-4°

SALUTE

Di notte sui social, di giorno assonnati: ecco gli "adolescenti-gufo"

Solo 15 su cento dormono almeno otto ore per notte. E a scuola crollano

 Adolescenti: di notte    sui social, di giorno assonnati
0
 

E' l’età degli ormoni scoppiettanti, alla quale dovrebbero corrispondere almeno otto ore di sonno per notte, ma solo il 15% degli adolescenti rispetta questa soglia. L’adolescenza è diventata la lunga stagione dell’astinenza, nella quale si resta connessi fino a tarda notte, appesi alla rete delle amicizie virtuali, difficile da abbandonare fino allo sfinimento.

Il risultato è visibile soprattutto a scuola, negli occhi di alunni sonnolenti che nelle prime due ore di lezione faticano a reagire agli stimoli degli insegnanti, continuando inconsciamente a dormicchiare appollaiati sul banco.

«Si tratta di un jet lag sociale, in cui non si compie alcun viaggio intercontinentale, ma nel quale ogni giorno ci si ritrova in quella dimensione spaesata», spiega il neurologo Liborio Parrino, responsabile del Centro del sonno dell’Azienda ospedaliero universitaria. Anche i bambini più dormiglioni, tendono nell’età dell’adolescenza a diventare sempre più «gufi», cioè a spostare in ritardo l’ora in cui si abbandonano alle braccia di Morfeo.
«Non solo l’uso smodato di apparecchiature elettroniche, ma anche i mutamenti biologici connessi con questa età di grandi cambiamenti influiscono sulla durata e qualità del sonno», osserva lo specialista.
I problemi si attutiscono in estate, quando i genitori sono più tolleranti e lasciano dormire fino a tardi il ragazzo, oppure concedono loro, in vacanza, il riposino pomeridiano. Ma ricompaiono alla ripresa della scuola, aggravati dai viaggi di andata, che talvolta obbligano ad alzarsi prima delle sette. Poi ricomincia l’attività sportiva, e il ragazzo non riesce neppure a concedersi l’agognato riposino nel pomeriggio.

«Il sonno è il cibo per il cervello, perché mentre dormiamo si verificano importanti funzioni cerebrali e del corpo – sottolinea Parrino – Ridurre le ore di sonno può essere dannoso: si possono verificare problemi di vista, scarso rendimento nelle attività scolastiche o lavorative. La sonnolenza inoltre fa diventare lunatici, rendendo difficili i rapporti in famiglia e con gli amici».
Per i più grandi è bene fare attenzione anche all’illusione di recuperare la notte insonne del sabato dormendo tutta la domenica. «Il sonno perduto si recupera solo parzialmente perché c’è una grande differenza tra il dormire nelle ore notturne e in quelle diurne – spiega lo specialista – Di giorno si ha un sonno schizofrenico, in cui il nostro riposo è disturbato dalle forze circadiane della veglia, perché siamo animali diurni. Non dimentichiamo che un cervello che ha fame di sonno lo otterrà, anche quando non ce l’aspettiamo: la sonnolenza è causa di oltre centomila incidenti ogni anno», dice lo specialista.
Fino a qualche anno fa i neurologi studiavano soprattutto i disturbi del sonno negli adulti, ora sono più di seimila gli studi scientifici autorevoli che rilevano il problema per gli adolescenti non è solo scolastico, ma riguarda il loro benessere fisico ed emotivo. Il disordine del ritmo sonno-veglia, in particolare, influisce sull’alimentazione, esponendo i ragazzi anche ad un maggiore rischio di diventare obesi e sviluppare malattie.

I CONSIGLIE
Come aiutare questi ragazzi «gufo» a ritrovare serenità un giusto ritmo sonno-veglia? «Il ruolo centrale è dei genitori, che ora appaiono confusi e impreparati – spiega il neurologo Liborio Parrino – Sono loro che devono farli andare a letto la sera in un orario adeguato e svegliarli presto al mattino, applicando una disciplina non castrante, ma di incoraggiamento all’adozione di un buon stile di vita».
«Gli adulti devono dare il buon esempio, considerando trendy per tutta la famiglia il dormire otto ore e non facendosi vedere a letto con in mano lo smartphone», continua Parrino. E quando il ragazzo è ormai troppo grande per imporgli nuove abitudini, lo specialista suggerisce alcuni consigli per dormire meglio e aumentare il proprio benessere con responsabilità.
 Pianifica il tuo sonno, scegliendo il personale momento ideale per andare a letto, che consenta di dormire abbastanza. E cerca di rispettarlo il più possibile.
Esponiti alla luce ogni mattina quando ti svegli, così da indurre il tuo orologio interiore a spostarsi indietro, per far giungere prima la sonnolenza alla sera.
Evita di esporti a luce intensa prima di coricarti, per non portare avanti le lancette del tuo orologio interiore. Non svolgere attività eccitanti di sera e soprattutto cerca di rilassarti in maniera sempre più intensa per circa 30 minuti prima di andare a letto.
Non dormire con in camera il telefono cellulare acceso o il computer, la tv e altri strumenti tecnologici, comprese le luci.
Durante il fine settimana mantieniti il più possibile vicino al tuo programma di sonno.
Evita bevande a base di caffeina o energizzanti dopo l’uscita da scuola.
Non fare il riposino pomeridiano dopo le 16.
Soprattutto, divertiti un po’ ogni giorno e goditi la vita!




© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

5commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta