12°

23°

EDITORIALE

Carceri, una questione che riguarda tutti noi

Carceri, una questione che riguarda tutti noi
Ricevi gratis le news
0

Dei carcerati non frega niente a nessuno. Noi tutti gente perbene pensiamo che se stanno in galera, peggio per loro: marciscano pure dentro, se la sono meritata. Quanto ai politici han ben altro a cui pensare, e poi i detenuti non portano voti. Sì, oggi è il Giubileo dei carcerati, in mille saranno ricevuti dal Papa, ma c'è appunto solo qualche volontario di buon cuore a interessarsi di loro. Per il resto, le galere sono i grandi dimenticatoi del nostro tempo. Eppure, è una questione che riguarda tutti noi. Per almeno due motivi. Uno nobile e uno pratico (che non vuol dire ignobile, comunque).
Cominciamo dal primo. I carcerati sono persone che hanno sbagliato ed è giusto che paghino, anche duramente, per il male che hanno fatto. Ma pagare non vuol dire essere distrutti. L'articolo 27 della Costituzione dice che «le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato», perché la Costituzione è figlia della nostra cultura occidentale, una cultura che affonda in radici di cui faremmo bene a essere orgogliosi. Sant'Agostino diceva: «La condanna deve estirpare il peccato e non annientare il peccatore»; e ancora: «La pena non deve avere il carattere di una vendetta, né di una incontrollata ed esorbitante scarica emotiva». Quindi, il primo motivo per cui non dobbiamo dimenticarci dei carcerati è che si tratta di nostri fratelli che dobbiamo, per quanto possibile, recuperare. «Vigilando redimere», era una volta il motto degli agenti di custodia.
Ma anche chi fosse duro di cuore dovrebbe capire che occuparsi dei carcerati "conviene". E questo è il secondo motivo cui accennavo. Mi spiego. Oggi i detenuti - circa 55mila in Italia - vengono tenuti dentro a morire lentamente. Stanno in cella ventidue ore al giorno a far nulla e lì accumulano rancore, si convincono - equivoco pericolosissimo - di essere vittime anziché colpevoli. Nelle pagine interne troverete un servizio di Michele Ceparano sul carcere di Parma e leggerete che in via Burla il 42 per cento dei detenuti è in cura psichiatrica e assume farmaci. Quando escono, un po' per questa rabbia un po' perché nessuno offre loro un lavoro, i carcerati tornano a delinquere: e quindi sono un pericolo anche per noi che «siamo fuori» e ci illudiamo che il problema non ci tocchi. In Italia la recidiva, per chi esce di galera, è ufficialmente del 68 per cento; ma siccome solo il 21 per cento dei reati viene scoperto, la recidiva vera è oltre il 90 per cento.
C'è un solo modo per recuperarli davvero, ed è quello che ho visto nel carcere di massima sicurezza di Padova dove, grazie alla Cooperativa Giotto, sono stati portati in carcere interi reparti di aziende. Qui i detenuti fanno un lavoro vero (non le pulizie in cella o altri palliativi, tutti inutili), guadagnano uno stipendio vero, si pagano vitto e alloggio, si pagano le spese processuali e le tasse, mandano un po' di soldi a casa e, soprattutto, imparano un lavoro per quando escono. Per loro la recidiva è dell'1-2 per cento.
Quindi, la «redenzione» non è impossibile. Sono però ancora pochissimi, in Italia, i detenuti che hanno un lavoro vero. Il 28 ottobre scorso Renzi è andato a vedere l'esperienza di Padova ed è rimasto colpito. Speriamo che la politica si svegli.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

AUTOVELOX

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

Lealtrenotizie

Profondo cordoglio per la morte del podista 49enne alla Parma Marathon

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Solomon incapace di intendere e di volere

1commento

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Regione

Chiusura centri vaccini di Colorno, Salso, Fidenza e Busseto, protesta FdI-An

carabinieri

Non resiste al richiamo della droga ed evade dai domiciliari: arrestato un 35enne

1commento

tg parma

E-Distrubuzione: Enel investe oltre 1,5 milioni di euro per la Bassa Est

Inaugurata a Colorno la stazione di media tensione

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: Chicco e Felice i finalisti di oggi

anagrafe

Dal 2 novembre si farà solo la carta d'identità elettronica

LA MORTE DI MORONI

«Addio Luca, con te se ne va una parte di noi»

SOLIDARIETA'

Mamme alla ricerca di una nuova vita

PERICOLO

Il Palacasalini di notte diventa inaccessibile

3commenti

Piazzale Matteotti

Le telecamere smascherano il pusher

1commento

Dramma a Enzano

Trattore si ribalta, muore Giampaolo Cugini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

1commento

ITALIA/MONDO

Catalogna

Due leader indipendentisti arrestati per sedizione

BUSTO ARSIZIO

La ventenne scomparsa si chiama Dafne Di Scipio. Aperto un fascicolo

SPORT

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SERIE B

Parma, bisogna cambiare rotta

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel