21°

PEDOFILIA

Il prof non risponde al giudice e resta ai domiciliari

Per il gip non c'è rischio di reiterazione del reato

Il prof non risponde al giudice e resta ai domiciliari
11

Resta ai domiciliari l'istruttore di educazione motoria arrestato giovedì scorso con l'accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina di 8 anni. Ieri, durante l'interrogatorio di garanzia davanti al gip, M.S., 29 anni, parmigiano, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Agli arresti in casa, anche se per la procura sarebbe dovuto finire dietro le sbarre: il pm aveva chiesto il carcere per il giovane insegnante, ma il giudice ha ritenuto «sufficienti» i domiciliari per scongiurare il rischio di reiterazione del reato.

Georgia Azzali

Il tempo di sussurrare nome e cognome, poi se ne è andato. Davanti al giudice per le indagini preliminari ha scelto il silenzio, l'istruttore di educazione motoria arrestato giovedì scorso con l'accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti di una bambina di 8 anni. Una scelta difensiva dettata dalla necessità di valutare le carte, approfondire quella pesante accusa messa nero su bianco. M.S., 29 anni, parmigiano, resterà ai domiciliari, ma d'altra parte nessuna richiesta di revoca o sostituzione della misura cautelare è stata presentata dal legale al gip Alessandro Conti.

Agli arresti nella casa di famiglia e lontano dalla scuola elementare di un paese della provincia con cui collaborava da gennaio, anche se per la procura sarebbe dovuto finire dietro le sbarre: il pm Andrea Bianchi, che ha coordinato l'inchiesta portata avanti dai carabinieri, aveva chiesto il carcere per il giovane insegnante. Da parte sua, il gip - pur ritenendo fondato il quadro accusatorio - ha ritenuto invece «sufficienti» i domiciliari per scongiurare il rischio di reiterazione del reato. All'istruttore è stato sequestrato anche il pc trovato in casa, ma ci vorrà tempo prima di poter passare al setaccio file, dati e immagini memorizzati.

Massaggiatore e preparatore atletico, M.S., oltre ad avere un rapporto di collaborazione con la scuola, lavorava da tempo all'interno di un'associazione sportiva. Una famiglia rispettabile alle spalle, una fedina penale immacolata e mai un sospetto su di lui. Eppure, negli ultimi mesi avrebbe serbato quel segreto turpe. L'ossessione per quella bambina, incontrata a scuola, e a cui avrebbe dovuto insegnare solo ginnastica. Invece, le attenzioni sarebbero diventate morbose: carezze e palpeggiamenti nelle parti intime.

All'inizio atteggiamenti - forse - difficili da interpretare per una bimba di 8 anni. Più facile - e naturale - pensare che chi hai davanti è un insegnante gentile e affettuoso. Finché un giorno quello stesso professore ti convince a seguirlo nel bagno della scuola. E una volta dentro, ti fa spogliare e ti tocca. Nessuna fantasia: la bambina ha messo insieme i tasselli di quegli attimi di squallore durante un'audizione protetta davanti agli inquirenti. E il suo racconto non avrebbe ombre.

Credibile. Nonostante il trauma. Nonostante i suoi 8 anni. Lei che ha riferito di quei minuti in bagno e del saluto dell'insegnante: «Vai avanti, ti raggiungo», le avrebbe detto, invitandola a uscire mentre lui è rimasto qualche istante da solo nella toilette. Poi, le avrebbe anche donato un cioccolatino, chiedendole di non parlare con nessuno di quello che era successo.

Ma lei capisce. Forse ha paura, eppure sente il bisogno di confidarsi con una delle amiche di scuola. Parlotta con l'altra bimba: le due si appartano e forse confabulano guardinghe. Fatto sta che quella conversazione non passa inosservata. Una delle maestre intuisce che bisogna agire, verificare, seppure con tutta la delicatezza possibile.

Dalla scuola parte la segnalazione alla famiglia. Che sceglie immediatamente di denunciare. E l'indagine parte a raffica: vengono raccolte alcune testimonianze, ma poi è lei - la piccola - a doversi dimostrare «grande». Racconta ciò che ha vissuto e provato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • atipofachiro

    22 Marzo @ 10.31

    Castrazione chimica obbligatoria. E basta discussioni

    Rispondi

  • Massimiliano

    21 Marzo @ 22.02

    La legge, in mancanza di elementi che facciano pensare al pericolo di fuga o reiterazione del reato, PURTROPPO PARLA CHIARO....

    Rispondi

  • Indiana

    21 Marzo @ 17.23

    Indiana

    Vorrei vedere in faccia questo "giudice" e sapere se avrebbe messo in casa anziché in galera il molestatore della SUA bambina! Lo sapevo che il mostro avrebbe evitato la meritata gabbia,con la sub giustizia che abbiamo. Vergogna!!!! Guai a chi fa del male ai bambini!

    Rispondi

    • 21 Marzo @ 17.29

      (dalla redazione) Tenga presente che si tratta di una misura cautelare. Il presunto molestatore è finora solo indagato, non essendo nemmeno rinviato a giudizio.

      Rispondi

  • fabiopaio

    21 Marzo @ 15.23

    Berta ha detto tutto...la penso esattamente come lei

    Rispondi

  • Biffo

    21 Marzo @ 11.20

    Per favore, essendo io prof di Lettere per 38 anni, non si potrebbe evitare di chiamarlo "Prof", 'sto miserando?

    Rispondi

    • Enzo

      21 Marzo @ 12.27

      ti piacerebbe chiamarlo don... ma purtroppo stavolta ti è andata male!

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram

social

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram: dominio Beyoncé e Selena Gomez 

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

36a giornata

Super Santarcangelo, Feralpi incredibile rimonta (sulla Reggiana). Foggia in B

Sprint secondo posto: domani Albinoleffe-Pordenone e Padova-Ancona (ore 20.30) e Parma-Sudtirol (ore 20.45)

eventi

Mostra del fumetto: il Wopa come...Wonderland Gallery

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

1commento

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

3commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

2commenti

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Addio a Erin Moran, "Sottiletta" Joanie di Happy Days Videoricordo

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

SPORT

tragico schianto

Incidente mortale: addio al rugbysta Andrea Balloni

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"