22°

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

Quando le notizie false diventano un'epidemia
Ricevi gratis le news
2
 

L'ultima a lanciare l'allarme è stata Hillary Clinton, tornata per la prima volta a Capitol Hill, dopo aver assorbito la botta dell'inaspettata sconfitta elettorale. «Le notizie false - ha detto - possono avere conseguenze reali». Secondo la Clinton le notizie false («fake news», in inglese) sono «un'epidemia» che corre veloce su Internet e che va fermata. «Qui non si tratta di politica - ha concluso -, ci sono vite a rischio. Vite di persone comuni. E’ un pericolo che va affrontato e va affrontato in fretta».

Le «vite a rischio» a cui si riferisce la Clinton sono, per esempio, quelle dei clienti della catena di pizzerie «Comet Ping Pong». In quella di Washington, la settimana scorsa, ha fatto irruzione sparando un uomo armato con un fucile semiautomatico. Per fortuna nessuno è rimasto ferito. L'uomo è stato arrestato e alla polizia, per giustificarsi, ha detto che stava facendo «un'indagine personale» su un giro di pedofili che usava la catena di pizzerie come copertura. Sembrano, e probabilmente sono, le parole di un folle se non fosse che la notizia (falsa) del giro di pedofilia nascosto dietro la catena di pizzerie, e con a capo Hillary Clinton e le persone del suo staff, è stata pubblicata e diffusa durante gli ultimi giorni della campagna elettorale. Prima sui siti dell'ultradestra, poi sui social media e infine è stata addirittura ripresa e diffusa su Twitter da Michael G. Flynn, il figlio del generale Michael T. Flynn, la persona scelta da Donald Trump come consigliere per la Sicurezza nazionale. Per questa leggerezza Flynn junior ha perso l'incarico che aveva nel «transition team» del presidente eletto. Detta così sembra una notizia così spudoratamente falsa - «Hillary Clinton a capo di un giro di pedofili che fanno base in una catena di pizzerie» - da essere facilmente smascherata. Ma le cose non sono così semplici, visto che la «fake news» è uscita appena dopo lo scandalo suscitato da Anthony Weiner, il marito di Huma Abedin la segretaria particolare della Clinton, per il suo vizietto di inviare foto sconvenienti a ragazze molto giovani, facendo «sexting». Insomma, era una notizia assurda, ma poteva essere verosimile per qualcuno che aveva già una bassissima opinione della Clinton.

E questa è solo una delle migliaia di notizie false che hanno avvelenato la campagna elettorale americana e non solo. Qualcuno di voi, per esempio, avrà incontrato, magari su un social network, la notizia che il governo italiano si appresta a requisire le seconde case per alloggiare i profughi. Inutile dire che si tratta di una «fake news», ma verosimile soprattutto se rinforza un nostro pregiudizio contro il governo.

Non che le notizie false non fossero diffuse prima di Facebook - ricordate la balla di Anna Maria Franzoni diventata parente della moglie di Romano Prodi? -, ma quello che è cambiato è la velocità e la profondità con cui questi «fattoidi» si propagano, come un incendio in un giorno di forte vento.

In attesa che i social network ci mettano una pezza - anche se l'idea di un algoritmo che decide cosa è vero e cosa è falso forse è ancora più preoccupante delle diffusione di notizie false -, anche noi, come utenti, dovremmo essere più prudenti. E dovremmo condividere un articolo almeno dopo averne lette le prime righe. Cosa che, secondo le ricerche, non facciamo mai.

pferrandi@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    11 Dicembre @ 11.41

    Questa è la ragione per cui io imperverso su questo "sito", ma non sono iscritto a nessun "social network". Ho provato a fare un "account", ma, visto l'aria che tirava, l'ho revocato in dieci minuti.Consiglio a tutti i lettori di fare altrettanto, pur sapendo che è un invito destinato a cadere nel vuoto. Adesso l'"entourage" della Clinton va dicendo che Trump ha vinto grazie all'aiuto di "hackers" russi. La verità è che la maggior parte degli Americani non la voleva come Presidente. Comunque, sempre per via della pagliuzza nell'occhio altrui e della trave nel proprio, molte notizie false, o, quantomeno, sostanzialmente irrilevanti, diventano un'epidemia anche grazie ai Giornalisti.

    Rispondi

    • 11 Dicembre @ 16.32

      (dalla redazione) due precisazioni: 1) a parlare dell'intervento di hacker russi non è lo staff della Clinton: si tratta di una valutazione della Cia. 2) La Clinton in effetti ha vinto il voto popolare (per più di due milioni di voti, ma potrebbero essere qualcuno di più o di meno, visto che il conteggio non è ancora finito). Solo che ha perso - e male - il voto nel collegio elettorale, cioè ha vinto molto dove era già forte (come in California e nello stato di New York) e ha perso di poco dove doveva vincere (Florida, Illinois, Pennsylvania e Michigan). Dato che i seggi del collegio elettorale, che sono quelli che designano il presidente, si assegnano con il criterio "first past the post", cioè "il primo vince tutto"), Trump è presidente. Ma non è il candidato più votato.

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

44commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro