Contagio

Residenti e commercianti: «Perché sulla legionella non ci dicono la verità?»

«Perché sulla legionella non ci dicono la verità?»
13

Residenti e commercianti di piazzale Maestri e della zona di via Montebello sono preoccupati ma anche arrabbiati: «Perchè non ci dicono la verità sulla legionella? Intanto il quartiere si è svuotato e la gente non viene più a comprare nei nostri negozi. Il danno è anche economico».

Mara Varoli

«La verità sulla legionella? Non verrà mai fuori». E' il parere di Francesca e di molti altri parmigiani che vivono intorno a via Montebello: «C'è stata poca informazione - continua Francesca Robuschi -. Nemmeno i tecnici sanno cosa è successo in questo quartiere. E noi aspettiamo». Preoccupati sì, ma anche arrabbiati: «Non è chiara la fonte dell'epidemia e c'è chi dice che il problema della legionella c'era già a luglio, ma nessuno ha detto niente fino a settembre - sottolinea l'edicolante Ugo Castellani -. C'è anche chi pensa che non si tratti di legionella perché di quest'infezione non si muore, così dicono. Insomma, non c'è niente di certo: all'inizio si pensava che il batterio fosse nell'acqua e i ragazzi della Montebello non facevano nemmeno più nemmeno la doccia, poi nelle torri di evaporazione: è certo che c'è stata una grave mancanza di comunicazione da parte del sindaco e dei tecnici. Se hanno trovato il luogo in cui si è sviluppato il batterio, perché ci tengono nascosta la verità?».

