16°

30°

Parma

Renzi: «Appoggiare Pizzarotti? Fantapolitica»

Intervista esclusiva del direttore Michele Brambilla al presidente del Consiglio

Renzi: «Ecco come ho visto Parma»
Ricevi gratis le news
18
 

E' stata una bella giornata. Tutto bello, direi: ho visto una città viva, un territorio vivo». Il giorno dopo la sua visita a Parma e a Fidenza, il presidente del Consiglio Matteo Renzi racconta le sue sensazioni alla Gazzetta di Parma. Torna naturalmente a parlare del referendum, perché dall'esito del voto del 4 dicembre dipenderà molta parte del futuro del nostro Paese; ma parla anche delle prossime elezioni amministrative a Parma e delle strategie del suo partito, il Pd.

Ci concede il colloquio in una pausa di una giornata delle sue: cioè giornate zeppe di appuntamenti, spostamenti, riunioni. Ieri poi era anche il Trump day. «Una vita da infarto, presidente», gli dico. «Diciamo una vita non banale», risponde. L'energia non gli fa difetto.

Presidente, veniamo a Parma. Bella esperienza, lei dice. Non sono parole di circostanza?

«Mi creda, assolutamente no. E mi riferisco sia al capoluogo che alla provincia. Ho parlato a lungo con Filippo e con Andrea (sono Fritelli, sindaco di Salsomaggiore e presidente della Provincia, e Massari, sindaco di Fidenza, entrambi del Pd, ndr) e mi sono reso conto di quale ricchezza di idee e di iniziative disponga questo territorio. È una provincia dinamica, aperta».

A Parma invece il sindaco non c'era. Però ha visto realtà importanti.

«Sono rimasto molto colpito dal Tecnopolo dell'Università. Lo dico sinceramente: non mi aspettavo di trovare una realtà così avanzata. E la Chiesi! Alla Chiesi è stata una visita breve, direi troppo breve, perché avrei voluto vedere di più, farmi raccontare di più... Mi ha colpito il livello altissimo di innovazione tecnologica. E, posso dirglielo? Quello è il livello di tanta industria parmigiana. Io avevo già visitato, negli anni scorsi, la Barilla, la Pizzarotti e la Dallara. Sono tutte realtà straordinarie, aziende che tengono alto il nome dell'Italia nel mondo».

Sa cos'è, presidente? È che i parmigiani da una parte sono consapevoli delle loro eccellenze; dall'altra pensano che non sempre questa città e questa provincia siano considerate, in regione e nel Paese, per quello che meriterebbero.

«Io posso solo assicurare - e non lo dico per buona educazione perché sto parlando con lei - che Parma è una città veramente "rilevante", se mi passa l'espressione, a livello nazionale. Non è una semplice città di provincia. Non è la periferia dell'impero. Questo, le garantisco, è quello che pensa questo governo».

In questa non-periferia sono successe, come lei sa, molte cose che poi sono state replicate nell'impero. Parma è la prima città ad aver avuto un sindaco grillino. E poi è stata la prima ad aver avuto un sindaco grillino praticamente espulso da Grillo. In primavera si vota per il Comune. Il suo partito è maggioranza in città ma non esprime il sindaco dal 1998, e secondo molti osservatori rischia di perdere anche questa volta. Lei ieri ha incontrato, naturalmente, i vertici del Pd parmigiano. Avete parlato anche di strategie per le prossime elezioni?

«No, non ne abbiamo parlato. Il Pd farà sicuramente la sua parte, ma la farà quando sarà il momento. Ora tutto è concentrato sul referendum del 4 dicembre. È un'occasione cruciale. Il risultato sarà determinante innanzitutto per il Paese, e poi anche per il Pd. Quindi per il momento aspettiamo a pensare alle amministrative. Dall'inizio dell'anno prossimo cominceremo a discuterne».

Qualcuno ha ipotizzato, soprattutto nei mesi scorsi, che il Pd potrebbe alla fine appoggiare una rielezione di Federico Pizzarotti.

«Guardi, le assicuro che io questa voce non l'ho mai sentita. Anche se io non sono coinvolto, non l'ho mai sentita. Se posso commentarla da esterno, le dico però che mi sembra fantapolitica».

Anche se Pizzarotti ha lasciato Grillo? Qualcuno nel Pd potrebbe pensare che un Pizzarotti-bis appoggiato dal Pd sarebbe un brutto colpo per il Movimento Cinque Stelle.

«Senta, mi pare che Federico Pizzarotti sia per il "no" al referendum, o sbaglio? Allora, le pare verosimile che il Pd appoggi un candidato che si schiera per il no? A me sembra molto difficile».

E un "papa straniero", cioè un candidato civico? È un'ipotesi avanzata, ad esempio, dal senatore Giorgio Pagliari.

«Tutto ciò che riguarda il Pd di Parma lo deciderà il Pd di Parma, in totale autonomia. Io non ci metterò becco. Non l'ho fatto in nessuna città d'Italia, non lo farò neppure a Parma».

Torniamo al referendum. I sondaggi dicono che vincerà il no. Forse anche perché quasi tutti i partiti sono per il no: Forza Italia, Lega, M5S e una parte del Pd. I sondaggi però avevano previsto anche la vittoria della Clinton, e invece ha vinto Trump che non era appoggiato neppure dal suo, di partito. È forse finito il tempo in cui gli elettori, al momento del voto, obbediscono più al partito che a se stessi?

«Io credo che anche per il referendum costituzionale certi sondaggi saranno disattesi. Vedremo che cosa sceglieranno i cittadini. Sono messi di fronte a un bivio: se continuare a dare i soldi a una classe politica che è fra le più costose del mondo o se darli agli infermieri che ho visto ieri all'ospedale di Vaio e ai ricercatori che ho visto all'università. Se stare con chi vuole cambiare il Paese votando sì o con chi vuole solo continuare a conservare un potere».

Lei ieri ha detto: il fronte del no è riuscito nel miracolo di mettere insieme Magistratura democratica e Berlusconi.

«Se è per quello, è riuscita a mettere insieme anche Salvini con Monti, e D'Alema con Grillo. Mi permetta, ma io credo che il fronte del no sia unito solo dalla volontà di attaccare chi propone il sì».

Veramente loro dicono: siamo disposti anche noi a cambiare, ma non così, questa riforma è fatta male...

«Vorrei che fosse chiara una cosa: la riforma che andiamo a votare il 4 dicembre non è la mia idea che diventa legge. Io ad esempio al Senato avrei voluto più sindaci: ma abbiamo fatto una riforma ascoltando le varie anime in parlamento. Alla fine, comunque, un Senato senza il bicameralismo perfetto e con le rappresentanze territoriali è una cosa che esiste in tutti i Paesi europei: e quindi, di che stiamo parlando? È singolare che si schierino per il no politici che si sono sempre detti convinti della necessità di superare il bicameralismo perfetto».

Però loro dicono: bocciamo questa riforma che è fatta male, poi ne facciamo una migliore. Non crede sia possibile?

«Se vince il no, il bicameralismo perfetto e l'attuale numero dei parlamentari resteranno invariati per decenni. Le pare possibile che i parlamentari si mettano a votare una riforma che riduce il loro numero? Potendo oltretutto farsi forti del "voto dei cittadini?" A me non pare realistico. E a lei?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Enzo

    11 Novembre @ 01.28

    Renzi lo sa che Pizzarotti scrive Renzi e non Renzie? Se lo avesse saputo ne avrebbe parlato meglio. È il sig. Mallozzi Alex colui che a Parma scrive Renzie nei suoi post. Per chi non lo sapesse, il sig. Mallozzi Alex è un consigliere comunale di maggioranza.

    Rispondi

  • Betti

    10 Novembre @ 22.10

    Ha ragione: città viva e territorio vivo, nonostante lui

    Rispondi

  • filippo

    10 Novembre @ 19.39

    Ma scusate quest'uomo ha fatto un giro in stazione, alla pilotta e a san leonardo? oppure ha visto solo quello che gli faceva comodo?

    Rispondi

  • Oberto

    10 Novembre @ 14.40

    appoggiare Pizzarotti è fantapolitica per Renzi. Se a Parma avevate bisogno di un buon motivo per votare ancora Pizzarotti ora l'avete !!!

    Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      10 Novembre @ 20.23

      A quello che voteremo a Parma ci pensiamo noi: non abbiamo bisogno dei tuoi consigli da chissà dove, grazie.

      Rispondi

      • ab9pr

        11 Novembre @ 15.25

        alberto_bianco@alice.it

        dovevate forse pensarci prima ;-)

        Rispondi

        • Filippo Bertozzi

          11 Novembre @ 18.32

          Hai più che ragione, ma del senno di poi...

          Rispondi

      • 10 Novembre @ 21.21

        (dalla redazione) Che è esattamente quello che ha detto Renzi. Più o meno: "alla posizione del Pd di Parma sulle elezioni ci pensi il Pd di Parma".

        Rispondi

        • Filippo Bertozzi

          10 Novembre @ 21.42

          Infatti io rispondevo ad Oberto, non a Renzi...

          Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      10 Novembre @ 18.31

      Fatti i fatti tuoi e vota a casa tua...

      Rispondi

      • Vercingetorige

        11 Novembre @ 10.50

        NO ! Voi sapete chi è "Oberto" e da dove viene ? Ma , a prescindere da questo , "OBERTO" HA TUTTO IL DIRITTO , COME TUTTI NOI , DI ESPRIMERE LA SUA OPINIONE ( la Redazione sa perché uso il maiuscolo e spero mi scusi ) . SE NON SI CONDIVIDE QUEL CHE DICE LO SI CONTESTA NEL MERITO ! QUI NON SI DEVE METTERE A TACERE NESSUNO ! Ma come ? Tanto ci si batte , anche a costo di battibecchi con la Redazione , contro la censura , e , poi , vogliamo esser noi a mettere mordacchie ?

        Rispondi

        • Filippo Bertozzi

          11 Novembre @ 15.06

          Se scrive: "Se a Parma avevate bisogno di un buon motivo per votare ancora Pizzarotti ora l'avete !!!", è abbastanza evidente che lui non voti a Parma. Quindi chi scrive senza sapere qual è la realtà cittadina, fidandosi dei proclami di Twittarotti su Facebook, deve piantarla di cercare di condizionare un voto che non lo riguarda: pensi a casa sua. Quello che gli contesto è proprio merito, non forma.

          Rispondi

  • Vercingetorige

    10 Novembre @ 10.46

    Sembra che il PD di Parma possa orientarsi a presentare un candidato "civico" , cioè indipendente , per evitare il rischio di presentare minestre riscaldate.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Barca prende fuoco e affonda nel Po, Marco Padovani muore annegato

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Felino

Chiusa fra le polemiche la fiera d'agosto

cittadella

Cittadella da giocare: raddoppiano i tappeti elastici Foto

gazzareporter

Non c'è posto? Qualcuno parcheggia lo stesso

gazzareporter

Lavori di asfaltatura barriera Repubblica

tg parma

Sicurezza in ospedale: oltre 100 telecamere entro il 2018 Video

2commenti

CALCIO

D'Aversa si racconta

polizia municipale

Bocconi avvelenati: nuova allerta

1commento

BERCETO

L'epopea degli Scout dal primo campo estivo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti