11°

17°

epidemia

Legionella, incubo infinito: un altro caso spaventa (ancora) Parma

Ghiretti su legionella
Ricevi gratis le news
14

Un cinquantenne parmigiano è finito al pronto soccorso con febbre altissima e le analisi hanno rivelato che si tratta di legionellosi. Un caso che potrebbe non essere legato all'epidemia concentrata fra settembre e ottobre: scopri perchè.

Monica Tiezzi

La legionella torna a colpire. A 22 giorni dal comunicato della Regione che decretava che «l'emergenza può ritenersi sostanzialmente conclusa, essendo trascorse quasi due settimane dall'ultimo caso riconducibile all'epidemia», ieri il batterio è stato isolato in un cinquantenne parmigiano finito al pronto soccorso con febbre altissima. Non è ancora detto che quest'ultimo caso sia riconducibile all'epidemia - anzi, pare improbabile - ma intanto l'allarme torna in città.

Il parmigiano contagiato dal batterio della legionella vive in pieno centro storico: particolare che, secondo le autorità sanitarie, potrebbe far pensare che il suo sia uno dei 20-25 casi isolati di legionellosi che, in media, si registrano ogni anno a Parma e provincia, e non sia legato al focolaio che ha colpito la nostra città fra settembre e ottobre nella zona di via Montebello.

L'uomo è arrivato al pronto soccorso dell'ospedale Maggiore giovedì, dopo giorni di febbre alta: non era riuscito a farsi vedere dal medico di famiglia ed era stato anche al Punto bianco del Maggiore, prima che il precipitare delle sue condizioni costringessero i familiari a portarlo d'urgenza al pronto soccorso.

La prima diagnosi, che parlava di sospetta epatite o infezione polmonare, si è chiarita venerdì quando sono arrivati i risultati degli esami. Il batterio della legionella è stato isolato in un campione di urine dell'uomo, che nel frattempo, dopo un iniziale abbassamento della temperatura, era tornato ad avere la febbre quasi a 40. I medici hanno quindi trasferito il paziente nel reparto di Medicina interna e hanno iniziato la terapia del caso. Al momento l'uomo, pur provato, non è in gravi condizioni.

La notizia del nuovo caso è stata segnalata ieri mattina al Dipartimento di sanità pubblica dell'Ausl che dovrà ora avviare l'indagine epidemiologica, secondo le direttive regionali e del ministero della Sanità. Andranno verificate le abitudini del contagiato e le condizioni di rischio, e sarà fatto un sopralluogo nell'abitazione con prelievi di campioni. Insomma, tutto il necessario per capire se anche questo ultimo caso possa essere riconducibile all'epidemia che si pensava conclusa. «Secondo le indicazioni scientifiche internazionali, si può decretare definitivamente terminata un’epidemia dopo che è passato un periodo pari a due volte il tempo di incubazione massimo (nel caso della legionella, 10-14 giorni), senza che si verifichino altri casi riconducibili al focolaio», avevano spiegato nei giorni scorsi gli esperti dell'unità di crisi sulla legionella istituita all'Ausl.

L'epidemia di legionella, localizzata tra le vie Montebello, Traversetolo e Pastrengo, ha colpito in città 43 persone in meno di due mesi e ha fatto due vittime. Dopo l'analisi di 90 dei complessivi 180 campioni raccolti, il batterio è stato individuato in tre torri di raffreddamento (la Regione non ha ancora comunicato quali) e in un'abitazione privata. Venerdì scorso l’assessore regionale alle Politiche per la salute Sergio Venturi ha annunciato che questa settimana dovrebbero essere resi noti i risultati della gran parte degli esami.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • blackdag

    14 Novembre @ 08.19

    Verifica

    Rispondi

  • blackdag

    14 Novembre @ 00.33

    Peccato che di quei 1497.... Vanno da un minimo di 2 ad un massimo di 6 contagiati nello stesso luogo!!! VOGLIAMO ANCORA PARLARE DI CASO ISOLATO???

    Rispondi

    • Vercingetorige

      14 Novembre @ 11.23

      PER QUEST' ULTIMO CASO E' POSSIBILISSIMO , FINO A PROVA CONTRARIA . Bisogna vedere cosa succederà nei prossimi giorni. I dati dell' Istituto Superiore della Sanità , relativi all' anno 2014 (gli ultimi disponibili) , si riferiscono a tutti i casi di legionellosi su tutto il territorio italiano . I casi vanno denunciati tutti , in tutti i luoghi , che siano uno , due , sei o sessanta , e che siano in Basilicata o in Val d' Aosta. Delle 1497 denunce ricevute nel 2014 , 1456 sono quelle confermate , mentre 41 restano dubbie. L' incidenza della legionellosi in Italia nel 2014 è stata di 25,1 casi per milione di abitanti.

      Rispondi

  • Michele

    13 Novembre @ 22.04

    mandra_sala@libero.it

    Superficialità alle stelle. Pizzarotti massima carica sanitaria.... In quasi tre mesi non ci ha capito nulla. Viene quindi dalla rete idrica ? Resta solo quella... ormai. Qualcuno vuole nascondere qualcosa o è solo una impressione ?

    Rispondi

  • Biffo

    13 Novembre @ 16.35

    Si continua a sostenere che l'origine sia misteriosa; hanno torto allora quelli che pensano che abbia origine dalla famigerata clinica "Città di Parma" e che sia proprio questa la ragione di tanto mistero, con il rischio che venga chiusa, per sempre o per un lungo periodo?

    Rispondi

    • Vercingetorige

      13 Novembre @ 17.32

      Vedo che i titoloni arrivano anche a Fidenza . Allora , risulta che , alla "Città di Parma" , ci sia stato il ricovero di una sola persona con Morbo dei Legionari . Se la fonte della legionella fosse stata lì , avrebbe dovuto ammalarsi un numero di ricoverati apprezzabilmente maggiore.. Al Convegno dei Reduci al Bellevue-Stratford Hotel di Philadelphia , dove il Morbo dei Legionari fu descritto la prima volta nel 1976 , c' erano circa 10000 partecipanti . Si ammalarono in 221. 34 morirono. Due anni prima , nel 1974 , 19 membri dell' Indipendent Order of Odd Fellows che avevano alloggiato nello stesso albergo si ammalarono e 3 morirono , ma il Morbo dei Legionari non fu riconosciuto . La Legionella Pneumophila era già stata individuata , fin dal 1947 , dai ricercatori del Walter Reed Army Institute of Research ( la Sanità Militare americana) a Washington , e da altri Gruppi di Ricerca , ma si ritenne che fosse patogena per gli animali , ma non per l' uomo. Scusate l' "off topic" .

      Rispondi

    • 13 Novembre @ 16.43

      (dalla Redazione) Per l'ennesima volta: questa ipotesi è stata esclusa più volte dalle autorità.

      Rispondi

      • Biffo

        14 Novembre @ 11.24

        Ho solo riportato un'ipotesi avanzata dalla redazione de "La Voce di Parma"; ambasciator non porta pena.

        Rispondi

        • Vercingetorige

          14 Novembre @ 16.21

          Ma , infatti , nessuno vuole infliggerle pene ( almeno per quanto mi riguarda) .

          Rispondi

  • Michele

    13 Novembre @ 15.56

    mandra_sala@libero.it

    Il sindaco sospende l'emergenza legionella.... ed eccola ricomparire. Perché di fatto non si è fatto nulla.... si lasciano le cose al caso. Non si sa da dove sia venuta, se se ne è andata.... non si sa nulla sulle analisi. Vengono pure prete le fontane "elettorali". La situazione era e rimane FUORI CONTROLLO. Il sindaco è la massima carica sanitaria. .. ha il dovere di portate una soluzione definitiva. Se non è capace si faccia da parte.....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Danneggia un'auto e fugge: preso

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

1commento

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Calcio

Parma, tre punti d'oro

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

Moto

Marquez a un passo dal Mondiale, Rossi secondo

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va