-2°

EDITORIALE

La stretta britannica sugli immigrati europei

Gb divorzio dall'Ue: sì, ma in due anni
Ricevi gratis le news
6
 

Alla fine dovevamo arrivarci. Dopo mesi di calma innaturale, seguiti allo choc del voto a favore della Brexit, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, il governo conservatore britannico sta facendo i primi passi per rendere effettivo il divorzio. E a quanto pare non sarà un addio «soft» come qualcuno ancora sperava anche se Theresa May, la donna che ha sostituito David Cameron come primo ministro, lo aveva già fatto capire chiaramente. «Brexit significa Brexit», aveva detto laconica, lasciando intendere che il suo governo, anche se lei inizialmente era contraria all’uscita e si era schierata per il no al referendum, non avrebbe fatto sconti. Non ci sarebbe stato nessun tentativo di fare come se niente fosse e nessun voto parlamentare per distorcere il pronunciamento popolare.

Le parole di Amber Rudd – la politica conservatrice che ha rimpiazzato la May come ministro dell’Interno e che, ironia della sorte o banale opportunismo politico, era anche lei schierata, come ministro per l’Energia del governo Cameron, per il «Remain» – però portano la sfida su un altro livello. La Rudd, dicendo che le aziende inglesi saranno obbligate a fare la lista dei lavoratori stranieri che impiegano, addirittura proponendo di «svergognarle» se la quota di lavoratori inglesi è troppo bassa, ha fatto chiaramente capire che il problema della Gran Bretagna con la Ue non è dato tanto dalle regole per la lunghezza dei cetrioli (è una balla, ma i tabloid inglesi ne hanno fatto una bandiera della furia regolamentatrice di Bruxelles), ma dalla libertà di movimento delle persone.

Insomma il problema vero, per riprendere uno slogan che aveva fatto fortuna nell’Europa continentale pochi anni fa, sono gli idraulici polacchi che «rubano» il lavoro ai bravi artigiani inglesi. Per lavorare in Gran Bretagna d’ora in poi bisognerà essere annoverati nel novero dei «best and brightest», i migliori nel proprio campo. E poco importa se l’economia inglese ha bisogno sì di analisti finanziari, medici, professori universitari e scienziati, ma anche di lavapiatti, camerieri, baristi, commessi e muratori. Magari slovacchi, magari portoghesi, magari italiani.

Ma non è finita qui. La Rudd ha anche annunciato una stretta nelle professioni sanitarie, dicendo che ci devono essere più medici inglesi e meno stranieri, e nel sistema dei visti per lo studio, affermando che non tutte le università sono uguali e che quindi per studiare in Gran Bretagna è meglio venire da un’università quotata e non da un ateneo poco conosciuto. Un programma che si sposa bene con l’idea – elaborata dalla May – di riportare in auge il sistema delle «grammar school», di fatto reso obsoleto da Tony Blair che aveva optato per un sistema di educazione superiore magari un po’ meno meritocratico, ma sicuramente meno classista.

Ora che le carte sono in tavola sarebbe auspicabile una reazione forte dell’Unione europea che ricordi che non c’è possibilità di accordi che non comprendano in qualche misura, oltre all’assenza di barriere economiche e finanziarie, anche la libertà di movimento delle persone. Ed è un paradosso che l’Europa continentale, con tutta la sua storia di autoritarismo e statalismo alle spalle, debba ricordare uno dei pilastri della politica liberale alla patria del pensiero liberale in politica e in economia. Una Gran Bretagna che sta tornando piccola, non più «cool» (forte, da imitare), ma «cold», fredda.

pferrandi@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • jeffroy

    07 Ottobre @ 08.35

    solo in italia non ci rendiamo conto di cosa è stata la globalizzazione o non ci permettono di prenderne atto !

    Rispondi

  • Filippo

    06 Ottobre @ 23.20

    Non vedo cosa ci sia di sbagliato in questo "censimento" e successivo provvedimento: non solo tutela i lavoratori autoctoni, ma in realtà evita anche che le aziende locali preferiscano sfruttare gli immigrati facendo un danno doppio, non assumendo chi ha studiato e cerca lavoro nel suo paese e sotto pagando gli stranieri costretti ad accettare il ricatto lavorativo. Ma i buonisti a tutti i costi, pensano mai alle conseguenze pratiche delle loro utopie?

    Rispondi

  • E

    06 Ottobre @ 21.42

    Giustamente , non fanno entrare gente che si mette su i marciapiedi a spacciare che cerca di rubare nei negozio e non solo quella gente sarebbe stata cavciata fuori a calci nel cu..

    Rispondi

    • 06 Ottobre @ 22.02

      (Dalla redazione) In realtà si tratta di persone con un lavoro.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    06 Ottobre @ 18.42

    Il governo britannico intende chiedere alle Aziende un elenco numerico , non nominativo , degli stranieri che impiegano . Una larga parte del Personale Sanitario in Gran Bretagna viene dal "Commonwealth" . Moltissimi Medici ed Infermieri sono Indiani e Pakistani. Negli anni scorsi sono state fatte proposte allettanti anche a Medici italiani . Un mio amico , laureato in Medicina all' Università di Parma , sposato con un' americana , emigrato negli Stati Uniti ed ora Cittadino Americano , ha ottenuto , con la Laurea dell' Università di Parma , l' Abilitazione Federale all' esercizio professionale e l' iscrizione ai "Medical Boards" ( ce n' è uno in ciascuno Stato ) degli Stati di New York e della California . Fa il Medico in USA da diversi anni.

    Rispondi

  • Bastet

    06 Ottobre @ 17.30

    Se gli europei in Gran Bretagna, si comportano come da noi queste "risorse " fanno,non bene, ma benissimo!!!!Ma mi sa che, gli europei la lavorino (infatti sono liste di aziende !!!!)...e che non siano dediti a stupri, furti( spesso con il morto o più !) azioni criminali di vario genere !!!...come le nostre preziose risorse!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande