-1°

PEDOFILIA

Il prof non risponde al giudice e resta ai domiciliari

Per il gip non c'è rischio di reiterazione del reato

Il prof non risponde al giudice e resta ai domiciliari
Ricevi gratis le news
11

Resta ai domiciliari l'istruttore di educazione motoria arrestato giovedì scorso con l'accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina di 8 anni. Ieri, durante l'interrogatorio di garanzia davanti al gip, M.S., 29 anni, parmigiano, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Agli arresti in casa, anche se per la procura sarebbe dovuto finire dietro le sbarre: il pm aveva chiesto il carcere per il giovane insegnante, ma il giudice ha ritenuto «sufficienti» i domiciliari per scongiurare il rischio di reiterazione del reato.

Georgia Azzali

Il tempo di sussurrare nome e cognome, poi se ne è andato. Davanti al giudice per le indagini preliminari ha scelto il silenzio, l'istruttore di educazione motoria arrestato giovedì scorso con l'accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina di 8 anni. Una scelta difensiva dettata dalla necessità di valutare le carte, approfondire quella pesante accusa messa nero su bianco. M.S., 29 anni, parmigiano, resterà ai domiciliari, ma d'altra parte nessuna richiesta di revoca o sostituzione della misura cautelare è stata presentata dal legale al gip Alessandro Conti.

Agli arresti nella casa di famiglia e lontano dalla scuola elementare di un paese della provincia con cui collaborava da gennaio, anche se per la procura sarebbe dovuto finire dietro le sbarre: il pm Andrea Bianchi, che ha coordinato l'inchiesta portata avanti dai carabinieri, aveva chiesto il carcere per il giovane insegnante. Da parte sua, il gip - pur ritenendo fondato il quadro accusatorio - ha ritenuto invece «sufficienti» i domiciliari per scongiurare il rischio di reiterazione del reato. All'istruttore è stato sequestrato anche il pc trovato in casa, ma ci vorrà tempo prima di poter passare al setaccio file, dati e immagini memorizzati.

Massaggiatore e preparatore atletico, M.S., oltre ad avere un rapporto di collaborazione con la scuola, lavorava da tempo all'interno di un'associazione sportiva. Una famiglia rispettabile alle spalle, una fedina penale immacolata e mai un sospetto su di lui. Eppure, negli ultimi mesi avrebbe serbato quel segreto turpe. L'ossessione per quella bambina, incontrata a scuola, e a cui avrebbe dovuto insegnare solo ginnastica. Invece, le attenzioni sarebbero diventate morbose: carezze e palpeggiamenti nelle parti intime.

All'inizio atteggiamenti - forse - difficili da interpretare per una bimba di 8 anni. Più facile - e naturale - pensare che chi hai davanti è un insegnante gentile e affettuoso. Finché un giorno quello stesso professore ti convince a seguirlo nel bagno della scuola. E una volta dentro, ti fa spogliare e ti tocca. Nessuna fantasia: la bambina ha messo insieme i tasselli di quegli attimi di squallore durante un'audizione protetta davanti agli inquirenti. E il suo racconto non avrebbe ombre.

Credibile. Nonostante il trauma. Nonostante i suoi 8 anni. Lei che ha riferito di quei minuti in bagno e del saluto dell'insegnante: «Vai avanti, ti raggiungo», le avrebbe detto, invitandola a uscire mentre lui è rimasto qualche istante da solo nella toilette. Poi, le avrebbe anche donato un cioccolatino, chiedendole di non parlare con nessuno di quello che era successo.

Ma lei capisce. Forse ha paura, eppure sente il bisogno di confidarsi con una delle amiche di scuola. Parlotta con l'altra bimba: le due si appartano e forse confabulano guardinghe. Fatto sta che quella conversazione non passa inosservata. Una delle maestre intuisce che bisogna agire, verificare, seppure con tutta la delicatezza possibile.

Dalla scuola parte la segnalazione alla famiglia. Che sceglie immediatamente di denunciare. E l'indagine parte a raffica: vengono raccolte alcune testimonianze, ma poi è lei - la piccola - a doversi dimostrare «grande». Racconta ciò che ha vissuto e provato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • atipofachiro

    22 Marzo @ 10.31

    Castrazione chimica obbligatoria. E basta discussioni

    Rispondi

  • Massimiliano

    21 Marzo @ 22.02

    La legge, in mancanza di elementi che facciano pensare al pericolo di fuga o reiterazione del reato, PURTROPPO PARLA CHIARO....

    Rispondi

  • Indiana

    21 Marzo @ 17.23

    Indiana

    Vorrei vedere in faccia questo "giudice" e sapere se avrebbe messo in casa anziché in galera il molestatore della SUA bambina! Lo sapevo che il mostro avrebbe evitato la meritata gabbia,con la sub giustizia che abbiamo. Vergogna!!!! Guai a chi fa del male ai bambini!

    Rispondi

    • 21 Marzo @ 17.29

      (dalla redazione) Tenga presente che si tratta di una misura cautelare. Il presunto molestatore è finora solo indagato, non essendo nemmeno rinviato a giudizio.

      Rispondi

  • fabiopaio

    21 Marzo @ 15.23

    Berta ha detto tutto...la penso esattamente come lei

    Rispondi

  • Biffo

    21 Marzo @ 11.20

    Per favore, essendo io prof di Lettere per 38 anni, non si potrebbe evitare di chiamarlo "Prof", 'sto miserando?

    Rispondi

    • Enzo

      21 Marzo @ 12.27

      ti piacerebbe chiamarlo don... ma purtroppo stavolta ti è andata male!

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5