-1°

IL CASO

Bimbo maltrattato alla materna, suora a processo

Avrebbe ferito un alunno di 5 anni prendendolo per le orecchie

Bimbo maltrattato alla materna, suora a processo
Ricevi gratis le news
7

Lesioni volontarie aggravate: con questa accusa, una suora, maestra in una scuola materna della provincia, è stata citata direttamente a giudizio perché nel 2014 avrebbe sollevato da terra un bambino di 5 anni e mezzo prendendolo per le orecchie e provocandogli due profonde ferite. Leggi la storia.

Ha un nome soave, quella suora. Che evoca dolcezza. Ma quando Paolo (il nome è di fantasia) sente pronunciarlo, fa un smorfia e sentenzia: «Non mi piace». I ricordi restano, anche in un bambino che ha sempre voglia di giocare, divertirsi e scoprire le novità della vita. Le ferite sulla pelle se ne sono andate abbastanza presto, rimane la «punizione» di quel giorno. Aveva 5 anni e mezzo il 5 febbraio 2014, quando la sua maestra, suora educatrice in una scuola materna privata della provincia, lo avrebbe sollevato da terra prendendolo per le orecchie, lacerandogli così la parte posteriore di tutte e due i padiglioni auricolari. Il referto del Pronto soccorso, dove poi il bambino viene medicato, parla di ferita «retroauricolare bilaterale». E il pm Fabrizio Pensa, che ha coordinato l'inchiesta portata avanti dai carabinieri, ha citato direttamente a giudizio la suora, 48 anni, per lesioni volontarie aggravate perché commesse nei confronti di un minore all'interno di un istituto di istruzione.

Quella mattina litigano per un gioco, Paolo e un altro bambino: tutti e due lo vogliono, nessuno vuole cedere. E sicuramente urlano, si spintonano, forse vola pure qualche calcio. «Ma a quel punto la suora, così mi ha riferito mio figlio poco dopo esserlo andato a prendere - spiega il padre -, lo ha preso per le orecchie alzandolo da terra, e lui ha sentito le unghie della suora che lo ferivano. Guardi, io non ho alcuna difficoltà ad ammettere che il bambino è molto vivace, ma è chiaro che non si può calmare in quel modo». Insomma, per dividere i due piccoli, la maestra non avrebbe trovato altra soluzione che sollevare di peso Paolo. E poi? La religiosa chiama la madre del piccolo, chiedendole scusa perché è capitata "una brutta cosa". Ma non le dice cosa è successo, non dà altre spiegazioni.

La mamma non può lasciare il lavoro, ma il padre si precipita subito alla scuola materna. Quando arriva, tutta la classe di Paolo è nel corridoio. Dentro all'aula, invece, la suora in lacrime, che ripete "è successa una brutta cosa", e il bambino con un orecchio insanguinato. «In quel momento non ho chiesto nulla, ero solo preoccupato per mio figlio - racconta il padre -: aveva un forte dolore, così l'ho caricato in macchina, e ho notato che anche l'altro orecchio sanguinava». In Pronto soccorso vengono messi al bambino alcuni punti di sutura, e dopo la medicazione il padre può riportarlo a casa. Il giorno dopo la famiglia si precipita dai carabinieri: racconta tutto ciò che è accaduto poche ore prima all'asilo, pur non formalizzando una denuncia. Ma bastano quei 21 giorni di prognosi sul referto dei medici dell'ospedale per far sì che si possa procedere d'ufficio.

Così, l'indagine prende il via. Molte le persone sentite, tra cui anche i genitori e i nonni del bambino. Fino alla chiusura del cerchio, con la citazione diretta a giudizio della suora, la procedura prevista per i reati fino a quattro anni di pena. La famiglia di Paolo, assistita dall'avvocato Gianluca Bergamaschi, non si costituirà parte civile: nel frattempo ha ricevuto un piccolo risarcimento dall'assicurazione della scuola.

Il bambino non ha più fatto ritorno in quella materna e ha frequentato gli ultimi mesi in un altro asilo. Mentre la suora («mi risulta si sia assentata solo per un breve periodo dopo il fatto», sottolinea il padre) tuttora insegna in quell'istituto. E ora deciderà di affrontare un processo ordinario a porte aperte, sceglierà il rito abbreviato (che prevede un terzo di sconto di pena), o patteggerà? Il suo difensore, Mario Bonati, al momento non rilascia dichiarazioni sul caso per conto della sua assistita. L'appuntamento in aula è per il 12 dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    03 Novembre @ 19.14

    brundofrancesco@libero.it

    La suora dell'asilo mi mise a sedere sulla stufa di terracotta calda. Una volta era una prassi, fanno bene a punire la maestra, la prossima volta ci pensa e ripensa

    Rispondi

  • the mari

    03 Novembre @ 15.31

    Mi deve essere sfuggito l articolo.... ne avevate parlato sicuramente ma non ricordo il caso... di che scuola si tratterebbe?

    Rispondi

  • Filippo

    03 Novembre @ 09.06

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    Io nel lontano 1975 ho fatto la "primina" dalle suore. I maltrattamenti erano all'ordine del giorno, ma non si poteva dire nulla. Per fortuna che adesso i tempi sono cambiati. Spero che almeno la famiglia del bambino venga risarcita con un bel po' di soldi, che in fondo sono la sola cosa che interessa a queste "sante". Aggiungo che chi reprime forzatamente la propria sessualità diventa acido e violento e non è fatto per stare a contatto con i bambini. Alle suore e ai preti dovrebbe essere interdetto il contatto con minori.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      03 Novembre @ 16.44

      Fatti incresciosi di questo genere , purtroppo , succedono anche a chi non "reprime forzatamente la propria sessualità" . C' è pieno di "laici" ( e "laiche" ) con le stesse accuse. Il fatto è che , per lavorare coi bambini , e coi vecchi , ci vuole grande predisposizione , perché ne fanno di tutti i colori . Ci vuole la pazienza di Giobbe. Chi non ce l' ha , rischia di "sclerare" .

      Rispondi

      • Filippo

        04 Novembre @ 08.53

        filippo.cabassa.1970@gmail.com

        E' vero, ma io volevo dire un'altra cosa, e mi scuso se non sono stato abbastanza chiaro. Coloro ai quali è negata una potenziale maternità/paternità (che è una cosa naturale) rischiano di diventare violenti proprio verso l'oggetto della loro frustrazione (i bambini) con gesti di vero e proprio sadismo gratuito (vedi post di Francesco ad esempio, ma anche a me è toccato rimangiare del minestrone che avevo vomitato). Inoltre quella che tu definisci "pazienza di Giobbe" si chiama "Professionalità" ed effetivamente al giorno d'oggi se ne sente la mancanza.

        Rispondi

  • Giulio

    03 Novembre @ 07.56

    Quello che ho subito io per 2 anni quando andavo dalle luigine.... Punizioni psicologiche e corporali....

    Rispondi

    • Filippo

      03 Novembre @ 17.22

      filippo.cabassa.1970@gmail.com

      Luigine anche io. Ti capisco.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5