnale». Ma quanti sono i casi che ogni anno arrivano al reparto di Pneumologia? «Parliamo di poche unità». E qual è la procedura medica messa in atto? «Innanzitutto, quando ci troviamo di fronte a una polmonite “sospetta”, effettuiamo un’analisi molto semplice: ricerchiamo nelle urine del paziente l’antigene della legionella, un componente che stimola il sistema immunitario. In caso il test risulti positivo, scatta la denuncia obbligatoria all’autorità sanitaria. A seconda del quadro clinico, viene iniziata immediatamente la somministrazione dei farmaci, fra l’altro nelle forme lievi non necessariamente in ospedale. Chiaramente ci sono casi più gravi che vengono dirottati in Rianimazione, spesso frutto di combinazione con le patologie pregresse di cui parlavamo».
Se insorgono complicazioni, si può verificare un interessamento del cuore, dei reni, del fegato e, in casi eccezionali, del sistema nervoso. Dunque nessun isolamento da malattia infettiva? «No, proprio perché la trasmissione non avviene da persona a persona».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    01 Ottobre @ 12.30

    Il professor Casalini non è solo un esperto . E' un superesperto . E' lo Pneumologo che , con la dottoressa Maria Maiori e pochi alti pionieri , molti anni fa , ha portato la broncoscopia a Parma. Data per scontata una buona terapia , resta però il problema prioritario di identificare , e neutralizzare , la fonte del contagio . Gli ammalati , per il momento , sono relativamente pochi ( una ventina) , vengono tutti da una zona circoscritta della città e sono di estrazione sociale diversa . Ciò fa pensare ad un luogo pubblico , frequentato dalla gente della zona , come potrebbero essere, ad esempio , un Centro Commerciale , un Supermercato , un Poliambulatorio , un Ufficio Pubblico. L' ipotesi dell' acquedotto non convince molto , perché , se così fosse , gli ammalati dovrebbero essere molti di più , e non circoscritti ad un solo quartiere. Un' indagine epidemiologica seria dev' essere a tutto campo , e non guardare in faccia niente e nessuno ! E' inutile fare titoloni in prima pagina , poi censurare perché ci sono innominati , innominabili , e quelli al di sopra di ogni sospetto ! I risultati dell' indagine potrebbero nuocere all' immagine di qualcuno ? Può darsi , ma tant' è !

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza

PGN FESTE

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Gestione rifiuti: bando da 44 milioni per 15 anni di affidamento del servizio

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

4commenti

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

salute

Un'équipe dell'Università di Parma studia la chirurgia mini-invasiva contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

LUTTO

In duomo a Fidenza l'ultimo saluto a Luca Moroni

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 10

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

7commenti

Traffico

Nebbia a Parma: ancora disagi in mattinata

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

FRAZIONE

«Carignano, auto troppo veloci e pochi controlli»

Lesignano

Festa per i 18 anni dei due migranti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

CRIMINALITA'

Delitti di 'Ndrangheta nel 1992 a a Reggio Emilia: tre arresti della polizia

Massa

Lite per un parcheggio: gli spara e lo ferisce al volto

SPORT

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

3commenti

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

MOTORI

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compattodi Seat in 5 mosse Foto

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»