21°

36°

fisco

Sartori e la super multa cancellata: "Non mi sono rassegnato"

Equitalia gli aveva inviato una cartella da 187mila euro. «Mi sono battuto, finché ho vinto»

«Ecco come ho sconfitto Equitalia»
Ricevi gratis le news
2

 

Francesco Bandini

Non si è voluto piegare a quella che fin da subito ha vissuto come un'ingiustizia, una pretesa assurda e spropositata, e si è battuto fino all'ultimo, per anni. E alla fine Davide ha avuto la meglio su Golia: il piccolo contribuente Fabio Sartori ha messo al tappeto il gigante rappresentato da Equitalia e Agenzia delle entrate. E non si è accontentato di vincere, ma ha voluto gridarlo a tutti, scrivendolo su Facebook, dove immediatamente ha avuto centinaia di «mi piace», di condivisioni e di commenti entusiasti. L'ha fatto per mandare un messaggio di incoraggiamento ai tanti che si trovano in una situazione come la sua e che magari sono tentati di buttare tutto all'aria, o, peggio ancora, di compiere gesti estremi. «Non mollate – dice al telefono con la Gazzetta –, non scoraggiatevi, ma mettetecela tutta e battetevi. Lo so che è dura, ma la mia esperienza insegna che si può vincere».

Sartori ha 38 anni e gestisce la trattoria «La Sevra» di Sala Baganza. Lui e la sua famiglia l'hanno rilevata quindici anni fa, per due anni l'hanno ristrutturata, poi si sono messi in attività. Circa sei anni dopo, la mazzata, inaspettata e tremenda. Una cartella esecutiva di Equitalia che avrebbe fatto venire un infarto a chiunque: 187mila euro da pagare al fisco. La contestazione riguarda un presunto scarico Iva non dovuto. In pratica, nello stesso immobile ci sono sia la trattoria, sia gli uffici della società immobiliare proprietaria dei muri e che ha effettuato la ristrutturazione. Secondo la contestazione, non sarebbe stato dovuto lo scarico Iva per la ristrutturazione della parte relativa agli uffici, sebbene vi si acceda attraverso lo stesso ingresso della trattoria e quindi siano da considerarsi accessori rispetto alla parte commerciale.

Come siano arrivati a quella cifra esorbitante, Sartori ancora non l'ha capito: «Però so che ci sono interessi, commissioni, more e il solito 30% che Equitalia ruba a tutti». La prima reazione del padre è stata di pagare, «ma io ho detto che sarebbe stato impossibile e che non avevamo quella cifra. Loro chiedono subito un terzo e il resto a rate, ma noi, dopo la ristrutturazione che era costata anche più del previsto, non avevamo neanche un terzo della somma. Mio padre diceva che con quelli si perde sempre e che non valeva la pena opporsi». Ma Sartori ha deciso che non poteva arrendersi. «Tanti, quando arrivano le cartelle, pensano che conviene di più pagare che mettersi a combattere. Ma quando ti arrivano cartelle come la mia, o dai la vita o fai la guerra. E io l'ho fatta».

Soprattutto , è andato avanti per un altro motivo. «In questi anni giornali e tg non facevano che parlare di persone che si suicidavano perché non potevano pagare i dipendenti o arrivare a fine mese, ma io so che tante di quelle persone avevano a costo una cartella di Equitalia e che quello era il vero motivo della loro disperazione. Se quella cartella l'avessi pagata, con cosa sarei andato avanti? Con che soldi avrei potuto fare la spesa per la trattoria, Con che soldi avrei pagato i miei dipendenti? Avrei dovuto dire loro – che hanno mogli, figli e un mutuo – che non potevo pagarli perché dovevo pagare una cartella ingiusta di Equitalia?». Lui a farla finita non ci ha pensato, «perché non c'è nulla per cui valga la pena ammazzarsi», ma a chiudere bottega ci ha pensato eccome: «Abbiamo provato a vendere, perché si arriva a una situazione in cui sei saturo». Poi però è sempre andato avanti, con la forza della determinazione, dettata dalla convinzione di essere nel giusto, e soprattutto con la forza della famiglia. «Perché quando ti succede una cosa come questa, alla fine ti senti sempre solo se non hai una famiglia grande e forte alle spalle, che ti sostiene e ti incoraggia quando cercano di annientarti, di aggredire i tuoi averi e di farti passare la voglia di combattere». Sartori su questo ha potuto contare ed è proprio a questo che attribuisce il suo successo.

Vinto il primo grado e, proprio pochi giorni fa, anche l'appello, Fabio Sartori è felice e sollevato, sebbene non si nasconda che, volendo, Equitalia potrebbe adire un ulteriore grado di giudizio. «Dopo che ho raccontato la mia esperienza su Facebook, in tanti in paese mi hanno contattato e molti sono stati anche i clienti in trattoria che sono venuti a stringermi la mano. Uno mi ha scritto in un commento che ho avuto fortuna, ma io dico che non è giusto vincere perché si ha fortuna, ma perché si è dalla parte della ragione». E a chi si trova nelle sue stesse condizioni, manda un messaggio: «Se c'è qualcuno che per colpa loro vuole mollare tutto, con la vita e con l'attività, io dico: pensateci bene, non vincono sempre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    24 Ottobre @ 13.41

    Gli auguro di poterlo dire anche dopo l'eventuale ultimo grado di giudizio: fino ad allora, io sarei stato più cauto...

    Rispondi

  • Michele E

    24 Ottobre @ 10.37

    Contro 187.000€ che diventano zero, sarebbe interessante sapere che sanzione abbia subito lo - strapagato - dirigente "responsabile" del provvedimento...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Laura Freddi a 45 anni sarà mamma

gossip

Laura Freddi sarà mamma: è al quarto mese

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

Elisoccorso

Gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Violinista

Borissova, una bulgara «parmigiana»

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

Calcio

Serie A al via: i pronostici di Perrone

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

tg parma

Charlie Alpha, 27 anni fa la tragedia: il racconto e le immagini dell'epoca Video

ANTEPRIMA GAZZETTA

Inchiesta Pasimafi: negata la libertà a Fanelli Video

Le anticipazioni del vicedirettore Claudio Rinaldi

Tragedia

La disperazione degli amici di Diawara: «Non siamo riusciti a salvarlo»

1commento

POLESINE

Cavallo sprofonda nel fango: salvato dai vigili del fuoco Video

CONCORSO

Miss Italia, Bedonia incorona Asia. Secondo posto per Miss Parma Foto

Eletta la quinta delle 11 ragazze che andranno alle prefinali di Jesolo

DELITTO DI NATALE

Suicidio di Turco, si indaga per omicidio colposo

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ATTENTATO

Tra i feriti e i soccorritori sulla Rambla a Barcellona

Bassa reggiana

Violenta brutalmente un minorenne: arrestato 21enne richiedente asilo

2commenti

SPORT

FORMULA 1

Alonso (McLaren): "Senza un progetto vincente lascio"

YOUTUBE

Totti passa la palla a un tifoso... da una barca all'altra

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

1commento

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti