12°

Legionella

L'epidemia in altri quartieri

L'epidemia in altri quartieri
Ricevi gratis le news
8

Aumentano i contagiati: finora 37. Ma adesso la paura non si respira più solo nel quartiere Montebello: un terzo dei malati non vive nella zona «rossa».

Chiara Pozzati

Legionella, si allargano i contorni dell’epidemia: sono già una decina i casi di contagio esterni alla zona di via Montebello. E' questo il fatto nuovo più preoccupante dell'emergenza sanitaria che ha colpito la nostra città. Intanto continuano i controlli per individuare il focolaio che ha generato il contagio e che a tutt'oggi è ancora oscuro.

I pazienti che non abitano nella zona rossa rappresentano oltre un quarto del totale, considerando che le persone che finora hanno contratto la legionellosi sono 37. Si tratta di dieci persone che non abitano e nemmeno lavorano nel quartiere Cittadella «ma tutte accomunate da almeno un contatto con l’area del Montebello», precisa l’Ausl.

Ieri si è tenuto un altro tavolo istituzionale per fare il punto sulla situazione e decidere le misure da adottare. Alla fine, è arrivata una risposta ufficiale ai timori dell'allargarsi dell'epidemia: «Al momento non è possibile escludere nulla, nemmeno che il contagio possa avvenire in altri quartieri. Anche se le attenzioni si concentrano sul Montebello proprio perché la maggior parte dei casi si è verificata in quell’area».

Ma quali sono gli altri quartieri coinvolti? «Tutti». Ci sono pazienti che hanno contratto l’insidioso batterio e abitano in centro, altri al Molinetto, in via Paradigna, altri ancora al San Lazzaro Lubiana.

Impossibile capire in che modo gli ammalati che abitano altrove abbiano avuto contatti col Montebello. Di certo l'infezione viene trasmessa da flussi di aerosol e di acqua contaminata dal batterio. Nel mirino sono i luoghi pubblici. Proseguono intanto le contromosse delle autorità sanitarie: «Ricordiamo che i campionamenti sono stati effettuati nelle abitazioni di tutti i pazienti affetti da legionellosi, compresi coloro che non risultano domiciliati nella zona del Montebello», assicurano dagli uffici di strada del Quartiere.

Intanto i campionamenti a tappeto hanno interessato anche le attività produttive: al setaccio i cantieri e le aziende del quartiere Cittadella. E il responso è stato negativo per tutti. Ecco perché «l’attenzione viene concentrata su altre fonti di emissione, quali in particolare le torri di evaporazione centralizzate presenti in edifici di grandi dimensioni legati a diverse attività che ne comportano l’installazione ad una distanza compatibile con quella in cui presumibilmente si è manifestato il contagio», come ha chiarito ieri la nota ufficiale diramata subito dopo il tavolo interistituzionale. Non solo: gli esperti hanno acceso i riflettori anche sui centri commerciali e sugli impianti sportivi «su cui vengono effettuati controlli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Betti

    08 Ottobre @ 00.31

    il teleriscaldamento è stato escluso?

    Rispondi

  • Berta

    07 Ottobre @ 17.59

    Il fatto che ci siano 10 casi fuori dall'area Montebello dovrebbe essere "positivo", perché proprio grazie a queste 10 persone dovrebbe essere piuttosto facile risalire al luogo di contagio. Cioè, uno che viene da fuori ricorda sicuramente i pochi posti in cui è stato nel quartiere, a differenza di chi ci abita, che lo frequenta in lungo e in largo. Non capisco come sia possibile non averlo ancora individuato. Ma che stanno facendo????

    Rispondi

    • federicot

      07 Ottobre @ 19.09

      federicot

      Eh infatti... Per me è gente che è stata in coda da qualche parte.

      Rispondi

  • danila

    07 Ottobre @ 15.48

    ma cosa sono le torri di evaporazione ?

    Rispondi

    • 07 Ottobre @ 16.05

      Ecco il link di wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Torre_di_raffreddamento

      Rispondi

  • salamandra

    07 Ottobre @ 14.01

    I mezzi di pulizia delle strade? Anche quelli spruzzano acqua o sbaglio?

    Rispondi

    • 07 Ottobre @ 14.13

      (Dalla redazione) I mezzi di pulizia delle strade sono stati valutati dai tecnici per la zona di Via Montebello, ma poi esclusi perché è stato ritenuto altamente improbabile che diffondessero il batterio. Almeno è questo quello che è stato detto nell'assemblea di ieri.

      Rispondi

  • Vercingetorige

    07 Ottobre @ 12.03

    MA E' OVVIO ! Attenzione però a non fare confusione fra la presenza di ammalati fuori dal quartiere Montebello e la presenza di fonti di contagio al di fuori di quel quartiere ! Non è la stessa cosa ! Se , com' è probabile , la fonte del contagio è in un luogo pubblico frequentato da molta gente , possono esservi state esposte anche persone residenti altrove. Tanto per fare un esempio qualsiasi , sarebbe come pretendere che al Centro Torri ci vadano solo gli abitanti di San Leonardo. L' ipotesi di una seconda fonte di contagio è , secondo me , meno probabile.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I regali di Natale per lui

PGN

I regali di Natale per lui

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Montagna

Corniglio, si pensa a una eventuale «class action» contro Enel

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

1commento

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

2commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

carabinieri

Traffico rifiuti a Livorno, sei arresti. Intercettazioni choc: "I bambini? Che muoiano"

1commento

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS