-2°

editoriale

Quel patto con i giovani che è stato demolito

Quel patto con i giovani che è stato demolito
Ricevi gratis le news
3

Giovani coppie, bravi ragazzi con la testa sulle spalle, perlopiù laureati. Hanno dai 25 ai 30 anni, lavorano senza certezze, a Parma, a Milano, all'estero. Pensate un po' che bizzarria: vorrebbero convivere, sposarsi e addirittura avere figli. Velleitari. Per una volta non cito le statistiche: ho fonti dirette e fresche, è tutto vero, tranne i nomi. Marco e Arianna, lui praticante commercialista (mille euro al mese) lei impiegata (1.100 euro al mese) hanno trovato una casa arredata a San Lazzaro (affitto 500 euro mensili per 60 metri quadrati) «ce la possiamo fare», dicono facendo un po' di conti; Francesca e Davide lavorano nella stessa società (reddito complessivo 2.200 euro) un mutuo da 750 euro mensili per un trilocale in centro («coraggiosi»), e un crescente timore di perdere il posto in una realtà aziendale in odore di ristrutturazione; Mattia e Daniela, lui ingegnere lei insegnante (precaria, con poche ore all'attivo) reddito sommato intorno ai 1.600 euro e un affitto di 700, spese escluse naturalmente. Hanno compiuto il grande passo, ma «al momento niente figli, non possiamo permettercelo» ammettono. Riccardo e Chiara (lui laureato in economia e lei architetto) hanno vissuto per 4 anni a Londra. Guadagni discreti, ma il gruzzolo che rimane è modesto, visti i prezzi sotto il Big Ben. Hanno deciso di tornare in Italia perché le radici sono importanti. Entrambi devono ricollocarsi e puntano su Milano, ma gli affitti sono alle stelle e gli stipendi non proprio british. E potrei continuare.. c'è chi viaggia per lavoro (Cina, Mosca, Berlino, Giappone) per poco più di mille euro al mese (un sacrificio per il curriculum) e chi fa il praticante in uno studio legale e per mantenersi serve ai tavoli la sera. Questi bravi ragazzi ce la stanno mettendo tutta, così come i loro genitori per aiutarli. Lavorano sì, ma guadagnano poco in questa società «liquida», senza punti di riferimento. Non sono figli di papà con la strada spianata, ma hanno avuto l'opportunità di studiare, di viaggiare. Sono ragazzi normali, cresciuti in famiglie normali. Sono abituati a non sprecare, hanno il senso del dovere, sono motivati, hanno sani principi. Ma i loro progetti hanno a che fare con un sistema che non è dalla loro parte. Ecco perché aborro il termine bamboccioni, specie quando è usato da esponenti della generazione responsabile di avere apparecchiato questo tipo di circostanze sfavorevoli per i più giovani. E' vero che i ragazzi italiani sentono meno dei loro coetanei di altri paesi la spinta a uscire dalla casa dei genitori, ma la prolungata dipendenza economica è frutto di un mercato del lavoro, della casa, e di un sistema di welfare, che ostacolano fortemente l'autonomia. Non è mai banale ripeterlo. Nel mondo del lavoro si entra sempre più spesso attraverso lo stage. Anzi, gli stage: il primo con funzioni formative, e forse anche il secondo e il terzo. Uno studio di Ires presentato ieri rivela che a Parma nel 2016 l'occupazione è cresciuta, ma sono calati i contratti a tempo indeterminato. Il sociologo Luciano Gallino diceva che «l'intero edificio dello stato sociale si è sempre fondato sul grande patto fra le generazioni, sulla continuità del lavoro, sulla possibilità di avere una generazione al lavoro che con i suoi contributi paga le pensioni a quelli che si sono ritirati». Questo patto è stato demolito ma, con esso, anche la continuità del lavoro. Un grave colpo all'economia e alla società, perché si sono rotti i meccanismi che legavano le generazioni. Politici, amministratori, pensate anche ai bravi ragazzi, a quella normalità che può salvare il mondo.

pginepri@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    21 Aprile @ 22.03

    Io mi permetterei di correggere un tantinello la signora Ginepri. Nel mondo del lavoro si entra non tanto con gli stages, ma con le raccomandazioni di qualche politico o di un compiacente e potente monsignore. Altrimenti, si rimane sempre fuori, al freddo, con il cappello in mano.

    Rispondi

    • 21 Aprile @ 22.09

      (dalla redazione) Troppo pessimismo. Sono tempi grami, visto che la crisi morde ancora e si crea poco lavoro, ma il mercato è molto meno opaco di quello che traspare nel suo commento.

      Rispondi

      • Alberto

        22 Aprile @ 14.24

        Forse Franco sarà troppo pessimista , però lei vede splendere il sole anche di notte.

        Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

9commenti

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

PARMA

Autovelox e autodetector: il calendario dei controlli

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

nuoto

Europei, tris d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

SOCIETA'

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5