12°

22°

Legionella

L'epidemia in altri quartieri

L'epidemia in altri quartieri
Ricevi gratis le news
8

Aumentano i contagiati: finora 37. Ma adesso la paura non si respira più solo nel quartiere Montebello: un terzo dei malati non vive nella zona «rossa».

Chiara Pozzati

Legionella, si allargano i contorni dell’epidemia: sono già una decina i casi di contagio esterni alla zona di via Montebello. E' questo il fatto nuovo più preoccupante dell'emergenza sanitaria che ha colpito la nostra città. Intanto continuano i controlli per individuare il focolaio che ha generato il contagio e che a tutt'oggi è ancora oscuro.

I pazienti che non abitano nella zona rossa rappresentano oltre un quarto del totale, considerando che le persone che finora hanno contratto la legionellosi sono 37. Si tratta di dieci persone che non abitano e nemmeno lavorano nel quartiere Cittadella «ma tutte accomunate da almeno un contatto con l’area del Montebello», precisa l’Ausl.

Ieri si è tenuto un altro tavolo istituzionale per fare il punto sulla situazione e decidere le misure da adottare. Alla fine, è arrivata una risposta ufficiale ai timori dell'allargarsi dell'epidemia: «Al momento non è possibile escludere nulla, nemmeno che il contagio possa avvenire in altri quartieri. Anche se le attenzioni si concentrano sul Montebello proprio perché la maggior parte dei casi si è verificata in quell’area».

Ma quali sono gli altri quartieri coinvolti? «Tutti». Ci sono pazienti che hanno contratto l’insidioso batterio e abitano in centro, altri al Molinetto, in via Paradigna, altri ancora al San Lazzaro Lubiana.

Impossibile capire in che modo gli ammalati che abitano altrove abbiano avuto contatti col Montebello. Di certo l'infezione viene trasmessa da flussi di aerosol e di acqua contaminata dal batterio. Nel mirino sono i luoghi pubblici. Proseguono intanto le contromosse delle autorità sanitarie: «Ricordiamo che i campionamenti sono stati effettuati nelle abitazioni di tutti i pazienti affetti da legionellosi, compresi coloro che non risultano domiciliati nella zona del Montebello», assicurano dagli uffici di strada del Quartiere.

Intanto i campionamenti a tappeto hanno interessato anche le attività produttive: al setaccio i cantieri e le aziende del quartiere Cittadella. E il responso è stato negativo per tutti. Ecco perché «l’attenzione viene concentrata su altre fonti di emissione, quali in particolare le torri di evaporazione centralizzate presenti in edifici di grandi dimensioni legati a diverse attività che ne comportano l’installazione ad una distanza compatibile con quella in cui presumibilmente si è manifestato il contagio», come ha chiarito ieri la nota ufficiale diramata subito dopo il tavolo interistituzionale. Non solo: gli esperti hanno acceso i riflettori anche sui centri commerciali e sugli impianti sportivi «su cui vengono effettuati controlli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Betti

    08 Ottobre @ 00.31

    il teleriscaldamento è stato escluso?

    Rispondi

  • Berta

    07 Ottobre @ 17.59

    Il fatto che ci siano 10 casi fuori dall'area Montebello dovrebbe essere "positivo", perché proprio grazie a queste 10 persone dovrebbe essere piuttosto facile risalire al luogo di contagio. Cioè, uno che viene da fuori ricorda sicuramente i pochi posti in cui è stato nel quartiere, a differenza di chi ci abita, che lo frequenta in lungo e in largo. Non capisco come sia possibile non averlo ancora individuato. Ma che stanno facendo????

    Rispondi

    • federicot

      07 Ottobre @ 19.09

      federicot

      Eh infatti... Per me è gente che è stata in coda da qualche parte.

      Rispondi

  • danila

    07 Ottobre @ 15.48

    ma cosa sono le torri di evaporazione ?

    Rispondi

    • 07 Ottobre @ 16.05

      Ecco il link di wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Torre_di_raffreddamento

      Rispondi

  • salamandra

    07 Ottobre @ 14.01

    I mezzi di pulizia delle strade? Anche quelli spruzzano acqua o sbaglio?

    Rispondi

    • 07 Ottobre @ 14.13

      (Dalla redazione) I mezzi di pulizia delle strade sono stati valutati dai tecnici per la zona di Via Montebello, ma poi esclusi perché è stato ritenuto altamente improbabile che diffondessero il batterio. Almeno è questo quello che è stato detto nell'assemblea di ieri.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    07 Ottobre @ 12.03

    MA E' OVVIO ! Attenzione però a non fare confusione fra la presenza di ammalati fuori dal quartiere Montebello e la presenza di fonti di contagio al di fuori di quel quartiere ! Non è la stessa cosa ! Se , com' è probabile , la fonte del contagio è in un luogo pubblico frequentato da molta gente , possono esservi state esposte anche persone residenti altrove. Tanto per fare un esempio qualsiasi , sarebbe come pretendere che al Centro Torri ci vadano solo gli abitanti di San Leonardo. L' ipotesi di una seconda fonte di contagio è , secondo me , meno probabile.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»