19°

Terremoto

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie

Due parmigiane in missione per salvare l'arte dalle macerie
Ricevi gratis le news
0

Anche la Soprintendenza di Parma e Piacenza ha risposto all'appello delle regioni colpite dal terremoto. Ecco il racconto in diretta di Annarita Ziveri e Ines Agostinelli, che si trovano nelle Marche. «Una situazione inimmaginabile: le chiese sono tutte inagibili, la neve ha fatto ancora più danni delle scosse e le persone sono stremate. Orgogliose di essere qui a provare a recuperare opere d'arte e pezzi di storia».

Chiara Cacciani

L'appello era arrivato già a inizio settembre, dopo la prima zampata del «mostro». Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo e il loro patrimonio storico-artistico da censire e provare a salvare.

Si cercava la collaborazione di un ampio numero di professioni: restauratori, tecnici, autisti, amministrativi. E l'adesione è stata amplissima.

«Anche la Soprintendenza di Parma e Piacenza, ha detto sì: disponibilità a mandarci in tutte le regioni interessate salvo l'Abruzzo, ma solo perché più distante». Ines Agostinelli e Annarita Ziveri lo raccontano al telefono da Camerino, alla metà esatta della loro esperienza: partite il 12 febbraio, rientreranno a Parma il 5 marzo. Funzionario restauratore l'una, assistente tecnico l'altra, non sono nuove alle missioni in emergenza per conto della «nostra» Soprintendenza.

«Ma molto di ciò che abbiamo visto non ce l'aspettavamo. La quantità di neve caduta, ad esempio: inimmaginabile. E che avesse fatto ancora più danni delle scosse». E poi lo stremo morale delle popolazioni terremotate: «Da stringere il cuore». Come quella donna incontrata pochi giorni prima nell'Ascolano mentre piangeva sulle macerie della sua casa. «Ci ha raccontato che lì aveva investito tutti i soldi messi da parte, per trasferircisi in vecchiaia...».

La prima chiamata, in realtà, risale a circa un mese fa: dal Lazio, per il recupero tra le macerie di pezzi di affresco ed opere d'arte in vista di un futuro restauro. Poi ci ha pensato proprio la neve a fermare tutto, partenze comprese. «Ma subito dopo è arrivata la richiesta dalle Marche: c'era necessità di esperti per i sopralluoghi nelle chiese sparse su tutto il territorio. In team con gli strutturisti incaricati di verificarne l'agibilità, il nostro compito è andare in ricognizione e segnalare i beni d'arte che vanno spostati, che hanno bisogno di essere protetti con coperture o messi in sicurezza», spiegano.

Per capire la vastità del patrimonio presente e la ricchezza culturale a rischio, basta un dato. Anzi due: a fronte di 2500 richieste di sopralluogo, ogni settimana - e solo per i rilevamenti - nelle Marche sono attive 12 squadre inviate dal ministero per i Beni artistici, culturali e turistici.

La prima settimana delle due parmigiane è trascorsa nella zona di Ascoli Piceno, punteggiata di chiesette isolate, costruite spesso su cime di monti e a servire paesi di poche anime. «Oggi sono tutte inagibili e gli abitanti, ce l'hanno raccontato loro stessi, non hanno nemmeno più il conforto di ritrovarsi per partecipare alla messa». Difficili anche le condizioni di lavoro. «Per colpa della neve, alberi e rami sono caduti ed hanno reso difficilmente percorribili le strade: se ce l'avessero detto - ironizza, ma neanche troppo, Ziveri - ci saremmo portate dietro anche un machete. E' una situazione inimmaginabile: un conto è vederla in tivù, un conto è viverla».

Il tono è di sgomento: «Ci siamo trovate a sprofondare nella neve fin oltre il ginocchio, o in mezzo a distese di fango create dal suo scioglimento, al cospetto di case sbriciolate e altre che hanno retto il terremoto ma non il peso della nevicata..».

Citano «quel convento di clausura di 1400 metri quadrati, dove oggi 9 suore, di cui due gravemente malate, sono costrette a vivere strette in uno scantinato per i danni alla struttura e per le esigenze di una eventuale evacuazione».

O Vitavello, ad esempio, dove il nucleo antico del paese era già stato inghiottito anni da una frana e il paese ricostruito più in basso. «Restava una chiesetta, quella di San Michele Arcangelo, con bellissimi affreschi del 1500 su una parete di fondo. Uno era stato appena restaurato e per gli altri c'era già un progetto di Italia Nostra. Abbiamo verificato che piove dal tetto, e abbiamo segnalato la necessità di proteggerli». E poi chissà.

«Solo il nostro mestiere può mettere mano a situazioni del genere - continuano con convinzione -. Si tratta di costruzioni isolate e spesso lontane dal turismo: in assenza di tornaconto economico, non le restaurerebbe nessuno. Ma restano un pezzo di storia, della storia del nostro Paese, solo lo Stato può salvarle. E noi siamo orgogliose di fare parte di questo Ministero che, con pochi fondi, fa tutto questo e mette a disposizione la professionalità di persone appassionate». «E' uno sforzo grande, soprattutto coi pochi mezzi che abbiamo - ribadisce Agostinelli -. Ma è prezioso».

Se ne sono rese conto ancora di più iniziando la seconda settimana di missione in una delle zone più colpite dal sisma, tra Camerino e Castelsantangelo sul Nera. Raccontano di paesi fantasma, vivi solo dei movimenti delle forze dell'ordine e di tanti, tanti vigili del fuoco. «Se non ci sono state vittime, lo sa?, è perché molte sono seconde case. Se ne sono tutti scappati via prima della seconda scossa». Quella micidiale.

«Ogni mattina raggiungiamo Visso, la “porta” della zona rossa. E' un punto presidiato, e solo dopo aver dimostrato perché siamo lì possiamo raggiungere Castelsantangelo e unirci alla squadra dei vigili del fuoco che ci accompagna nei sopralluoghi alle chiese. Sono tutte inagibili, c'è il rischio di crolli, spesso le mura sono cadute sulle strade e bisogna scavalcarle per raggiungere le nostre mete. Alcune possono essere salvate, una invece non c'è: è solo un cumulo di sassi avvolti da un telo verde. Ma noi abbiamo chiesto di proteggere anche i resti: perché gli affreschi - volendolo - si potranno recuperare».

Un futuro incerto, quello delle opere d'arte. L'incognita sono ovviamente i soldi - tanti - che serviranno per i restauri. «Noi intanto restiamo a disposizione: torneremo a Parma, ma poi siamo pronte a rifare le valigie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Il CineFilo per domenica 22 ottobre - La battaglia dei sessi - Nico 1988 - It - Blade runner 2049 -

IL CINEFILO

It, il nuovo Blade Runner, La battaglia dei sessi: i film della settimana

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

12commenti

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

CALCIO

Domani si gioca Foggia-Parma, oggi le visite per Ceravolo Video

E' già tempo di nuove sfide per i crociati

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

36commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

IL CASO

Albero travolge un taxi e due auto in centro a Roma: un ferito Foto

SPORT

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

"Parcheggio inadeguato in via Jacchia"

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro