12°

23°

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga
Ricevi gratis le news
23

«La realtà di un'Italia che sta scappando di mano», era il titolo di un editoriale di Ernesto Galli della Loggia sul Corriere della Sera di pochi giorni fa. Una riflessione amara e tagliente in cui, enumerando una sfilza di situazioni di insicurezza e degrado che attanagliano la penisola da nord a sud, si dava conto di un'Italia che «è di chi se la vuol prendere», in cui «chiunque può fare quello che vuole» e dove «il governo e con lui tutti i pubblici poteri appaiono sul punto di perdere il controllo del territorio».
Fatte le debite proporzioni, verrebbe da dire che qualcosa del genere ormai lo si può dire anche di Parma. Attenzione: questo non significa che la città sia in preda all'anarchia e che si debba circolare armati fino ai denti. No di certo. Ma che la situazione stia velocemente scivolando lungo un pendio ripido e insidioso, questo sì, e lo si vede dalla velocità con cui la percezione di sicurezza e anche le reali condizioni di vivibilità sono peggiorate nell'arco di una manciata di anni.
Non più tardi di ieri, in un'inchiesta di Luca Pelagatti, la Gazzetta ancora una volta ha dovuto parlare dell'endemico fenomeno dello spaccio in viale Vittoria, dove pusher spavaldi e onnipresenti spadroneggiano giorno e notte. Tutti sanno chi sono e cosa fanno, ma sembra che porre fine a questo andazzo sia impossibile. Eppure siamo a Parma, non nella squallida periferia di Los Angeles. È quasi monotono dover ripetere l'elenco dei tanti altri punti critici della città, dal quartiere San Leonardo colonizzato anch'esso dagli spacciatori, alla zona della stazione, eletta a dimora permanente di figuri inquietanti e violenti. E via di questo passo, fino alla prostituzione lasciata libera di prosperare sulla via Emilia e alle gang di ragazzacci molesti e irrispettosi, che non si riesce a schiodare nemmeno dai gradini del monumento simbolo di Parma, il Battistero antelamico.
Vogliamo proprio lasciar correre tutto quanto, fino al punto di doverci svegliare un giorno e scoprire che abbiamo oltrepassato il punto di non ritorno? Perché è questo ciò che rischia seriamente di succedere. Un'esagerazione? Può anche darsi, ma è sempre meglio tenere alta la guardia, perché, specie in una comunità che ha raggiunto alti livelli di sviluppo e di benessere, la tentazione di adagiarsi sulle conquiste ottenute è sempre alta e particolarmente rischiosa, perché attenua la capacità di ammettere che le cose possano drasticamente – e anche rapidamente – degenerare.
Tutte le istituzioni accampano motivazioni più che valide per spiegare la difficoltà di far fronte al degrado crescente: il Comune non ha le competenze, le forze dell'ordine non hanno sufficienti uomini e mezzi, il governo non ha strumenti per arginare l'esodo di migranti... È tutto vero. L'unica possibilità sta non solo nel non sedersi, ma al contrario nel non dare tregua agli «operatori del degrado». La carta vincente non può che essere proprio questa: non dare tregua a chi pensa di far attecchire in città la radici del degrado e della malavita. Come? Tutte le sere retate, controlli a tappeto, lampeggianti e divise sulle strade: non necessariamente per arrestare, ma anche solo per disturbare, intralciare, sabotare il malaffare, finché quelli non capiranno che è meglio cambiare aria. È l'unica chance: altrimenti, se gli lasciamo pensare che accettiamo tutto, la situazione ci scapperà veramente di mano.

fbandini@gazzettadiparma.net

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gianni Cesari

    26 Luglio @ 17.46

    giannicesari

    Forse un giorno ci ricorderemo che noi però siamo in maggioranza, almeno 10 a 1. Ecco, quel giorno qualcosa cambierà. Si sa, non è solo un luogo comune, il settore privato è più efficente del pubblico.

    Rispondi

  • falco

    26 Luglio @ 11.48

    "Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga" Sempre i soliti punti suli quali fare le notizie.... sesso, droga..... manca però il rock n' roll. Attenti che prima o poi si lamenteranno anche del rock n' roll.

    Rispondi

    • filippo

      26 Luglio @ 13.36

      tu cosa proponi? articoli sui gatti?

      Rispondi

  • ANONIMUS

    26 Luglio @ 11.38

    Davide hai ragione é da sempre che esistono gli spacciatori ma negli ultimi anni sono decuplicati e non si sono spostati dal parco nord o dal parco di via mantova adesso oltre ad essere nei parchi sono in tutta la città a qualsiasi ora del giorno e della notte e non hanno il minimo rispetto di niente e nessuno tanto restano impuniti.

    Rispondi

    • ab9pr

      26 Luglio @ 12.21

      alberto_bianco@alice.it

      Hai detto bene ma che la colpa sia tutta del sindaco come pensano in tanti è solo un'idiozia.

      Rispondi

  • Filippo

    26 Luglio @ 08.50

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    Il prefetto ed il questore si sono rivelati non all'altezza del loro compito di tutela dell'ordine pubblico. Possiamo noi cittadini richiedere in qualche modo la loro rimozione/sostituzione?

    Rispondi

  • filippo

    26 Luglio @ 08.19

    Ieri sera in stazione sembrava di essere a Lagos......uno girava con tante banconote da 50 in mano e tre telefonini.....chissà che lavoro fa

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

AUTOVELOX

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

Lealtrenotizie

Profondo cordoglio per la morte del podista 49enne alla Parma Marathon

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Solomon incapace di intendere e di volere

1commento

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Regione

Chiusura centri vaccini di Colorno, Salso, Fidenza e Busseto, protesta FdI-An

carabinieri

Non resiste al richiamo della droga ed evade dai domiciliari: arrestato un 35enne

1commento

tg parma

E-Distrubuzione: Enel investe oltre 1,5 milioni di euro per la Bassa Est

Inaugurata a Colorno la stazione di media tensione

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: Chicco e Felice i finalisti di oggi

anagrafe

Dal 2 novembre si farà solo la carta d'identità elettronica

LA MORTE DI MORONI

«Addio Luca, con te se ne va una parte di noi»

SOLIDARIETA'

Mamme alla ricerca di una nuova vita

PERICOLO

Il Palacasalini di notte diventa inaccessibile

3commenti

Piazzale Matteotti

Le telecamere smascherano il pusher

1commento

Dramma a Enzano

Trattore si ribalta, muore Giampaolo Cugini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

1commento

ITALIA/MONDO

Catalogna

Due leader indipendentisti arrestati per sedizione

BUSTO ARSIZIO

La ventenne scomparsa si chiama Dafne Di Scipio. Aperto un fascicolo

SPORT

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SERIE B

Parma, bisogna cambiare rotta

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel