EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga
Ricevi gratis le news
23

«La realtà di un'Italia che sta scappando di mano», era il titolo di un editoriale di Ernesto Galli della Loggia sul Corriere della Sera di pochi giorni fa. Una riflessione amara e tagliente in cui, enumerando una sfilza di situazioni di insicurezza e degrado che attanagliano la penisola da nord a sud, si dava conto di un'Italia che «è di chi se la vuol prendere», in cui «chiunque può fare quello che vuole» e dove «il governo e con lui tutti i pubblici poteri appaiono sul punto di perdere il controllo del territorio».
Fatte le debite proporzioni, verrebbe da dire che qualcosa del genere ormai lo si può dire anche di Parma. Attenzione: questo non significa che la città sia in preda all'anarchia e che si debba circolare armati fino ai denti. No di certo. Ma che la situazione stia velocemente scivolando lungo un pendio ripido e insidioso, questo sì, e lo si vede dalla velocità con cui la percezione di sicurezza e anche le reali condizioni di vivibilità sono peggiorate nell'arco di una manciata di anni.
Non più tardi di ieri, in un'inchiesta di Luca Pelagatti, la Gazzetta ancora una volta ha dovuto parlare dell'endemico fenomeno dello spaccio in viale Vittoria, dove pusher spavaldi e onnipresenti spadroneggiano giorno e notte. Tutti sanno chi sono e cosa fanno, ma sembra che porre fine a questo andazzo sia impossibile. Eppure siamo a Parma, non nella squallida periferia di Los Angeles. È quasi monotono dover ripetere l'elenco dei tanti altri punti critici della città, dal quartiere San Leonardo colonizzato anch'esso dagli spacciatori, alla zona della stazione, eletta a dimora permanente di figuri inquietanti e violenti. E via di questo passo, fino alla prostituzione lasciata libera di prosperare sulla via Emilia e alle gang di ragazzacci molesti e irrispettosi, che non si riesce a schiodare nemmeno dai gradini del monumento simbolo di Parma, il Battistero antelamico.
Vogliamo proprio lasciar correre tutto quanto, fino al punto di doverci svegliare un giorno e scoprire che abbiamo oltrepassato il punto di non ritorno? Perché è questo ciò che rischia seriamente di succedere. Un'esagerazione? Può anche darsi, ma è sempre meglio tenere alta la guardia, perché, specie in una comunità che ha raggiunto alti livelli di sviluppo e di benessere, la tentazione di adagiarsi sulle conquiste ottenute è sempre alta e particolarmente rischiosa, perché attenua la capacità di ammettere che le cose possano drasticamente – e anche rapidamente – degenerare.
Tutte le istituzioni accampano motivazioni più che valide per spiegare la difficoltà di far fronte al degrado crescente: il Comune non ha le competenze, le forze dell'ordine non hanno sufficienti uomini e mezzi, il governo non ha strumenti per arginare l'esodo di migranti... È tutto vero. L'unica possibilità sta non solo nel non sedersi, ma al contrario nel non dare tregua agli «operatori del degrado». La carta vincente non può che essere proprio questa: non dare tregua a chi pensa di far attecchire in città la radici del degrado e della malavita. Come? Tutte le sere retate, controlli a tappeto, lampeggianti e divise sulle strade: non necessariamente per arrestare, ma anche solo per disturbare, intralciare, sabotare il malaffare, finché quelli non capiranno che è meglio cambiare aria. È l'unica chance: altrimenti, se gli lasciamo pensare che accettiamo tutto, la situazione ci scapperà veramente di mano.

fbandini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianni Cesari

    26 Luglio @ 17.46

    giannicesari

    Forse un giorno ci ricorderemo che noi però siamo in maggioranza, almeno 10 a 1. Ecco, quel giorno qualcosa cambierà. Si sa, non è solo un luogo comune, il settore privato è più efficente del pubblico.

    Rispondi

  • falco

    26 Luglio @ 11.48

    "Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga" Sempre i soliti punti suli quali fare le notizie.... sesso, droga..... manca però il rock n' roll. Attenti che prima o poi si lamenteranno anche del rock n' roll.

    Rispondi

    • filippo

      26 Luglio @ 13.36

      tu cosa proponi? articoli sui gatti?

      Rispondi

  • ANONIMUS

    26 Luglio @ 11.38

    Davide hai ragione é da sempre che esistono gli spacciatori ma negli ultimi anni sono decuplicati e non si sono spostati dal parco nord o dal parco di via mantova adesso oltre ad essere nei parchi sono in tutta la città a qualsiasi ora del giorno e della notte e non hanno il minimo rispetto di niente e nessuno tanto restano impuniti.

    Rispondi

    • ab9pr

      26 Luglio @ 12.21

      alberto_bianco@alice.it

      Hai detto bene ma che la colpa sia tutta del sindaco come pensano in tanti è solo un'idiozia.

      Rispondi

  • Filippo

    26 Luglio @ 08.50

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    Il prefetto ed il questore si sono rivelati non all'altezza del loro compito di tutela dell'ordine pubblico. Possiamo noi cittadini richiedere in qualche modo la loro rimozione/sostituzione?

    Rispondi

  • filippo

    26 Luglio @ 08.19

    Ieri sera in stazione sembrava di essere a Lagos......uno girava con tante banconote da 50 in mano e tre telefonini.....chissà che lavoro fa

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Poliziotti americani presi in un "fuoco incrociato"

usa

I bambini fanno a palle di neve coi poliziotti Video

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno visto dall'elicottero dei vigili del fuoco

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

1commento

colorno

Approfittano del caos dovuto alla piena per svaligiare due case Video

solidarietà

"Chi vuole ospitare sfollati di Lentigione?": Sorbolo e Mezzani aprono uno sportello

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

3commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

1commento

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS