-3°

Reportage

Massese, la strada della paura

Massese, la strada della paura
Ricevi gratis le news
5

Due settimane dopo la tragedia che ha visto il 17enne Filippo Ricotti morire investito da un'auto sulla Massese fra Torrechiara e Cascinapiano, la «Gazzetta» è tornata sul posto, alla stessa ora della mattina, per verificare sul campo i pericoli che corre chi è costretto ad avventurarsi a piedi lungo quel tratto di strada. E ne è uscito un quadro sconfortante, fra auto che sfrecciano a velocità folli e zero sicurezza per i pedoni.

Francesco Bandini

Stesso luogo, la strada Massese fra Torrechiara e Cascinapiano; stessa ora, intorno alle 7 di mattina. Stesso freddo che entra nelle ossa, stesso buio pesto che ti fa sentire fuori dal mondo anche se sei nel cuore dell’evoluta e gaudente food valley e a pochi minuti di auto dalla città. Stesse macchine che ti sfrecciano a pochi centimetri, stessi occhi sgranati nell’attraversare con la maggior prudenza possibile una strada che è, a tutti gli effetti, una pista da Formula 1. Soprattutto, stessa sensazione di impotenza di fronte a chi guida infischiandosene delle regole, ma anche di fronte alle istituzioni che da anni sanno di questa situazione eppure permettono che tutto resti cristallizzato e immutabile, sempre in attesa della disgrazia successiva.

Una manciata di giorni dopo la tragedia che ha spento la vita di Filippo Ricotti, un ragazzo di 17 anni che stava andando a prendere l’autobus per recarsi a scuola, la «Gazzetta» è voluta tornare sul luogo dove esattamente due settimane fa, all’alba di un martedì come tanti altri, tutto è accaduto nel volgere di pochi istanti: per capire qual è l’esatto contesto in cui tutto è successo, per documentare quello che chi passa distrattamente in auto non può cogliere. E la prima parola che viene in mente è una sola: paura. La paura di fare un gesto normale come quello di uscire di casa per andare a prendere l’autobus, di camminare lungo una strada, di attraversarla. Forse la stessa paura che fa sì che alla fermata di Filippo non ci sia nessuno ad aspettare i mezzi pubblici. Inutile attendere che arrivi qualcuno: dalle abitazioni lungo la salita dove c'è anche la casa del 17enne e dalle altre abitazioni nei paraggi si vede di tanto in tanto sgusciare un’auto, ma nessuno si avventura a piedi verso quella fermata: forse che i genitori preferiscono portare i figli in città con la macchina anziché lasciare che si avventurino sulla strada della morte? Chissà, magari è proprio così. Oppure è solo una coincidenza.

Ciò che invece non è una coincidenza è la velocità impressionante della maggior parte dei veicoli che percorrono quel tratto di Massese. Praticamente tutti oltre il limite, molti ampiamente oltre il limite, non pochi spudoratamente oltre il limite. Un limite che poi, nel medesimo tratto, è di 50 chilometri orari per chi viene da Parma e di 70 chilometri orari per chi viene da Langhirano. Schizofrenia della segnaletica stradale. Ad ogni modo, 50 o 70 che siano, dei cartelli se ne fregano tutti, ma proprio tutti. Tanto che, se arrivando in auto da Parma ti azzardi a osservare scrupolosamente i 50, lo fai a tuo rischio e pericolo, dovendo fare i conti con automobilisti spazientiti che o ti stanno attaccati, oppure, appena possono, ti sorpassano con manovre nervose e repentine, senza farsi troppi scrupoli se oltrepassano la linea continua o se la visibilità nella semicurva è ridotta.

Ma è camminando sul ciglio della strada, ripercorrendo il percorso fatto da Filippo mille volte prima di quel martedì nero, che capisci cosa deve affrontare chi ogni giorno è costretto a passare di lì perché non ha la macchina e deve comunque andare a scuola o al lavoro. Innanzitutto, il buio. Questa è la cosa che fa più paura. In inverno intorno alle 7 è ancora notte e l’unico lampione è quello al bivio per Casatico. Tutto intorno è il nulla, illuminazione pubblica zero. Solo nei pressi della fermata della Tep in direzione di Parma un paio di lampioncini sul cancello di una casa privata regalano un fioco chiarore a chi è fermo in attesa dell’autobus. Ma per arrivare lì non ci sono alternative: devi camminare nell'oscurità più completa lungo la Massese, dove non c’è marciapiede ma solo una banchina sterrata. A farti luce ci sono unicamente i fari delle macchine che ti sfrecciano a pochi centimetri, in alcuni casi a velocità imbarazzanti, così folli che anche senza un autovelox a portata di mano si possono tranquillamente stimare intorno ai cento chilometri orari.

Attraversare la strada per raggiungere la fermata è a dir poco un azzardo. Dalla parte di Parma le auto si materializzano da una leggera discesa, leggera ma abbastanza insidiosa da far sì che le si possa vedere solo all’ultimo momento; dalla parte di Langhirano a tradire è la semicurva, che anche in questo caso obbliga a drizzare le orecchie più che ad aguzzare la vista, visto che spesso ti accorgi che sta arrivando un veicolo perché ne senti il rumore prima ancora di vederlo con i tuoi occhi. E così capita che – sempre nel buio più totale – debbano passare anche diversi minuti prima di poter attraversare la strada in sicurezza. Alla fine, fra mille attenzioni, ci si butta su quel nastro d’asfalto e si approda dall’altra parte, dove ad attenderti c’è una pensilina sgangherata.

Nei minuti che seguono le 7 di mattina sono diverse le corriere che passano: un autista che ci scorge ci lampeggia per capire se vogliamo che si fermi; un altro accenna a rallentare, ma quando vede che non siamo interessati prosegue; un altro ancora, nel dubbio, si ferma comunque anche se non sarebbe tenuto, per poi ripartire quando capisce che non dobbiamo salire. Quest’ultimo autobus è il 12, quello che avrebbe dovuto prendere anche Filippo quel martedì: si ferma, apre una porta, ma nessuno sale. E riparte: oggi senza Filippo; domani, forse, senza qualcun altro.

LE TESTIMONIANZE

Nell’oscurità una piccola luce avanza tremolante e temeraria lungo la Massese: è il faretto frontale che un podista si è piazzato in fronte per illuminare i suoi passi e, soprattutto, per farsi vedere dalle auto. Marco sfida la sorte ogni mattina percorrendo di corsa il tratto di strada verso Torrechiara. «Qui senza pila sei morto», sentenzia, alludendo alle auto che gli fanno il pelo e precisando che il pericolo «non è solo quando fa buio: qui è sempre così». E aggiunge: «Anch’io ho dei ragazzi che prendono l’autobus a un passo dalle auto: troppo pericolo».

Poco più in là, alla fermata del bus di Cascinapiano in direzione Parma, Cristian aspetta l’autobus in precario equilibrio su una banchina inesistente, letteralmente sul ciglio della strada. «Vengo giusto due minuti prima che passi il bus, per stare qui il meno possibile. La gente corre veramente troppo: ho sempre sperato che mettessero un autovelox, perché qui scambiano la strada per un circuito». Filippo lo conosceva bene: «Eravamo compagni di squadra. Quello che gli è successo è una cosa veramente ingiusta, che si poteva perfettamente evitare. Tutti sapevano del pericolo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    31 Gennaio @ 14.36

    brundofrancesco@libero.it

    Quanta ipocrisia da parte dell'amminstrazione Comunale, piazza i vigili a controllare la velocità sul rettilineo di circonvallazione che va verso Pastorello, a 150 metri dopo l'autovelox arancione li posizionato, a controllare se uno commette infrazioni e NON si accorge che a Cascinapiano, dove è morto il povero Filippo che proveniendo da Langhirano verso Parma c'è il cartello dei 70 km, mentre nello stesso stato tratto, da Parma verso Langhirano il limite di velocità è di 50 km all'ora. Ogni cartello di divieto dovrebbe posizionato ogni 150 metri e trovo che gran parti delle amministrazioni omettono questo importante dettaglio, pur di multare i malcapitati, l'imbecillità delle istituzioni non ha mai fine.

    Rispondi

    • ab9pr

      31 Gennaio @ 17.13

      alberto_bianco@alice.it

      Il motivo per cui da Parma verso Langhirano ci sono i 50 kmh è perche poco dopo la fermata dell'autobus c'è un intersezione (bivio in salita per vidiana, casatico ... ). Nello stesso tratto in senso opposto invece ci sono i 70kmh perchè la strada è dritta e non ci sono strade laterali che interferiscono. Il codice della strada in tal senso parla chiaro.

      Rispondi

      • Francesco

        31 Gennaio @ 18.08

        brundofrancesco@libero.it

        Allora che non si superi i 40 km all'ora! se tutti sanno che è pericoloso ci mettano dei dossi artificiali.

        Rispondi

        • ab9pr

          01 Febbraio @ 08.41

          alberto_bianco@alice.it

          Posso essere d'accordo con te ma è un altro paio di maniche

          Rispondi

  • SALLY ANNE

    31 Gennaio @ 13.52

    E consideri che al mattino già alle 7.08 c'è più luce di due settimane fa!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento