-1°

14°

EDITORIALE

Dove finiremo? Forse ce lo dirà il petrolio

Dove finiremo? Forse ce lo dirà il petrolio

Foto d'archivio

0
 

L'economia mondiale è alla disperata ricerca di segnali di "normalizzazione". Ad esempio il rialzo dei tassi da parte della Fed, dato ormai sempre più probabile a dicembre, sarebbe uno di questi segnali, sebbene i listini mostrino un ovvio nervosismo solo all'ipotesi. Si tratterebbe appena del secondo rialzo dopo la grande crisi (il primo fu quello, blando, di dicembre 2015). In Europa invece, dove il bisogno di un bilanciamento dei fondamentali è ancora più urgente, l'era dei tassi sotto zero pare destinata a durare: l'America, che ha visto pochi giorni fa crollare ai minimi da 43 anni le richieste di sussidio alla disoccupazione, può ragionevolmente pensare a una «stretta», mentre noi abbiamo il problema di prolungare le politiche di allentamento di fronte a una crescita che zoppica.
Un altro segnale di ritorno alla normalità sarebbe il prezzo del petrolio ricondotto a valori di mercato, lontano cioè sia dai 120 dollari al barile che appena quattro anni fa ci facevano disperare a ogni pieno ma anche dai 27 dollari toccati a inizio 2016, con tutti gli effetti negativi che si portano dietro e che forse un po' tutti abbiamo sottostimato fissandoci solo sui possibili benefici: bolletta energetica più leggera per i Paesi importatori - Italia in primis -, aumento del reddito disponibile e impatto sui margini delle aziende che consumano energia. In realtà abbiamo assistito negli ultimi due anni a una discesa del prezzo dettata non solo dall'eccesso di offerta (pure innegabile) ma dalla diminuzione della domanda, soprattutto cinese, quindi con benefici relativi in termini di Pil. E poi ci sono le difficoltà dei Paesi esportatori di greggio che hanno congelato acquisti e operazioni finanziarie che nazioni ricche come l'Arabia Saudita riversano sui mercati occidentali. Di riflesso sono crollati gli investimenti in un settore strategico come quello petrolifero, più che dimezzati dal 2014, bloccando - stimava Wood Mackenzie a inizio estate - 380 miliardi in pozzi ed esplorazioni.
Per questo il vertice tra i Paesi Opec che due settimane fa aveva prodotto un'intesa per far scendere il tetto della produzione dai 33,2 milioni di barili del mese scorso a 32,5 ha innescato il rialzo delle quotazioni del greggio sopra i 50 dollari. Poi è arrivato un secondo segnale positivo: l'apertura della Russia - che non fa parte dell'Opec - a un contenimento della produzione. Ma a oggi l'illusione di un riallineamento dei prezzi pur non del tutto infranta deve fare i conti con un quadro nebuloso. Intanto dal mini-vertice di questi giorni a Istanbul con Russia, Messico e alcuni Paesi Opec a margine del World Energy Congress non è emerso alcun accordo ma solo un rinvio. E a ben vedere i dettagli sulla riduzione della produzione Opec decisi a fine settembre devono essere concordati e ratificati (appuntamento il 30 novembre) e c'è il sospetto che qualcuno bari sulle cifre per minimizzare i tagli; non solo: le tensioni fra Arabia Saudita e Iran restano fortissime, la continua crescita della produzione libica rischia di modificare gli equilibri, senza contare che un rialzo del petrolio renderebbe di nuovo competitivo lo shale gas americano: sopra i 60 dollari al barile il petrolio prodotto per fratturazione idraulica torna conveniente, deprimendo a sua volta il greggio. Un po' un cane che si morde la coda. Quello che preoccupa, dal nostro punto di vista, è che pur in presenza di tassi bassissimi e del petrolio ai minimi l'economia italiana è ripartita solo al rallentatore e i consumi ristagnano. Figuriamoci se anche il «pieno» tornasse a farci paura.

atagliaferro@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Scippo in via Farini

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

3commenti

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

1commento

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

3commenti

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

FISCO

Nel 2016 oltre 450mila liti pendenti per 32 miliardi

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia