15°

29°

L'INTERVISTA

«Da Teatro Due a sex symbol». Lino Guanciale si racconta

«Da Teatro Due a sex symbol». Lino Guanciale si racconta
Ricevi gratis le news
0

Il fascinoso dottor Conforti della fiction Rai «L'allieva» parla di Parma, di Pasolini, del successo...

Lino Guanciale è il sex symbol della porta accanto. Il fascinoso anatomopatologo Claudio Conforti dell'«Allieva», re Mida delle fiction di RaiUno che lunedì ha salutato i fan con 4milioni e 800mila spettatori e picchi di share vicini al 28%, è rimasto il ragazzo dell'ensemble di Teatro Due. Mentre Rai e Endemol battono il ferro finché è caldo annunciando la seconda serie, lui risponde tranquillo al cellulare, si lascia intervistare senza intermediari, si perde nel piacere della chiacchiera. Alla fine chiede notizie degli amici parmigiani, di come stanno e cosa fanno, con il desiderio «di tornare presto». Nessuna ubriacatura da successo. Soddisfazione sì, certo: «Sono contento. “L'allieva” è una serie che ha saputo tenere il suo pubblico, nonostante sia stato cambiato il giorno di messa in onda. Con Alessandra Mastronardi mi sono trovato molto bene. Questo lavoro è arrivato in un momento in cui ho cominciato a muovermi con maggior disinvoltura nei prodotti televisivi, dove di norma ti confronti con stereotipi o, nella migliore delle ipotesi, modelli collaudati. Dopo la saga familiare (“Una grande famiglia”) e il melò (“La dama velata”), con “Non dirlo al mio capo” ma soprattutto con “Il sistema” e “L'allieva” ho dimostrato di sapere interpretare ruoli diversi. Il dottor Conforti, semplificando, è il bello-antipatico-stronzo ma che ama. E' un personaggio su cui mi piace lavorare e che mi dà molte soddisfazioni. Ho già pronta un'altra fiction di cui vado orgoglioso...»

Quindi per le “vedove” del dottor Conforti c'è una speranza?

«E' un nuovo lavoro, ben confezionato. Il titolo, al momento, è ”La porta rossa” e sarà trasmesso all'inizio del 2017. Il genere è noir con sfumature surreali, firmato da un maestro come Carlo Lucarelli. Interpreto un fantasma. Il mio personaggio è un commissario che viene ucciso e, da morto, grazie all'aiuto di una medium - e qui il riferimento è “Ghost” - continua a indagare, facendo luce su un passato misterioso. E' girato a Trieste, con me ci sono Gabriella Pession e un cast di attori di cinema e fiction Sky».

Da qualche giorno hai debuttato a Roma, all'Argentina, con il pasoliniano «Ragazzi di vita», in scena fino al 20 novembre. Il teatro è l'altro pezzo del tuo cuore...

«Lo spettacolo ha la regia di Massimo Popolizio, un amico con cui ho lavorato anche al Due. La sua regia è lucida e immaginifica, fa emergere la vitalità disperata delle figure che animano il testo pasoliniano. Il teatro è quello che, avendo potuto, avrei fatto per tutta la vita. In realtà non ho mai smesso di praticarlo, però ultimamente avevo lavorato esclusivamente con la mia compagnia, i “Carissimi padri”. Questa esperienza da freelance mi ha stimolato».

A Parma sei stato in scena quest'estate, al Festival Renata Tebaldi di Torrechiara. Ma soprattutto hai fatto parte dell'ensemble di attori stabili di Teatro Due.

«Sì, dal 2006 al 2010 e ho ricordi bellissimi. Abitavo nella zona di via Farini, andavo a mangiare dalle Sorelle Picchi. Conoscevo tutte le scuole superiori dove, grazie a Teatro Due, andavo a fare divulgazione. Il pallino della formazione del pubblico mi è venuto lì».

Ti rendi conto di essere diventato un sex symbol?

«Sì, me ne accorgo, anche quando vado in giro con la barba, come adesso, per esigenze di copione. Non me lo sarei mai aspettato, non era un mio obiettivo. Però mi diverte questa qualifica “sex-symbolista”, anche perché ci sono arrivato con un accumulo di fatiche».

Un difetto di Lino Guanciale?

«Sono testardo da morire. E ho scarsa praticità. Però se mi chiedi qual è il mio pregio, ti rispondo lo stesso, la testardaggine. Perché sembra una banalità, ma nella vita non bisogna mollare mai».

Il finale dell'«Allieva» è aperto e non sappiamo se Alice e Claudio vivranno felici e contenti. Lo scopriremo nella prossima serie. Però a te nella vita è capitata una situazione analoga, quando hai conosciuto la tua fidanzata, Antonietta Bello...

«Ci siamo incontrati a Venezia, tenevo un corso. Ma in quel contesto non è scattato niente. Tempo dopo, lei doveva preparare dei provini, mi ha contattato. Ci siamo trovati in una modalità diversa, paritaria; abbiamo scoperto i punti d'intesa. La stimo profondamente e insieme stiamo bene».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Barca prende fuoco e affonda nel Po, Marco Padovani muore annegato

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

2commenti

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

1commento

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

IL PERSONAGGIO

Lo Sceriffo, il pilota di drifting che si prepara a Varano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti