EDITORIALE

Il partito dell'odio è sempre in servizio

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Ricevi gratis le news
4
 

Non avrei aggiunto una parola sugli ottant'anni di Silvio Berlusconi se in questi giorni non avessi assistito, non senza stupore, a certi servizi televisivi su di lui. Blob in cui sono stati ossessivamente ripetuti filmati che lo mettevano alla berlina, e invettive di giornalisti che continuano a dipingerlo come il Male assoluto.

Silvio Berlusconi è stato per vent'anni il protagonista della vita pubblica italiana. Mezza Italia lo ha amato, mezza lo ha odiato. I "pro" e i "contro" Berlusconi sono stati il vero bipolarismo della cosiddetta Seconda Repubblica. Non spetta al sottoscritto dare giudizi. Ma mi ha sinceramente colpito, anzi un po' "indignato" (per usare un verbo caro al popolo degli anti-Cav) l'accanimento, la cattiveria reiterata contro un uomo che ha compiuto ottant'anni, che è reduce da una grave malattia e che è da tempo fuori dai giochi decisivi della politica. Un uomo che - sarebbe il caso di ricordare - non ha comunque ammazzato nessuno, non ha instaurato una dittatura (checché se ne dica) e non ha trascinato l'Italia in una guerra mondiale.

Credevo, anzi mi illudevo, che fosse arrivato il momento di parlare con serenità e un minimo di distacco di Berlusconi. Credevo si potesse dire, sintetizzando, che molti italiani hanno sperato in lui, che gran parte dei suoi stessi elettori è rimasta delusa, anche perché lui ha commesso molti errori: dal non aver fatto le riforme che aveva promesso all'essersi via via attorniato di collaboratori sempre più mediocri, bravi solo a dirgli sempre di "sì". L'ultimo Berlusconi è pure quello delle squalificanti compagnie notturne. Ma credevo si potesse pure dar atto a Berlusconi di aver sollevato problemi che oggi anche la sinistra riconosce; di essere stato un grande imprenditore che ha inventato un nuovo modo di fare edilizia, di fare televisione e (purtroppo, detto da un interista) anche di fare calcio; di essere stato, in questi campi, non solo un vincente, ma anche un uomo che ha creato decine di migliaia di posti di lavoro; un uomo che non ha mai licenziato nessuno, neppure quelli che si sono approfittati di lui. Credevo che gli si potesse dar atto che, come editore, avrà fatto qualche danno (il peggioramento della televisione è anche colpa sua) ma ha pure dato prova di essere molto più liberale di tanti sedicenti progressisti. Berlusconi viene ancora in questi giorni ricordato come «quello dell'editto bulgaro», ma onestà vorrebbe che gli si riconoscesse di aver lasciato lavorare, nelle reti Mediaset, legioni di autori di sinistra, ai quali è stata affidata tutta la satira e gran parte dell'informazione. Troppo comodo ricordare solo il Tg4 di Emilio Fede.

A scanso di equivoci preciserò che, in quasi quattro decenni di giornalismo, solo per due anni e mezzo ho lavorato in una sua azienda, come vicedirettore del Giornale. Per quel che mi riguarda, lui si è sempre comportato da gran signore. Quando volle cambiare linea al Giornale per renderlo aggressivo, mi dimisi e me ne andai a La Stampa (giornale che ringrazierò sempre per avermi assunto) andando a guadagnare la metà. Non sono uno dei suoi, quindi. Ma debbo dire che certi rigurgiti di odio mi fanno temere che, purtroppo, nel nostro Paese l'abitudine di vedere sempre tutto bianco o tutto nero non finirà mai.

michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    03 Ottobre @ 17.31

    Direttore, Lei sembra dimenticare, di Berlusconi, Primo Ministro del nostro paese, parecchie dichiarazioni, battute di spirito e comportamenti irrituali, come, ad esempio, l'etichettatura di Martin Schulz quale Kapò. Poi dichiarò che in Italia «girano da anni storielle sull'Olocausto» perché «gli italiani sanno scherzare su tragedie come quella, nel tentativo di superarle», provocando le proteste della Comunità ebraica di Roma e dell'ANED. Secondo lui, Mussolini, a differenza di Saddam Hussein, non aveva «mai ammazzato nessuno» e si era limitato a mandare «la gente a fare vacanza al confino». In Finlandia, aveva «rispolverato tutte le arti da playboy» con il Primo Ministro Tarja Halonen, per fare sì che ritirasse la candidatura di Helsinki a sede dell'EFSA, in favore di Parma. Nel 2006 dichiarò che, nella Cina di Mao, i comunisti non mangiavano i bambini, ma li bollivano per concimare i campi. Nel febbraio 2009, affermò che Pinochet faceva fuori i suoi oppositori caricandoli su un aereo con un pallone, poi apriva lo sportello e diceva: “C'è una bella giornata, andate fuori un po' a giocare”. Sempre nel 2009, durante un vertice di Capi di governo dell'UE a Bruxelles per discutere le questioni del cambiamento climatico, aveva scarabocchiato disegnini di slips femminili, con il titolo "Mutandine da donna attraverso i secoli", passandoli agli altri premiers, imbarazzatissimi. Nel 2002, per la foto di gruppo dei Ministri degli Esteri riuniti a Càceres, fece il gesto delle corna, alle spalle del suo omologo spagnolo. Nel 2008, durante una conferenza stampa con Putin, dopo che una giornalista aveva posto a quest'ultimo una domanda sgradita, mimò un mitra che le sparava. L'anno successivo, durante la riunione del G20 a Londra, dopo la foto di rito, chiamò, a gran voce, il presidente Obama, innestando la reazione irritata della Regina Elisabetta. Il 13 luglio 2011, definiva l'Italia un "paese di merda” e. in un'altra intercettazione, dichiarava che la Merkel era una «culona inchiavabile». In occasione della Giornata della Memoria, il 27 gennaio 2013, dichiarò: «Il fatto delle leggi razziali è la peggior colpa di un leader, Mussolini, che, per tanti altri versi, invece, aveva fatto bene”.

    Rispondi

  • Ivo

    03 Ottobre @ 17.20

    Anche saper come si è diventati imprenditori , e da persone intelligenti .., e che hanno voglia di informarsi , e non tutti lo vogliono !

    Rispondi

  • Bastet

    03 Ottobre @ 11.28

    beh....sul fatto che sia stato un grande imprenditore lo ammettono anche le persone come me, che di certo non hanno mai votato Silvio! Ammettere le cose ,però, è da persone intelligenti......e non tutti lo sono!

    Rispondi

  • Ivo

    02 Ottobre @ 17.23

    Berlusconi c e ancora , Forse si s leggermente defilato, ma c e un altro personaggio , che continua a fare e distruggere , ciò che lo stesso Berlusconi non è riuscito a fare in questa Italia devastata . Sono scomparsi i sinistroidi accusatori , i girotondi , i radical chic , quei comunisti , professori che parlano dopo a disastro avvenuto .ll Berlusca 2.0 , che ha cambiato direttori in Rai , giornali e poltrone , a suo ed unico piacimento , e per i suoi scopi .. La tradizione continua ..,

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

PIENA

Enza in piena: evacuazioni in corso a Casaltone e Lentigione Foto

emergenza

La Parma esonda a Colorno: acqua nel cortile della Reggia. Evacuata la piazza Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

emergenza

Lentigione finisce sott'acqua: evacuazioni in corso Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

SEMBRA IERI

Una "pennellata" di teatro con Maurizio Schiaretti (1993)

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

VAPRIO D'ADDA

Sparò e uccise il ladro: "Legittima difesa". Caso archiviato

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS