10°

20°

IL CASO

Sissa Trecasali, arrivano 24 profughi. Pronti i primi appartamenti

Sissa Trecasali, in arrivo 24 profughi
Ricevi gratis le news
10

Nel territorio comunale di Sissa Trecasali saranno ospitati 24 rifugiati e i primi arrivi dovrebbero avvenire nei prossimi giorni. Nel frattempo sono già pronti i primi appartamenti dove alloggeranno i richiedenti asilo.

I primi appartamenti - almeno un paio, forse tre, residenze pubbliche - sono già pronti per accogliere una parte dei richiedenti asilo destinati al territorio comunale di Sissa Trecasali. Ad annunciarlo il sindaco Nicola Bernardi nel corso di una partecipata assemblea, contraddistinta anche da momenti con vivaci scambi di opinioni, durante la quale è stata presentata alla cittadinanza l’associazione Ciac che gestirà l’accoglienza. «Anche il nostro Comune che sino ad oggi non ha ospitato richiedenti asilo - ha dichiarato Bernardi - fornirà il proprio contributo per affrontare quest’emergenza che riguarda migliaia di persone. Saremo tenuti ad accogliere tre immigrati ogni mille abitanti per cui in tutto il territorio comunale saranno ospitate 24 persone e i primi arrivi si potrebbero avere già nelle prossime settimane con l’accoglienza di una famiglia con figli. Dopo diversi incontri con la prefettura, e alla luce anche di quanto accaduto a Coltaro nelle scorse settimane, si è deciso di organizzare l’accoglienza dei richiedenti asilo in piccoli gruppi dislocati in tutto il territorio comunale. Ad oggi c’è la disponibilità certa di due alloggi pubblici, forse tre, con l’accoglienza che sarà gestita dall’associazione Ciac che da anni si occupa di queste tematiche e pertanto ha l’esperienza e le capacità professionali per aiutarci a gestire al meglio questa situazione».

Proprio Michele Rossi di Ciac ha presentato quella che sarà l’attività sul territorio: «Proponiamo un modello di accoglienza diffusa ed integrata nel quale le persone vivono a stretto contatto con la comunità locale. Promuoveremo corsi di italiano e momenti di condivisione con la cittadinanza. Il vivere insieme e frequentare gli stessi luoghi permetterà di costruire dei percorsi diminuendo situazioni di disagio e marginalità. Agiremo in modo visibile e con trasparenza sul territorio per favorire l’integrazione delle persone che saranno accolte a Sissa Trecasali». Non sono mancati i dubbi e le paure dei cittadini. «La nostra comunità è pronta per quest’accoglienza? Temiamo che vi possano essere difficoltà di integrazione soprattutto nelle fasce giovanili. Cosa faranno queste persone? E in casi di problemi chi ci tutelerà?» le domande più frequenti.

«Trecasali è abituata all’accoglienza - ha dichiarato l’assessore Patrizia Gaibazzi -. Nel passato l’Eridania ha portato qui tante persone da tutta Italia». Tra i contributi anche quello dell’assessore Tiziana Tridente: «Da insegnante mi confronto ogni giorno con alunni di ogni nazionalità: tra i bambini non c’è alcuna paura dello straniero». Poi il sindaco sul fronte sicurezza: «Vigili e carabinieri sono operativi sul territorio e tuteleranno la cittadinanza». Dall’assemblea è emerso che il modello di accoglienza proposto - con l’arrivo a pieno regime dei 24 richiedenti asilo previsti per Sissa Trecasali - scongiurerà di fatto il possibile arrivo di altre persone nell’ambito di iniziative di natura privata come quella che di recente ha provocato dure proteste a Coltaro.

Tra gli interventi anche quello del consigliere di opposizione Andrea Ragazzini: «Sarà importante che l’amministrazione gestisca con attenzione gli inserimenti avvisando e coinvolgendo i cittadini che abitano vicino agli appartamenti individuati per l’accoglienza». Infine la rassicurazione del presidente di Ciac Emilio Rossi: «Sono vent’anni che accogliamo persone in tutta la provincia e nelle nostre strutture non ci sono mai stati problemi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marirhugo

    16 Novembre @ 22.28

    Tra i contributi anche quello dell’assessore Tiziana Tridente: «Da insegnante mi confronto ogni giorno con alunni di ogni nazionalità: tra i bambini non c’è alcuna paura dello straniero» Invece certi rimbambiti che scrivono qui sopra hanno paura di 24 profughi. molto deprimente ma anche un tantinino ( tantinino tantinino) ridicolo. Il futuro e' di quei bambini,mica vostro. Ma nemmeno mio,per cui un briciolo di solidarieta ai rimbabiti la do.

    Rispondi

  • andrea66

    16 Novembre @ 11.41

    E se l'asilo non verrà concesso? O se ci vorranno anni prima di prendere una decisione? Sappiamo già che questa sistemazione provvisoria si rivelerà definitiva.......... tanto a casa non li rimandano, questo è sicuro. Con buona pace degli italiani che dormono in macchina e che continueranno a farlo. Ma un popolo co...one come noi, esisterà mai sulla faccia della terra?

    Rispondi

  • Berta

    16 Novembre @ 11.39

    Ma questi appartamenti, e relative spese condominiali, chi li paga? E soprattutto, perché? Se l'accesso all'assegnazione deglli alloggi pubblici è negato ai nullatenenti residenti, perché viene concesso invece ai nullatenenti appena sbarcati in territorio italiano? Tenete presente che la morosità delle spese condominiali danneggia in particolare gli inquilini paganti, perché impedisce loro di fare lavori di manutenzione regolari, cioè di vivere in un modo civile. Comunque, sì, la situazione in Italia fa veramente schifo...

    Rispondi

  • Vercingetorige

    16 Novembre @ 11.09

    La gente , di Destra e di Sinistra , è arcistufa di questa indiscriminata invasione di sbandati ! Gente che non ha nessuna intenzione di integrarsi , ma viene qui , alla ventura , per arraffare , in un modo o nell' altro , quel che può . Molti di loro pretendono di essere mantenuti a sbafo dall' Italia , in attesa di cercare di andare nei Paradisi Terrestri dei loro sogni , la Francia , l' Inghilterra , la Svezia , la Germania , la Svizzera , che , però , non li vogliono e non li prendono. Lo stesso ex Presidente dell' ANCI , Fassino , che non è certo un leghista , ha detto che non si può continuare a dare abitazioni a costoro , quando c' è una grave emergenza abitativa che riguarda tante famiglie italiane. Ma il Ministero degli Interni e le Prefetture non ci sentono ( o , forse, non hanno alternative) , e continuano a stiparne dappertutto , anche contro la volontà della popolazione. Vogliono provocare incidenti ? Attenzione chè Gorino può essere solo l' inizio .

    Rispondi

  • Indiana

    16 Novembre @ 10.13

    Indiana

    Ma se nessuno li vuole perché li devono imporre? Non esiste più il popolo sovrano??? E poi alloggeranno in appartamenti....ogni giorno sempre più italiani perdono il lavoro e di conseguenza la casa,che prima era intoccabile,e si ritrovano in mezzo alla strada. E a questi vengono subito dati alloggi tutto gratis come fossero in vacanza? Tanto paghiamo noi....Ma sono pazzi???Non vedo l'ora di andare a votare e spedire dove meritano certe fazioni politiche da me mai votate!

    Rispondi

    • Vercingetorige

      16 Novembre @ 12.09

      L' attuale Ministro degli Interni (quello che , attraverso i Prefetti , "impone") , forse è di una "fazione politica" che lei ha votato , come gli autori dell' attuale legge sull' immigrazione , Bossi e Fini.l

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Spigaroli Murgia a Radio Parma

FONTANELLATO

Al via le "Autorevoli cene" al Labirinto della Masone: focus con Massimo Spigaroli e Michela Murgia Ascolta

Lealtrenotizie

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

5commenti

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

1commento

weekend

Castagne, musica e iniziative nei castelli: l'agenda

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

INCIDENTE

Scontro auto-moto a Langhirano: un ferito grave

Lo scontro è avvenuto in via Roma

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

SERIE B

Parma, batti un colpo

PEDRIGNANO

Pitbull assale la padrona e un suo amico

1commento

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

Si rafforza la possibilità che possano così diventare di proprietà pubblica

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

6commenti

economia

Derivati del pomodoro, cambia l'etichetta: bisognerà indicare l'origine della materia prima

I ministri Martina e Calenda hanno firmato il decreto

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

GERMANIA

Uomo attacca con un coltello a Monaco: 4 feriti

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

SPORT

Moto

Rossi: "Spero in una gara asciutta"

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

MOTORI

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va

IL MINI SUV

Da oggi la nuova Citroën C3 Aircross: