22°

34°

PEDOFILIA

Il prof non risponde al giudice e resta ai domiciliari

Per il gip non c'è rischio di reiterazione del reato

Il prof non risponde al giudice e resta ai domiciliari
11

Resta ai domiciliari l'istruttore di educazione motoria arrestato giovedì scorso con l'accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina di 8 anni. Ieri, durante l'interrogatorio di garanzia davanti al gip, M.S., 29 anni, parmigiano, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Agli arresti in casa, anche se per la procura sarebbe dovuto finire dietro le sbarre: il pm aveva chiesto il carcere per il giovane insegnante, ma il giudice ha ritenuto «sufficienti» i domiciliari per scongiurare il rischio di reiterazione del reato.

Georgia Azzali

Il tempo di sussurrare nome e cognome, poi se ne è andato. Davanti al giudice per le indagini preliminari ha scelto il silenzio, l'istruttore di educazione motoria arrestato giovedì scorso con l'accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina di 8 anni. Una scelta difensiva dettata dalla necessità di valutare le carte, approfondire quella pesante accusa messa nero su bianco. M.S., 29 anni, parmigiano, resterà ai domiciliari, ma d'altra parte nessuna richiesta di revoca o sostituzione della misura cautelare è stata presentata dal legale al gip Alessandro Conti.

Agli arresti nella casa di famiglia e lontano dalla scuola elementare di un paese della provincia con cui collaborava da gennaio, anche se per la procura sarebbe dovuto finire dietro le sbarre: il pm Andrea Bianchi, che ha coordinato l'inchiesta portata avanti dai carabinieri, aveva chiesto il carcere per il giovane insegnante. Da parte sua, il gip - pur ritenendo fondato il quadro accusatorio - ha ritenuto invece «sufficienti» i domiciliari per scongiurare il rischio di reiterazione del reato. All'istruttore è stato sequestrato anche il pc trovato in casa, ma ci vorrà tempo prima di poter passare al setaccio file, dati e immagini memorizzati.

Massaggiatore e preparatore atletico, M.S., oltre ad avere un rapporto di collaborazione con la scuola, lavorava da tempo all'interno di un'associazione sportiva. Una famiglia rispettabile alle spalle, una fedina penale immacolata e mai un sospetto su di lui. Eppure, negli ultimi mesi avrebbe serbato quel segreto turpe. L'ossessione per quella bambina, incontrata a scuola, e a cui avrebbe dovuto insegnare solo ginnastica. Invece, le attenzioni sarebbero diventate morbose: carezze e palpeggiamenti nelle parti intime.

All'inizio atteggiamenti - forse - difficili da interpretare per una bimba di 8 anni. Più facile - e naturale - pensare che chi hai davanti è un insegnante gentile e affettuoso. Finché un giorno quello stesso professore ti convince a seguirlo nel bagno della scuola. E una volta dentro, ti fa spogliare e ti tocca. Nessuna fantasia: la bambina ha messo insieme i tasselli di quegli attimi di squallore durante un'audizione protetta davanti agli inquirenti. E il suo racconto non avrebbe ombre.

Credibile. Nonostante il trauma. Nonostante i suoi 8 anni. Lei che ha riferito di quei minuti in bagno e del saluto dell'insegnante: «Vai avanti, ti raggiungo», le avrebbe detto, invitandola a uscire mentre lui è rimasto qualche istante da solo nella toilette. Poi, le avrebbe anche donato un cioccolatino, chiedendole di non parlare con nessuno di quello che era successo.

Ma lei capisce. Forse ha paura, eppure sente il bisogno di confidarsi con una delle amiche di scuola. Parlotta con l'altra bimba: le due si appartano e forse confabulano guardinghe. Fatto sta che quella conversazione non passa inosservata. Una delle maestre intuisce che bisogna agire, verificare, seppure con tutta la delicatezza possibile.

Dalla scuola parte la segnalazione alla famiglia. Che sceglie immediatamente di denunciare. E l'indagine parte a raffica: vengono raccolte alcune testimonianze, ma poi è lei - la piccola - a doversi dimostrare «grande». Racconta ciò che ha vissuto e provato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • atipofachiro

    22 Marzo @ 10.31

    Castrazione chimica obbligatoria. E basta discussioni

    Rispondi

  • Massimiliano

    21 Marzo @ 22.02

    La legge, in mancanza di elementi che facciano pensare al pericolo di fuga o reiterazione del reato, PURTROPPO PARLA CHIARO....

    Rispondi

  • Indiana

    21 Marzo @ 17.23

    Indiana

    Vorrei vedere in faccia questo "giudice" e sapere se avrebbe messo in casa anziché in galera il molestatore della SUA bambina! Lo sapevo che il mostro avrebbe evitato la meritata gabbia,con la sub giustizia che abbiamo. Vergogna!!!! Guai a chi fa del male ai bambini!

    Rispondi

    • 21 Marzo @ 17.29

      (dalla redazione) Tenga presente che si tratta di una misura cautelare. Il presunto molestatore è finora solo indagato, non essendo nemmeno rinviato a giudizio.

      Rispondi

  • fabiopaio

    21 Marzo @ 15.23

    Berta ha detto tutto...la penso esattamente come lei

    Rispondi

  • Biffo

    21 Marzo @ 11.20

    Per favore, essendo io prof di Lettere per 38 anni, non si potrebbe evitare di chiamarlo "Prof", 'sto miserando?

    Rispondi

    • Enzo

      21 Marzo @ 12.27

      ti piacerebbe chiamarlo don... ma purtroppo stavolta ti è andata male!

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Ferrara rovente: temperatura percepita 48 gradi

Non s'attenua l'allerta caldo

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

fidenza

Catena di soccorsi e affetto salva un capriolo investito

traffico intenso

Autocisa: dopo una mattinata difficile, coda esaurita

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Ramiseto

Ciclista muore dopo una caduta nel Reggiano

Pil

Cgia: cresce il divario Nord-Sud. Nel Meridione, uno su due a rischio povertà

2commenti

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

FORMULA 1

A Baku la Mercedes torna super. Le Ferrari inseguono

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse