19°

Lega Pro

Parma, una crisi da chiudere in fretta

Le pagelle di Parma-Fano

Parma, una crisi da chiudere in fretta
1

Un calcio di rigore costa ai Crociati la sconfitta con il Fano e il secondo posto, ora appannaggio del Padova che ha vinto a Modena. E il diesse Faggiano chiede scusa alla città

La prima sconfitta della gestione D'Aversa brucia fortissimo sulla pelle del Parma e dei suoi tifosi. E apre ufficialmente una crisi (di risultati se non di gioco): due punti in tre partite, per giunta contro avversari tutt'altro che trascendentali come Forlì, Mantova e Fano, sono un bottino irrisorio rispetto al recente passato. E, soprattutto, fanno sì che il Parma si veda adesso costretto a rincorrere anche il secondo posto.

Il Padova non ha solo due punti in più in classifica, ma anche il doppio vantaggio di poter giocare in casa lo scontro diretto (in programma mercoledì 5 aprile alle 20,30) e di aver già vinto quello di andata.

Il Venezia, che giocherà stasera a Bassano, è a questo punto imprendibile. Solo un imprevedibile crollo verticale degli arancioneroverdi potrebbe cambiare le cose. Ma al Parma conviene guardare in faccia la realtà, piuttosto che sperare nei miracoli.

E la realtà dice che da ora in avanti si dovrà giocare per il secondo posto, così da evitare almeno il primo turno dei play-off. Ma dice anche che la squadra in questo momento non ha più quella brillantezza e quella lucidità di pensiero che ha avuto nei primi due mesi e mezzo dell'anno. E' già da qualche settimana che la manovra è involuta e che le occasioni da rete faticano ad arrivare. Ieri, per la verità, ne sono state create a bizzeffe, ma stavolta sono stati gli attaccanti a sbagliarle.

Il Parma sta pagando una preparazione completamente sballata in estate e forzatamente ripresa durante la sosta invernale, nonché i tanti, troppi infortuni che hanno costretto alcuni giocatori agli straordinari ed altri a “stop and go” controproducenti. Ma non tutto è perduto. L'importante è riprendersi in fretta, in tempo per la volata finale. E poi giocarsi il tutto per tutto ai play-off.

LE PAGELLE


PARMA

BASSI Ha toccato un solo pallone in tutta la partita, ma non per colpa sua: il Fano ha fatto un tiro in porta a tempo scaduto. Tutto qui.

MAZZOCCHI 5 Visto che non c'è da difendere potrebbe sganciarsi in avanti ma passa il primo tempo a pestarsi i piedi con Scaglia e nel secondo fa poco di più.

IL MIGLIORE

IACOPONI 6,5 Il migliore dei crociati. Gioca centrale e lo fa nel migliore dei modi. Inappuntabile.

LUCARELLI 6 Nessun problema contro avversari inesistenti.

NUNZELLA 4 Regala la partita al Fano con un fallo stupido e inutile. E per il resto non ne azzecca una. D'Aversa gli risparmia la ripresa.

CALAIO' 5 Rientra ma non salva il Parma. Anzi, si divora due occasioni colossali. Non sembrava lui.

GIORGINO 6 Più cuore che testa. Corre molto ma non sempre con profitto. Generoso e poco più. Sufficienza stiracchiata.

CORAPI SV

SCOZZARELLA 6 Da un giocatore bravo come lui pretendiamo molto, ma molto di più. Soprattutto quando la squadra è in difficoltà.

SCAVONE 6 Rientra dalla lunga assenza e si vede che non è al cento per cento. Però fa vedere alcune cose interessanti e sfiora il gol.

EDERA 5 Una ventina di minuti da “Chi l'ha visto?”. Ma non ce la si può prendere con lui. Evidentemente se Inzaghi lo ha lasciato andare un motivo ci sarà pur stato.

SCAGLIA 5 Nel primo tempo, come attaccante esterno, non ne combina una giusta e non si intende mai con Mazzocchi. Nella ripresa fa il difensore sull'altra fascia ma non funziona nemmeno la catena con Baraye.

NOCCIOLINI 5 Ieri sembrava un altro giocatore rispetto al bomber implacabile che conosciamo. L'errore del primo tempo resterà nella storia del Parma come quello di Ruopolo. Da quella posizione per tirarla sopra la traversa ha battuto anche le leggi della fisica. Un passaggio a vuoto dopo tante ottime partite glielo perdoniamo.

BARAYE 6 Corre, lotta, tira, serve assist. Ma gli manca sempre un pizzico di precisione. I suoi errori, rispetto a quelli di Nocciolini e Calaiò, sono però del tutto veniali.

D'AVERSA 5,5 Il Parma ha creato più palle da gol ieri che nelle ultime tre partite messe insieme, e questo è positivo. Ma ha anche commesso degli errori clamorosi e non solo nell'ultimo tocco, e questo invece non è per nulla positivo. Ieri sicuramente alla squadra è mancata lucidità e in generale sta attraversando un periodo difficile nel quale stenta a ritrovarsi. Ora dovrà metterci del suo per farle riprendere serenità in vista di un lunghissimo e difficilissimo finale.


FANO

MENEGATTI 7

LANINI 6,5

ZIGROSSI 6,5

ZULLO 6

TAINO 6,5

GUALDI 6

BELLEMO 6,5

SCHIAVINI 6

FILIPPINI 6,5

BORRELLI 6,5

FIORETTI 6,5

CAZZOLA

MELANDRI 6

MASINI

ALL.CUTTONE 6

L'ARBITRO

MASTRODONATO 5

"Un rigore cancella i sogni del Parma"

Paolo Emilio Pacciani

Il Parma in un colpo solo dice addio al sogno di vincere il girone e perde anche il secondo posto visto che il Padova vince a Modena e lo scavalca. Quella che nelle intenzioni dei crociati avrebbe dovuto essere la partita del rilancio, dopo i pareggi con Forlì e Mantova, è finita con un naufragio inatteso e dalle conseguenze pesantissime. Il Fano, terzultimo in classifica, torna nelle Marche con tre punti guadagnati senza aver mai tirato in porta ma sfruttando una colossale ingenuità (chiamiamola così, per non infierire) di Nunzella che è costata il rigore che ha deciso la partita. Di rigori, a sua volta, il Parma ne ha chiesti almeno tre, e per lo meno uno è sembrato a tutti inequivocabile, ma Mastrodonato non è mai stato di questo avviso. Alle decisioni dell'arbitro si sono poi aggiunti gli errori al tiro, anche questi al limite dell'assurdo, di Nocciolini e Calaiò che hanno negato al Parma per lo meno il pareggio.

Formazione a sorpresa

Due le sorprese che D'Aversa riserva alla formazione iniziale e si tratta di due esclusioni eccellenti. La prima è quella di Calaiò, che il giudice sportivo aveva “graziato” ma le cui condizioni fisiche non sono eccellenti e che in settimana si era allenato poco. La seconda è quella di Di Cesare ed è squisitamente tecnica. Entrambi si accomodano in panchina e quindi tocca a Iacoponi fare il difensore centrale al fianco di Lucarelli con Mazzocchi e Nunzella sulle fasce, mentre in attacco la punta avanzata è Nocciolini.

La partenza dei crociati è in stile diesel, con un ritmo molto compassato. Di conseguenza il Fano ha buon gioco a chiudere gli spazi e a tenere lontani gli attaccanti dall'area granata. La partita si scalda così solo al 21', quando su corner dalla destra Giorgino viene tirato giù in area. Il Parma chiede veementemente il rigore ma l'arbitro non è d'accordo. Sull'azione successiva Baraye entra in area e tira in diagonale con palla di poco oltre il secondo palo.

Tre minuti dopo è ancora Baraye a farsi pericolosissimo: doppio dribbling e tiro sul primo palo con palla fuori di un nulla. Al 27' il Parma chiede un altro rigore quando Iacoponi, ancora su corner, va giù in area, ma subito dopo è sempre Baraye a far tremare Menegatti con una palla che passa davanti alla riga di porta senza trovare la deviazione. Al 29', incredibilmente, Nunzella rovina tutto: Filippini sul fondo lo salta rientrando verso il centro dell'area e il terzino crociato lo stende. Rigore inevitabile e Fioretti dal dischetto spiazza Bassi. Il Fano si trova così in vantaggio senza aver mai tirato in porta.

La reazione del Parma è confusa ma energica e prima dell'intervallo sfiora il pari per tre volte. Al 34' gran sinistro al volo di Lucarelli di poco sopra la traversa. Al 46' Nocciolini conclude dal limite dell'area di rigore e si vede deviato fuori il tiro da un difensore. Al 47', infine, lo stesso Nocciolini si divora il più incredibile dei gol: corner di Scozzarella per la testa di Iacoponi, tocco in area piccola di Scavone e palla per Nocciolini. Il numero 9 è da solo a un metro dalla porta completamente vuota ma tira sopra la traversa. Un errore forse peggiore persino di quello di Ruopolo a Messina.

Errori anche nella ripresa

Nella ripresa D'Aversa inserisce subito Calaiò al posto di un disastroso Nunzella e sposta Scaglia a fare il terzino sinistro.

Il Parma cerca da subito di alzare il ritmo ma l'azione è molto confusa e sconclusionata. Per vedere il primo tiro in porta bisogna aspettare il quarto d'ora, quando Nocciolini ci prova dall'angolo dell'area grande senza centrare i pali. Al 21' ci prova da posizione simile Mazzocchi ma l'esito è lo stesso. Il Fano sta chiusissimo nella sua tre quarti e poi cerca la ripartenza ogni volta che conquista palla. Al 27' prima vera occasione della ripresa con Baraye che serve benissimo Scavone in area piccola; la girata è a fil di palo ma Menegatti si supera e mette in angolo. Due minuti dopo altro rigore chiesto e non concesso per un atterramento in area di Calaiò. Lo stesso Calaiò però, un minuto dopo, viene messo a tu per tu con il portiere da Nocciolini ma incredibilmente gli tira addosso.

Altro errore incredibile dello stesso Calaiò al 45': stop di petto in piena area, tiro al volo e palla out. Un attimo prima Bassi tocca il primo pallone respingendo il tiro senza troppe pretese di Borrelli. In pieno recupero Nocciolini ci prova ancora, stavolta con una rovesciata, ma l'esito non cambia. Al 47' anche Scaglia va al tiro ma Menegatti dice ancora una volta di no.

Finisce così, con il Parma che lascia i punti al Fano e recrimina sugli errori. Tanto i propri quanto quelli dell'arbitro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Giorgio

    20 Marzo @ 13.45

    gioger@alice.it

    Guardando le pagelle mi pare che davvere siate stati fin troppo buoni. Nel mio commento di ieri mi sono dimenticato di parlare dei singoli perchè ero troppo arrabbiato, ma davvero non ce n'è uno da salvare: forse appena sufficiente Baraye, solo perchè almeno combatte fino in fondo e difficilmente perde la palla, oltre ad essere l'unico che ha una testa pensante e che sa come e dove buttarla in mezzo (anche se inevitabilmente anche lui ieri ha fatto qualche errore). Ma il 6 a Scozzarella e Scavone e il 5 a Scaglia mi sembrano davvero eccessivi: il mio ex professore dei italiano, il mitico Franzosi, avrebbe dato un 4 netto a tutti. Non parliamo poi di Nunzella: il 4 è eccessivo, e non solo per la partita di ieri ma per tutto quello che ha fatto vedere fino qua. Insomma, un 2 retroattivo!!!!! Non voglio dare un voto a Lucarelli, perchè lui è sempre e comunque quello che butta il cuore oltre l'ostacolo, e qualche errore ci sta: stesso discorso per Calaiò per tutto quello che ha dato alla squadra fino ad ora. Comunque il problema non sta negli errori difensivi singoli, quelli capitano in ogni partita: le famose Caninate, Di Cesare a Mantova, Nunzella ieri e in altre mille partite. Il problema è che con squadre come Forlì, Mantova, Fano, ecc. le partite vanno chiuse nel primo tempo a scanso di equivoci, e non vanno fatte "passeggiate col cagnolino nel parco del Tardini" come invece succede. Coltello fra i denti, esporre gli ammenicoli, addentare le caviglie, mangiarsi il pallone: questa è la serie C (io la chiamo ancora così ricordando i bei tempi di Perani, con Barbuti, Mariani, Davin, Murelli, Berti, Salsano, Aselli, Marocchi & Co., giocatori che magari non erano dei fuoriclasse, ma che nei 90 minuti versavano sudore e sangue)!!!!!!! Ora, a meno di improbabili ribaltoni o resurrezioni, diventerà difficile riuscire a superare anche il primo turno di play-off: io continuerà a gridare sempre FORZA CROCIATI, ma l'entusiasmo nel vedere questi spettacoli se ne va giorno per giorno.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il sabato sera al Colle: sorrisi e...bellezze

feste e giovani

Il sabato sera al Colle: sorrisi e...bellezze Gallery

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

3commenti

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Teramo-Parma

lega pro

Il Parma ha rallentato, ma ci prova: 0-0 a Teramo Foto

 Le formazioni (Video) - Segui le altre partite (Pordenone e Padova sotto)

INCIDENTE

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

politica

Primarie Pd: in Emilia alle 12 avevano votano in 100.450. Parma: le foto dai seggi

musica e cultura

A Parma l'opera scende in piazza (per riqualificare l'Oltretorrente)

L'idea di una soprano islandese

1commento

roccabianca

Ritrovato il 50enne scomparso: era al Pronto soccorso

sorbolo

Filmate le gare in scooter a mezzanotte. Il sindaco: "Ora convochiamo i genitori" Video

2commenti

elezioni

Ecco la nuova squadra di Pizzarotti

4commenti

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

l'agenda

Una domenica tra castelli, Cantamaggio e golosità on the road

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

gazzareporter

Borgo Guazzo, cronache dalla discarica.....

1commento

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

2commenti

parma

Primarie del Pd: istruzioni per poter votare

Dalle 8 alle 20

1commento

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Lutto

Addio a Corradi, il «biciclettaio» di via D'Azeglio

controlli

Autovelox e autodetector: la "mappa" della settimana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Perché ci sono sempre meno preti

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

3commenti

ITALIA/MONDO

BOLZANO

Alpinismo: Ueli Steck muore sull'Everest

Economia

Chiusa un'impresa su due nei primi 5 anni Video

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

formula 1

Gp di Russia: vince la Mercedes (di Bottas.) Le due Ferrari sul podio

wembley

Boxe, Joshua sul tetto del mondo. Klitschko ko

MOTORI

Economia

E' Fiesta l'auto piu' venduta d'Europa Video

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento