11°

17°

fisco

Sartori e la super multa cancellata: "Non mi sono rassegnato"

Equitalia gli aveva inviato una cartella da 187mila euro. «Mi sono battuto, finché ho vinto»

«Ecco come ho sconfitto Equitalia»
Ricevi gratis le news
2

 

Francesco Bandini

Non si è voluto piegare a quella che fin da subito ha vissuto come un'ingiustizia, una pretesa assurda e spropositata, e si è battuto fino all'ultimo, per anni. E alla fine Davide ha avuto la meglio su Golia: il piccolo contribuente Fabio Sartori ha messo al tappeto il gigante rappresentato da Equitalia e Agenzia delle entrate. E non si è accontentato di vincere, ma ha voluto gridarlo a tutti, scrivendolo su Facebook, dove immediatamente ha avuto centinaia di «mi piace», di condivisioni e di commenti entusiasti. L'ha fatto per mandare un messaggio di incoraggiamento ai tanti che si trovano in una situazione come la sua e che magari sono tentati di buttare tutto all'aria, o, peggio ancora, di compiere gesti estremi. «Non mollate – dice al telefono con la Gazzetta –, non scoraggiatevi, ma mettetecela tutta e battetevi. Lo so che è dura, ma la mia esperienza insegna che si può vincere».

Sartori ha 38 anni e gestisce la trattoria «La Sevra» di Sala Baganza. Lui e la sua famiglia l'hanno rilevata quindici anni fa, per due anni l'hanno ristrutturata, poi si sono messi in attività. Circa sei anni dopo, la mazzata, inaspettata e tremenda. Una cartella esecutiva di Equitalia che avrebbe fatto venire un infarto a chiunque: 187mila euro da pagare al fisco. La contestazione riguarda un presunto scarico Iva non dovuto. In pratica, nello stesso immobile ci sono sia la trattoria, sia gli uffici della società immobiliare proprietaria dei muri e che ha effettuato la ristrutturazione. Secondo la contestazione, non sarebbe stato dovuto lo scarico Iva per la ristrutturazione della parte relativa agli uffici, sebbene vi si acceda attraverso lo stesso ingresso della trattoria e quindi siano da considerarsi accessori rispetto alla parte commerciale.

Come siano arrivati a quella cifra esorbitante, Sartori ancora non l'ha capito: «Però so che ci sono interessi, commissioni, more e il solito 30% che Equitalia ruba a tutti». La prima reazione del padre è stata di pagare, «ma io ho detto che sarebbe stato impossibile e che non avevamo quella cifra. Loro chiedono subito un terzo e il resto a rate, ma noi, dopo la ristrutturazione che era costata anche più del previsto, non avevamo neanche un terzo della somma. Mio padre diceva che con quelli si perde sempre e che non valeva la pena opporsi». Ma Sartori ha deciso che non poteva arrendersi. «Tanti, quando arrivano le cartelle, pensano che conviene di più pagare che mettersi a combattere. Ma quando ti arrivano cartelle come la mia, o dai la vita o fai la guerra. E io l'ho fatta».

Soprattutto , è andato avanti per un altro motivo. «In questi anni giornali e tg non facevano che parlare di persone che si suicidavano perché non potevano pagare i dipendenti o arrivare a fine mese, ma io so che tante di quelle persone avevano a costo una cartella di Equitalia e che quello era il vero motivo della loro disperazione. Se quella cartella l'avessi pagata, con cosa sarei andato avanti? Con che soldi avrei potuto fare la spesa per la trattoria, Con che soldi avrei pagato i miei dipendenti? Avrei dovuto dire loro – che hanno mogli, figli e un mutuo – che non potevo pagarli perché dovevo pagare una cartella ingiusta di Equitalia?». Lui a farla finita non ci ha pensato, «perché non c'è nulla per cui valga la pena ammazzarsi», ma a chiudere bottega ci ha pensato eccome: «Abbiamo provato a vendere, perché si arriva a una situazione in cui sei saturo». Poi però è sempre andato avanti, con la forza della determinazione, dettata dalla convinzione di essere nel giusto, e soprattutto con la forza della famiglia. «Perché quando ti succede una cosa come questa, alla fine ti senti sempre solo se non hai una famiglia grande e forte alle spalle, che ti sostiene e ti incoraggia quando cercano di annientarti, di aggredire i tuoi averi e di farti passare la voglia di combattere». Sartori su questo ha potuto contare ed è proprio a questo che attribuisce il suo successo.

Vinto il primo grado e, proprio pochi giorni fa, anche l'appello, Fabio Sartori è felice e sollevato, sebbene non si nasconda che, volendo, Equitalia potrebbe adire un ulteriore grado di giudizio. «Dopo che ho raccontato la mia esperienza su Facebook, in tanti in paese mi hanno contattato e molti sono stati anche i clienti in trattoria che sono venuti a stringermi la mano. Uno mi ha scritto in un commento che ho avuto fortuna, ma io dico che non è giusto vincere perché si ha fortuna, ma perché si è dalla parte della ragione». E a chi si trova nelle sue stesse condizioni, manda un messaggio: «Se c'è qualcuno che per colpa loro vuole mollare tutto, con la vita e con l'attività, io dico: pensateci bene, non vincono sempre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    24 Ottobre @ 13.41

    Gli auguro di poterlo dire anche dopo l'eventuale ultimo grado di giudizio: fino ad allora, io sarei stato più cauto...

    Rispondi

  • Michele E

    24 Ottobre @ 10.37

    Contro 187.000€ che diventano zero, sarebbe interessante sapere che sanzione abbia subito lo - strapagato - dirigente "responsabile" del provvedimento...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Molestie sessuali: 30 donne accusano il regista James Toback

Il regista James Toback

Dopo Weinstein

Molestie sessuali: 30 donne accusano il regista James Toback

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

Autovelox mobile

CONTROLLI

Autovelox, la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Arrestato cittadino dominicano residente nella città termale per violenza e resistenza a pubblico ufficiale

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

19commenti

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

economia

Approvata all'unanimità la fusione di Banca di Parma in Emil Banca

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Gran Bretagna

Allerta in un bowling: forse ci sono ostaggi

LA SPEZIA

Sarzana, architetto muore in strada: aveva una profonda ferita alla testa

SPORT

SERIE A

Bonucci espulso con lo "zampino" del Var: è il primo cartellino rosso con la videoassistenza

Calcio

Parma, tre punti d'oro

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL SALONE

Non solo Suv: Tokyo rilancia le sportive