Al lunedì in piazzale Maestri c'è il mercato. Banchi ordinati con prodotti di qualità e molto apprezzati dai parmigiani. Tant'è che per i residenti della zona è un appuntamento fisso. Ma il lavoro è calato: «La gente che vive in altre zone non viene più - prosegue l'edicolante -: il danno è enorme, anche economico». «Sulla legionella le risposte sono state tutte molto vaghe e i cittadini lavorano di fantasia - interviene Giovanni Forestieri della «Carne equina» -. I clienti mi hanno spiegato cose assurde: una signora non ha potuto visitare un parente all'ospedale perché abitava in piazzale Maestri, i nonni non vedono più i nipoti che vivono in altre zone, perché hanno paura a venire da queste parti. E c'è chi cucina o si lava con l'acqua minerale. Anche chi veniva a comprare i nostri prodotti da altri quartieri non viene più. Nessuno ci ha dato risposte: non si capisce nemmeno quali siano le torri di evaporazione coinvolte nella disinfezione. Mi viene da pensare che forse non vogliono scomodare qualche poltrona troppo importante. Purtroppo, non ho il "vangelo" in mano». Dello stesso parere è Giulia Bertocchi, ambulante: «I cittadini hanno paura e al mercato viene meno gente - spiega -. In queste ultime tre settimane i clienti sono diminuiti visibilmente, soprattutto i negozianti si lamentano. E dopo così tanti giorni, gli esperti non sanno ancora bene quale sia l'origine del batterio: a questo punto, la maggior parte di noi pensa che non vogliano dire la verità». «E' così - aggiunge Marco Chiusa del banco della gastronomia -, i negozianti si lamentano molto per la perdita di lavoro. I residenti sono spaventati e non capiscono dove si sia creato il problema». E Graziano Groppi dell'omonimo negozio non smentisce: «Io non ho capito nulla. In casa abbiamo cambiato i frangigetto dei rubinetti, dal momento che in un primo momento si pensava che il batterio arrivasse dall'acqua. La gente è disorientata e in negozio non si parla d'altro. Chi abita qui viene ancora a fare la spesa, ma chi abita in altre zone non viene più come prima. Tutti dobbiamo sapere da dove arriva la legionella, perché così ci si può tutelare di più». Anche Michele Morassi del Bar tabaccheria «Dall'Anna» è piuttosto arrabbiato: «Il sindaco dovrebbe dire a tutti che in via Montebello non c'è la peste - esordisce -. Non c'è più nessuno che viene in questi negozi. A maggior ragione perché non si sa niente: c'è bisogno di verità. E il fatto che nascondano le informazioni è molto brutto. Mi piacerebbe che il sindaco Pizzarotti venisse nel mio bar e ci rimanesse per una giornata intera: siamo diventati un quartiere di serie B. Tutti i negozianti sono preoccupati per i conti». «Il lavoro? C'è stato un calo drastico, più del 60 per cento - commentano Sergio Terrone e Sara Busi del «Gustonatura» -. Con i problemi scatenati dalla legionella il quartiere sta soffrendo molto. Ci sono mattine in cui via Montebello è completamente deserta e non mi sembra che sia una zona periferica. E dopo un mese non si è ancora capito cosa è successo: forse non dipende né dall'acqua e nemmeno dall'aria. E chi se ne occupa dovrebbe essere più sincero a dare le risposte: la popolazione ha il diritto di essere informata. Parma è ormai una città in balia delle onde». «Dovevano accorgesene prima che c'era un problema - interviene Emilio Melli -. Non sono un esperto, ma mi auguro che riescano a debellare il batterio il prima possibile». «Ci sono troppe storie che non convincono - aggiunge Filippo Uretti -. Anche il sindaco non dice niente di certo: deve essere più chiaro, anche perché la gente è preoccupata. E non è vero che il problema è solo in questo quartiere». Non sono d'accordo Tiziana Cavalca e Vittorio Bergamaschi: «Il sindaco non c'entra nulla: più di così cosa può fare? Noi abbiamo pulito tutto in casa: rubinetti e condizionatori, perché in realtà abbiamo subito pensato che il batterio della legionella potesse svilupparsi proprio nei filtri dei condizionatori». Ivana Friggeri è meno preoccupata degli altri cittadini: «Certo, i condizionatori vanno puliti, ma gli esperti sono riusciti a trovare la causa di tutto questo? - chiede -. Speriamo però che ora sia finita». Andrea Calderoni è un ambulante: «Per quattro giorni sono stato a casa con la febbre a 39 e non respiravo più, per cui è naturale che ho pensato di aver preso la legionella - dice -, ma poi sono guarito, fortunatamente. Forse un nostro collega, invece, si è ammalato per davvero. Tutta colpa del clima di settembre: troppo caldo e sbalzi termici non indifferenti». Adelina Da Pozzo e Bruno Sandei abitano in piazzale Maestri da un mese: «Siamo contenti ma con la storia della legionella abbiamo preferito rimanere un po' di più a Tre Fiumi, dove abbiamo una piccola casa. E l'acqua ce la portiamo da là. Subito ci siamo spaventati parecchio». In tanti nel piazzale hanno pensato che «oltre alla legionella c'è di più - commentano i residenti -: ci deve essere qualcosa di più grave nell'aria e ce lo tengono nascosto». La paura sale, quando le informazioni sono poche: «La gente ne parla tanto - conferma Tatiana Belaus, barista del noto bar pasticceria «Tolasudolsa» -. Sono tutti preoccupati. E pensano che la verità non verrà mai fuori. Non si sa a chi credere. Sapevano da mesi che c'era il problema dell'infezione e non hanno fatto nulla, non hanno dato le dovute informazioni». Davide Rampini, dipendente della tabaccheria, è molto preoccupato: «C'è un po' di caos in questa storia - risponde -. Nemmeno i tecnici ci saltano fuori. E la gente è spaventata: diversi nostri clienti si sono ammalati e anche dopo le dimissioni dall'ospedale devono comunque fare spesso dei controlli. Per cui, più che domande vorremmo delle risposte».

E Roberto Accarini dell'«Ottica Montebello» conclude: «C'è disinformazione e non spiegando nulla hanno svuotato la via. Per noi commercianti c'è stato anche un danno economico. Sicuramente c'entrano le torri di raffreddamento, ma i cittadini hanno il diritto di saperne di più. Non ci stanno rassicurando e siamo tutti allarmati. Quando hanno intenzione di risolvere il problema? Soprattutto per i bambini può essere pericoloso. E io ho una figlia di sei anni, per cui sono molto preoccupato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Michele

    18 Ottobre @ 22.29

    mandra_sala@libero.it

    Stanno proteggendo qualcuno.... da dove viene la legionella ? Viene dall'acquedotto ? Cosa facevano le cisterne di sanificante ? Perché tutto tace ?

    Rispondi

    • leoleo

      19 Ottobre @ 10.29

      Non viene dall'acquedotto. Torri d'evaporazione zona Montebelle/P.le Maestri... dai non è difficile (non sono le poste)

      Rispondi

  • marirhugo

    18 Ottobre @ 19.24

    cioe,' quale sarebbe la verita' che non dicono? E chi non dice?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    18 Ottobre @ 18.03

    Pensate che uno degli intervistati ha detto che , dietro la versione ufficiale della legionellosi , ci dev' essere qualcosa di più misterioso ( Donna Cenerina ? ) , perché "di questa infezione non si muore" ! Il tasso grezzo di mortalità per legionellosi nei Paesi Europei è del 10 % , secondo i dati del 2013 . Se , a Parma , abbiamo avuto 2 morti su 41 ammalati , siamo nettamente al di sotto della media. Un altro ha detto che ci sono stati casi anche al di fuori del quartiere Montebello . In realtà sembra che tutti gli ammalati risiedano in quel quartiere , o lo abbiano frequentato , ma , se lui ha notizia di casi diversi , ci dica quali sono. Un altro ancora riferisce che , in Ospedale, ad una persona è stato vietato di far visita ad un ricoverato , perché risiede nel quartiere Montebello , quindi , se vi viene l' appendicite , ma abitate in piazzale Maestri , non può venirvi a trovare nessuno ! Non ridete ! La "Gazzetta" , su 'sta roba , ci fa due paginoni , come sulla sagra della torta fritta ! Ma io non ce l' ho né con la "Gazzetta" , né con la gente. Ho vissuto tutta la vita in mezzo alla gente , e la amo . La amo anche per le bestiate che dice . Se tutti fossimo tecnici rigorosi , sapete che barba ?

    Rispondi

    • gigiprimo

      19 Ottobre @ 08.41

      infatti !!!!!!!!!

      Rispondi

  • marco

    18 Ottobre @ 11.27

    certo che se il quotidiano titola "il killer si nasconde nelle torri" non ci si può lamentare che la gente vada in panico o no?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    18 Ottobre @ 10.59

    LA VERITA' , FINO AD OGGI ACCERTATA , E' STATA DETTA , poi , se residenti e commercianti del quartiere Montebello , magari istigati da qualche Tribuno della Plebe , a caccia di una manciata di voti alle prossime "comunali" , preferiscono vaneggiare su "Poteri Forti" , "Grande Vecchio", sui marziani sbarcati a Roswell , sugli americani che ne hanno fatto l' autopsia , sulla CIA che sparge veleni sul mondo con le scie dei reattori , sull' FBI che ha minato le Torri Gemelle , sul falso sbarco sulla luna , riprodotto in teatro di posa , sul dinosauro nel lago di Loch Ness , facciano pure ! Ci aggiungerei i fantasmi di Moroello e Soleste nel castello di Bardi ! L' unica cosa concreta in questa gazzarra è che , forse , hanno ragione i commercianti nel lamentare un minore afflusso di clienti nella zona.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Una patente

Una patente di guida

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

anteprima gazzetta

Il caso di via D'Azeglio: "Il supermercato non deve chiudere" Video

Allarme povertà, la comunità di Sant'Egidio raddoppia il pranzo di Natale

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

tg parma

Abusi ripetuti su due bimbe, pedofilo condannato a 6 anni Video

Violenze nei confronti della cuginetta e di una nipote

1commento

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

politica

Bilancio del Comune, Alfieri attacca: "Cittadini spremuti?"

"Ci hanno detto che eravamo pieni di debiti, tasse e tariffe dovevano essere al massimo. Ora compare un tesoretto di 138 milioni di euro?"

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Rugby

La partita delle Zebre anticipata alle 15

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili
per guidare nella nebbia

1commento

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti