21°

31°

EDITORIALE

Carceri, una questione che riguarda tutti noi

Carceri, una questione che riguarda tutti noi
Ricevi gratis le news
0

Dei carcerati non frega niente a nessuno. Noi tutti gente perbene pensiamo che se stanno in galera, peggio per loro: marciscano pure dentro, se la sono meritata. Quanto ai politici han ben altro a cui pensare, e poi i detenuti non portano voti. Sì, oggi è il Giubileo dei carcerati, in mille saranno ricevuti dal Papa, ma c'è appunto solo qualche volontario di buon cuore a interessarsi di loro. Per il resto, le galere sono i grandi dimenticatoi del nostro tempo. Eppure, è una questione che riguarda tutti noi. Per almeno due motivi. Uno nobile e uno pratico (che non vuol dire ignobile, comunque).
Cominciamo dal primo. I carcerati sono persone che hanno sbagliato ed è giusto che paghino, anche duramente, per il male che hanno fatto. Ma pagare non vuol dire essere distrutti. L'articolo 27 della Costituzione dice che «le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato», perché la Costituzione è figlia della nostra cultura occidentale, una cultura che affonda in radici di cui faremmo bene a essere orgogliosi. Sant'Agostino diceva: «La condanna deve estirpare il peccato e non annientare il peccatore»; e ancora: «La pena non deve avere il carattere di una vendetta, né di una incontrollata ed esorbitante scarica emotiva». Quindi, il primo motivo per cui non dobbiamo dimenticarci dei carcerati è che si tratta di nostri fratelli che dobbiamo, per quanto possibile, recuperare. «Vigilando redimere», era una volta il motto degli agenti di custodia.
Ma anche chi fosse duro di cuore dovrebbe capire che occuparsi dei carcerati "conviene". E questo è il secondo motivo cui accennavo. Mi spiego. Oggi i detenuti - circa 55mila in Italia - vengono tenuti dentro a morire lentamente. Stanno in cella ventidue ore al giorno a far nulla e lì accumulano rancore, si convincono - equivoco pericolosissimo - di essere vittime anziché colpevoli. Nelle pagine interne troverete un servizio di Michele Ceparano sul carcere di Parma e leggerete che in via Burla il 42 per cento dei detenuti è in cura psichiatrica e assume farmaci. Quando escono, un po' per questa rabbia un po' perché nessuno offre loro un lavoro, i carcerati tornano a delinquere: e quindi sono un pericolo anche per noi che «siamo fuori» e ci illudiamo che il problema non ci tocchi. In Italia la recidiva, per chi esce di galera, è ufficialmente del 68 per cento; ma siccome solo il 21 per cento dei reati viene scoperto, la recidiva vera è oltre il 90 per cento.
C'è un solo modo per recuperarli davvero, ed è quello che ho visto nel carcere di massima sicurezza di Padova dove, grazie alla Cooperativa Giotto, sono stati portati in carcere interi reparti di aziende. Qui i detenuti fanno un lavoro vero (non le pulizie in cella o altri palliativi, tutti inutili), guadagnano uno stipendio vero, si pagano vitto e alloggio, si pagano le spese processuali e le tasse, mandano un po' di soldi a casa e, soprattutto, imparano un lavoro per quando escono. Per loro la recidiva è dell'1-2 per cento.
Quindi, la «redenzione» non è impossibile. Sono però ancora pochissimi, in Italia, i detenuti che hanno un lavoro vero. Il 28 ottobre scorso Renzi è andato a vedere l'esperienza di Padova ed è rimasto colpito. Speriamo che la politica si svegli.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Lutto

Morto Maurizio Carra

Teatro

E' morta l'attrice Tania Rochetta

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti