LANGHIRANO

Dopo 66 anni il barbiere melomane saluta la «sua» piazza

Dopo 66 anni il barbiere melomane saluta la «sua» piazza
0

La vestaglia azzurra sempre perfetta, le forbici in mano, il pettine nel taschino e il sorriso che si affaccia dalla porta della barberia: per 66 anni Sergio Pelagatti è stato un'istituzione del «cuore» di Langhirano. E anche per gli appassionati di lirica. Alla vigilia della pensione regala la sua carrellata di ricordi. Mantenendo una promessa fatta dieci anni fa.

LANGHIRANO

Chiara Cacciani

L'ha sempre detto ridendo tra lo schivo, l'orgoglioso e lo scaramantico: «L'intervista la facciamo quando vado in pensione: adesso è presto».

Sono passati almeno dieci anni di ripetuti, inutili tentativi, diventati alla fine uno scherzoso rito di saluto ad ogni affacciarsi in bottega. Ma oggi ha mantenuto la parola: «Sono pronto», ha fatto sapere al telefono.

E se c'è l'intervista, c'è anche la notizia un po' amara: Sergio Pelagatti, il barbiere-melomane, lascia il mestiere e la piazza «cuore» di Langhirano. Lui che con la sempre perfetta vestaglia azzurra, le forbici in una mano e il pettine nel taschino, da sei decenni ne è parte integrante della quotidiana cartolina.

«Chiudo a Natale - racconta un po' commosso -: qualche giorno prima, certo. Ma il periodo sotto Natale lo voglio fare qui...». Qui dove è arrivato nel 1950, ad affiancare il vecchio titolare Gino Boschi, e qui dove nel maggio del 1967 ha rilevato la barberia facendola «sua». Sua come la si ritrova, intatta, fino ad oggi: le poltrone «Regina», i ferri del mestiere allineati sul mobiletto, lo stemma del Torino a una parete. E le foto incorniciate che raccontano - dal seppia al bianco e nero, dai colori sbiaditi a quelli più brillanti - lo scorrere del tempo e le sue passioni: Langhirano e la lirica.

Sfilano le vedute del paese com'era e il sorriso al fianco di Bartali, sfilano l'eleganza da teatro e il brillio degli occhi nei ritratti insieme a Placido Domingo e Renata Tebaldi. Lei, la langhiranese «venerata», ha un posto da protagonista sulle pareti, copertina di «Time» compresa. «Sì, era la più brava di tutte. Davvero “Voce D'Angelo”...», ricorda con dolcezza il «Pelo», che sabato scorso ha soffiato insieme a fratelli e nipoti su 84 candeline.

Nato a Panocchia primo di quattro figli - tre maschi e una femmina -, aveva iniziato a lavorare presto come garzone di un biciclettaio. Poi a fine guerra la famiglia si era trasferita a Langhirano, e con la casa era cambiato anche il mestiere. «Ho fatto pratica per sei mesi da un gommista, ma poi mi sono ammalato e ho dovuto smettere. E ho trovato lavoro dal barbiere che aveva la bottega all'inizio della via. E' stato un caso, ma sono contento che sia successo: ho iniziato a 14 anni e sono ancora qui...». E' stato nel 1950, tre anni dopo il debutto con le forbici in mano, che ha «traslocato» nella barberia di Gino Boschi. «Cosa mi è piaciuto di questo mestiere? Soprattutto la clientela e le amicizie che si sono strette negli anni». Perché con Sergio la barberia di piazza Ferrari è diventata anche un luogo di incontro e chiacchiere, in una quotidiana conversazione a più voci che coinvolge chi è davanti allo specchio con il lenzuolo attorno al collo, e gli altri sulle poltrone col giornale in mano ad aggiornare sulle novità. «E' vero, vengono qui a leggere i giornali, commentare e parlare di sport, tanto sport», racconta dando le spalle alla tabella dei prezzi: barba, taglio, ritocco..

«La barba: a me piaceva più di tutto fare la barba - confida -. Non lo faccio per vantarmi, ma ho ancora dei clienti che vengono a dirmi: “Come te non la fa nessuno”. Ora ci sono questi rasoi nuovi che odio. Io amavo quelli lunghi di una volta: con quelli sì che far la barba era una soddisfazione e un gesto elegante...».

E se dalla sua bottega sono passate generazioni di teste langhiranesi, anche il popolo dei melomani ha fatto tappa qui. Perché alla passione per la lirica Sergio Pelagatti ha dedicato l'altra fetta della sua vita, organizzando per quarant'anni con L'Avis Langhirano le trasferte alla volta dei teatri d'Italia. «Anni in cui in pullman salivano 40-50 persone e in cui mi sono divertito molto». Il ricordo più bello? «La prima volta all'Arena di Verona perché è spettacolare». «La mia opera preferita? No, su, non posso dirlo: sono tutte belle... Di certo amo molto la “Traviata” e il “Simon Boccanegra”», ammette dopo un po' di insistenze. Per poi riprendere il racconto: «L'amore per la lirica me l'ha trasmesso un amico sessant'anni fa: lui era un tebaldiano, ma un tebaldiano veramente. Conosceva bene la soprano, e con la sua passione ha coinvolto anche me. Io l'ho incontrata poche volte, ma sono andato spesso a sentirla: era unica».

Tutti i libri che sono stati dedicati alla «Voce D'Angelo» langhiranese occupano un posto d'onore nella libreria di casa, dove custodisce con orgoglio anche una collezione di centinaia di dischi. «Ora non li ascolto più: è un momento così, ma li compro ancora. E se mi chiede cosa farò dopo Natale... Non so, mi riposerò, immagino. Ma di certo ricomincerò ad ascoltare i miei dischi. Quello sì, lo voglio fare per davvero...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'eredità

televisione

Gabriele arriva in finale a L'eredità

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

1commento

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

15commenti

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

1commento

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)